NÀSCHIDOS PRO SA MÙSICA

 

lodè, graziano spanu, Caterina N. Solinas, nati per la musica, lingua sarda, biblioteca, libri, musica, tenore sant'antonio, tito canu, ufìtziu limba sarda, angelo canu


SA COMUNA DE LODÈ

BIBLIOTECA COMUNALE

cun s’agiudu de

S’Ufìtziu Limba Sarda – Provìntzia Nùgoro

presentat

 

 

NÀSCHIDOS PRO SA MÙSICA

 

Sa mùsica est una forma de comunicatzione,

intrat in sa bida de sos pitzinnos galu in antis

de nàschere e lis permitet de cuncambiare

cun sos àteros e cun s’ambiente.


ant a faeddare

Graziano Spanu – sìndigu

Caterina N. Solinas – bibliotecària

Angelo Canu Ufìtziu Limba Sarda de sa Provìntzia Nùgoro

 

Tramesos de letura cuntivigiadu dae

Tito Canu

Leat parte a sa manifestatzione

Tenore Sant’Antonio

 

 

 

 Su 3 Maju de su 2013
Sala de su Consìgiu
A sas 17.00
 
 

 

 

 

 


 

Nàschidos pro lèghere – Atestados de nàschida

 

biblioteca,lodè,nati per leggere,ufitziu limba sarda,graziano spanu,pierangela mussinu,antonietta cossu,tito canu

Su 26 de abrile sa Biblioteca de sa Comuna de Lodè presentat “Nàschidos pro lèghere” una manifestatzione chi at sa punna de promòvere sa letura a boghe arta a sos pitzinnos minores (6 meses – 6 annos).

 

Ant a faeddare:

Grazianu Spanu: sìndigu

Pierangela Mussinu: Pediatra

Antonietta Cossu: maistra

 

At a lèghere:

Tito Canu

 

Pro sa manifestaztione s’Ufìtziu de sa Limba Sarda at ammanitzadu sos atestados de nàschida pro sos pitzinnos de sas levas 2012 e 2013

Lodè, giornata di celebrazione per “Sa die” – La Nuova Sardegna

Angelo canu, Vittorio Sella, Giacomo Floris,Graziano Spanu, Gianna Mereu, Sa rivoluzione sarda-dae sa modernidade a s’atualidade, La Nuova Sardegna, bernardo asproni,

Angelo canu, Vittorio Sella, Giacomo Floris,Graziano Spanu, Gianna Mereu, Sa rivoluzione sarda-dae sa modernidade a s’atualidade, La Nuova Sardegna, bernardo asproni,

“Sa rivoluzione sarda-dae sa modernidade a s’atualidade” è il progetto finanziato dalla Regione nell’ambito de “Sa die de sa Sardigna”. Il Comune sta organizzando per mercoledì prossimo una giornata dedicata a questo evento della storia sarda che riporta all’insurrezione popolare del 28 aprile 1794 ovvero i cosiddetti “Vespri sardi” (e l’immediata levata di scudi di Alghero e Sassari) con i quali vennero cacciati da Cagliari i piemontesi e il vice-re Balbiano in seguito al rifiuto del governo torinese di soddisfare le richieste dell’isola. Il programma prevede in mattinata, a partire dalle 10, in collaborazione con la scuola di Lodè, l’insegnante Gianna Mereu, e con s’Ufitziu de sa limba sarda, una rappresentazione teatrale degli avvenimenti dei giorni della rivoluzione sarda scritta da Angelo Canu con il contributo di Jorgi Rusta che ha scritto “Sas batorinas”. Nel pomeriggio, invece, con inizio alle 16, nella sala consiliare si terrà un convegno storico.

Introdurrà i lavori il sindaco Graziano Spanu, mentre le relazioni saranno svolte dai cultori di storia Vittorio Sella e Giacomo Floris, che analizzeranno gli eventi del 1794 e l’insegnamento da trarne ai nostri giorni, e da Angelo Canu a cui spetterà il compito, da esperto della materia, di spiegare l’importanza della lingua sarda nella storia della Sardegna, ieri e oggi. Insomma una giornata all’insegna della “sardità” e dei suoi valori più genuini, a 360 gradi. (b.a.)

http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2013/04/19/news/lode-giornata-di-celebrazione-per-sa-die-1.6915128

Lodè: Sa Rivolutzione Sarda dae sa modernidade a s’atualidade

lodè, sa die de sa sardigna, regione sardegna, lingua sarda, angelo canu, vittorio sella, gianna mereu, giacomo floris, graziano spanu,


Lodè, su 24 de abrile de su 2013

 Su progetu, fatu cun sa partetzipatzione de sa Regione Autònoma de Sardigna, L.R. 44/93 “Sa die de sa Sardigna” est ammanitzadu dae sa Comuna de Lodè paris cun s’Ufìtziu de sa Limba Sarda e sas iscolas de Lodè.

