Giornalismo in limba, vince una sarda-indiana

angelo fontanesi, gianfranco pintore, prèmiu pintore, diego corraine, limba sarda comuna, lsc, irgoli, rachel falchi, lisandro beccu, andrea pira, giuseppe flore, la nuova sardegna


di Angelo Fontanesi

IRGOLI. A sentirla parlare in limba, in maniera fluente e corretta, non avresti dubbi sulla sua origine. Poi la guardi e rimani interdetto. Perchè Rachel Falchi, i suoi natali indiani li porta con fierezza impressi nel colore della pelle e nella profondità del suo sguardo. «Ma su coru est sardu – ti dice con un sorriso disarmante – che a mimme». Sarda da quando a 10 mesi fu adottata dai suoi genitori sassaresi orgogliosissimi della loro figlia che oggi, a 30 anni con una laurea in Economia aziendale ancora in attesa di diventare fonte di reddito, si diletta non solo a parlare quella che è sempre stata la sua lingua madre ma anche a scriverla. E scriverla bene per giunta, tanto da essere l’autrice di uno dei tre articoli premiati della prima edizione del “Premiu Pintore” concorso giornalistico in sardo ideato e promosso dalla Papiros Editziones di Diego Corraine e dal Comune di Irgoli, paese che diede i natali al giornalista scrittore Gianfranco Pintore scomparso lo scorso anno e al quale è dedicata l’iniziativa. Oltre al suo articolo sull’argomento ambiente, sabato scorso ad Irgoli sono stati premiati ex equo, con 100 euro a testa e la prossima pubblicazione sulla rivista Eja, anche il pezzo sulla pastorizia di Alessando Lisandru Beccu, silanese di 26 anni, studente alla facoltà di Infermieristica di Sassari, e quello a doppia firma sull’indipendenza scozzese dei nuoresi Andrea Pira e Giuseppe Flore. Tutti giovani, come richiedeva il bando, e tutti assolutamente a loro agio nel dissertare e scrivere di qualsiasi argomento in “limba sarda comuna”. «E’ questo il dato che più di ogni altro ci gratifica del lavoro svolto per promuovere e valorizzare il sardo – dice Diego Corraine – Quando l’anno scorso col sindaco di Irgoli Giovanni Porcu abbiamo pensato di organizzare qualcosa in memoria di Gianfranco non abbiamo avuto dubbi: doveva essere un premio giornalistico in sardo riservato ai giovani. Perchè il valore di una lingua lo si misura anche dalla sua evoluzione e questi ragazzi sono la dimostrazione che il sardo è una lingua viva e moderna». A gioire del successo della manifestazione anche un altro giovane laureando: Carminu Pintore. Uno che il sardo lo padroneggia con tale maestria da aver tradotto in limba un classico della letteratura internazionale come “Dr Jekyll e Mr Hide”. Ma lui è avvantaggiato: est izzu ‘e babbu.

 

dae http://lanuovasardegna.gelocal.it/regione/2013/05/21/news/giornalismo-in-limba-vince-una-sarda-indiana-1.7104600

Prèmiu Pintore – Comuna de Irgoli e Editziones Papiros

diego corraine, papiros, irgoli, premio pintore, gianfranco pintore, mimmo bove,


Editziones Papiros e Comuna de Irgoli 
ant a annuntziare
sos BINCHIDORES de su
“PRÈMIU PINTORE” de giornalismu in sardu
(in ammentu de su giornalista e iscritore Giuanne Frantziscu Pintore, mortu in su 2012), 
sabadu 18 de Maju 2013 
in sa sala cunsiliare de sa Comuna de Irgoli 
a sas h. 18,30.
Ant a èssere presentes sos binchidores , sa famìlia Pintore, sas Editziones Papiros, amigos de GF Pintore, iscritores, giornalistas e amigos de sa limba sarda.
Sos binchidores ant a retzire 100 € peròmine de prèmiu e unu sìmbulu apòsitu in tzeràmica fatu dae s’artista Mimmo Bove.

AGABBADU SU PRIMU ANNU DE FILS: TENIMUS GIAI PERSONALE PRO PÒNNERE SU SARDU IN ISCOLA, MA BI CHERET ÀTERU.

limba sarda, corso fils, lingua sarda, limba sarda, diego corraine, regione sardegna, università di cagliari, università di sassari

de Diegu Corràine

Su 6 de nadale coladu, cun s’ùrtima discussione de sas tesinas, est agabbadu su primu annu de su cursu de Formatzione pro Insinnantes in Limba Sarda in s’Universidade de Casteddu. Sunt istados 66 sos maistros, professores o operadores linguìsticos chi ant sighidu una formatzione belle e semper in sardu, durada chentinas de oras. Unu resurtadu positivu, in ue sos ispetzializados ant mustradu chi si podet fàghere iscola IN sardu e DE sardu. In sas discussiones cun sa cummissione de esàmene, sos candidados ant presentadu s’argumentu issoro (in forma de Unidades Didàticas, dae s’istòria a sa geografia, dae sa mùsica a sa religione) cun craresa e cumpetèntzia, finas ca totus ant dèvidu isperimentare sa “teoria” in sa pràtica, cun sos iscolanos de sas elementares, mèdias e superiosres, in iscolas chi los ant ospitados Esperièntzias pràticas chi sunt duradas meses. A su chi ant espostu, sas iscolas, sos iscolanos e sas famìlias ant atzetadu custas esperièntzias cun cuntentesa manna, pedende de sighire. Custu nos narat craru chi s’iscola sarda e sas famìlias cherent deretu su sardu in iscola. E nos narat finas chi b’at maistros e professores preparados pro fàghere iscola in sardu e de sardu. E sos cursos de formatzione tenent una funtzione fundamentale.

