CAMBIO DI ROTTA La Cassazione: sì alla lingua sarda nei processi

nuovasardegna

ROMA. Storica decisione della corte di Cassazione: il sardo è una minoranza linguistica, riconosciuta dalla legge, e come tale è lecito per l’imputato chiedere di essere interrogato o esaminato nella madrelingua.

I giudici della Cassazione, cambiando parere nel giro poco più di due anni, riconoscono il principio anche se respingono per una questione procedurale la richiesta di Salvatore Meloni, noto come “Doddore”, leader di Meris, di invalidare la decisione di negargli il patrocinio a spese dello Stato per il «mancato utilizzo nel processo del dialetto sardo campidanese».

«La lingua sarda _ dicono i giudici della quarta sezione penale in risposta al ricorso presentato dall’avvocato Cristina Puddu _ non può considerarsi mero dialetto, ma costituisce patrimonio di una minoranza linguistica riconosciuta» e va tutelato il diritto alla difesa. Ma va fornita una prova «formale» della appartenenza al territorio tutelato, cosa che Meloni non aveva fatto.

La Cassazione ha perciò bocciato la richiesta di Doddore ma per la lingua sarda è una vittoria. «Una splendida vittoria che cambierà la storia della Sardegna _ commenta il leader indipendentista _ è la dimostrazione che i pessimisti e quelli che non combattono per i propri diritti hanno sempre torto e che i sardi se vogliono e combattono saranno sempre vincenti e mai perdenti».

Per quanto riguarda la bocciatura della richiesta di patrocinio a spese dello Stato per non aver dimostrato l’appartenenza all’etnia sarda, Meloni non si scompone: «Vuol dire che alla Suprema Corte manderemo le analisi del mio Dna per dimostrare che la stirpe dei Meloni in Sardegna ha una storia millenaria».

 

artìculu leadu dae sa Nuova Sardegna

Matrimonio in sardo, si può anche a Bosa

matrinmonio

 

BOSA.. Le formule di rito del matrimonio civile da scandire in lingua sarda. Questa la nuova possibilità per i novelli sposi nella città del Temo, alla luce di un articolo inserito nello statuto comunale e di una apposita delibera, approvata dalla giunta.

A rendere noto che il fatidico “sì” di fronte alla fascia tricolore potrà trasformarsi in un più identitario “Eia,” la vice sindaco Maura Cossu. Che premette: «La nostra amministrazione ha manifestato fin dal suo insediamento particolare attenzione alla tutela e alla valorizzazione della lingua sarda». Indirizzo che si è tradotto in un concreto articolo (il 4) inserito recentemente nel rivisto statuto comunale. È la base per la delibera approvata dall’esecutivo cittadino nella riunione del tre dicembre.

Con la decisione formale di dare la possibilità «A chiunque ne faccia espressa richiesta, di impiegare anche la lingua sarda nella lettura dei tre articoli del codice civile, nell’esplicita e pubblica dichiarazione di volontà dei nubendi e durante la lettura dell’atto di matrimonio» spiega Maura Cossu. Per la prima volta quindi l’amministrazione locale permetterà la lettura delle formule di rito del matrimonio in sardo. «Consentendo il riconoscimento della nostra lingua come elemento di grande valore simbolico ed identitario», è l’obiettivo.

Una decisione quindi volta a favorire e garantire l’uso costante della lingua sarda negli ambienti istituzionali e in ogni momento della vita, sottolinea ancora la vice sindaco di Bosa. Gli articoli e le formule dell’atto di matrimonio verranno tradotti in sardo grazie alla collaborazione di Gianfranca Piras, de “S’Isportellu linguìsticu subra-comunale de Pianalza e Montiferru otzidentale”, operatrice a cui va il ringraziamento per l’aiuto dato del vice sindaco Maura Cossu. (alessandro farina)

