LODE’ – Giornata di studi e memoria per “Sa die de Sa Sardigna”

Lodè

Lodè

La Regione ha pubblicato la graduatoria sui progetti approvati relativi a “Sa die de sa Sardigna”. Nell’elenco, c’è anche quello del comune di Lodè che da subito, aveva colto l’importanza della “Giornata del popolo sardo”, istituita dal consiglio regionale. «A tale fine – spiega Angelo Canu, de s’Ufitziu de sa limba sarda – il Comune ha predisposto una giornata di studi per ricordare il 28-4-1794 e dare seguito alle manifestazioni degli anni scorsi con l’intento divulgativo-didattico di spiegare l’importanza dei vespri sardi, insurrezione popolare contro i Piemontesi per chiedere più autonomia e importanza decisionale». È il progetto per far più luce sui moti angioini e antifeudali, una diversa visione dell’accaduto per mezzo di racconti e di storie di vita tratti da archivi dimenticati, che stanno riportando alla luce fonti scritte legate alla storia di vita e alla rivelazione del ruolo che la cultura orale ha avuto in Sardegna nel tramandare fatti ed eventi storici di valore collettivo. Una scoperta e una narrazione della storia dei paesi del 700 e 800 per mezzo di racconti di tanti che sono partiti a difendere il suolo natio per un ideale di libertà. «Vista l’importanza della memoria e della tradizione orale – precisa Canu – si è inteso raccontare quanto avvenuto alla fine del 700, l’importanza della cultura popolare tramite la narrazione di un romanzo che ha cambiato storia e cultura della Sardegna, “Sos Sinnos de Mialinu Pira”, un libro sull’identità conosciuta e da conoscere che racconta S’iscola de su cuile e S’iscola de su mastru, una serie di racconti in sardo che hanno seguito e amplificato la tematica della Sardegna tra due lingue, quella di un popolo dai diritti negati, da pretendere – prosegue Canu – Mediante l’esposizione di queste tematiche si arriva a parlare dell’importanza politica della lingua sarda alla luce di una nuova autonomia, del bilinguismo e della lingua sarda negli enti e nelle scuole, per una visione nuova senza pregiudizi della storia e della cultura sarda».

http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2014/01/24/news/giornata-di-studi-e-memoria-per-sa-die-de-sa-sardigna-1.8533435

Lìtera de nonna

IMG_6506.JPG


Salute  ‘izzolu, e ti ringrazio meda pro mi ‘accher ischire tottu su
chi ses  ‘acchende pro sa limba sarda e sas tradiziones anticas. Sicchi
a ti ‘accher intendere cun tottu sos mezzos e maneras, pro sichire a
facher connoschere s’istoria e su connottu de unu populu. Jeo sò
cuntenta de su chi ‘acches ca potet creschere una cultura nova in sas

generaziones noas. Augurios medas dae nonna Pasqualina.


Pascallina Pau

Màndigos de Pasada

 

posada,legambiente,vivitalia,ufìtziu de sa limba sarda,limba sarda,storia,tradizioni,feste


Oe in sa tertza e in sa cuarta de sas iscolas primàrias (elementares) de Pasada amus fatu una letzione in limba sarda pro more de s’Ufìtziu de sa Limba Sarda. In duas oras amus faeddatu cun sos pitzinnos e cun sas maistras in subra de s’importu de connòschere s’ite de mandigare de una bidda, pro connòschere fintzas sos logos, s’ambiente, sas traditziones, sas festas e sos nùmenes in sardu de sos màndigos. 

Amus faeddatu de:

Macarrones de punzu

·         Macarrones de busa (ferritu)

·         Bulurzones  (casu/regotu cun menta)

·         Tallarinos

·         Frègula

·         Ministru/sugheddu

·         Pane vratadu (chin bagna e casu – ifustu in su brou)

·         Pane cotu

·         Minestra ‘e patata (si faghet su sufrintu de chibudda cun ozu ‘ermanu, s’azunghet sa tamada, sa minestra e su casu)

·         Minestra ‘e pisellu

Peta (Petza)

·         Porcheddu arrustu

·         Anzone arrustu

·         Crabitu arrustu

·         Peta  ‘ula arrustu

·         Cassola (peta coghinada cun chibudda, azu, preduseme a fogu lenu)

