Sa Rai e sa discriminatzione contra a sa limba sarda

Su CORECOM Sardigna at iscrittu a su Presidente de sa Comisione de vigilantzia subra sa Radiu-Tv de l’acabare cun sa discriminatzione de sa limba sarda in su Cuntrattu de servitziu de su Guvernu cun sa RAI. Custa mossa servit pro fagher trasmisiones radiofonicas e televisivas in limba sarda e pro aere sas cunditziones pro una Rete radiutelevisva in limba sarda.

Corecom Sardegna

de Mario Carboni

CUBAS – Cursu bàsicu de sardu

logo bilingue.jpg

Cagliari, 11 ottobre 2013 – Con l’obiettivo di introdurre ai fondamenti del sardo, l’Assessorato alla Pubblica Istruzione, organizza un corso base di lingua sarda della durata di 60 ore che si terrà nelle sedi di Cagliari e Sassari nel periodo Novembre 2013-Marzo 2014. Il corso è completamente gratuito. L’obiettivo generale è quello di raggiungere un livello di base, secondo il Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle lingue. Livello base A1 – (comprende e usa espressioni di uso quotidiano e frasi basilari tese a soddisfare bisogni di tipo concreto. Gli obiettivi specifici sono quelli di conoscere la situazione linguistica della Sardegna, riconoscere ed evitare pregiudizi e stereotipi, recuperare la normalità della lingua e l’identità linguistica, riconoscere il sistema linguistico sardo e il continuum diatopico, conoscere l’ortografia e le norme di riferimento del sardo.. Materie: Politica linguistica (20 hh): Il sardo e la politica linguistica in Sardegna; La normalità della lingua sarda; Pregiudizi, luoghi comuni e stereotipi della lingua sarda; Identità politica della Sardegna. Dialettologia (20 hh): il sistema linguistico sardo; il continuum diatopico; la matrice comune del sardo; varietà alloglotte. Lingua parlata (20 hh): lingua parlata e lingua scritta; Apprendimento di frasi semplici di conversazione diretta, rudimenti di frasi idiomatiche colloquiali, situazioni base di uso della lingua a casa, in negozio, al bar, stazione, albergo, ristorante, per strada, scuola, uffici e altre situazioni tipo in lingua standard, secondo la parlata locale. Il numero di partecipanti ammissibili sono 40 per ogni sede. Il Servizio lingua sarda individuerà 40 partecipanti per la sede di Cagliari e 40 per la sede di Sassari in possesso dei specifici requisiti. Essere residenti in Sardegna e avere un’età compresa tra i 18 e i 55 anni. Verrà data priorità a studenti universitari in discipline umanistiche, insegnanti di ruolo, insegnanti precari, giornalisti professionisti e pubblicisti, componenti di associazioni culturali. Saranno privilegiati i richiedenti più giovani. La domanda di partecipazione, redatta sul modulo appositamente predisposto, dovrà pervenire esclusivamente via posta elettronica agli indirizzi pi.limbasarda@regione.sardegna.it (sede di Cagliari) o cbecciu@regione.sardegna.it (sede di Sassari), entro il 31 ottobre 2013. Per informazioni contattare lo Sportello linguistico regionale, nella sede di Cagliari (070/606.4948 – referente Michele Ladu; 070/606.5067 – referenti Giuseppe Orrù e Giuseppe Corronca) o nella sede di Sassari (079/208.8567 – referenti Stefano Ruiu e Giovanna Tuffu). (aime)

Saludos corales Dr. Giuseppe Corongiu

 

Diretore Servìtziu Limba e Cultura Sarda Servìtziu Limba e Cultura Sarda Diretzione Generale de sos Benes Culturales, Informatzione, Ispetàculu e Isport Assessoradu de s’Istrutzione Pùblica, Benes Culturales, Informatzione, Ispetàculu e Isport Regione Autònoma de Sardigna

 

Arborada/Viale Trieste 186 09131 Casteddu – Cagliari

Telèfonu 070 6064960; post-el gcorongiu@regione.sardegna.it

Su paba alleghende in limba sarda

 

papa francesco, limba sarda, mario carboni, sardegna, regione, cagliari


Mat fattu piaghere meda a su intender su Paba alleghende in limba sarda . In buca sua sa limba nostra assumit dignidade universale e fintzas pro paghos minutos su populu in s’animu sou leat corazu e pensata: tando su sardu est limba de importu si b’est su Paba chi nos saludat e carignat in sa limba chi ana chircadu semper de iscantzellare. In domo nostra semus semper a sos titulos de sos giornales in sardu e su testu semper in italianu. Faghet piaghere a intender custas augurios e saludos in limba sarda ca cheret narrere chi calchi cosa de sa batalla pro sa limba resessit a ispuntare dae sutta de sa copertura italianista chi cuguzat sa limba nostra. Sunu rundines chi no faghen veranu. Semus semper in ierru in sas iscolas ca sos pitzinnos nostros sunu desardizados e alfabetizados in italianu, semus in ierru in sa Cresia ca tottu sa liturgia est in italianu, semus in ierru in sas istitutziones e su frittu de sa colonizatzione intrat in sos ossos e in sas intragnas de su populu sardu. Contra de donzi printzipiu de libertade, contra sos pius elementares diritos civiles e umanos, contra sos tratados internatzionales e sa mattessi Costituzione italiana e sas lezes de sa Republica e de sa Regione. Tando a sos saludos de su Paba, chi siat famadu pro sa visita chi at fattu in Sardigna, de su Sindigu de Casteddu e de su Presidente de sa Regione sarda, pro no abarrare che abba frisca, auguramus de essere sighidos dae attos cuncretos pro fagher impreare sa limba sarda in sa Cresia, in su Comunu, in sa Regione, subra e tottu in sas iscolas,comente limba normale, ufitziale e istandardizada, comente est in Catalugna, Euskadi, Malta, Lettonia, Estonia ,Islovenia…e a sos giornales e medias chi an fattu titulos bellos meda in limba sarda, pedimus de fagher articulos, notiziarios, inchiestas, cronaca e ateru in limba sarda ca goi ebbia si torrat a beru sa ” dignidade” comente at nadu su Paba a unu populu intreu, umiliadu dae sa colonizatzione linguistica chi est sa peus chi sufrin sos sardos cundannados a ismentigare sa Natzione propria ca sa limba sarda est cattigada e offesa..


de Mario Carboni