Posada, il sardo viene ammesso nelle scuole

Bilinguismu in iscola2

POSADA. Il mondo scolastico dell’alta Baronia come sempre si dimostra attento alle tematiche della lingua sarda e sempre pronto ad accogliere le novità in questo campo. Le scuole di Posada, Torpè, Brunella e Lodè hanno infatti partecipato e vinto al bando regionale “Sperimentazione, nelle scuole di ogni ordine e grado, dell’insegnamento e dell’utilizzo veicolare della lingua sarda in orario curricolare. Annualità 2013”, che permetterà di utilizzare il sardo dentro le classi, per due ore settimanali da questo mese sino al mese di maggio.

Il progetto delle scuole baroniesi, fortemente voluto dal preside Nazzario Porcu e dalla vicepreside Mirella Murgia, farà in modo che s’insegnerà (in sardo come lingua veicolare) storia nella prima elementare di Lodè insieme alla docente Gianna Mereu, cittadinanza e costituzione presso la pluriclasse di Brunella con l’aiuto della docente Elisa Tangianu e storia nella quarta classe delle elementari di Torpè insieme alla docente Giuliana Capra. Il progetto a Posada, con l’aiuto delle maestre Graziella Ligios e Maria Andreana Deledda, vedrà invece come protagonisti i bambini della terza elementare, che potranno seguire in sardo le lezioni di storia, dal big bang alla comparsa dell’uomo, dalla preistoria alle prime fonti scritti e la nascita della storia. Mesi intensi di studio e apprendimento quindi in cui il sardo entrerà a scuola come lingua veicolare, nell’attesa di essere in un futuro inserita anche come materia curricolare. (s.s.)

http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2014/01/25/news/posada-il-sardo-viene-ammesso-nelle-scuole-1.8540062

LODE’ – Giornata di studi e memoria per “Sa die de Sa Sardigna”

Lodè

Lodè

La Regione ha pubblicato la graduatoria sui progetti approvati relativi a “Sa die de sa Sardigna”. Nell’elenco, c’è anche quello del comune di Lodè che da subito, aveva colto l’importanza della “Giornata del popolo sardo”, istituita dal consiglio regionale. «A tale fine – spiega Angelo Canu, de s’Ufitziu de sa limba sarda – il Comune ha predisposto una giornata di studi per ricordare il 28-4-1794 e dare seguito alle manifestazioni degli anni scorsi con l’intento divulgativo-didattico di spiegare l’importanza dei vespri sardi, insurrezione popolare contro i Piemontesi per chiedere più autonomia e importanza decisionale». È il progetto per far più luce sui moti angioini e antifeudali, una diversa visione dell’accaduto per mezzo di racconti e di storie di vita tratti da archivi dimenticati, che stanno riportando alla luce fonti scritte legate alla storia di vita e alla rivelazione del ruolo che la cultura orale ha avuto in Sardegna nel tramandare fatti ed eventi storici di valore collettivo. Una scoperta e una narrazione della storia dei paesi del 700 e 800 per mezzo di racconti di tanti che sono partiti a difendere il suolo natio per un ideale di libertà. «Vista l’importanza della memoria e della tradizione orale – precisa Canu – si è inteso raccontare quanto avvenuto alla fine del 700, l’importanza della cultura popolare tramite la narrazione di un romanzo che ha cambiato storia e cultura della Sardegna, “Sos Sinnos de Mialinu Pira”, un libro sull’identità conosciuta e da conoscere che racconta S’iscola de su cuile e S’iscola de su mastru, una serie di racconti in sardo che hanno seguito e amplificato la tematica della Sardegna tra due lingue, quella di un popolo dai diritti negati, da pretendere – prosegue Canu – Mediante l’esposizione di queste tematiche si arriva a parlare dell’importanza politica della lingua sarda alla luce di una nuova autonomia, del bilinguismo e della lingua sarda negli enti e nelle scuole, per una visione nuova senza pregiudizi della storia e della cultura sarda».

http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2014/01/24/news/giornata-di-studi-e-memoria-per-sa-die-de-sa-sardigna-1.8533435

Sos ùrtimos laboratòrios de ocannu

IMG_8811IMG_8803 IMG_8804 IMG_8805 IMG_8806 IMG_8807 IMG_8808 IMG_8809 IMG_8810
IMG_8812 IMG_8813 IMG_8814 IMG_8815 IMG_8816 IMG_8819 IMG_8822 IMG_8823

Oe in Lodè amus fatu sos ùrtimos laboratòrios ammaniados dae s’Ufìtziu de sa Limba Sarda de Lodè. Su primu est istadu “Cando timia s’iscurigore”, cun sos pitzinnos de sa prima elementare, unu contu chi serbit a nde catzare sa timoria de s’iscuru e a nde bogare a pìgiu sas timorias issoro. Su de duos est istadu “Dae sas paràulas a su contu”, cun sos pitzinnos de sa cuarta elementare, unu laboratòriu chi ponet a iscrìere sos pitzinnos, in antis pro agatare paràulas sardas e a pustis pro la pònnere in pare pro nde fàghere unu contu.

 

Laboratòrios in limba sarda in sas elementares de Lodè

S'omineddu de sa pròida

S’omineddu de sa pròida

Pro more de s’agiudu de sa biblioteca de Lodè, “S’omineddu de sa pròida” est istadu contadu oe in sa prima elementare de Lodè. Sos pitzinnos sunt istados atentzionados a su contu de s’omineddu chi curret dae una nue a s’àtera a tancare e a abèrrere sos cantaros, pro fàghere falare s’abba o pro la fàghere sessiare: “Si si nde torrat a dormire nde l’amus a ischidare nois!”

S’àteru laboratòriu l’amus fatu in sa cuarta elementare: “Deo so su prus bellu”. Su contu de unu lupu chi faghet su barrosu cun sos prus minores de issu, fintzas a cando no agatat calicunu chi nde li catzat sa gana de si mustrare mannosu e pomposu…. In prus un’arrèsonu in pitzu a sa grafia de sa limba, pro fàghere bìdere chi unu contu est s’iscritura e un’àteru su faeddu.