·         Fae e lardu

·         Peta ‘e porcu chin patata

·         Ajolu chin peta ‘e porcu

Pisches

·         Mùgine arrustu

·         Mùgine a cassola e bagna

·         Aranzola (spigola) arrustu e a cassola

·         Ambidda arrustu

·         Ambidda a cassola chin bagna

·         Ambidda a buddidu

·         Ambidda a buddidu chin casu

        Groga

Pane

·         Pane carasau

·         Sas cogones

·         Lòrigas

·         Covatzas

·         Pane ‘e Pasca (pane cun s’ou)

·         Pane guzadu

·         Chiarzu (chin su talau)

·         Pane ‘e orzu

·         Coconeddu ‘e Sant’Antoni (Pane e mele)

 

Durches

·    Pabassinos (Pabassa e mèndula, cun sa figu e cun sa gapa)

  • Maricosos
  • Amaretos
  • Biscotos de cafè
  • Bianchinos
  • Arantzada
  • Gatò
  • Pompia
  • Seadas
  • Casadineddas (casu/regotu tùcaru e corza de limone)
  • Urilletas
  • Sos busones

 

Un’àtera die de profetu: gràtzias a s’agiudu de Legambiente, de Vivitalia, de Giuanne Mura, de sas maistras e de sos pitzinnos!

Per “Sa die de sa Sardigna” un laboratorio di storia – La Nuova Sardegna

Logo ULS grande.jpg


“Colores de libertade” (colori di libertà) è il titolo di un laboratorio di storia e cultura sarda, rigorosamente in limba sarda, pro Sa die de sa Sardigna 2013. Il decollo è previsto per venerdì 12 alle 15,30 presso la biblioteca comunale di via Roma. L’iniziativa del comune, che ha ottenuto un finanziamento dalla Regione, è rivolta ai minori compresi nella fascia di età 9-14 anni. Lo comunicano il responsabile de s’ufitziu de limba sarda Jorgi Rusta e lo studioso Bachis Piras che hanno presentato uno specifico progetto sull’argomento variamente articolato. Il laboratorio ruoterà, infatti, sui valori dell’autonomia e “cun su chi est cumbinatu in s’abrile del 1794”, l’insurrezione popolare del 28 aprile 1794 ovvero i cosidetti “Vespri Sardi” con i quali si allontanarono da Cagliari i piemontesi e il viceRe Balbiano in seguito al rifiuto del governo torinese di soddisfare le richieste dell’isola. Incoraggiate da questa vicenda cagliaritana, fexero altrettanto le popolazioni di Alghero e Sassari. (b.a.)

http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2013/04/10/news/per-sa-die-de-sa-sardigna-un-laboratorio-di-storia-1.6861387

Lodè – Letziones in limba sarda

IMG_5024.JPGIMG_4930.JPG

IMG_4934.JPG

IMG_4941.JPG

IMG_4951.JPG

IMG_4945.JPG

IMG_4946.JPG

IMG_4957.JPG

IMG_4974.JPG

IMG_4979.JPG

IMG_4976.JPG

IMG_5017.JPG

 

 

Sa Comuna de Lodè paris cun su CEAMAL, s’Ufìtziu de sa Limba Sarda e su sòtziu “Adotta un Albero”, ant ammanitzadu una filera de mustras in “Sa domo de tzia Rofoella”, domos antigas repathadas cun contributos regionales.

Si podet intrare (sena pagare) fintzas a su 30 de ghennàrgiu: in intro bi sunt unas cantas mustras de artesania (terra, pedde, linna e pintura),  e una de trastos antigos de campu.

Sàpadu coladu e in die de oe sunt giai bènnidas tres classes a bisitare sas mustras; in antis de intrare a sas domos amus passigiadu in su tzentru istòricu de Lodè, faeddende in limba sarda de istòria, arte, architetura, ingegneria idràulica, cultura e traditziones de sa bidda.

Sas letziones sunt istadas agradèschidas dae pitzinnos e mastras: sas collaboratziones ant a sighire fintzas in sos meses imbenientes.

Si torrat gràtzias a sos mastros de artesania Federica Basile, Antonietta Mele, Paolo Farris, Cecilia Farris, Lucio Farris, Giuseppe Nanu, Carluzzu Sanna e totu sa gente chi est donende sos trastos de sa mustra.

Seis totu invitados a bìsitare “Sa domo de tzia Rofoella”