 

artìculu leadu dae sa Nuova Sardegna

Dae su tratadu de Utrecht a un istadu italianu plurinatzionale

Corraine 2

In s’istòria de sos pòpulos, b’at datas prus importantes de àteras, ca nde podent determinare sa sorte e su tempus venidore. Pro sa Sardigna e sos sardos, una de custas est su 13 de trìulas de su 1713, cando Ispagna e Inghilterra aiant firmadu in manera definitiva su Tratadu de Paghe, Alliàntzia e Amighèntzia de Utrecht, chi agabbaiat sa gherra de sutzessione ispagnola, durada dae su 1701 a su 1712. Comente cunseguèntzia de su tratadu de paghe, sa Rennu de Sardigna, istituidu in su 1297 dae papa Bonifàtziu VIII, intraiat in su domìniu de sos Asburgos de Àustria e su Rennu de Sitzìlia in su de sos Savojas. In su 1717, però, s’Ispagna ocupaiat torra sa Sardigna. Ma su tratadu de Londra de su 2 de austu de su 1718 e su tratadu de S’Aja de su 17 freàrgiu de su 1720, atribuiant su Rennu sardu a su duca de Savoja, Vitòriu Amedeu II, chi fiat duncas custrintu a rinuntziare a sa Sitzìlia, chi andaiat a sos Austrìacos. Leados dae sos problemas mannos de oe, s’istòria no est de moda e, duncas, nemos faeddat de custu eventu de 300 annos a como chi at determinadu sa”italianidade” de su Rennu de Sardigna, in ue su nùmene “Sardigna” non rapresentat nen sa natzione nen sa limba sarda, ma est istada petzi s’ocasione pro dare titularidade istatale e regale a sos ducas de Savoja. Un’istadu chi, imbetzes, in su 1760, cun Carlo Emanuele III e su ministru Bogino, cumintzat s’italianizatzione fortzada in sas iscolas sardas, in sa pràtica religiosa, in sos ufìtzios pùblicos, pro nche catzare s’ispagnolu e su sardu. Utrecht 1713 podet èssere un’ocasione pro reflìtere de sa natura de sos problemas de sa Sardigna de oe, pro cumprèndere chi sa chistione de sa limba o de sa soberania non sunt punnas modernas, ma su resurtadu de unu protzessu longu de formatzione de sa cussèntzia natzionale sarda. E pro mustrare chi sa Sardigna at giai tentu “istatualidade”, sende chi sos Sados sunt istados privados in manera violenta (1793-96 e 1802) de sa sugetividade natzionale e, pustis, in manera patzìfica cun sa Fusione de su 1848, cherta dae sa burghesia sarda, cun su cumbinchimentu chi sas natziones minores podiant tirare profetu dae s’apartenèntzia a un’istadu prus mannu. A nàrrere sa giusta, dae s’istadu “unitàriu” de su 1861, sa natzione sarda no at tiradu perunu profetu particulare dae custa apartenèntzia, a su puntu chi, dae tando, sas crisis econòmicas e sotziales ant torradu a alimentare ideas de autodeterminatzione e indipendèntzia, contra a s’assimilatzione linguìstica e natzionale. Finas a arribbare a dies de oe, in ue est creschende in totu sos partidos sa voluntade de torrare a sa soberania chi tenìamus, comente “natzione” istòrica. Pro garantire echilibriu in sas relatziones de s’òmine cun s’ambiente, nudda paret prus lìtzitu de sas comunidades natzionales, chi durante sèculos ant isperimentadu sa manera mègius de guvernare su territòriu e sa comunidade. Pro otènnere custu bi diat chèrrere unu càmbiu costitutzionale chi ammintat chi s’istadu italianu est “plurinatzionale”. Sos elementos istitutzionales pro su reconnoschimentu costitutzionale de sa “natzione” sarda bi sunt, finas ca sa lege italiana 482/99 at reconnotu sa “comunidade”sarda, pròpiu ca faeddat in sardu. Custu càmbiu costitutzionale podet èssere sa base pro pretèndere s’otenimentu de sa soberania comente deretu istòricu e democràticu. Sa gherra pro cambiare sa costitutzione in sentidu plurinatzionale cheret fata in Sardigna, pro prima cosa. In antis chi si podet, cun su cunfrontu de totu sos chi tenent propostas de fàghere, pro no arribbare a parlamentu “cando s’àinu nch’est mortu de su risu”, che a semper.

