Incontro su bilinguismo e bimbi

Bilinguismu in iscola2

CABRAS. La lingua sarda come se fosse un gioco. “Su sardu Gioghendi. Bilinguismu: un’arregalu po cras”, è un progetto dell’assessorato alla Cultura del Comune che propone un incontro-dibattito sull’importanza dell’insegnamento della lingua sarda attraverso le istituzioni, la scuola e la famiglia. «Secondo i più recenti studi in materia di bilinguismo», afferma l’assessore alla Cultura, Fenisia Erdas, «l’apprendimento di due o più lingue sin dalla prima infanzia predisporrebbe il cervello all’acquisizione di ulteriori lingue e esporrebbe il soggetto bilingue a una serie di vantaggi cognitivi, sociali e relazionali». Durante l’incontro interverranno gli esperti di lingua sarda Antonello Garau e Silvia Mastinu che descriveranno i vantaggi e i metodi per l’insegnamento della lingua sarda ai bambini, fin dalla più tenera età. A seguire, il racconto delle esperienze familiari di alcuni genitori e ragazzi. L’evento verrà integrato da piccoli “sketch teatrali” realizzati dalla scrittrice Lucia Chergia con la collaborazione di un gruppo di piccoli attori di Cabras, di età compresa tra i 7 e i 12 anni, che rappresenteranno alcuni momenti di vita cabrarese, tra ironia e dramma. L’appuntamento è fissato alle 16 di oggi nell’aula magna della scuola media di via Trieste.

Claudio Zoccheddu

 

http://lanuovasardegna.gelocal.it/oristano/cronaca/2013/12/09/news/incontro-su-bilinguismo-e-bimbi-1.8270537

BILINGUISMU: UNU MODELLU CULTURALE E UN’ISTILE DE VIDA.

istituto bellieni sassari, michele pinna, daniela masia, mariantonietta piga, bilinguismo, bilinguismu creschet


Est cun pragheremannu chi bos damus a ischire chi su 24 e 25 de Santu Gaine b’ant a èssere in sa Provìntzia de Tàtari 4 abbojos subra su bilinguismu, difatis a congruida de sas atividades de su progetu “Bilinguismu: unu modellu culturale e un’istile de vida. Lèghere, iscrìere, iscurtare, faeddare, fàghere in sardu e in italianu” chi ant a èssere indiritzadas a sos pitzinnos de s’Iscola de s’infàntzia e ant a previdire s’interessamentu de sos insignantes, de sos babbos e de sas mamas, s’at a pòdere partetzipare a sas riuniones informativas e de cunfrontu chi s’ant a fàghere in Bono, Nulvi, Ùsini e Biddanoa Monteleone.

Sas atividades prevìdidas, finantziadas dae sa Regione Autònoma de sa Sardigna, Assessoradu a sa Cultura e P.I., Servìtziu Limba e Cultura Sarda, s’ant a pònnere in òpera in sas 35 comunas de sa Provìntzia de Tàtari (Biddanoa Monteleone, Bonolva, Cossoine, Mara, S’Ulumedu, Pàdria, Putumajore, Potufigari, Romana, Monteleone, Semèstene, Piaghe,Carzeghe, Ossi, Uri, Ùsini, Bono, Anela, Urtei, Su Burgu, Esporlatu, Bottidda, Illorai, Nulvi, Bultzi, Laerru, Martis, Sènnaru, Boruta, Àldara, Itireddu, Mores, Nughedu, Patada e Tula) e in prus in Tiesi, Turalva, Cherèmule, Giave chi faghent parte de s’isportellu subracomunale de Boruta coordinadu dae s’Is.Be.

A sas riuniones de Santu Gaine at a leare parte in prus de su prof. Micheli Pinna, sa dut. Daniela Masia e sa dut. Maria Antonietta Piga, finas Antonella Sorace, professora de Linguìstica Acuisitzionale de s’Universidade de Edimburgu, fundadora de BILINGUALISM MATTERS,movimentu de informatzione subra de su bilinguismu, in ue sa filiale sua Sarda, una de sas deghe chi bi sunt in su mundu, fundada in su mese de santandria de su 2012, est denumenadaBILINGUISMU CRESCHET.

Custa initziativa, de importàntzia Europea, at acollocare sa Sardigna, sas amministratziones e sas iscolas interessadas in mesu a un’isperimentatzione de importu mannu, chi at comente mira printzipale cussa de dare informatziones craras, giustas e fundadas a manera iscientìfica pro cantu pertocat sos benefìtzios culturales e de connoschèntzia de su BILINGUISMU pro chie lu pràticat: famìlias, insignantes, educadores, populatziones.

