Su tempus e su dolu

Angelo

Intendia: “su tempus at a èssere mastru”
Mi naraiant: “su tempus acontzat sas cosas”
Faeddaiant de “tempus che a una medichina”
Fia seguru chi si su tempus consumat sa pedra…
ma in su coro galu fertas e in sa conca galu ammentos.

Duos annos… Ciao mà…

Lingue di minoranza, la lezione degli altri Paesi

Alessandro Mongili

Alessandro Mongili

 

Contrariamente a quanto si è detto, le misure prese nei Paesi civili sulle lingue di minoranza hanno dato i risultati sperati. Non si è trattato, come scrive Giulio Angioni, di “feste poetiche, premi letterari, raduni folkloristici, convegni di studio specialistici e no, toponomastica in parlate locali, insegnamento scolastico”. No. Le università catalane sono in larga misura catalanofone, la BBC Alba, che trasmette in gaelico scozzese, parlato da meno del 5% degli scozzesi, è un successo, raccontato recentemente sul “Guardian”, in Irlanda le scuole gaeliche hanno la fila davanti perché offrono un insegnamento migliore, in Bretagna le sezioni che usano il bretone come lingua veicolare per tutte le materie sono obbligatorie in tutti i Licei, anche dove il bretone si è estinto, e per non parlare dell’Occitania (non della “Provenza” come dice Angioni). I cittadini di aree multilingui si sono arricchiti con la conoscenza della propria, e in alcune lingue di minoranza sono state elaborate opere importanti. Soprattutto, ed è impagabile, milioni di cittadini hanno scoperto nella loro diversità linguistica una ragione non di vergogna, ma di autostima. Queste lingue si difendono per tutelare il patrimonio storico, per arricchire la strumentazione culturale delle comunità, per dare un futuro a lingue elaborate collettivamente in centinaia di anni e, naturalmente, sotto la spinta politica di movimenti che difendono gli interessi delle minoranze di fronte all’agire, quello sì, violento e omologante delle costruzioni nazionali, artificiali e centraliste. Il che è legittimo e, secondo me, nobile. In Sardegna si è fatto poco, anche grazie alle visioni paleo-evoluzioniste e paleo-modernizzatrici di troppi intellettuali sardi. Bene, nessuno si aspetta che chiedano scusa. Tuttavia la ricerca socio-linguistica del 2007 smentisce l’argomentazione principale di Angioni, e cioè che i sardi “non vogliano” difendere il sardo. Al contrario, essi dicono di volerlo, in percentuali elevatissime e che non lasciano spazio ad alcun dubbio. Questi dati non sono stati smentiti da altre ricerche, e traducono un fenomeno evidente: non esistono solo i burocrati della lingua, ma esistono reti di attivisti, percorsi personali, esperienze culturali e professionali, e anche conflitti che danno densità e consistenza a questa nuova coscienza. Di cui esistono tante tracce, a ben vedere. Basta non classificarle come scarti rispetto alle magnifiche sorti e progressive del monolinguismo. Il problema appare piuttosto la disparità di status fra le lingue, che provoca la mancanza di opportunità parlarlo anche se lo si conosce, la vergogna, esperienze scolastiche negative, l’interiorizzazione del legame fra le lingue minoritarie sarde e un giudizio sociale sprezzante sui loro parlanti. Quello della Giunta Soru è stato il primo tentativo dipolitica linguistica in Sardegna, e tardivo. Esso ha generato una moltitudine di esperienze, e anche una serie di problemi. Noi dobbiamo analizzarne le problematicità ma anche andare avanti, e non affossare tutto al primo ostacolo. Perché una lingua circoli in una società come la nostra, la scrittura e la sua standardizzazione rappresentano un passaggio inevitabile. Ma si tratta di un processo vero e proprio e non è pensabile che non vi siano problemi, e che la gente rimanga calma. È auspicabile che la politica riacquisti un ruolo di equilibrio e di guida. Essa è chiamata a sviluppare politiche di parità per le lingue minorizzate, e a riconoscere che l’italiano è favorito a tutti i livelli. Su di esso sono investite somme non paragonabili a quelle spese per le lingue dei Sardi, ma anche per l’inglese.

