“Jorge s’amigu nostru”

Jorge, s'amigu nostru

«Devides abbaidare cun sos ogros de su coro e in cue ais a bìdere a Gesùs. In cue amus a agatare a Gesùs». Ora c’è anche papa Francesco a parlare in sardo. «Ca Gesùs non cheret abbaidadu comente cando andamus a tzìnema o bidimus una sèrie televisiva. Gesùs non b’est pro l’abbaidare. Craru est? Ma pro l’agatare». È con queste parole in limba sarda comuna che Jorge Mario Bergoglio saluta i lettori della nuova traduzione di un bestseller che sta facendo il giro del mondo: Jorge, s’amigu nostru, dall’originale Il nostro amico Jorge, appunto, sottotitolo in sardo: “Contos de sa vida de Papa Frantziscu”.

Bestseller. La prima biografia ufficiale illustrata per ragazzi di papa Francesco, edizioni San Paolo, in Italia, uscita in occasione del settantasettesimo compleanno di Bergoglio, il primo da papa, il 17 dicembre scorso. Un libro balzato immediatamente in vetta alla classifica dei più venduti su Amazon. Un albo cartonato di grande formato, scritto da Jeanne Perego, con disegni di Giovanni Manna, 48 pagine in tutto, diventato subito un caso internazionale, pubblicato in edizione inglese (Our friend Pope Francis), messicana (Nuestro amigo Jorge), brasiliana (O meu amigo Jorge), tedesca (Der Junge, der Paps Franziskus wurde), slovena (Naš prijatelj Jurij), portoghese (O meu amigo Jorge) e norvegese (Var venn Jorge), tanto per citare le prime versioni uscite negli ultimi tempi.

In Argentina. Al lungo elenco si aggiunge adesso anche l’edizione sarda, tra qualche giorno in libreria, proposta e curata dalla casa editrice nuorese Papiros, una vivace realtà culturale che «dae semper at crèidu a s’unidade iscrita de sa limba sarda» spiega Diego Corraine, l’anima e il factotum della cooperativa barbaricina, lui che ha tradotto-bortadu questo Jorge, s’amigu nostru. Opera dell’italianissima Jeanne Perego, che a dispetto del nome francese vive in Baviera, a Landshut, già autrice di altri due libri per ragazzi, Joseph e Chico. Un gatto racconta la vita di Papa Benedetto XVI Max e Benedetto. Un passero solitario racconta la giornata del Papa.

A illustrare Il nostro amico Jorge, invece, ci ha pensato Giovanni Manna, fiorentino che vive a Bologna, premio Andersen nel 2003.

Un binomio, Perego-Manna, che ha saputo raccontare con un linguaggio divertente quanto originale l’affascinante storia del piccolo Jorgito, dallo sbarco dei nonni piemontesi migranti in Argentina al suo arrivo in San Pietro. La vita semplice e straordinaria di un papa che ha scelto per sé il nome del poverello di Assisi e che ha conquistato fedeli e non fin dal primo momento. Un papa che non è certamente un esperto poliglotta come lo era Wojtyla, ma che è comunque sempre pronto a provarci e a mettersi in gioco.

In Vaticano. L’ha fatto, per esempio, quando ha incontrato in Vaticano il segretario generale delle Nazioni unite Ban Ki-Moon: «This is for you», le uniche parole pronunciate in inglese quando ha consegnato un dono all’ospite lo scorso aprile. Il giorno prima, invece, durante l’udienza che ha concesso a Nikolaus Schneider, leader della Chiesa evangelica in Germania, le uniche parole di Francesco, che pure ha studiato in Germania e conosce il tedesco, erano state due soltanto: «Vielen dank». Del resto, sin dall’inizio del suo ministero, il 266° vescovo di Roma ha palesato una certa ritrosia a utilizzare le lingue straniere, studiate e utilizzate da giovane ma con scarso profitto, sia per quanto riguarda il francese sia per il tedesco, anche se «l’unica lingua che mi causa grossi problemi è l’inglese, per via della sua pronuncia», ha “confessato” Bergoglio nel libro intervista di Sergio Rubin e Francesca Ambrogetti, Papa Francesco (Salani). Eppure, quando è sbarcato a Cagliari, lo scorso settembre, Jorge s’amigu nostru arrivato dai confini del mondo non ci ha pensato due volte a chiudere la visita pastorale con un beneaugurante «Nostra Segnora ’e Bonaria bos acumpantzet semper in sa vida». Una frase, una sola frase, tanto è bastato per dare un segnale forte alla terra dei nuraghi e per ridare senso e dignità a una lingua cosiddetta minoritaria.