 
Sa funtzione de sa RAS

Tocat a nàrrere finas chi totu custu non podiat èssere posssìbile sena sa Regione Sarda, chi at disinnadu e pagadu sos Cursos e los at cunfidados, pro como, a s’Universidade de Casteddu, chi at tentu su mèritu de àere atzetadu sas cunditziones de sa RAS (fàghere sas letziones frontales a sos cursistas in sardu a su nessi pro su 50% de sas oras). S’UniCA at finas mustradu umilidade, ca non tenende totu sos professores internos capatzos de fàghere letziones in sardu, at bandidu unu cuncursu pro reclutare professores esternos capatzos de insinnare in sardu. A dolu manu, s’Universidae de Tàtari no at fatu sos Cursos ca no at atzetadu sas cunditziones de sa RAS. Non tenende professores a tretu de fàghere letziones in sardu, cun prosopopea manna, at chircadu de cumbìnchere sa RAS chi fiat mègius a fàghere sas letziones in italianu (pro cuare s’incapatzidade de sos professores suos) e su sardu in sos laboratòrios. Ma sa RAS e su movimentu linguìsticu chi at bidu deretu sa trampa, at negadu su dinare a sa UniSS, chi lu cheriat pònnere pro s’organizare master de 2u livellu, semper in italianu (cun laboratòrios in sardu), chi non b’intrant nudda cun sa formatzione de insinnates disinnada dae s’Osservatòriu regionale de sa cultura e limba sarda e dae sa RAS. UniSS? Botzada dae totus!
FILS de Casteddu podet megiorare, tenende in contu sos cussìgios de chie l’at frecuentadu, de chie b’at insinnadu e de sa RAS. Ma b’est e paret positivu. 
 
Sardu in iscola: Progetu de Iscola Bilìngue
Ma pro tènnere a beru un’iscola bilìngue non bastat sa FILS. Tocat a sighire su caminu prevìdidu dae sa Lege 482/99. Cunforma a sa Lege, babbos e mamas de sos iscolanos devent pedire su sardu in iscola in sos mòdulos apòsitos. E s’Iscola devet ammaniare unu POF bilìngue pro insinnare “su” e “in” sardu in sas setziones o grupos de iscolanos chi cherent su sardu, e agatare e formare maistros e professores (in intro de s’iscola o de unu consòrtziu locale de iscolas, cun s’agiudu de s’Universidade o de àteros entes formativos).
Tocat a nàrrere in manera crara chi, sena cambiare s’ordinamentu de s’iscola, totu custu lu podent fàghere maistros e professores de rùolu ebbia, in s’oràriu iscolàsticu curricolare normale, faghende sas matèrias finas in sardu e imparende su sardu in intro de sas oras de “educatzione linguìstica”. Finas ca non b’at peruna possibilidade de aumentare sas oras o de reclutare àteru personale. Est craru chi si sos maistros e professores chi s’impinnant pro su sardu e in sardu in iscola, in intro de unu POF addatadu a su progetu de “iscola bilìngue”, devent otènnere unu reconnoschimentu econòmicu, pro minore chi siat. Ca sunt traballende pro megiorare sas cumpetèntzias linguìsticas in sardu de sos iscolanos, comente ant a pòdere dimustrare cun verìficas apòsitas.
Ma tando est craru finas chi TOTUS nos devimus mobilitare, a manera chi sa Diretzione Iscolàstica regionale (tràmite sas Iscolas) fatzat connòschere a sas famìlias sa possibilidade de pedire su sardu in s’iscola. Ma nos devimus mobilitare finas pro formare e cumbìnchere sas famìlias chi su sardu in iscola est fundamentale pro su sardu matessi, pro s’identidade nostra e pro imparare mègius sas àteras limbas. Chie connoschet o imparat su sardu at a imparare mègius s’inglesu e sas àteras limbas. Oramai est una veridade dimustrada dae professores mannos e neuròlogos.
 
