Lodè, giornata di celebrazione per “Sa die” – La Nuova Sardegna

Angelo canu, Vittorio Sella, Giacomo Floris,Graziano Spanu, Gianna Mereu, Sa rivoluzione sarda-dae sa modernidade a s’atualidade, La Nuova Sardegna, bernardo asproni,

Angelo canu, Vittorio Sella, Giacomo Floris,Graziano Spanu, Gianna Mereu, Sa rivoluzione sarda-dae sa modernidade a s’atualidade, La Nuova Sardegna, bernardo asproni,

“Sa rivoluzione sarda-dae sa modernidade a s’atualidade” è il progetto finanziato dalla Regione nell’ambito de “Sa die de sa Sardigna”. Il Comune sta organizzando per mercoledì prossimo una giornata dedicata a questo evento della storia sarda che riporta all’insurrezione popolare del 28 aprile 1794 ovvero i cosiddetti “Vespri sardi” (e l’immediata levata di scudi di Alghero e Sassari) con i quali vennero cacciati da Cagliari i piemontesi e il vice-re Balbiano in seguito al rifiuto del governo torinese di soddisfare le richieste dell’isola. Il programma prevede in mattinata, a partire dalle 10, in collaborazione con la scuola di Lodè, l’insegnante Gianna Mereu, e con s’Ufitziu de sa limba sarda, una rappresentazione teatrale degli avvenimenti dei giorni della rivoluzione sarda scritta da Angelo Canu con il contributo di Jorgi Rusta che ha scritto “Sas batorinas”. Nel pomeriggio, invece, con inizio alle 16, nella sala consiliare si terrà un convegno storico.

Introdurrà i lavori il sindaco Graziano Spanu, mentre le relazioni saranno svolte dai cultori di storia Vittorio Sella e Giacomo Floris, che analizzeranno gli eventi del 1794 e l’insegnamento da trarne ai nostri giorni, e da Angelo Canu a cui spetterà il compito, da esperto della materia, di spiegare l’importanza della lingua sarda nella storia della Sardegna, ieri e oggi. Insomma una giornata all’insegna della “sardità” e dei suoi valori più genuini, a 360 gradi. (b.a.)

http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2013/04/19/news/lode-giornata-di-celebrazione-per-sa-die-1.6915128

Lodè: Sa Rivolutzione Sarda dae sa modernidade a s’atualidade

lodè, sa die de sa sardigna, regione sardegna, lingua sarda, angelo canu, vittorio sella, gianna mereu, giacomo floris, graziano spanu,


Lodè, su 24 de abrile de su 2013

 Su progetu, fatu cun sa partetzipatzione de sa Regione Autònoma de Sardigna, L.R. 44/93 “Sa die de sa Sardigna” est ammanitzadu dae sa Comuna de Lodè paris cun s’Ufìtziu de sa Limba Sarda e sas iscolas de Lodè.

A pustis de duos meses de letziones de istòria in limba sarda su progetu at a agabbare su 24 de abrile.

Su programma:

A sas 10.00

sos pitzinnos de sa V classe de s’iscola primària ant a presentare                   “Sa die de sa giagarada”

 

A sas 16.00

in sala consiliare Cunvegnu istòricu e linguìsticu

Ant a faeddare:     Angelo Canu    Giacomo Floris     Vittorio Sella

 

Saludos de su sìndigu Graziano Spanu

 

 

Torpè e Lodè – Sa die de sa Sardigna, finanziati i progetti

 

sa die de sa sardigna,la nuova sardegna,sergio secci,lodè,torpè,limba sarda,lingua sarda,gianna mereu,angelo canu,giacomo floris,scuola

nuovasardegna.jpg

Sono due i progetti finanziati in Baronia dalla Regione per Sa die de sa Sardigna. Coinvolte le scuole di Lodè e Torpè con l’obiettivo di far conoscere la storia locale e il suo intreccio con quella studiata. A Lodè il progetto è stato ideato come un percorso storico, politico e linguistico all’interno del quale verranno evidenziati i forti legami tra i valori della rivoluzione sarda e dello Statuto del 1948, per mostrare come quegli stessi valori possano rivelarsi ancora oggi validi come guida. La mattina, ci sarà la rappresentazione teatrale in sardo della quinta classe della scuola primaria curata dalla maestra Gianna Mereu e ufficio per la lingua sarda con gli eventi del 28 aprile 1794. Nel pomeriggio spazio al convegno che affronterà i molteplici aspetti che riguardano “Sa Die” in ottica di una nuova autonomia: lingua, cultura, politica e storia. A Torpè ci sarà invece una mostra documentale con antichi reperti che vanno dal IV al XIX secolo e un convegno. Si parte dalla storiografia locale per arrivare ad affrontare tematiche più generali relative alla storia della Sardegna e dell’Europa in generale.

