Est mai esistida in s’istòria de sa Sardigna una Limba Sarda Comuna?

Bèrtolu Porcheddu

Bèrtolu Porcheddu

Cando si faeddat de Limba Sarda Comuna, de sòlitu, si cheret intèndere una variedade linguìstica artifitziale, fata a taulinu dae sos linguistas pro dare una forma iscrita unitària a sa limba sarda e pònnere umpare Logudoresos e Campidanesos. Si nois atzetamus custu cunsidèriu, depimus afirmare chi sa Limba Sarda Comuna est un’imbentu de sas dies nostras e chi custa non tenet perunu fundamentu istòricu.

In su Mediuevu sardu, sos giùighes de sos bator rennos de Turres, Caddura, Arborea e Càlari aiant ammeradu sa mannària diatopica (diferèntzia linguìstica in su logu) ponende manu a una limba iscrita de “superstrato”, adatende•la a sas variantes locales issoro. Est in custu cuntestu chi naschet sa limba sarda “Comune”, ossiat sa limba iscrita normalizada, chi non fiat sa limba faeddada dae su pòpulu, ma sa limba cantzelleresca impreada dae sos iscrivanos e dae sos intelletuales de su rennu. Pro tantu, giai dae tando, nois amus duas formas de iscritura: una populare, chi agatamus pro su prus in sos condaghes, e una istatuale, chi beniat impreada in sos atos notariles e in sas Cartas de Logu.

Si fiat istadu bastante fàtzile pro sos Logudoresos e pro sos Campidanesos dare règulas pretzisas a sa limba iscrita issoro, ateretantu simples non fiat istadu su protzessu de normalizatzione mandadu a dae in antis dae sos giùighes de Arborea. Su giudicadu de Arborea serraiat intro sas làcanas istòricas suas una populatzione pagu omogènea dae su puntu de vista linguìsticu. Difatis, sas iscussestadas gràficas (e pro tantu fonèticas) de sas trèighi curadorias (Barbàgia de Belvì, Barbàgia de Ollolai, Barigadu, Bonurzuli, Campidanu Majore, Campidanu de Milis, Guilcier, Mandrolisai, Marmilla, Montis, Usellus, Valenza e Brabaxiana) si podent bìdere in su condaghe de Santa Maria de Bonàrcado, in ue sunt rapresentados bator sèculos de istòria de s’iscritura populare in Sardigna. Nointames custu, sa limba arborenze poniat umpare in forma iscrita logudoresu e campidanesu.

In su 1353, cun sa gherra incumentzada dae Marianu IV de Arborea contra su re de Aragona, s’ispada aiat abertu s’àidu a sa pinna e sa Limba Arborense aiat leadu cuviu comente limba ufitziale in ue aiat postu raighinas s’àrbure israighinadu, sìmbulu natzionale arborense. S’iscritura a nou de sa “Carta de Logu” dae parte de Eleonora de Arborea, promulgada pro totu sos Sardos, fiat giuada a pustis fintzas a sos Catalanos-Aragonesos cando, cun sa ruta de su giudicadu de Arborea (1420), diant àere istèrridu sa Carta arborense a totu sas biddas infeudadas de sa Sardigna. Sa Carta de Logu, pro tantu, beniat a èssere non petzi unu còdighe giurìdicu, ma fintzas unu còdighe linguìsticu, chi beniat leadu a inditu dae chie depiat iscrìere in sardu.

Sa Limba Arborense fiat resèssida a si mantènnere in bida in sa “Carta de Logu” finas a su 1827, cando aiat dèpidu lassare su logu a su Còdighe de Càralu Felitze, iscritu in italianu. Dae custu mamentu sa limba sarda aiat pèrdidu de ufitzialidade e sos Sardos nd’aiant dispèrdidu sa memòria istòrica.

Oe, cando si faeddat de Limba Aborense, de sòlitu, si cheret intèndere sa variedade linguìstica faeddada in cussas biddas de s’Artu Aristanesu, o de “mesania”, postas a làcana intre sas duas variedades linguìsticas mannas (logudoresu e campidanesu). Pro Arborense medas intendent fintzas sa limba impreada in sa “Carta de Logu”; chentza pro àteru nàrrere de cale “Carta de Logu” si tratat, dae su mamentu chi su documentu originariu non est istadu mai agatadu e chi s’incunàbolu (prima editzione a imprenta de sa finitìa de su 1400) est chentza duda su documentu prus rapresentativu de sa Limba Arborense.

Difatis, si leamus in cunsidèriu sos tratos distintivos de su logudoresu e de su campidanesu presentes in s’incunàbolu de sa “Carta de Logu” e los cunfrontamus cun cussos seberados dae sos istudiosos pro iscrìere sas règulas de sa Limba Sarda Comuna, nos rendimus contu de sos assimìgios intre custas duas limbas normalizadas. In àteras paràulas, sos linguistas de oe ant impreadu pro istandardizare sa limba sarda sos matessi paràmetros leados a inditu dae sos omòlogos issoro setighentos annos a como.