Nella valigia. Papa Frantziscu, poi, era ripartito verso la Santa sede con in valigia, tra gli altri doni-simbolo dell’isola, una copia di Martin Fierro, il celebre poema di José Hernandez sui gauchos della pampa tradotto in sardo da Antonio Vargiu per le edizioni Domus de Janas.Ora, invece, è proprio la sua vita, la sua storia, la vicenda di questo popolare pontefice a parlare in limba. «Una limba moderna chi podet parare fronte a cale si siat limba internatzionale» assicura orgoglioso Diego Corraine. Una lingua, il sardo, che può reggere il confronto con tutte le altre lingue internazionali, una lingua moderna e niente affatto retrograda e destinata a morire.

Tante lingue. Lo dimostra Jorge, s’amigu nostru edizioni Papiros, ormai accanto all’inglese CTS, alla messicana Buena Prensa, alla brasiliana Edições DLL, la tedesca Butzon & Bercker, la slovena Salve, la portoghese Principia e la norvegese St.Olav Vorlag. Una finestra sul mondo alla quale si affaccia anche sa limba. Dando voce addirittura al Papa: «Tando, apo a faeddare a forte, ca non deves pèrdere nudda de su chi t’apo a contare: deo so che a sa giòvia, semper in mesu» va avanti il racconto per interposta persona. «A Jorge lu connosco dae cando, galu piseddu, passaiat inoghe cun sa mama e cun su babbu pro andare a visitare carchi famìlia de amigos». «A pustis chi s’est fatu preìderu, su 13 de nadale de su 1969, nche l’ant imbiadu a fàghere a professore in àteras tzitades, finas in Tzile. Sa passione sua pro s’istùdiu l’aiat animadu, difatis, a intrare in s’Òrdine de sos Gesuitas… ».

Pagine di libri. Poche pennellate per presentare ai ragazzi un grande personaggio come Jorge Mario Bergoglio alias papa Francesco, o meglio: papa Frantziscu. Un uomo che «a s’ispissu apo intesu narende chi Jorge fiat professore de gabbale, mescamente de literadura. No nde so ispantadu: belle semper, cando lu bidia moende, teniat sos ogros mirende sas pàginas de unu libru. Fiat semper leghende, leghende… A bias finas in latinu!». Adesso, invece, al Papa, che parla spagnolo e italiano ma proprio poliglotta non è, lo vedranno leggere in sardo. In limba sarda comuna.

 

de L. Piras

http://lanuovasardegna.gelocal.it/regione/2014/01/10/news/jorge-s-amigu-nostru-1.8442654

Literadura Limba – Segunda editzione

literadura limba

Sas amministratziones comunales de Boruta, Giave, Tiesi, Itireddu, Cherèmule e Turalva ammaniant paris cun sa R.A.S. e s’Istitutu de Istùdios e Chircas “Camillo Bellieni” de Tàtari sa segunda editzione de LiteraduraLimba: Mustra e Festa de sa Literadura Sarda su 5/6/7 de Nadale de su 2013.

Tres dies a giru peri sas comunas pro chistionare subra sa literadura e sa limba sarda a congruida de sas atividades culturales de s’isportellu linguìsticu subracomunale.

Presentadas de libros, proietziones de film, dibatas cun sos iscritores, sos registas e sos editores e adòbios cun sos pitzinnos de sas iscolas…TOTU IN SARDU E A INDONU.

ABBAIDA SU PROGRAMMA CUMPLETU.

T’isetamus!

PROGRAMMA LITERADURALIMBA

SEGUNDA EDITZIONE 2013

Gioja 5 de Nadale

ASCURTENDE

Boruta, Monastèriu Santu Pedru de Sorres

16.00 ABERTURA de Literaduralimba segunda editzione

Saludos istitutzionales e de sos Sìndigos de Boruta, Cherèmule, Itireddu, Tiesi, Turalva e Giave

Micheli Pinna Diretore Iscientìficu de s’Istitutu de Istùdios e Chircas “Camillo Bellieni” de Tàtari presentat su programma

GIOGHENDE

16:30 ATIVIDADE DE ANIMATZIONE pro sos pitzinnos: sa literadura multimediale

16:45 Presentada de su libru “S’ istrumpa” Alfa Editrice a incuru de s’autore Piero Frau. Presentat Tonino Bussu

MANDIGHENDE LIBROS

18.00 – 20.00 MUSTRA de sos libros e de sos materiales didàticos in sardu. Ant a èssere presentes sos editores Condaghes, Papiros, Edes, Grafica del Parteolla, Alfa Editrice e Domus de Janas

CÙMBIDU de màndigos salidos e durches de su Meilogu

At a animare su sero su CORO DE BORUTA umpare a “Lu coru di Sassari”.

 

Chenàbura 6 de Nadale

Tiesi, Istitutu Comprensivu, Iscola de s’infàntzia, Carrera Garau

09.00 Presentada de su libru “Sa paristòria de Bakis” editziones Condaghes a incuru de Adriana Cocco

Tiesi, Iscola de s’infàntzia “Ente Morale Asilo Infantile San Michele”, Carrera Matteotti,2

11:00 Presentada de su libru “Nadale” editzione Papiros a incuru de s’editore Diegu Corràine

 

 

 

ABBAIDENDE

Turalva, Tzìnema Carlo Felice, Carrera Carlo Felice

16.00 “A ognunu s’arte sua…Sa limba sarda in totu” a incuru de Daniela Masia

Saludos istitutzionales e testimonia de s’Assòtziu Santu Antine de Turalva

17.00 PROIETZIONE A INDONU DE SU FILM BILÌNGUE “L’ARBITRO”DE PAOLO ZUCCA. Disponibilidade de 90 postos.

19:00 Arresonada cun su regista e atores

20:30 PROIETZIONE A INDONU DE SU DOCUMENTÀRIU TOTU IN SARDU “CAPO E CROCE, LE RAGIONI DEI PASTORI” DE MARCO ANTONIO PANI E PAOLO CARBONI. Disponibilidade de 90 postos.

22:00 Arresonada cun sos registas e atores. Coordinat Micheli Pinna Diretore Iscientìficu de s’Istitutu de Istùdios e Chircas “Camillo Bellieni” de Tàtari.

 

Sàbadu, 7 de Nadale

Tiesi, Istitutu Cumprensivu, Iscola segundària, Carrera G.Deledda

09.30 Presentada de sos libros “Canthones dde is Bagadias” Edes Editore cun s’autore Ivan Maroniu e de “Su giornalinu de Gianburrasca” edizioni Grafica del Parteolla cun s’editore Paolo Cossu

Tiesi, Istitutu Cumprensivu, Iscola primària, Carrera Garau

11.30 Presentada de su libru “Jorge, s’amigu nostru- Contos de vida de papa Frantziscu” editzione Papiros cun s’editore Diegu Corraine

Cherèmule, Tzentru Culturale, Pratza Insorti Magiari

Saludos istitutzionales

16.30 Presentada de su libru “Su Corsaru Nieddu” editzione Grafica del Parteolla a incuru de sa tradutora Maria Antonietta Piga

Proa finale e premiatzione de su progetu “Ti lu preguntat su Corsaru Nieddu” pro sos pitzinnos de s’iscola segundària inferiore e superiore

CONGRUIDA E CÙMBIDU de màndigos salidos e durches de su Meilogu

 

Sa mustra de sos libros e de sos materiales didàticos at a èssere fata in cada logu interessadu dae sa manifestatzione.

Prèmiu Pintore – Comuna de Irgoli e Editziones Papiros

diego corraine, papiros, irgoli, premio pintore, gianfranco pintore, mimmo bove,


Editziones Papiros e Comuna de Irgoli 
ant a annuntziare
sos BINCHIDORES de su
“PRÈMIU PINTORE” de giornalismu in sardu
(in ammentu de su giornalista e iscritore Giuanne Frantziscu Pintore, mortu in su 2012), 
sabadu 18 de Maju 2013 
in sa sala cunsiliare de sa Comuna de Irgoli 
a sas h. 18,30.
Ant a èssere presentes sos binchidores , sa famìlia Pintore, sas Editziones Papiros, amigos de GF Pintore, iscritores, giornalistas e amigos de sa limba sarda.
Sos binchidores ant a retzire 100 € peròmine de prèmiu e unu sìmbulu apòsitu in tzeràmica fatu dae s’artista Mimmo Bove.

«PRÈMIU PINTORE DE GIORNALISMU IN SARDU», ED. 2013. BANDU.

 

G. Pintore.jpg

IN AMMENTU DE S’ISCRITORE E GIORNALISTA GIUANNE FRANTZISCU PINTORE (Irgoli 1939 – Nùgoro 2012. >Iscadit su su 15 de abrile de su 2013

 

 

PAPIROS editziones e sa COMUNA DE IRGOLI,

«Bandimus su Cuncursu de giornalismu in limba sarda, ed. 2013, chi at a premiare tres artìculos iscritos in sardu, in LSC (Limba sarda comuna), dae autores finas a 45 annos de edade. Pro ocannu sos artìculos podent tratare de polìtica internatzionale relativa a sas natziones sena istadu, de su pastoriu e de s’ambiente. Sos artìculos devent èssere inèditos, de 4200 caràteres (includende tretos biancos). Ant a èssere premiados cun 100 € cada unu e sa publicatzione in EJA. 

 

Sos artìculos cherent imbiados, intro de su 15 de abrile de su 2013, a:PAPIROS, c. de Lombardia 46, 08100 NÙGORO

in una busta, cun pseudònimu, e, in intro, un’àtera busta cun nùmene e sambenadu de s’autore, indiritzu e telèfonu. Cada autore podet imbiare petzi un’artìculu. Sa giuria at a comunicare su resurtadu a sos binchidores intro de su 30 de abrile de su 2013.»…

 

Idea e organizatzione de PAPIROS editziones cun su Patronadu de sa COMUNA DE IRGOLI

…….

pro informatziones: papiros.ed@gmail.com

L’UNIONE SARDA – Cultura e istruzione : Il maestro disse a Franti: «Tue l’ochies a mama tua»

unione sarda.jpg

Una lingua arcaica, una lingua povera di vocaboli e incatenata alla quotidianità agropastorale, una lingua ferma. Anzi: un dialetto. Sono ancora in molti ad attaccare il sardo. E se da qualche tempo sono in molti anche a difenderlo, purtroppo tendono a farlo in italiano. Suonava quindi opportuno che fossero tutti in sardo gli interventi che mercoledì pomeriggio, alla Biblioteca regionale di viale Trieste a Cagliari, si sono susseguiti per presentare le prime opere di letteratura europea tradotte in limba in quattro anni di alleanza fra la Regione sarda e alcune case editrici isolane come Aipsa e Alfa. Un’operazione profondamente politica. Ottant’anni fa tradurre Goethe in sardo poteva avvicinare un nostro giovane corregionale alla letteratura europea. Farlo oggi, con il più grande scrittore tedesco disponibile in molte ottime edizioni italiane su carta e su ebook, vuol dire usare Goethe per riavvicinare il lettore al sardo. E anche per altre due operazioni, in realtà. In primo luogo per dare prestigio alla limba. Come spiegava Giuseppe Corongiu, direttore del servizio Lingua e Cultura sarda della Regione, tradurre Joyce significa dimostrare che il sardo, con il suo vocabolario amplissimo e le sue capacità espressive, è completamente in grado di restituire ogni sfumatura dell’alta narrativa: se non ci riusciamo è colpa nostra, non del logudorese o del campidanese. Il secondo vantaggio del bortare autori come Saramago e Stevenson è più creativo ed espressamente linguistico che politico. «Il traduttore non può rassegnarsi a lasciare una spazio bianco se trova un termine problematico – spiegava Diego Corraine, nella sua doppia veste di editore di Papiros e traduttore di García Márquez (“Nemos iscriet a su coronellu”), Saramago (“Su contu se s’ìsula disconnota”) e Sepúlveda (“Istòria de unu cau marinu e de su gatu chi l’at imparadu a bolare”) – e quindi deve forgiare un’espressione consona». E se a tratti serve uno sforzo demiurgico, in altri casi la lingua madre si rivela più agevole dell’italiano per rendere un concetto. Parola di Manuela Mereu, che per Condaghes si è confrontata col tedesco prezioso di Goethe (inutile dirlo, le traduzioni sono tutte dalla lingua originale, non attraverso la versione italiana) e si è resa conto che rispetto a “i dolori” in realtà “die Leiden” avevano in equivalente sardo più pregnante: per questo il Werther diventa “Sos patimentos de unu giòvanu”. Difficile poi non trovare un retrogusto beffardo nell’operazione firmata da Maria Antonietta Piga per Grafica del Parteolla con la sua versione del “Coro” di De Amicis: un libro nato come capitolo pop della narrazione sull’Italia unita che però, tradotto, rende giustizia alla potenza del sardo in fatto di metafore ed espressioni figurate. Ed è, in fondo, come se ogni autore europeo battesse con intensità e materiali differenti sulla campana della limba, traendone sonorità, timbri inaspettati ma autentici. Vale per la solennità dell’“Antigone” – tradotta da Paolo Pillonca per Domus de Janas, che invece a Gonario Sedda ha chiesto di confrontarsi col “Principe” di Machiavelli – come per la stralunata levità di Lewis Carrol (Manuela Mereu firma per Condaghes “A s’atera ala de s’ispigru, e su chi Alisedda b’at agatadu”). In questo quadriennio di lavoro, sostenuto dalla Regione con 20 mila euro annui in cambio della disponibilità delle traduzioni su sardegnacultura.it, ha preso forma questa biblioteca minima ma determinante: un primo passo per dimostrare – come diceva Stefano Coinu, capo di gabinetto dell’assessore regionale alla Cultura Sergio Milia – che «il sardo è una lingua non soltanto per la vita di tutti i giorni, ma per tutto. Ora facciamola diventare per tutti»

 

da http://www.regione.sardegna.it/j/v/491?s=210280&v=2&c=1489&t=1