 

dae sa Nuova Sardegna

“Jorge s’amigu nostru”

Jorge, s'amigu nostru

«Devides abbaidare cun sos ogros de su coro e in cue ais a bìdere a Gesùs. In cue amus a agatare a Gesùs». Ora c’è anche papa Francesco a parlare in sardo. «Ca Gesùs non cheret abbaidadu comente cando andamus a tzìnema o bidimus una sèrie televisiva. Gesùs non b’est pro l’abbaidare. Craru est? Ma pro l’agatare». È con queste parole in limba sarda comuna che Jorge Mario Bergoglio saluta i lettori della nuova traduzione di un bestseller che sta facendo il giro del mondo: Jorge, s’amigu nostru, dall’originale Il nostro amico Jorge, appunto, sottotitolo in sardo: “Contos de sa vida de Papa Frantziscu”.

Bestseller. La prima biografia ufficiale illustrata per ragazzi di papa Francesco, edizioni San Paolo, in Italia, uscita in occasione del settantasettesimo compleanno di Bergoglio, il primo da papa, il 17 dicembre scorso. Un libro balzato immediatamente in vetta alla classifica dei più venduti su Amazon. Un albo cartonato di grande formato, scritto da Jeanne Perego, con disegni di Giovanni Manna, 48 pagine in tutto, diventato subito un caso internazionale, pubblicato in edizione inglese (Our friend Pope Francis), messicana (Nuestro amigo Jorge), brasiliana (O meu amigo Jorge), tedesca (Der Junge, der Paps Franziskus wurde), slovena (Naš prijatelj Jurij), portoghese (O meu amigo Jorge) e norvegese (Var venn Jorge), tanto per citare le prime versioni uscite negli ultimi tempi.

In Argentina. Al lungo elenco si aggiunge adesso anche l’edizione sarda, tra qualche giorno in libreria, proposta e curata dalla casa editrice nuorese Papiros, una vivace realtà culturale che «dae semper at crèidu a s’unidade iscrita de sa limba sarda» spiega Diego Corraine, l’anima e il factotum della cooperativa barbaricina, lui che ha tradotto-bortadu questo Jorge, s’amigu nostru. Opera dell’italianissima Jeanne Perego, che a dispetto del nome francese vive in Baviera, a Landshut, già autrice di altri due libri per ragazzi, Joseph e Chico. Un gatto racconta la vita di Papa Benedetto XVI Max e Benedetto. Un passero solitario racconta la giornata del Papa.

A illustrare Il nostro amico Jorge, invece, ci ha pensato Giovanni Manna, fiorentino che vive a Bologna, premio Andersen nel 2003.

Un binomio, Perego-Manna, che ha saputo raccontare con un linguaggio divertente quanto originale l’affascinante storia del piccolo Jorgito, dallo sbarco dei nonni piemontesi migranti in Argentina al suo arrivo in San Pietro. La vita semplice e straordinaria di un papa che ha scelto per sé il nome del poverello di Assisi e che ha conquistato fedeli e non fin dal primo momento. Un papa che non è certamente un esperto poliglotta come lo era Wojtyla, ma che è comunque sempre pronto a provarci e a mettersi in gioco.

