Presentada de su libru ‘Grammàtica de sa Limba Sarda Comuna’

grammatica de sa limba sarda comuna, lsc, torpè, ANTONELLA DALU (Sìndigu), BARTOLOMEO PORCHEDDU (Autore), ANGELO CANU (Ufìtziu Limba Sarda),


Sa Comuna de Torpè e s’Ufitziu de sa Limba Sarda

Presentant su libru 

‘Grammàtica de sa

Limba Sarda Comuna’

 

 

ant a faeddare
ANTONELLA DALU (Sìndigu)
BARTOLOMEO PORCHEDDU (Autore)
ANGELO CANU (Ufìtziu Limba Sarda)

 

Torpè – Sala Consiliare de sa Comuna
Pratza de sa Comuna – 10

SU 21 DE LÀMPADAS A SAS 19.00

Giornalismo in limba, vince una sarda-indiana

angelo fontanesi, gianfranco pintore, prèmiu pintore, diego corraine, limba sarda comuna, lsc, irgoli, rachel falchi, lisandro beccu, andrea pira, giuseppe flore, la nuova sardegna


di Angelo Fontanesi

IRGOLI. A sentirla parlare in limba, in maniera fluente e corretta, non avresti dubbi sulla sua origine. Poi la guardi e rimani interdetto. Perchè Rachel Falchi, i suoi natali indiani li porta con fierezza impressi nel colore della pelle e nella profondità del suo sguardo. «Ma su coru est sardu – ti dice con un sorriso disarmante – che a mimme». Sarda da quando a 10 mesi fu adottata dai suoi genitori sassaresi orgogliosissimi della loro figlia che oggi, a 30 anni con una laurea in Economia aziendale ancora in attesa di diventare fonte di reddito, si diletta non solo a parlare quella che è sempre stata la sua lingua madre ma anche a scriverla. E scriverla bene per giunta, tanto da essere l’autrice di uno dei tre articoli premiati della prima edizione del “Premiu Pintore” concorso giornalistico in sardo ideato e promosso dalla Papiros Editziones di Diego Corraine e dal Comune di Irgoli, paese che diede i natali al giornalista scrittore Gianfranco Pintore scomparso lo scorso anno e al quale è dedicata l’iniziativa. Oltre al suo articolo sull’argomento ambiente, sabato scorso ad Irgoli sono stati premiati ex equo, con 100 euro a testa e la prossima pubblicazione sulla rivista Eja, anche il pezzo sulla pastorizia di Alessando Lisandru Beccu, silanese di 26 anni, studente alla facoltà di Infermieristica di Sassari, e quello a doppia firma sull’indipendenza scozzese dei nuoresi Andrea Pira e Giuseppe Flore. Tutti giovani, come richiedeva il bando, e tutti assolutamente a loro agio nel dissertare e scrivere di qualsiasi argomento in “limba sarda comuna”. «E’ questo il dato che più di ogni altro ci gratifica del lavoro svolto per promuovere e valorizzare il sardo – dice Diego Corraine – Quando l’anno scorso col sindaco di Irgoli Giovanni Porcu abbiamo pensato di organizzare qualcosa in memoria di Gianfranco non abbiamo avuto dubbi: doveva essere un premio giornalistico in sardo riservato ai giovani. Perchè il valore di una lingua lo si misura anche dalla sua evoluzione e questi ragazzi sono la dimostrazione che il sardo è una lingua viva e moderna». A gioire del successo della manifestazione anche un altro giovane laureando: Carminu Pintore. Uno che il sardo lo padroneggia con tale maestria da aver tradotto in limba un classico della letteratura internazionale come “Dr Jekyll e Mr Hide”. Ma lui è avvantaggiato: est izzu ‘e babbu.