Sos espertos chi b’ant a traballare, cun esperièntzia cumproada in su campu linguìsticu, faghent parte de su grupu didàticu de s’Istitutu Bellieni chi est s’ideadore de su progetu. Sa coordinatzione issoro at a èssere a incuru de su Diretore iscientìficu prof. Micheli Pinna chi at a pònnere a disponimentu sas cumpentèntzias suas: linguìsticas, psicològicas, pedagògicas e demo-etno-antropològicas.

Ant a èssere promòvidas finas initziativas de informatzione e promotzione in sas bibliotecas comunales e/o in sa ludotecas indiritzadas a sos babbos e a sas mamas e a sos pitzinnos de ogni edade.

Semus de su pàrrere chi, interbènnere in su territòriu potzat favorèssere sa crèschida de una cussèntzia bilìngue isparghinada in ue totu sa limba nostra naturale est impreada comente limba primàrgia, movende dae sos faeddos familiares e impreados a fitianu, subra sos cales fundare sos protzessos de formatzione e de imparu linguìsticu culturale.

 

Sas responsàbiles de su progetu in su territòriu ant a esser:

Maria Corrias (Bono, Anela, Ultei, Su Burgu, Esporlatu, Bottidda, Illorai, Nughedu S.Nicolò, Patada e Tula)

Annamaria Tavera (Piaghe,Carzeghe, Ossi, Uri, Ùsini, Àldara, Mores, Bonolva, Cossoine, Putumajore, Semèstene)

Maria Antonietta Fois (Nulvi, Bultzi, Laerru, Martis e Sènnaru)

Maria Leonarda Correddu (Biddanoa Monteleone, Potuvigari, Monteleone, Mara, S’Ulumedu, Pàdria e Romana)

Adriana Cocco (Boruta, Itireddu, Cherèmule)

Daniela Masia (Giave, Tiesi,Turalva).

 

Comintzade a bos organizare, bos isetamus in medas!

 

Bos ammentamus finas chi in su peristante de su seminàriu sos pitzinnos ant a pòdere fàghere carchi atividade cun sos operadores a incuru de su grupu didàticu de s’Istitutu de Istùdios e Chircas “Camillo Bellieni”.

Su servìtziu si cramat: “Si moves sa LIMBA sa LIMBA ti movet” .

“INDENNITA’ DI BILINGUISMO – INDENNIDADE DE BILINGUISMU”

bilinguismo,indennità,logosardigna,lingua sarda

Apo retzidu unu messàgiu de Logosardigna Revista (li torro gràtzias) chi pùblico inoghe:

 

“INDENNITA’ DI BILINGUISMO – INDENNIDADE DE BILINGUISMU”
In mèdia 100,00 Euros in busta paga. Pretendilo – Pretendelu –
Fac-simile de domanda.
AL SERVIZIO PERSONALE
DEL / DELLA……………………………..

e, p. c. AL SINDACATO
…………………………………


OGGETTO: RICHIESTA INDENNITA’ DI BILINGUISMO (Art. […] C.C.N.L.)1


Il/la sottoscritto/a …………………………………….. nato/a a ……………………… il ……………………..
e residente a …………………………………….. in via ………………………………………………………….., alle dipendenze di codesto Ente / Azienda / Istituto in qualità di ……………………………………presso il Servizio / Settore ……………………………………………………………………………………………,

in relazione all’art. 60 del D.P.R. 13/05/1987 n. 286, il cui testo recita: «Al personale in servizio negli enti di cui al precedente art. 1 […] in cui vige istituzionalmente, con carattere di obbligatorietà, il sistema di bilinguismo, è attribuita una indennità di bilinguismo, collegata alla professionalità, nella stessa misura e con le stesse modalità previste per il personale in servizio negli enti locali della Regione Autonoma a Statuto Speciale del Trentino Alto Adige», 

in considerazione del fatto che l’art. 2 della Legge 482 del 1999 stabilisce che: «In attuazione dell’articolo 6 della Costituzione e in armonia con i princípi generali stabiliti dagli organismi europei e internazionali, la Repubblica tutela la lingua e la cultura delle popolazioni albanesi, catalane, germaniche, greche, slovene e croate e di quelle parlanti il francese, il franco-provenzale, il friulano, il ladino, l’occitano e il sardo» 
e che l’art. 9, comma 2, della stessa Legge prevede che: «Per rendere effettivo l’esercizio delle facoltà di cui al comma 1, le pubbliche amministrazioni provvedono, anche attraverso convenzioni con altri enti, a garantire la presenza di personale che sia in grado di rispondere alle richieste del pubblico usando la lingua ammessa a tutela»,
CHIEDE,
così come stabilito dall’art. […] del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, l’indennità di bilinguismo nella misura prevista per la propria qualifica funzionale. A tal fine, chiede di essere sottoposto all’accertamento della conoscenza della lingua sarda, tramite prova di esame.