A pustis de duos meses de letziones de istòria in limba sarda su progetu at a agabbare su 24 de abrile.

Su programma:

A sas 10.00

sos pitzinnos de sa V classe de s’iscola primària ant a presentare                   “Sa die de sa giagarada”

 

A sas 16.00

in sala consiliare Cunvegnu istòricu e linguìsticu

Ant a faeddare:     Angelo Canu    Giacomo Floris     Vittorio Sella

 

Saludos de su sìndigu Graziano Spanu

 

 

Lodè non dimentica il poeta-fotografo Juanne Pretu Bravu

Articolo sulla Nuova Sardegna, di Bernardo Asproni

Juanne Pretu Bravu, poesia, ufìtziu limba sarda, lodè, angelo canu

«Est intradu lenu-lenu in sa vida de cadaunu de nois». Lo ha detto Angelo Canu, di s’Ufitziu de sa limba sarda, durante la cerimonia, tenutasi in cimitero, in onore di Juanne Pretu Bravu, al secolo Giovanni Pietro Sanna, fotografo e poeta, scomparso nel giugno 2011, all’età di 84 anni. «È entrato piano-piano nella vita di ciascuno di noi»: sì, perché Juanne Pretu Bravu, che ha conosciuto la sofferenza dell’emigrazione in Germania, era un uomo semplice e mite, ma con il senso della osservazione delle cose che ruotavano attorno al suo mondo, che le fissava con le zumate, feste paesane e avvenimenti (battesimi, cresime e matrimoni ed altro) di Lodè e dintorni, oltre a possedere l’estro poetico, da tavolino. Da certuni, per questo, era considerato un po’ strano, quindi votato a cader nell’oblio. La sua tomba era rimasta anonima senza la lapide, forse perché senza parenti che potessero provvedere. Ci ha pensato l’amministrazione. Per l’occasione, con la collaborazione di biblioteca e Ufitziu de sa limba sarda, con i ragazzi della terza media e i cittadini, che hanno inteso presenziare, si è svolta una manifestazione, un reading di poesie, di racconti e di memoria in ricordo di tziu Juanne Pretu. Il sindaco Graziano Spanu ha inquadrato la figura del poeta-fotografo, un artista dimenticato, da storia minore, ma di sicuro talento. Poi si sono succeduti al microfono studiosi, poeti, alunni, gente comune. Gino Farris ha letto un documento e una riflessione in ottava. Tito Canu, Bonaria Farris e gli alunni delle scuole hanno recitato poesie di ziu Juanne Pretu. Enedina Pau ha declamato una poesia di Peppino Mereu, Stefano Lobina una di Benvenuto Lobina, Giacomo Floris una di Pietro Casu, Gaetano Pira una sua poesia dedicata a Juanne Pretu Bravu. Il sindaco Spanu ha letto una poesia del poeta dedicata a lui e alla moglie, Angelo Canu ha ricordato la specificità nel proporsi fotografo in occasione di un suo particolare compleanno (Canu aveva perso il padre due mesi prima, peraltro compagno di emigrazione del poeta-fotografo) nel lontano 1985. Canu ha ricordato quella specificità (“Di,di, abbà di. Abbà, abbà di, abbà”) che forse esternava per gioco o forse perché “cussa manera” era diventata “su signu de riconoschimentu” (marchio di fabbrica), in ogni caso un modo di creare allegria. Sicuramente, visto il carattere, era un modo di creare allegria, di trasmettere la sua giovialità agli altri. Il pubblico ha recepito bene l’iniziativa del comune per il compaesano cantore di Lodè.


http://ricerca.gelocal.it/lanuovasardegna/archivio/lanuovasardegna/2012/11/09/NU_22_333.html?ref=search