 

dae http://lanuovasardegna.gelocal.it/regione/2013/05/21/news/giornalismo-in-limba-vince-una-sarda-indiana-1.7104600

Sa rivolutzione de sa limba

sardegna, plurilinguismo, irs, sa rivolutzione de sa limba, lsc, limba sarda, autocritica,


No isco si est una “mossa polìtica” ebbia o unu documentu sintzeru chi naschet dae su coro, ma a onni manera est unu documentu, a bisu meu, de importu mannu: pro sa prima borta (fortzis, si m’isbàllio m’ais a currègere) unu partidu sardu indipendentista si pigat sa responsabilidade de ammìtere de àere dadu pagu importu a sa chistione de sa limba (Fintzas a oe in medas amus pecadu de àere trascuradu sa limba cosa nostra, e duncas, comente movimentu indipendentista, iRS cheret betare un’apellu a totu is indipendentistas de oe: comente amus fatu sa rivolutzione interiore ca una bella die nos semus ischidados e nos semus acatados ca non semus italianos, ma semus sardos, gasi depimus fàghere un’àtera rivolutzione detzisiva. Nos depimus torrare a appropiare de sa limba de chi nos ant privadu, e custu no est difìtzile: bastat a dda faeddare. E si ddoe at calicunu chi no dda ischit faeddare prus, dd’at a imparare, e custu puru at a èssere unu deretu e unu dovere mannu de ònnia sardu.) e ponet sa limba che punna de importu mannu pro sa sorte de sa Sardigna.

E pro sa prima borta (fintzas inoghe, si m’isbàllio m’ais a currègere) unu partidu sardu indipendentista narat a craru chi est in favore de un’istandard iscritu “ ca iscrìere in una manera ordinada e coerente no bolet nàrrere a faeddare diferente dae comente amus faeddadu fintzas a oe.” che a sa LSC.

Isetamus àteros documentos,  àteras novas bonas che a custa e e mescamente atziones cuncretas. Sa polìtica linguìstica fata in custos ùrtimos annos no est istada fata de badas: marrende, marrende…

Custu est su documentu firmadu iRS – indipendèntzia Repùbrica de Sardigna

In sa situatzione de crisi totale chi sa Sardigna est bivende (econòmica, identitària, sotziale, demogràfica) fintzas tropu est istada trascurada sa chistione linguìstica. Ddoe at problemas chi, pro sa natura issoro, parent prus cuncretos e prus urgentes de s’istadu de sa limba sarda.

Sa beridade però est totu un’àtera cosa: cussa de sa limba est una chistione de sa cale non si nde podimus prus isciacuare is manos, e custu balet no isceti pro unu movimentu indipendentista che a iRS, ma pro cale si siat entidade polìtica chi tèngiat a coro sa salude de su pòpulu e de sa Natzione. Ca s’istadu de salude de una limba iscòviat totu de s’istadu de salude de su pòpulu chi dda faeddat.

iRS tenet un’agenda polìtica pro su chi pertocat sa cultura: a fundamentu de custa agenda ddoe at sa firmesa de s’idea chi una cussèntzia prus manna de sa limba issoro, diat donare a is sardos una cussèntzia prus manna de issos etotu. Su printzìpiu chi ddoe at a suta de custa ecuatzione est una grandu timoria pro un’istadu atzentradore che a cussu italianu, chi at semper fatu a manera de truncare custa cussèntzia e chi oe in die puru sighit a declassare sa limba nostra in una dimensione sotziale inferiore, finas torrende a dda a tzerriare “dialetto”.

E tando ite tocat a fàghere pro fàghere crèschere torra custu sentidu linguìsticu de is sardos? Est netzessàriu prus ca totu unu incrementu de s’istrutzione linguìstica in generale de is sardos, a cumentzare dae sa pitzinnia: tocat a torrare a su multilinguismu e a su multiculturalismu chi dae semper ant caraterizadu sa tzivilidade nostra, a su tzentru de su Mediterràneu, in ue semper si sunt addobiados pòpulos e limbas diferentes. Ca su monolinguismu e su monoculturalismu sunt un’imbentu e non s’istadu naturale e normale de su mundu.