In Vaticano. L’ha fatto, per esempio, quando ha incontrato in Vaticano il segretario generale delle Nazioni unite Ban Ki-Moon: «This is for you», le uniche parole pronunciate in inglese quando ha consegnato un dono all’ospite lo scorso aprile. Il giorno prima, invece, durante l’udienza che ha concesso a Nikolaus Schneider, leader della Chiesa evangelica in Germania, le uniche parole di Francesco, che pure ha studiato in Germania e conosce il tedesco, erano state due soltanto: «Vielen dank». Del resto, sin dall’inizio del suo ministero, il 266° vescovo di Roma ha palesato una certa ritrosia a utilizzare le lingue straniere, studiate e utilizzate da giovane ma con scarso profitto, sia per quanto riguarda il francese sia per il tedesco, anche se «l’unica lingua che mi causa grossi problemi è l’inglese, per via della sua pronuncia», ha “confessato” Bergoglio nel libro intervista di Sergio Rubin e Francesca Ambrogetti, Papa Francesco (Salani). Eppure, quando è sbarcato a Cagliari, lo scorso settembre, Jorge s’amigu nostru arrivato dai confini del mondo non ci ha pensato due volte a chiudere la visita pastorale con un beneaugurante «Nostra Segnora ’e Bonaria bos acumpantzet semper in sa vida». Una frase, una sola frase, tanto è bastato per dare un segnale forte alla terra dei nuraghi e per ridare senso e dignità a una lingua cosiddetta minoritaria.

Nella valigia. Papa Frantziscu, poi, era ripartito verso la Santa sede con in valigia, tra gli altri doni-simbolo dell’isola, una copia di Martin Fierro, il celebre poema di José Hernandez sui gauchos della pampa tradotto in sardo da Antonio Vargiu per le edizioni Domus de Janas.Ora, invece, è proprio la sua vita, la sua storia, la vicenda di questo popolare pontefice a parlare in limba. «Una limba moderna chi podet parare fronte a cale si siat limba internatzionale» assicura orgoglioso Diego Corraine. Una lingua, il sardo, che può reggere il confronto con tutte le altre lingue internazionali, una lingua moderna e niente affatto retrograda e destinata a morire.

Tante lingue. Lo dimostra Jorge, s’amigu nostru edizioni Papiros, ormai accanto all’inglese CTS, alla messicana Buena Prensa, alla brasiliana Edições DLL, la tedesca Butzon & Bercker, la slovena Salve, la portoghese Principia e la norvegese St.Olav Vorlag. Una finestra sul mondo alla quale si affaccia anche sa limba. Dando voce addirittura al Papa: «Tando, apo a faeddare a forte, ca non deves pèrdere nudda de su chi t’apo a contare: deo so che a sa giòvia, semper in mesu» va avanti il racconto per interposta persona. «A Jorge lu connosco dae cando, galu piseddu, passaiat inoghe cun sa mama e cun su babbu pro andare a visitare carchi famìlia de amigos». «A pustis chi s’est fatu preìderu, su 13 de nadale de su 1969, nche l’ant imbiadu a fàghere a professore in àteras tzitades, finas in Tzile. Sa passione sua pro s’istùdiu l’aiat animadu, difatis, a intrare in s’Òrdine de sos Gesuitas… ».

Pagine di libri. Poche pennellate per presentare ai ragazzi un grande personaggio come Jorge Mario Bergoglio alias papa Francesco, o meglio: papa Frantziscu. Un uomo che «a s’ispissu apo intesu narende chi Jorge fiat professore de gabbale, mescamente de literadura. No nde so ispantadu: belle semper, cando lu bidia moende, teniat sos ogros mirende sas pàginas de unu libru. Fiat semper leghende, leghende… A bias finas in latinu!». Adesso, invece, al Papa, che parla spagnolo e italiano ma proprio poliglotta non è, lo vedranno leggere in sardo. In limba sarda comuna.