Sa diferèntzia fundamentale intre sa Limba Arborense e sa Limba Comuna no istat tantu in sa fonètica o in sa morfo-sintassi, ca sunt belle paris, cantu in su nùmeru de sas pessones chi podent impreare custas normas. Si in su Mediuevu sardu sa Limba Arborense beniat impreada dae pagos iscrivanos, oe sa Limba Comuna podet èssere impreada dae totu su pòpulu. Si tando, rutu su re, fintzas sa limba aiat sessadu de tzocheddare, como su distinu suo no est ligadu a un’òmine ebbia ma a totu su pòpulu soberanu.

de Bèrtolu Porcheddu

Giornalismo in limba, vince una sarda-indiana

angelo fontanesi, gianfranco pintore, prèmiu pintore, diego corraine, limba sarda comuna, lsc, irgoli, rachel falchi, lisandro beccu, andrea pira, giuseppe flore, la nuova sardegna


di Angelo Fontanesi

IRGOLI. A sentirla parlare in limba, in maniera fluente e corretta, non avresti dubbi sulla sua origine. Poi la guardi e rimani interdetto. Perchè Rachel Falchi, i suoi natali indiani li porta con fierezza impressi nel colore della pelle e nella profondità del suo sguardo. «Ma su coru est sardu – ti dice con un sorriso disarmante – che a mimme». Sarda da quando a 10 mesi fu adottata dai suoi genitori sassaresi orgogliosissimi della loro figlia che oggi, a 30 anni con una laurea in Economia aziendale ancora in attesa di diventare fonte di reddito, si diletta non solo a parlare quella che è sempre stata la sua lingua madre ma anche a scriverla. E scriverla bene per giunta, tanto da essere l’autrice di uno dei tre articoli premiati della prima edizione del “Premiu Pintore” concorso giornalistico in sardo ideato e promosso dalla Papiros Editziones di Diego Corraine e dal Comune di Irgoli, paese che diede i natali al giornalista scrittore Gianfranco Pintore scomparso lo scorso anno e al quale è dedicata l’iniziativa. Oltre al suo articolo sull’argomento ambiente, sabato scorso ad Irgoli sono stati premiati ex equo, con 100 euro a testa e la prossima pubblicazione sulla rivista Eja, anche il pezzo sulla pastorizia di Alessando Lisandru Beccu, silanese di 26 anni, studente alla facoltà di Infermieristica di Sassari, e quello a doppia firma sull’indipendenza scozzese dei nuoresi Andrea Pira e Giuseppe Flore. Tutti giovani, come richiedeva il bando, e tutti assolutamente a loro agio nel dissertare e scrivere di qualsiasi argomento in “limba sarda comuna”. «E’ questo il dato che più di ogni altro ci gratifica del lavoro svolto per promuovere e valorizzare il sardo – dice Diego Corraine – Quando l’anno scorso col sindaco di Irgoli Giovanni Porcu abbiamo pensato di organizzare qualcosa in memoria di Gianfranco non abbiamo avuto dubbi: doveva essere un premio giornalistico in sardo riservato ai giovani. Perchè il valore di una lingua lo si misura anche dalla sua evoluzione e questi ragazzi sono la dimostrazione che il sardo è una lingua viva e moderna». A gioire del successo della manifestazione anche un altro giovane laureando: Carminu Pintore. Uno che il sardo lo padroneggia con tale maestria da aver tradotto in limba un classico della letteratura internazionale come “Dr Jekyll e Mr Hide”. Ma lui è avvantaggiato: est izzu ‘e babbu.

 

dae http://lanuovasardegna.gelocal.it/regione/2013/05/21/news/giornalismo-in-limba-vince-una-sarda-indiana-1.7104600

Limba sarda comuna (LSC): dopo le divisioni il confronto e l’unità?

Francesco Casula

de Frantziscu Casula

 

Dopo anni di divisioni e di polemiche, talvolta faziose, forse è la volta del confronto e della discussione, per arrivare finalmente a una condivisione e a un accordo in merito alla standardizzazione della Lingua sarda, che superi vecchie e ossificate contrapposizioni.

 

Un segnale potrebbe essere quello che Graziano Milia ha lanciato recentemente a Quartu (al Convegno su Lingua sarda e Identità) sostenendo di “non escludere anzi di auspicare un solo standard per la Lingua sarda”, senza demonizzare la LSC.