Dae su cunfrontu cun àteras limbas europeas diat nàschere una riflessione meta-linguìstica chi nos diat agiudare in pagu tempus a nche bogare in fàula totu cussos mitos a subra de sa limba: su de non si pòdere cumprèndere intra sardos, s’esistèntzia de duas limbas sardas diferentes chi diant èssere Logudoresu e Campidanesu, s’antigòriu de su sardu, pro nde remonare isceti una pariga.

Pro cumprèndere sa netzessidade de innescare custu tipu de riflessione intra is sardos, tocat a nàrrere chi: sa primu malasorte de is sardos de oe est ca sunt istruidos petzi in limba italiana: una limba chi est istada imbentada e codificada dae pagu tempus, a su puntu ca s’iscriet a comente si leet, cun una banalidade disconnota a sa majoria de is limbas de su mundu!

Sa de duas malasortes de is sardos est chi in s’iscola italiana si donat tropu pagu importàntzia a s’istùdiu de is limbas istràngias.

Sa de tres malasortes est ca s’istadu italianu atzentradore timet is diferèntzias, e pro distrùere sa vitalidade de is dialetos itàlicos at impostu sa limba italiana comente una “monolingua”, monocultura” e “monotzivilidade”, ponende a una parte is limbas de minoria e is dialetos comente una “subcultura” de cantzellare.

Foras dae Itàlia ddoe at totu un’àteru panorama: su plurilinguismu est sa cunditzione prus naturale e prus difundia in su mundu, sa prus parte de is pipios naschent e creschent in unu cuntestu a su mancu bilìngue: pensade a is maltesos, a is ispanniolos, a is isvìtzeros, a is irlandesos, a is olandesos, e a medas àteros. Epuru custa no est sa bisura chi nde retzit unu tzitadinu mèdiu, pesadu me in s’iscola italiana, sa cale chircat de alimentare custu imbentu, custu pregiudìtziu de su monolinguismu.

In prus, su fatu chi in italianu si legat a comente s’iscriet, prus o mancu, e su fatu chi nois sardos semus alfabetizados isceti in italianu, nos at resu ignorantes meda in fatu de limba. Sa majoria de nois est ignorante de unu totu a subra de s’esistèntzia de diferentes dimensiones a intro de una limba: una cosa est sa dimensione de su sonu o pronùntzia, totu àtera cosa est sa dimensione gràfica, est a nàrrere s’iscritura!

Si nois, is sardos, siamus acostumados a bìdere su sardu a comente limba normale, naramus a comente su frantzesu o s’inglesu, no nos diat pàrrere istranu a iscrìere <issu arribat>, isciende ca custa forma gràfica currispondet a una pronùntzia chi at a èssere /issuar’ribbara/ me in su Sulcis, /issuar’ribbada/ in Campidanu e /issuar’ribata/ in calicuna zona prus interna de Sardigna.

Pròpiu a comente in frantzesu iscriemus <il arrive> ma totus ischemus e atzetamus ca si leghet /ilarriv/, opuru a comente in inglesu ca iscriemus <laugh> ma imparamus ca si narat /laf/e non ddoe at problema perunu!

Cun custu piticu esempru amus giai vistu ca sa grafia iscòviat ca su sardu est unu solu, su chi in linguìstica si narat “core” e chi nois podimus nàrrere trancuillamente “su coro de sa limba”, est unu solu: su chi càmbiat dae unu logu a s’àteru est solu e isceti sa pronùntzia!

Ite làstima a no àere pòdidu lèghere prima in sardu, ca de aici si nde siamus acatados prima ca su sardu est unu!

