Posada, il sardo viene ammesso nelle scuole

Bilinguismu in iscola2

POSADA. Il mondo scolastico dell’alta Baronia come sempre si dimostra attento alle tematiche della lingua sarda e sempre pronto ad accogliere le novità in questo campo. Le scuole di Posada, Torpè, Brunella e Lodè hanno infatti partecipato e vinto al bando regionale “Sperimentazione, nelle scuole di ogni ordine e grado, dell’insegnamento e dell’utilizzo veicolare della lingua sarda in orario curricolare. Annualità 2013”, che permetterà di utilizzare il sardo dentro le classi, per due ore settimanali da questo mese sino al mese di maggio.

Il progetto delle scuole baroniesi, fortemente voluto dal preside Nazzario Porcu e dalla vicepreside Mirella Murgia, farà in modo che s’insegnerà (in sardo come lingua veicolare) storia nella prima elementare di Lodè insieme alla docente Gianna Mereu, cittadinanza e costituzione presso la pluriclasse di Brunella con l’aiuto della docente Elisa Tangianu e storia nella quarta classe delle elementari di Torpè insieme alla docente Giuliana Capra. Il progetto a Posada, con l’aiuto delle maestre Graziella Ligios e Maria Andreana Deledda, vedrà invece come protagonisti i bambini della terza elementare, che potranno seguire in sardo le lezioni di storia, dal big bang alla comparsa dell’uomo, dalla preistoria alle prime fonti scritti e la nascita della storia. Mesi intensi di studio e apprendimento quindi in cui il sardo entrerà a scuola come lingua veicolare, nell’attesa di essere in un futuro inserita anche come materia curricolare. (s.s.)

http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2014/01/25/news/posada-il-sardo-viene-ammesso-nelle-scuole-1.8540062

Sos màndigos de Lodè

lodè, scuole, limba sarda, lingua sarda, lezione, legambiente,


Oe s’Ufìtziu de sa Limba Sarda at fatu letzione in sardu in sas iscolas de Lodè, chirchende de compudare sos diferentes àmbitos disciplinares. Duas oras in sa segunda e sa tertza mèdia faeddende e arresonende cun sos pitzinnos in subra de s’importu de connòschere s’ite de mandigare de una bidda. Su meledu fiat in pitzu a sos ligàmenes de sos màndigos cun s’antropologia, cun sas festas, cun s’istòria, cun sos logos, cun s’ambiente e cun s’importu de una alimentatzione bene fata.

Amus faeddatu de “macarrones de poddighe, trìvias, gheltzos (ghertzos), gurugliones, Macarrones de ‘erritu, pistizone, Pane frattatu, pane cotu, minestrone a sa lodina, Tataliu, Porcheddu arrustu, Anzone arrustu, Crapitu arrustu, petha ‘e sirvone,  Cordedda, irveche a budditu, manicatura, mòricu, vae e lardu, de ervas de campu che a s’ammuratha e sa tzicòria,  de asolu, asolu pithutu, amarettos, guefos, papassinos, seatas, casatinas, arantzata, uruglietas, gathas, uvusones, bulte,  biscotu, pane carasatu, simula, cocone, calistros, cotzula chin recotu, cotzula chin gheda, coconeddu chin s’ovu, coconeddu chin sa mèndula (cun sa formas de ispera, de pipia, de puzoneddu e gai a sighire)

 

Una die de profetu: gràtzias a s’agiudu de Legambiente, de sos maistros e de sos pitzinnos!