 

L’importanza del segnale è data dal fatto che Graziano Milia è stato da Sindaco di Quartu prima il principale oppositore della Limba sarda unificada e da Presidente della Provincia di Cagliari poi (insieme alla Giunta e all’intero Consiglio) il sostenitore di un Comitato che ha dato vita alla “Normalizzazione della varietà campidanese della Lingua sarda”, di fatto contrapposta alla LSC.

 

Normalizzazione contenuta in un volume (Alfa Editrice, Quartu, 2009,) con le “Arregulas po ortografia, fonètica, morfologia e fueddariu de sa Norma Campidanesa de sa Lingua Sarda”.

 

Per una discussione proficua sulla LSC, occorre, a mio parere, partire dai “meriti” che anche gli avversari le riconoscono. Ecco cosa scrivono:

 

“Per la prima volta nella storia della Regione Autonoma Sarda essa si dota di norme per la lingua scritta. Ciò vuol dire che:

 

– La Sardegna ha una lingua (che non è un dialetto dell’italiano): già questo è un fatto che persino a molti sardi suonerà come una grande novità, se pensiamo alla scarsa considerazione che il sardo ha in molti ambienti geografici e sociali.

 

Questa lingua:

 

– è ufficiale (poiché è deliberata dalla Giunta): quindi non è un mezzo di espressione per soli poeti, scrittori o estimatori, ma può esprimere anche gli atti della politica e ha un’importanza sociale e non solo letteraria;

 

– vuole rappresentare una “lingua bandiera”, uno strumento per far crescere in tutti i sardi il sentimento dell’identità: è una maniera forte per sottolineare il binomio fra lingua e identità, che non può essere rotto ma che oggi s’è fatto molto debole, perché il bombardamento culturale (“la lingua italiana è meglio del dialetto sardo”) è riuscito quasi del tutto a lasciarci solo un’identità mista, incerta e quasi a rompere il filo che ci lega alla storia della nostra terra e alla nostra gente;

 

– vuole seminare il terreno per una rappresentanza regionale nel Parlamento europeo come espressione di lingua minoritaria: questo ci darebbe il diritto di avere un eurodeputato sardo senza doverlo disputare con la Sicilia, perdendolo sempre per motivi demografici;

 

– vuole essere sperimentale, dunque potrà essere ampliata, corretta e arricchita con gli aggiustamenti più opportuni: pensiamo che questo sia positivo soprattutto per quelli che non saranno contenti e non si sentiranno rappresentati pienamente dalla variante scelta dalla commissione, giacché gli darà modo di intervenire con proposte di modifiche e miglioramenti;

 

–  non vuole eliminare le varianti linguistiche parlate e scritte nel territorio sardo, anzi si pone al loro fianco nel compito che la regione si assume di difenderle, valorizzarle e diffonderle: questo punto è buono in generale, come dichiarazione di impegno, nonostante non si dica in che modo la regione lo metterà in pratica nella realtà;

 

A queste considerazioni di valore senza dubbio positivo, che sono dichiarate nella stessa delibera, ci pare di poterne aggiungere altre due che ci sembrano di non poco conto:

 

– potrebbe riavvicinare all’uso del sardo l’Amministrazione Pubblica: ciò sarebbe positivo nel senso che gli impiegati e i funzionari pubblici che spesso usano l’oscurità della lingua burocratica per ritagliarsi la loro quota di potere (grande o piccola che sia a seconda dell’importanza che hanno nella gerarchia), riprendendo a utilizzare il sardo potrebbero riavvicinarsi alla popolazione, soprattutto alle fasce deboli dei vecchi e dei poco acculturati, aiutandoli a sentirsi più considerati e tutelati;

 

– potrebbe avvicinare al sardo le generazioni di giovani che non hanno mai conosciuto la lingua, sia perché sono figli di continentali che non parlano il sardo, sia perché sono figli di sardi che hanno preferito non insegnargliela per qualsivoglia ragione”.

 

 [Documento degli studenti sulla lingua standard-Limba sarda comuna, deliberata dalla Giunta regionale, Università degli studi di Cagliari, Corso di laurea in Scienze della formazione primaria-Master Universitario di II livello in “Approcci interdisciplinari alla didattica del sardo”, Cagliari 12-Giugno-2006, pagine 22-23].

 

Certo gli oppositori alla LSC individuano in essa anche molti limiti, due in particolare: 1. sarebbe una lingua di plastica, artificiosa, costruita astrattamente a tavolino. E dunque senza radici e senza scrittori e poeti né passati né presenti né futuri. Ma ciò è del tutto vero? Possiamo dimenticare che uno dei più validi romanzi scritti in sardo negli ultimi anni, Sa losa de Osana (La stele di Osana) del compianto Gianfranco Pintore, scomparso recentemente, è stato scritto in Limba sarda comuna?.