 

Ma immoe andemus a forrogare unu pagheddu s’istereòtipu de su sardu limba de antigòriu, bona pro faeddare de cosas antigas…: est beru ca su sardu immoe che a immoe mancat de frases e maneras de nàrrere, locutziones adatas pro tzerriare ogetos o cuntzetos de sa modernidade contemporànea. Ma pro ite? Isceti pro ite ca de is annos ‘50 fintzas a oe, cun sa televisione e duncas istatalizatzione de massa e in parti giai dae prima, s’italianu est passadu pro sinònimu de sutzessu econòmicu e sotziale, de progressu e modernidade, sa limba pro cumprèndere sa gente de sa televisione, sa limba pro nche intrare in sa fàbrica, e àteras cosas a comente sa limba de sa “Rinascita”. Su sardu, imbetzes, at incumentzadu a nche rùere in unu mundu bàsciu de poberesa, fàmene, betzesa: limba de pastores, massajos e gente de bidda!

Sende aici istigmatizadu, su sardu at connotu sa matessi sorte de totu is limbas de is pòpulos colonizados: diglossia, language shift (càmbiu de limba) e endangerment (s’ arriscu de estintzione). Medas de cussas limbas però ant detzisu de pònnere in motu su protzessu a su contràriu: su chi is linguistas narant reversing language shift”, torrende a coa in s’àndala conca a sa morte linguìstica, pro nche artziare fatza a sa revitalizatzione. Est su chi càpitat a su gaèlicu me in Irlanda, prima limba ufitziale de sa Repùblica de Irlanda dae chi est indipendente; opuru de su maltesu, chi at dèpidu cumpètere cun s’inglesu, limba prus potente meda de s’italianu puru. Dae chi est limba de s’Unione Europea, su maltesu s’est dotadu tràmite prèstidos linguìsticos, neologismos e calcos semànticos, de medas espressiones noas chi fiant netzessàrias pro iscrìere e tradùere documentos pro e dae s’Unione Europea.

Si sa Sardigna, che a Malta, esseret indipendente cun rapresentantes pròpios me in su Parlamentu Europeu su sardu diat èssere limba de Europa: tando diamus a abbisongiare de tradutores pro bortare iscritos dae is limbas europeas a su sardu e dae su sardu a is àteras limbas; e su traballu de cussos tradutores diat fàghere su sardu prus ricu de paràulas novas e modernas, atuales, che a una limba bia e pro ònnia tempus.

Segundu su progetu pro sa cultura de iRS, duncas, is istitutziones sardas depent pònnere a cùrrere polìticas linguìsticas fortes e detzisas, chi promovant su bilinguismu intra is generatziones noas: no isceti me in s’iscola, ma finas cun una campànnia de sensibilizatzione pro is famìllias, pro chi cumprendant ca ddoe at vantàgios e oportunidades de sutzessu e richesa a pesare is fìgios issoro a su mancu in duas limbas. Is impresas puru diant pòdere èssere intzentivadas a s’impreu de sa limba pro esempru in sa publitzidade de is produtos chi tratant. Diat dèpere passare unu messàgiu craru: ca su sardu cumbenit, puru economicamente.

Pro su chi pertocat prus de acanta s’iscola, su bilinguismu fitianu at a èssere acumpangiadu dae s’istùdiu de prus limbas istràngias, de manera chi is giòvanos sardos siant acostumados a sa molteplitzidade e a su cunfrontu cun àteros coditzes, tenende semper presentes modellos noos e bivos pro s’isvilupu de sa limba sarda.

Est agabbadu su tempus de chircare iscusas, ca is istrumentos netzessàrios pro atuare custu protzessu esistint giai, e is chi mancant ddos amus a fàghere in andende andende.

Una versione istandard de limba est indispensàbile ca at a èssere sa limba ufitziale de sa Repùbrica de Sardigna chi cherimus fàghere, e depet èssere patrimòniu funtzionale e atzetadu dae totu is sardos.