Una giornata che vuole ridestare la memoria storica con documenti che evidenziano quando Torpè si trovò a combattere prima a favore della casa d’Arborea e poi le illegalità del potere feudale. I documenti più antichi arrivano dall’archivio della Corona d’Aragona (mentre quelli dell’età moderna dall’archivio di Stato di Cagliari). La lezione di storia sarà di Giacomo Floris ricercatore dell’Università di Barcellona.

Sarà poi la volta di Angelo Canu, che illustrerà l’importanza della lingua sarda nella Sardegna medioevale e moderna. A conclusione i ragazzi delle scuole elementari, declameranno diverse opere poetiche in sardo, che hanno come oggetto il tema autonomistico.

di Sergio Secci

 

http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2013/01/04/news/sa-die-de-sa-sardigna-finanziati-i-progetti-1.6295825

Lodè non dimentica il poeta-fotografo Juanne Pretu Bravu

Articolo sulla Nuova Sardegna, di Bernardo Asproni

Juanne Pretu Bravu, poesia, ufìtziu limba sarda, lodè, angelo canu

«Est intradu lenu-lenu in sa vida de cadaunu de nois». Lo ha detto Angelo Canu, di s’Ufitziu de sa limba sarda, durante la cerimonia, tenutasi in cimitero, in onore di Juanne Pretu Bravu, al secolo Giovanni Pietro Sanna, fotografo e poeta, scomparso nel giugno 2011, all’età di 84 anni. «È entrato piano-piano nella vita di ciascuno di noi»: sì, perché Juanne Pretu Bravu, che ha conosciuto la sofferenza dell’emigrazione in Germania, era un uomo semplice e mite, ma con il senso della osservazione delle cose che ruotavano attorno al suo mondo, che le fissava con le zumate, feste paesane e avvenimenti (battesimi, cresime e matrimoni ed altro) di Lodè e dintorni, oltre a possedere l’estro poetico, da tavolino. Da certuni, per questo, era considerato un po’ strano, quindi votato a cader nell’oblio. La sua tomba era rimasta anonima senza la lapide, forse perché senza parenti che potessero provvedere. Ci ha pensato l’amministrazione. Per l’occasione, con la collaborazione di biblioteca e Ufitziu de sa limba sarda, con i ragazzi della terza media e i cittadini, che hanno inteso presenziare, si è svolta una manifestazione, un reading di poesie, di racconti e di memoria in ricordo di tziu Juanne Pretu. Il sindaco Graziano Spanu ha inquadrato la figura del poeta-fotografo, un artista dimenticato, da storia minore, ma di sicuro talento. Poi si sono succeduti al microfono studiosi, poeti, alunni, gente comune. Gino Farris ha letto un documento e una riflessione in ottava. Tito Canu, Bonaria Farris e gli alunni delle scuole hanno recitato poesie di ziu Juanne Pretu. Enedina Pau ha declamato una poesia di Peppino Mereu, Stefano Lobina una di Benvenuto Lobina, Giacomo Floris una di Pietro Casu, Gaetano Pira una sua poesia dedicata a Juanne Pretu Bravu. Il sindaco Spanu ha letto una poesia del poeta dedicata a lui e alla moglie, Angelo Canu ha ricordato la specificità nel proporsi fotografo in occasione di un suo particolare compleanno (Canu aveva perso il padre due mesi prima, peraltro compagno di emigrazione del poeta-fotografo) nel lontano 1985. Canu ha ricordato quella specificità (“Di,di, abbà di. Abbà, abbà di, abbà”) che forse esternava per gioco o forse perché “cussa manera” era diventata “su signu de riconoschimentu” (marchio di fabbrica), in ogni caso un modo di creare allegria. Sicuramente, visto il carattere, era un modo di creare allegria, di trasmettere la sua giovialità agli altri. Il pubblico ha recepito bene l’iniziativa del comune per il compaesano cantore di Lodè.


http://ricerca.gelocal.it/lanuovasardegna/archivio/lanuovasardegna/2012/11/09/NU_22_333.html?ref=search

Un ammentu de Juanne Pretu Bravu

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,

juanne pretu bravu, lodè, comune di lodè, enedina pau, stefano lobina, giacomo floris, angelo canu, gino farris, tito canu, bonaria farris, gaetano pira, biblioteca comunale, marina meini, graziano spanu, ragazzi 3 media di lodè,


Oe podia faeddare de cosas medas de tziu Juanne Pretu Bravu: ca fiat lodinu, ca fiat poeta, de sa bida chi at fatu e de comente est mortu (unu pagu ismentigadu dae totus), ma fintzas de s’òmine, de su bighinu de domo o ca est istadu paris cun babbu in Germània.

Ma su chi apo seberadu de ammentare deo in custa die est “Juanne Pretu su fotògrafu”. Pro mene non si podet faeddare de fotografias e de fotògrafos sena pensare a issu; e fortzis est su matessi fintzas pro paritzos de bois.