 

 2. a prevalere nella LSC sarebbe il Logudorese. Bene: ma cosa impedisce che nella LSC sia incorporata tutta la ricchezza lessicale delle varietà e delle parlate della Lingua sarda nel suo complesso? Non lo sostengono forse gli stessi sostenitori della LSC che essa “vuole essere sperimentale, dunque potrà essere ampliata, corretta e arricchita con gli aggiustamenti più opportuni”?

 

E dunque che venga arricchita, ampliata e corretta. Con il contributo di tutti. E penso in modo particolare a tanti giovani, valenti studiosi e amanti della Lingua sarda, che da anni si battono, coerentemente, con scritti e azioni, nelle scuole e nelle comunità sarde, per il Bilinguismo perfetto. Penso ai Marco Sitzia e Ivo Murgia, Amos Cardia e Pietro Perra. Ma anche a studiosi e scrittori come Franca Marcialis, Stefano Cherchi e Pietro Zedda. O a poeti come Franco Carlini, Efisio Cadoni  e Michele Podda.

 

Quello che comunque occorre è porre fine alle disamistadi, che durano ormai da troppi anni. I nemici di sempre della Lingua sarda come corvi, continuano a svolazzare, pronti a inserirsi come sciacalli, nelle nostre divisioni mortifere, per divorarci tutti: pro LSC e contro LSC. E poco importa che siano politicanti legati al centralismo monolinguistico italiota o figuri ammantati di livree accademiche che, con spocchia e saccenteria, pontificano sul SARDO, senza mai parlarlo né scriverlo.


http://truncare.myblog.it/archive/2013/01/05/limba-sarda-comuna-dopo-le-divisioni-il-confronto-e-l-unita.html

La prima grammatica della lingua sarda comuna

 

nuovasardegna.jpg

BONORVA. Nell’ambito della manifestazione intitolata “Intras in Cabidanni”, che si è tenuta sabato a Rebeccu, piccolo villaggio medioevale collocato a circa sei chilometri da Bonorva, è stata presentata la prima grammatica della Limba Sarda Comuna.

L’autore, Bartolomeo Porcheddu, è di Ossi, ha 53 anni, è laureato in Scienze politiche ed è specializzato in studi sardi. È stato lui a spiegare i motivi che hanno portato all’edizione di un documento importante sulla grammatica della nostra “limba”. «La Regione autonoma della Sardegna, prendendo in considerazione i pareri espressi dalla commissione regionale per la lingua sarda – ha osservato Porcheddu -, ha ritenuto opportuno proporre una norma scritta di riferimento che fosse la mediazione tra le diverse parlate sarde. Così com’è accaduto per altre lingue, che di recente hanno acquisito una norma scritta di riferimento – ha continuato -, come il galiziano, il ladino, il friulano, il romancio o lo stesso basco, anche per il sardo si è giunti ad elaborare un modello di “lingua” il più omogeneo possibile, elementare e semplice da imparare e usare. L’elaborazione della limba sarda comuna non ha come fine l’unificazione della lingua sarda, perché il sardo è già una sola lingua, ma semplicemente la costituzione di un modello unico di lingua scritta. La limba sarda comuna vuole essere la lingua rappresentativa di tutti i sardi che ne vogliono fare uso dentro e fuori i confini della loro isola».

Una considerazione da cui è nata l’idea di Bartolomeo Porcheddu, di scrivere e mettere a disposizione dei cultori di “sa limba” la prima grammatica della limba sarda comuna. «Una grammatica scritta in sardo per i sardi – ha fatto notare l’autore -, ma con la traduzione in italiano per quelli che non conoscono la lingua sarda e vorrebbero impararla».

Fonetica, fonologia, ortografia, morfologia e sintassi sono spiegate con l’aiuto di 88 tabelle esplicative, nelle quali le regole grammaticali sono mostrare in modo semplice e diretto.

L’ultimo capitolo è dedicato all’utilizzo della lingua statuale nel Medioevo sardo.

«Attraverso la comparazione di tre Carte de Logu con la limba sarda comuna di oggi – ha concluso l’autore -, si è potuto dimostrare come l’esigenza di avere una lingua scritta unitaria non sia una levata di testa dei nostri giorni, ma una necessità che il popolo sardo ha sempre avuto. La lingua statuale del regno di Arborea è stata la lingua sarda comune nel Medioevo sardo, ma, caduto il re, anche la lingua cessò di battere. Oggi, poiché è il popolo il sovrano dell’isola – precisa Bartolomeo Porcheddu -, l’esistenza di una lingua sarda comune dipenderà solo da esso».

 

di Emidio Muroni

 

http://lanuovasardegna.gelocal.it/sassari/cronaca/2012/09/25/news/la-prima-grammatica-della-lingua-sarda-comuna-1.5755626