LODE’ – Giornata di studi e memoria per “Sa die de Sa Sardigna”

Lodè

Lodè

La Regione ha pubblicato la graduatoria sui progetti approvati relativi a “Sa die de sa Sardigna”. Nell’elenco, c’è anche quello del comune di Lodè che da subito, aveva colto l’importanza della “Giornata del popolo sardo”, istituita dal consiglio regionale. «A tale fine – spiega Angelo Canu, de s’Ufitziu de sa limba sarda – il Comune ha predisposto una giornata di studi per ricordare il 28-4-1794 e dare seguito alle manifestazioni degli anni scorsi con l’intento divulgativo-didattico di spiegare l’importanza dei vespri sardi, insurrezione popolare contro i Piemontesi per chiedere più autonomia e importanza decisionale». È il progetto per far più luce sui moti angioini e antifeudali, una diversa visione dell’accaduto per mezzo di racconti e di storie di vita tratti da archivi dimenticati, che stanno riportando alla luce fonti scritte legate alla storia di vita e alla rivelazione del ruolo che la cultura orale ha avuto in Sardegna nel tramandare fatti ed eventi storici di valore collettivo. Una scoperta e una narrazione della storia dei paesi del 700 e 800 per mezzo di racconti di tanti che sono partiti a difendere il suolo natio per un ideale di libertà. «Vista l’importanza della memoria e della tradizione orale – precisa Canu – si è inteso raccontare quanto avvenuto alla fine del 700, l’importanza della cultura popolare tramite la narrazione di un romanzo che ha cambiato storia e cultura della Sardegna, “Sos Sinnos de Mialinu Pira”, un libro sull’identità conosciuta e da conoscere che racconta S’iscola de su cuile e S’iscola de su mastru, una serie di racconti in sardo che hanno seguito e amplificato la tematica della Sardegna tra due lingue, quella di un popolo dai diritti negati, da pretendere – prosegue Canu – Mediante l’esposizione di queste tematiche si arriva a parlare dell’importanza politica della lingua sarda alla luce di una nuova autonomia, del bilinguismo e della lingua sarda negli enti e nelle scuole, per una visione nuova senza pregiudizi della storia e della cultura sarda».

http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2014/01/24/news/giornata-di-studi-e-memoria-per-sa-die-de-sa-sardigna-1.8533435

Lodè – Letziones in limba sarda

IMG_5024.JPGIMG_4930.JPG

IMG_4934.JPG

IMG_4941.JPG

IMG_4951.JPG

IMG_4945.JPG

IMG_4946.JPG

IMG_4957.JPG

IMG_4974.JPG

IMG_4979.JPG

IMG_4976.JPG

IMG_5017.JPG

 

 

Sa Comuna de Lodè paris cun su CEAMAL, s’Ufìtziu de sa Limba Sarda e su sòtziu “Adotta un Albero”, ant ammanitzadu una filera de mustras in “Sa domo de tzia Rofoella”, domos antigas repathadas cun contributos regionales.

Si podet intrare (sena pagare) fintzas a su 30 de ghennàrgiu: in intro bi sunt unas cantas mustras de artesania (terra, pedde, linna e pintura),  e una de trastos antigos de campu.

Sàpadu coladu e in die de oe sunt giai bènnidas tres classes a bisitare sas mustras; in antis de intrare a sas domos amus passigiadu in su tzentru istòricu de Lodè, faeddende in limba sarda de istòria, arte, architetura, ingegneria idràulica, cultura e traditziones de sa bidda.

Sas letziones sunt istadas agradèschidas dae pitzinnos e mastras: sas collaboratziones ant a sighire fintzas in sos meses imbenientes.

Si torrat gràtzias a sos mastros de artesania Federica Basile, Antonietta Mele, Paolo Farris, Cecilia Farris, Lucio Farris, Giuseppe Nanu, Carluzzu Sanna e totu sa gente chi est donende sos trastos de sa mustra.

Seis totu invitados a bìsitare “Sa domo de tzia Rofoella”