LODE’ – Nàschidos pro lèghere

nati-per-leggere

Oe, su 23 de cabudanni de su 2015, at torradu a comintzare su progetu “Nati per leggere” in s’iscola materna de sa Comuna de Lodè chi punnat a promòvere sa letura in famìllia e in iscola, ca chircas iscientìficas ant mustradu chi a lèghere a boghe arta a sos pitzinnos in edade pre-iscolare lis cajonat profetu mannu siat in àmbitu relatzionale (ca ponet a cuntatu istrintu a su mazore cun su fìgiu) siat in àmbitu de crèschida psico-cognitiva (creschet mègius su cumprendòniu de su linguàgiu e s’abilesa a lèghere).
In prus sos pitzinnos creschent avesos a tènnere libros a in tundu e duncas a los lèghere.
Su progetu est promòvidu dae sa collaboratzione intre su sòtziu de sos pediatras (ACP), su sòtziu de sas bibliotecas italianas (AIB) e su Tzentru pro sa Salude de su Pitzinnu (CSB); prus de 400 progetos locales in 1195 comunas italianas.
Sa biblioteca de Lodè, in custos annos, at promòvidu sa letura de libros no in  italianu ebbia, ma fintzas in inglesu (Progetu “Born to read”) e in sardu “Nàschidos pro lèghere”; dae como a su mese de nadale sa prima parte de su progetu at a èssere fatu a incuru de s’Ufìtziu de sa Limba Sarda cun libros bortados in sardu e cun un’animatzione a sa letura totu in sardu.

POSADA. Successo del laboratorio in limba – La Nuova Sardegna

 

stemma hd.jpg

nuovasardegna.jpg

“S’àrbore bragheri” ha conquistato gli scolari della Materna 

Grande successo per il laboratorio messo a punto dalle operatrici linguistiche Giovanna Chessa e Sara Nieddu de s’Ufìtziu de sa Limba Sarda della Provincia di Nuoro. Con l’aiuto dell’Istituto Bellieni di Sassari, hanno condotto il laboratorio ludico-didattico “S’àrbore bragheri” nella scuola primaria dell’istituto comprensivo di Posada. Il lavoro, era incentrato sulla scoperta/riscoperta del nome delle stagioni in lingua sarda affrontando anche una lunga serie di nomi di animali e di insetti (che cambiano da paese a paese, mostrando la ricchezza lessicale della lingua sarda). Dopo l’esposizione del racconto i bambini hanno riassunto ed esplicato il senso del racconto, disegnando, ciò che maggiormente li ha colpiti mostrando una comprensione della lingua molto buona, dimostrando quindi ancora una volta quanto sia alto nel Nuorese il grado di trasmissione intergenerazionale. Con le docenti si è parlato anche dell’importanza del bilinguismo/plurilinguismo per la crescita intellettiva dei bambini. Dalle ricerche dell’Università di Edimburgo emerge infatti che i bambini bilingui o trilingui dalla nascita posseggono tutta una serie di abilità cognitive sorprendenti rispetto agli altri. Sono più portati ai cambi disciplinari, imparano meglio e più in fretta le lingue straniere e, a quanto sembra, da grandi avranno meno problemi con le malattie neuro-degenerative. Angelo Canu de s’Ufìtziu de sa Limba Sarda di Nuoro ringrazia la preside dell’Istituto, il corpo docente, la Pro loco, i genitori e i bambini per l’ospitalità, la stimolante proposta e l’entusiasmante giornata vissuta . (s.s.) 

dae: http://www.rassegnanuoro.it/rassegna_leggi.asp?ID=109989