Sa Limba Sarda Comuna, chi podimus imparare giai dae oe etotu e est a dispositzione de is sardos pro dda connòschere, impreare e finas megiorare, est s’istrumentu chi prus s’acostat a sa versione istandard de sa limba ufitziale de sa Repùbrica. Ònnia sardu dae immoe etotu podet incumentzare a praticare custa norma gràfica chi agatamus me in custu link

http://www.sardegnacultura.it/documenti/7_108_20090205130352.pdf

ònnia sardu dae oe etotu depet fàghere s’isfortzu de nche essire dae sa lògica de s’italianu e cumprèndere ca sa grafia no imponet una pronùntzia allena, ca iscrìere in una manera ordinada e coerente no bolet nàrrere a faeddare diferente dae comente amus faeddadu fintzas a oe. Onnia sardu tenet su dovere e su deretu de cumprèndere ca is faeddos in sardu s’iscrient de una manera (cun règulas chi podent èssere istudiadas) e si lighent, segundu printzìpios chi tenent una resone e una regularidade, a comente nos narat sa limba de mammai, de babbai e de is jajus, a comente dda faeddamus ònnia die.

Segundu unu resonamentu de democratzia linguìstica, est craru chi pro sa situatzione chi amus in Sardigna s’iscola e is polìticas linguìsticas de is istitutziones no ant a lassare a una parte is variedades linguìsticas chi no faghent parte de sa famìllia de su sardu, comente su tabarchinu de Carloforte e Cadesedda, su catalanu de s’Alighera e su Gadduresu. Ònnia iscola at a tènnere in contu custas limbas locales, pro assegurare chi siant sarvadas dae sa traditzione e chi intrent in sa modernidade cun totu su patrimòniu culturale chi espressant. Sa didàtica at a èssere organizada semper de manera chi siat respetada sa cumpetèntzia linguìstica de is pitzinnos e de sa comunidade in ue issos bivent.

Su istùdiu de is limbas locales at a èssere un’extra a s’istùdiu de su sardu, chi at a èssere impreadu finas in s’insegnamentu de àteras matèrias, comente oe giai si faghet cun su mètodu CLIL pro esempru cun s’inglesu. Tando is pipios e is pipias sardas depent istudiare non solu su sardu, in sardu, ma puru sa matemàtica, s’istòria o sa sièntzia in sardu.

Isceti aici si podet pesare unu sardu chi siat in gradu de pensare e ispiegare ònnia cosa e ònnia cuntzetu de su mundu e de sa vida in sa limba de sa natzione sua: dae su motu de rivolutzione de is pianetas a su teorema de Pitàgora o sa rivolutzione frantzesa.

Pro arribare a cussu resurtadu tocat a pònnere dinare e risorsas in s’insegnamentu ma puru in sa rivalutatzione de su sardu in ònnia logu e campu de sa vida tzivile, pro nche bogare a tesu totu cussos istereòtipos a subra de sa limba nostra chi sunt basados isceti a subra de s’ignoràntzia de sese etotu; pro chi sa limba nostra non siat prus declassada dae un’istadu chi nche dda bolet torrare a dialetu, e pro chi non siat prus cunsiderada inferiore, giai chi est sa limba chi at dadu boghe a unu pòpulu e a un’istòria millenàrios.

Fintzas a oe in medas amus pecadu de àere trascuradu sa limba cosa nostra, e duncas, comente movimentu indipendentista, iRS cheret betare un’apellu a totu is indipendentistas de oe: comente amus fatu sa rivolutzione interiore ca una bella die nos semus ischidados e nos semus acatados ca non semus italianos, ma semus sardos, gasi depimus fàghere un’àtera rivolutzione detzisiva. Nos depimus torrare a appropiare de sa limba de chi nos ant privadu, e custu no est difìtzile: bastat a dda faeddare. E si ddoe at calicunu chi no dda ischit faeddare prus, dd’at a imparare, e custu puru at a èssere unu deretu e unu dovere mannu de ònnia sardu.