 

de L. Piras

http://lanuovasardegna.gelocal.it/regione/2014/01/10/news/jorge-s-amigu-nostru-1.8442654

Lingue di minoranza, la lezione degli altri Paesi

Alessandro Mongili

Alessandro Mongili

 

Contrariamente a quanto si è detto, le misure prese nei Paesi civili sulle lingue di minoranza hanno dato i risultati sperati. Non si è trattato, come scrive Giulio Angioni, di “feste poetiche, premi letterari, raduni folkloristici, convegni di studio specialistici e no, toponomastica in parlate locali, insegnamento scolastico”. No. Le università catalane sono in larga misura catalanofone, la BBC Alba, che trasmette in gaelico scozzese, parlato da meno del 5% degli scozzesi, è un successo, raccontato recentemente sul “Guardian”, in Irlanda le scuole gaeliche hanno la fila davanti perché offrono un insegnamento migliore, in Bretagna le sezioni che usano il bretone come lingua veicolare per tutte le materie sono obbligatorie in tutti i Licei, anche dove il bretone si è estinto, e per non parlare dell’Occitania (non della “Provenza” come dice Angioni). I cittadini di aree multilingui si sono arricchiti con la conoscenza della propria, e in alcune lingue di minoranza sono state elaborate opere importanti. Soprattutto, ed è impagabile, milioni di cittadini hanno scoperto nella loro diversità linguistica una ragione non di vergogna, ma di autostima. Queste lingue si difendono per tutelare il patrimonio storico, per arricchire la strumentazione culturale delle comunità, per dare un futuro a lingue elaborate collettivamente in centinaia di anni e, naturalmente, sotto la spinta politica di movimenti che difendono gli interessi delle minoranze di fronte all’agire, quello sì, violento e omologante delle costruzioni nazionali, artificiali e centraliste. Il che è legittimo e, secondo me, nobile. In Sardegna si è fatto poco, anche grazie alle visioni paleo-evoluzioniste e paleo-modernizzatrici di troppi intellettuali sardi. Bene, nessuno si aspetta che chiedano scusa. Tuttavia la ricerca socio-linguistica del 2007 smentisce l’argomentazione principale di Angioni, e cioè che i sardi “non vogliano” difendere il sardo. Al contrario, essi dicono di volerlo, in percentuali elevatissime e che non lasciano spazio ad alcun dubbio. Questi dati non sono stati smentiti da altre ricerche, e traducono un fenomeno evidente: non esistono solo i burocrati della lingua, ma esistono reti di attivisti, percorsi personali, esperienze culturali e professionali, e anche conflitti che danno densità e consistenza a questa nuova coscienza. Di cui esistono tante tracce, a ben vedere. Basta non classificarle come scarti rispetto alle magnifiche sorti e progressive del monolinguismo. Il problema appare piuttosto la disparità di status fra le lingue, che provoca la mancanza di opportunità parlarlo anche se lo si conosce, la vergogna, esperienze scolastiche negative, l’interiorizzazione del legame fra le lingue minoritarie sarde e un giudizio sociale sprezzante sui loro parlanti. Quello della Giunta Soru è stato il primo tentativo dipolitica linguistica in Sardegna, e tardivo. Esso ha generato una moltitudine di esperienze, e anche una serie di problemi. Noi dobbiamo analizzarne le problematicità ma anche andare avanti, e non affossare tutto al primo ostacolo. Perché una lingua circoli in una società come la nostra, la scrittura e la sua standardizzazione rappresentano un passaggio inevitabile. Ma si tratta di un processo vero e proprio e non è pensabile che non vi siano problemi, e che la gente rimanga calma. È auspicabile che la politica riacquisti un ruolo di equilibrio e di guida. Essa è chiamata a sviluppare politiche di parità per le lingue minorizzate, e a riconoscere che l’italiano è favorito a tutti i livelli. Su di esso sono investite somme non paragonabili a quelle spese per le lingue dei Sardi, ma anche per l’inglese.

 

di ALESSANDRO MONGILI

LA NUOVA SARDEGNA
SABATO, 14 DICEMBRE 2013

http://ricerca.gelocal.it/lanuovasardegna/archivio/lanuovasardegna/2013/12/14/NU_17_01.html?ref=search