Cordiali saluti

Data 
Firma




1) Controllare l’articolo sul proprio Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro.”

IL PRESIDENTE DELLA ARLEF ZANON: “INVESTIRE IN POLITICA LINGUISTICA SOPRATTUTTO IN PERIODO DI CRISI”

Friuli-Venezia_Giulia-Stemma.jpg


COMUNICATO STAMPA


TAGLI AL FRIULANO


Udine, 28 gennaio 2013 – Alla politica non chiedono “contributi”
tout court
– sebbene spesso l’esistenza e l’operatività di alcune realtà sia
allo
stremo – bensì una politica linguistica che porti ad investire tutti i
settori perché “l’esistenza di lingue e culture diverse è ormai
l’unico
puntello della specialità della regione ma soprattutto perché essere
plurilingui conviene all’economia e quindi alla società intera, come
dimostrano edificanti esempi in tutta Europa”.

Questo è l’auspicio dei rappresentanti delle più importanti e radicate
realtà associative che lavorano da anni a pro del friulano e che si sono
date appuntamento oggi in Regione a Udine. L’iniziativa è partita dalle
due
storiche emittenti Radio Onde Furlane e Radio Spazio 103 che si sono viste
azzerare nella ultima finanziaria i fondi per le trasmissioni in friulano.

All’incontro ha voluto partecipare anche il presidente della ARLeF,
Agjenzie
regjonâl pe lenghe furlane, Lorenzo Zanon che ha ribadito quanto soprattutto
in un momento di crisi sociale ed economica sia importante considerare la
politica linguistica un settore strategico, un investimento per tutta la
comunità regionale.

“Non si tratta di discutere su quale percentuale di tagli sia stata
applicata a questo o quell’ente in particolare – ha detto Zanon – ma di
fare
un salto di qualità nella mentalità: mai come oggi la lingua e la cultura
friulane possono mettersi a disposizione di tutta la regione per valorizzare
non solo la nostra identità ma anche la nostra economia. Non citerò il caso,
noto ai più, della Catalogna ma quello che recentemente ho potuto verificare
con i miei occhi nel Galles: a pochi chilometri da Londra, la capitale
‘globale’ per eccellenza, un territorio ha saputo investire in
politica
linguistica. Lì non si discute se dare contributi a fondo perso per un
evento culturale piuttosto che per un’associazione ma piuttosto ogni
settore
– infrastrutture, sanità, enti locali, agricoltura – fa il suo sforzo per
inserire la diffusione della lingua nei suoi piani di sviluppo”.

E’ ciò che sta facendo la ARLeF, avviando convenzioni con comparti che
apparentemente hanno poco a che fare con la lingua e la cultura, come lo
sport e la sanità, ma che permettono una diffusione capillare della lingua
nella società.

“Da autonomista di lungo corso però – ha commentato Zanon – devo
constatare
che occorre superare numerosi ostacoli che una certa politica campanilista e
ottusa ha posto sulla strada in tutti questi anni. Sarebbe ora che si
smettesse di contestare per partito preso qualsiasi iniziativa per la lingua
friulana e si considerasse che la vita del friulano, come dello sloveno e
del tedesco, conviene molto, per esempio, anche a Trieste”.

A moderare l’incontro è stato Paolo Cantarutti, presidente della
cooperativa
Informazione friulana, editrice di Radio Onde Furlane, che ha ricordato
assieme al direttore di Radio Spazio 103, Roberto Pensa, lo stato di estrema
difficoltà in cui versano le due emittenti.

All’incontro, a cui era presente il consigliere regionale Paolo Menis,
sono
intervenuti anche alcuni rappresentanti degli enti riconosciuti di primaria
importanza: Federico Vicario per la Società Filologica Friulana e oggi anche
in veste di delegato del rettore dell’Università di Udine, Andrea
Valcic per
la Patrie dal Friûl, Alessandra Kersevan per la società editrice Kappa VU.


Elisabetta Pozzetto

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane Piazza XX Settembre 23 33100
Udine