Incumentzemus pro primos, is chi creent a una Sardigna lìbera e soberana, is chi oe càstiant cun isperàntzia a sa Catalugna, incumentzemus a fàghere sa rivolutzione de nche torrare su sardu a sa vida de ònnia die, sa rivolutzione de ddu faeddare in custa vida de oe, ca su sardu est una limba chi podet contare su mundu de oe, de eris e de cras.

Tocat a nois a nde bogare su sardu de su magasinu betzu de sa traditzione, ca una limba no est unu repertu de museu, tocat a nois a cambiare sa diretzione, ca su sardu est sa crae chi aberit so porta a sa “ri-evolutzione” de su pòpulu sardu, est sa limba de sa natzione de sa cale semus parte, est sa limba de sa Sardigna chi bolemus fàghere.

iRS – indipendèntzia Repùbrica de Sardigna


dae http://www.irsonline.net/2012/10/sa-rivolutzione-de-sa-limba/

Da Fernando a Marco Espa

bolognesi.jpg

 

Don Chisciotte in Gallura

Le reazioni dell’On. Espa sono arrivate la sera in cui ho saputo della morte di ZF Pintore.

Adesso Fernando ha pensato bene di rispondergli.

I commenti di Espa sono qui sotto:

“Guardi professore lei continua senza argomenti a dire che l’ho sparata grossa sulla LSC e che non mi sono informato. E’ Lei che sta sparando senza motivo, grossa e grossissima, un attacco personale furibondo senza motivo apparente. Capisco l’attacco politico ma quello personale no. Poi…LSC guarda caso voluta da noi centrosinistra nella scorsa legislatura. la prego, non continui a inventare cose nemiche dove non ce ne sono. Non si può costringere, a nostro parere, i comuni a decidere in 5 giorni su quale norma linguistica deve essere adottata. PS: E le assicuro che in confronto gli operai, li dove la porto a passeggiare io (capisco che non ha capito ma non fa nulla) , sono dei “privilegiati” senza limite.”

“Professore sempre lo scalzacane che le parla. adesso starei anche delirando, complimenti per l’offesa non a me ma alle persone che soffrono di questa patologia, nonostante cerchino di fare una vita normale – lei forse non si immagina che è una cosa molto molto seria – , sinceramente non capisco la sua animosità personale …. calma calma, non sono un dotto come Lei. Proprio di dubbio gusto i suoi attacchi non politici ma personali che lei fa a persone, ripeto, che non conosce. Le capirei se lei fosse un funzionario dei partiti del centrodestra che vuole difendere la sua giunta di centrodestra ma non mi sembra questo il caso. Ho messo per iscritto che la LSC è cosa buona VOLUTA DA NOI, durante la nostra giunta di centrosinistra nella scorsa legislatura. ma Lei continua a dire cose incredibili (si è consultato? chi le ha detto che tutto si blocca? non so se lei è un esperto di diritto amministrativo ma le cose che dice sono amministrativamente inesistenti, abbiamo chiesto il blocco di una semplice procedura di premialità che non cambia di una virgola tutto il lavoro fatto fino ad oggi, sa, il mio mestiere non è quello di consigliere regionale ma sono un funzionario della Corte dei Conti che controlla gli atti amministrativi della Regione, con una esperienza 25ennale). la nostra interrogazione ha fatto notare che non è conveniente scrivere ai comuni chiedendogli di decidere in 5 giorni. Comunque le ripeto, la sua incredibile animosità (forse tra voi dotti della lingua sarda usate questo stile), non le fa onore. preferisco essere uno scalzacane che insultare le persone che non conosco. I deboli aggrediscono, me lo lasci dire. E cercano nemici dove non ci sono.”

Io mi limito a chiedergli dove siano gli attacchi personali.

Personalmente Espa mi ispira simpatia perché ha lo stesso cognome di un mio compagno di scuola del Minerario di Iglesias, che mi pare fosse di Bacu Abis, e si assomigliano pure. Se siete parenti, me lo saluti e gli dica pure che sono rimasto il rompiballe che ero già allora.

Da Fernando:

@ Marco Espa
il ragionamento sembrerebbe non fare una grinza. l’On Espa sostiene che la LSC è cosa buona e voluta dalla sua parte politica. Ciò vuol dire che personalmente e la sua parte politica s’impegnano per il suo utilizzo e anche miglioramento mediante la sperimentazione. Sperimentazione che vuol dire, dato che la LSC riguarda il sardo scritto e non parlato, che la cosa migliore da fare è scrivere nella LSC. Ovviamente una buona pratica di politica linguistica dovrebbe tendere a creare le migliori condizioni perchè ( nei comuni e non solo ) si scriva con la LSC.
Non un obbligo perchè a nessuno viene chiesto e non si dovrebbe chiedere di scrivere in LSC per obbligo ma operare per incentivare questa buona pratica. Utilizzare la LSC vuol dire che progressivamente l’uso della lingua scritta dovrebbe progressivamente divenire lo standard in tutti i Comuni della Sardegna che hanno dichiarato che la loro lingua è la sarda. Analogo processo, quando si avrà il loro standard stabile, dovrebbe essere attuato nei comuni dove la lingua è alloglotta. In tutti i luoghi, minoranze linguistiche o nazionali, ove si è operato per la rinascita delle loro lingue e un uso ufficiale e paritetico con le lingue ufficiali dello stato di appartenenza, per l’uso nel pubblico, nelle scuole e nei media, si è raggiunto il successo prima con la standardizzazione della lingua e poi con una politica d’incentivazione ad utilizzarla. E’ ovvio che incentivare non significa erogare solo incentivi economici ma è necessaria una profonda politica culturale, identitaria, psicologica e con tante altre sfaccettature che opera per convincere o meglio far prendere coscienza della propria lingua e della necessità di parlarla e di scriverla per recuperare i tanti danni che le politiche contrarie di assimilazione hanno creato ad adulti, ragazi e bambini. Ma l’incentivo economico è fondamentale. E’ necessaria una politica di premialità che va progettata e attuata in maniera diversa per ciascuna lingua e popolo che è interessato pechè le condizioni a volte sono molto diverse.
Ora passi per i 5 giorni, ma ho l’impressione che all’origine dell’interrogazione ci fosse invece proprio un’opposizione alla pemialità per l’utilizzo nei Comuni dela LSC. E ciò a mio avviso è profondamente sbagliato e rischia di negare alla radice l’affermazione di essere d’accordo con l’uso dela LSC perchè dimostrerebbe una non comprensione della questione. Siccome si tratta di pochi spiccioli, come pochi spiccioli sono gli stanziamenti che la Regione sarda o meglio il Consiglio regionale dedica alla lingua sarda. Se si dividese la cifra per tutti i Comuni si vedrebbe cla òla premialità è proprio più un incentivo morale e psicologico che altro. Opporsi vuol dire contestare la linea che prevede la LSC o almeno ciò che sarà dopo la sperimentazione, cioè dopo che chi scrive scriverà dandogli con la pratica una nuova e cetamente sorprendente nuova vita di lingua scitta viva. Diversa invece è la volontà dei “suggeritori” della interrogazione che è noto sono contrari alla LSC come sono contrari alla standardizzazione della lingua sarda ma favorevoli a ben due standardizzazioni cioè a dividere la lingua sarda in due e in definitova ad affermare che esistono due lingue sarda e quindi due diverse comunità o minoranze linguistiche o nazionalità iin Sardegna. E chiaro che sono dei conservatori e reazionari che reagiscono appunto ad un progresso della lingua sarda a favore guarda caso di un unico standard che a loro va benissimo..la lingua italiana.
Con questo contrariamente a quanto credono sunano la campana a morto anche a tutti i dialetti sardi che invece credono di difendere compreso il sardo meridionale perchè senza lingua scritta comune a tutti i sardi, cioè la LSC anche i dialetti moriranno in breve impedendo qundi a chi voglia scrivere poesie, racconti e qualsiasi altra cosa nel proprio dialetto e anche insegnarlo ai propri figli, perchè sarà l’italiano gia invasivo ed egemone a prendere il posto dei dialetti e della LSC così contrastata e debilitata dall’interno senza i giusti incentivi.
Insomma non sono così criticabili gli estensori dell’interogazione, ma sono condannabili i suggeritori, in primis Oreste Pili che già ha fatto tanti danni, che continuano sempre per fortuna con meno virulenza ed efficacia, ma facendo ancora dannni quando carpiscono la buna fede di altri, a lottare contro la lingua sarda e la sua normalizzazione, standardizzazione e sempre maggiore uso pubblico scritto.