Universidade e limba sarda
Non so petzi deo chi, però, est narende chi, a dolu mannu, si nche catzamus custos cursos FILS chertos dae sa RAS (non dae s’Universidade, chi nd’est petzi esecutore), sas Universidades sardas sunt che a totu su restu de s’Universidade italiana: faghent dialetologia comente in totue. Pro sa limba sarda, segunda limba pustis de sa limba italiana in intro de s’Istadu, no andat bene. S’Universidade, in Sardigna, devet tènnere totu sas matèrias chi li pertocant: limba sarda  e sas àteras limbas de minoria reconnotas(e non linguìstica e dialetologia ebbia), didàtica de su sardu e de sas àteras minorias reconnotas dae sa Lege 26; tradutologia; terminologia; sotziulinguìstica; lessicografia, etc. Su fatu chi sa RAS, pro como apat incarrigadu s’Universidade pro sos cursos, non nos devet trampare, Sena FILS, UniCA e UniSS torrant a èssere privas de limba sarda.
E duncas, faghent bene a protestare e a pretèndere unu càmbiu totale sos istudentes, sos professores, sas famìlias, sos Sardos, pro sa sardizatzione de s’Universade in Sardigna. Nde tenimus totu su deretu. Si nono, sa RAS organizet e paghet una Universidade Sarda, pùblica, reconnota, ecuipollente, comente faghent in àteras comunidades linguìsticas e natzionales.
 
dae http://limbas.tempusnostru.it/parrere-1.page?docId=2288

L’UNIONE SARDA – Cultura e istruzione : Il maestro disse a Franti: «Tue l’ochies a mama tua»

unione sarda.jpg

Una lingua arcaica, una lingua povera di vocaboli e incatenata alla quotidianità agropastorale, una lingua ferma. Anzi: un dialetto. Sono ancora in molti ad attaccare il sardo. E se da qualche tempo sono in molti anche a difenderlo, purtroppo tendono a farlo in italiano. Suonava quindi opportuno che fossero tutti in sardo gli interventi che mercoledì pomeriggio, alla Biblioteca regionale di viale Trieste a Cagliari, si sono susseguiti per presentare le prime opere di letteratura europea tradotte in limba in quattro anni di alleanza fra la Regione sarda e alcune case editrici isolane come Aipsa e Alfa. Un’operazione profondamente politica. Ottant’anni fa tradurre Goethe in sardo poteva avvicinare un nostro giovane corregionale alla letteratura europea. Farlo oggi, con il più grande scrittore tedesco disponibile in molte ottime edizioni italiane su carta e su ebook, vuol dire usare Goethe per riavvicinare il lettore al sardo. E anche per altre due operazioni, in realtà. In primo luogo per dare prestigio alla limba. Come spiegava Giuseppe Corongiu, direttore del servizio Lingua e Cultura sarda della Regione, tradurre Joyce significa dimostrare che il sardo, con il suo vocabolario amplissimo e le sue capacità espressive, è completamente in grado di restituire ogni sfumatura dell’alta narrativa: se non ci riusciamo è colpa nostra, non del logudorese o del campidanese. Il secondo vantaggio del bortare autori come Saramago e Stevenson è più creativo ed espressamente linguistico che politico. «Il traduttore non può rassegnarsi a lasciare una spazio bianco se trova un termine problematico – spiegava Diego Corraine, nella sua doppia veste di editore di Papiros e traduttore di García Márquez (“Nemos iscriet a su coronellu”), Saramago (“Su contu se s’ìsula disconnota”) e Sepúlveda (“Istòria de unu cau marinu e de su gatu chi l’at imparadu a bolare”) – e quindi deve forgiare un’espressione consona». E se a tratti serve uno sforzo demiurgico, in altri casi la lingua madre si rivela più agevole dell’italiano per rendere un concetto. Parola di Manuela Mereu, che per Condaghes si è confrontata col tedesco prezioso di Goethe (inutile dirlo, le traduzioni sono tutte dalla lingua originale, non attraverso la versione italiana) e si è resa conto che rispetto a “i dolori” in realtà “die Leiden” avevano in equivalente sardo più pregnante: per questo il Werther diventa “Sos patimentos de unu giòvanu”. Difficile poi non trovare un retrogusto beffardo nell’operazione firmata da Maria Antonietta Piga per Grafica del Parteolla con la sua versione del “Coro” di De Amicis: un libro nato come capitolo pop della narrazione sull’Italia unita che però, tradotto, rende giustizia alla potenza del sardo in fatto di metafore ed espressioni figurate. Ed è, in fondo, come se ogni autore europeo battesse con intensità e materiali differenti sulla campana della limba, traendone sonorità, timbri inaspettati ma autentici. Vale per la solennità dell’“Antigone” – tradotta da Paolo Pillonca per Domus de Janas, che invece a Gonario Sedda ha chiesto di confrontarsi col “Principe” di Machiavelli – come per la stralunata levità di Lewis Carrol (Manuela Mereu firma per Condaghes “A s’atera ala de s’ispigru, e su chi Alisedda b’at agatadu”). In questo quadriennio di lavoro, sostenuto dalla Regione con 20 mila euro annui in cambio della disponibilità delle traduzioni su sardegnacultura.it, ha preso forma questa biblioteca minima ma determinante: un primo passo per dimostrare – come diceva Stefano Coinu, capo di gabinetto dell’assessore regionale alla Cultura Sergio Milia – che «il sardo è una lingua non soltanto per la vita di tutti i giorni, ma per tutto. Ora facciamola diventare per tutti»

 

da http://www.regione.sardegna.it/j/v/491?s=210280&v=2&c=1489&t=1

Tradùere pro crèschere – Sas fotos

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere