ATZARA – PRESENTADA DE SU LIBRU IL SARDO UNA LINGUA NORMALE

atzara limbanormale

ATZARA
BIIBLIOTECA COMUNALE
SÀBADU 12 DE APRILE A SAS 18..00

PROGRAMMA :
SALUDOS
WALTER ANTIOGU  FLORE
SÌNDIGU DE  ATZARA
NDE FAEDDAT CUN S’AUTORE
LUISI MANCA
ASSESSORE DE SA CULTURA

COORDINAT
SARA NIIEDDU

SIGHIT SU DIIBATITU

ORTZAI – Presentada de su libru IL SARDO UNA LINGUA NORMALE

locandina corongiu

Saludos

Tonino Ladu
Sìndigu de Ortzai

Nde faeddant cun s’autore

Sara Nieddu
Austinu Sanna
Valentina Schirru
Jorgi Rusta

Coordinat

Mariantonietta Piga

Ortzai

sàbadu 15 de martzu 2014 a sas 17.30

àula cunsiliare

iscàrriga sa locandina in pdf

Aristanis – Il sardo una lingua normale

Il sardo lingua normale

Il sardo lingua normale

Chenàbura, su 21 de freàrgiu a sas 17.00  ‘Il sardo una lingua normale’ in Aristanis. Palatzu de is Iscolopos pratza de Tzitade (piazza Eleonora) àula de su cunsigiu comunale.

Cun su sìndigu Guido Tendas, Antonello Garau, Sara Firinu.

“Il sardo una lingua normale” in Fordongianus (OR)

Pepe Coròngiu

Pepe Coròngiu

Sa presentada de su libru ‘Il sardo una lingua normale’   in Fordongianus  (Aristanis) est disinnada pro sàbadu su 15 de Freàrgiu a sas 17.30 in sa sea  de sa  Consulta de is Giovanos (ex salone degli anziani) carrera Rosa Sanna in cara a sa crèsia. Nd’ant a arresonare cun s’autore Antonello Garau e Marco Pala.  A pustis, dibàtidu e interventos lìberos. Ses cumbidada/u a b’èssere.

 

 

 

 

 

Sa de oto Cunferèntzias Regionales de sa Limba Sarda

logo_regione_sardegna

CAGLIARI, 8 GENNAIO 2014 – Operatori della lingua sarda a confronto per una politica linguistica più efficace e diffusa, tra sportelli linguistici, scuola, musica e arte. L’ottava edizione della Conferenza Regionale della Lingua Sarda si terrà a Castelsardo, nella sala convegni del castello dei Doria, venerdì 10 e sabato 11 gennaio prossimi e si preannuncia molto interessante dal punto di vista politico e culturale.

L’assessore della Pubblica Istruzione, Sergio Milia ha chiamato, per la quarta volta durante il suo mandato, il mondo della lingua, per un momento di riflessione, non auto celebrativo, che metta al centro dell’attenzione la vera identità che sta alla base della nostra Isola. L’intento – ha sottolineato Milia – è quello di mettere vicini e far dibattere le componenti più diverse del “mondo della limba” per rafforzare l’intero segmento culturale, legato alla lingua sarda e alle varietà allogotte.

Arte, musica, sportelli linguistici e scuola. Questi i temi principali della ottava Conferenza regionale. La Giunta Cappellacci – ha rimarcato l’assessore Milia – ha investito molte risorse alla limba e all’identità. Il 300 per cento in più rispetto all’ultima Giunta che ha governato la Sardegna.

Si punterà molto sulle famiglie e sul loro ruolo fondamentale nella società sarda. Insieme alla scuola – ha aggiunto Milia – è un punto di partenza per la diffusione della cultura sarda. L’obiettivo è quello di portare la lingua nelle aree in cui si parla sempre meno”.

Il programma di venerdì 10 prevede, dopo i saluti del Presidente Ugo Cappellacci, dell’assessore Sergio Milia e del Commissario del Comune di Castelsardo, Gianna Dedola, gli interventi, dei relatori, Antonio Ignazio Garau (Coop. L’Altra Cultura -Oristano), Fabrizio Dettori (Minoranza linguistica sassarese), Teresa Soro (Attrice compagnia Teatro Sassari), Bustianu Pilosu (Presidente Associazione regionale Tenores), Clara Farina (Attrice), Antonio Deiara (Docente di musica), Maria Giovanna Cherchi (Cantante), Ignazio Perra (Prof. Conservatorio di Cagliari), Piero Marras (Cantautore).

Sabato 11, spazio invece agli sportelli linguistici con i relatori Giovanna Tuffu (Sportello linguistico regionale) e Michele Ladu (Sportello linguistico regionale). Per la letteratura previsti gli interventi di Antonio Buluggiu (Scrittore), Giuseppe Tirotto (Scrittore), Antonio Canalis (Premio Ozieri di letteratura sarda), Anna Cristina Serra (Poetessa). I due giorni di lavori verranno moderati da Paolo Pillonca.

Consulta il programma: “Cunferèntzia de sa limba sarda in Casteddu Sardu”