 

http://bolognesu.wordpress.com/2012/09/29/da-fernando-a-marco-espa/

Il delirio anti-LSC dei tre moschettieri

bolognesi.jpg

 

Per bloccare un incentivo che corrisponde al 20% del totale, i tre consiglieri regionali Espa, Bruno e Cuccu sono disposti a far saltare tutto il finanziamento regionale agli sportelli linguistici.

Per bloccare il premio ai comuni che adottano la LSC, si bloccano tutti i finanziamenti.

Questa non è una battaglia per difendere l’autonomia degli enti locali.

Questi semplicemente avrebbero continuato a ricevere i contributi regionali, indipendentemente dalla grafia usata per scrivere il sardo.

Questo sabotaggio è mirato CONTRO la LSC e per raggiungere il loro obiettivo i nostri eroi sono disposti a perdere ‘LATI E CARDAXU”.

Se passasse la linea richiesta dai tre consiglieri, cioè il blocco di procedure amministrative già asseverate in sede di approvazione del Piano Triennale, la conseguenza sarebbe il fermo totale delle integrazioni ai comuni e province per ripianare i tagli statali.

Circa un centinaio di operatori di sportello lingua sarda perderebbero il posto.

Una follia.

Bisognerebbe riscrivere il Piano Triennale, rimandarlo in Commissione e in tutti gli organismi che danno obbligatoriamente il parere. Entro l’anno invece i soldi devono essere spesi altrimenti vanno in economia, ovvero si perdono e verrano destinate ad altre attività non alla lingua.

Lo scorso anno il Movimento Linguistico aveva vinto una grande battaglia portando a casa un milione di euro per sopperire ai tagli del ministero sulla legge 482/99. Ci avevano lavorato tutti i blog di area, i ragazzi della provincia di Nuoro, quelli dell’Istituto Bellieni, quelli de Sa Bertula Antiga in compagnia de Su Comitadu de sa Limba Sarda e con il sostegno degli uffici regionali.

Ovviamente, quando si è trattato di presidiare il Consiglio Regionale, o trattare a muso duro con l’Assessore, Oreste Pili, Perdu Perra, Ivo Murgia, Amos Cardia, Giampaolo Pisu, Stefano Cherchi non erano rintracciabili.

Però su dinai candu arribbat gei ddis praxit….

E la Regione l’ha distribuito a tutti, anche a loro.

Pero issus faint sempri custa gherra contra a su movimentu linguisticu….unu machiori

Quanto ai consiglieri, che hanno il dono dell’ubiquità e riescono a essere dentro e fuori delle commissioni, ad approvare il Piano Triennale, per poi contestarlo, consiglio loro caldamente di farsi visitare da qualcuno che se ne intende di questi fenomeni.

 

de Roberto Bolognesi

http://bolognesu.wordpress.com/2012/09/22/il-delirio-anti-lsc-dei-tre-moschettieri/