Tziu Juanne Pretu est intradu lenu-lenu in sa bida de medas de nois, ca cadaunu de nois at a tènnere de seguru una foto tirada dae issu pro su batìsiu, pro sa prima comunione, pro sa crèsima, pro s’isposòngiu, o si nono de sa festa de Santa Luchia, de su Rimèdiu o de su Riscatu, pro su Purgatòriu, pro “Sant’Antoni ‘e su ‘ocu” o pro sa prepissione (professone) de su manzanile (mangianile) a Sant’Anna.

“Est intradu lenu-lenu in sa bida de cadaunu de nois”. No est retòrica custa, non lu so narende de badas: cadaunu de nois at de seguru unu ammentu de issu ca cun issu amus bìvidu unu momentu de sa bida nostra.

Deo nd’apo paritzos de ammentos, ma pro no m’islongare, pro non la tirare a longu, nde chèrgio contare unu ebbia. Fiat su mese de giannàgliu (ghennàrgiu) de su 1985, s’annu de sa frocada mala. Babbu non fiat mortu mancu dae duos meses, duncas mama fiat galu in currudu e tocaiat a detzìdere si festare o nono sa die chi deo crompia sos annos. Mama lu contaiat semper de cussa die: “Non bastaiat chi aeres cròmpidu sos annos a manera diferente dae sos àteros annos, sena babbu tuo, bi cheriat puru chi non t’aia ammanitzadu festa peruna, pro ti fàghere colare die mala peus de sa chi fiat!”. E tando, che a cada annu, at fatu sa turta, at cramadu sas tzias-mamas, carchi sorrastra, calicunu de su bighinadu e sos cumpàngios de classe: sa festa fiat pronta.

S’ora de s’adòbiu mi paret chi fiat a sas bator, ma galu non si podiat incomentzare ca su fotògrafu non si bidiat in logu perunu: sas bator, sas bator e cuartu, sas bator e binti e issu in logos… Pigat mama e li narat a tziu meu, a Severinu, de andaret ghirghisande a cramare Juanne Pretu ca fiamus isetende a issu, cun sa turta posta in mesa.

Torrat Severinu: “In domo sua non b’est!”.

Su disisperu: “E como? Ite faghimus? Comintzamus? Sena fotos? A isetamus àteru cuartu de ora?”. Mama no ischiat a ue leare: sa foto bi cheriat ma non podiat nemmancu lassare sa gente a “peri santi in crotze”.

Sa turta fiat comentzende a s’iscagiare, a sos pitzinnos non bi si la faghiat prus a los mantènnere: detzidet de segare sa turta.

Mancu a lu fàghere a posta e arribat tziu Juanne Pretu e mancari su fritu in foras fiat totu sudoradu e athanatu (tanadu): “Comentzadu ais?”.

De comente est intradu a sa sala comentzat a nos pònnere in òrdine, a agheretzare sa mesa, a mòvere sas ampulleddas che airadu.

 

“Dì, dì, abbà dì. Abbà, abbà, dì, abbà”

“Matì, allue sas istiàricas (candeleddas)”

“Tue, incruna sa conca. Tue in antis, abbàssia.ti e tue in secus, pesa.ti prus in artu” e a mie “No istes a bratzos cussertos, no. Abbàida a mama tua, no, no, no, abbàida a mie. Àrtzia sa conca, ride, dì, dì abbà, dì – abbà, abbà, dì, abbà”

“Firmu gai, firmu gai. Ridite, ridite como: dì, dì abbà, dì – abbà, abbà, dì, abbà”.

“E una est fata. Iseta, iseta. Tue pone.ti inoghe e tue innnedda”.

“Tue da dae in secus cola a dae in antis” “Firmos, firmos:Ridite, ridite: dì, dì abbà, dì – abbà, abbà, dì, abbà”

“E como cun sa mama: Matì, abbà dì, pone.li sa manu in su coddu”.

E como tue basa.ti.la”

“Avanti sas tzias-mamas… dì, dì abbà, dì – abbà, abbà, dì, abbà”

 

Cussa fiat sa manera de tziu Juanne Pretu pro si fàghere ascurtare, pro si fàghere pònnere mente e fintzas pro nos fàghere rìdere.

Totus cantos amus in mente custu “Dì, dì, abbà dì. Abbà, abbà, dì, abbà”: fortzis unu pagu pro naturale suo e unu pagu pro giogu cussa manera fiat diventada su “signu de reconnoschimentu” (in italianu “marchio di fabbrica”) suo.

L’apo chèrfida ammentare in die de oe, pro mantènnere un ammentu bellu de alligria, s’alligria chi issu poniat in sa gente chi lu intundiaiat.

 

Adiosu, Juanne Pretu.

 


Angelo Canu©2012


Lodè, su 4 de santandria de su 2012