 

di ALESSANDRO MONGILI

LA NUOVA SARDEGNA
SABATO, 14 DICEMBRE 2013

http://ricerca.gelocal.it/lanuovasardegna/archivio/lanuovasardegna/2013/12/14/NU_17_01.html?ref=search

Maghiàrgias, pindàcios e Solones de sa limba sarda

totò

Onni tantu essit a campu carchi maghiàrgiu o maghiàrgia chi suspentant sa morte de su sardu, chi narant sia una limba bona petzi pro paristòrias e contos de foghiles, una limba chi non podet intrare in s’Universidade (Il fatto è che, per i massimalisti, l’affermazione che all’Università il sardo non può essere utilizzato per insegnare qualsiasi materia (la fisica, la matematica, la biologia) suona come un pregiudizio ideologico e non come la pura e semplice verità: diversi sistemi linguistici hanno diverse possibilità, egualmente importanti, ma differenti, cosa che non significa negare universalità anche alla più “piccola’ delle lingue minoritarie, bensì prender atto di diverse possibilità e modalità di esprimerla. […] Il sardo non può essere usato regressivamente in opposizione alla lingua nazionale.).

Pro custa gente su sardu non podet èssere una limba bona pro sa sièntzia, pro sa fìsica, pro sa filosofia o pro sa literadura: pro custa gente no benit bene a ispricare in sardu cuntzetos “de cultura arta”.

Pro ite pensant a su sardu che a una limba bona pro su campu, pro su pastoriu e su massarizare ebbia? Ca non la connoschent e non connoschent mancu s’impreu chi sos sardos nd’ant fatu e nde sunt faghende. E tando b’at pensadu Giagu Ledda a ammentare a calicunu/a chi in su “1827, il “Dottori Chirurgu Efis Nonnis, Supplidori de sa Cattedra de Chirurgia, in sa Reali Universidadi de Casteddu”, pubblicò, “in sa Stamperia de E. Timon”, un manuale di Ostetricia, scritto interamente in sardo, dal titolo: “Brevis Lezionis de Ostetricia” o chi su mese coladu “un ingegnere sardo, di Iglesias, laureato presso l’Università di Cagliari, ha difeso la sua tesi di dottorato (PhD Thesis) in fisica nucleare presso l’università di Barcellona (che non è mitica) e, oltre a spedirne una copia al Cern, in inglese, ha compilato un riassunto della sua tesi, di 17 pagine, in sardo.” O forsis tocat de lis ammentare, semper a sos maghiàrgios e a sas maghiàrgias, chi in su 1996 , Pàulu Zosepe Mura, at publicadu “Sa chistione mundiali de s’energhia” (pro sa CUEC) e in s’istèrrida b’at iscritu chi at seberadu de l’iscrìere in sardu ca est “limba de s’Universidade, sa limba de totu sas iscolas, ue sos giovanos sardos potana imparare totu sas cosas de su mundu in sa limba nadia”.

Ma si custos sunt sos assempros prus famados, bi nd’at milli e milli àteros de gente chi impreat sa limba a manera naturale in cada àmbitu de sa bida. Comente at fatu Giorgio Demurtas, chi in una testimonia sua in sa pàgina facebook de “Su Comitadu de sa Limba Sarda” at iscritu: “Solu po subennere ca in su 2003 mi soe laureadu in ingegneria elettrica in sa Universidade de Casteddu discutindo unu suntu de sa tesi in Sardu Biddamannesu, omperando is regulas generales de sa traditzione literaria e da sa limbistica sarda. Sa Tesi teniat comente titulu “ Tecnicas neurales po prebiere is disrupziones in d’unu reatore a fusione nucleare” .Tocat a si ponner in conca ca su sardu est una limba normale e po custu si podet chistionare e iscriere de totu s’argumentos de custu mundu!!”

Oh Solones de sa limba sarda: a bos la catzades sa musca dae nares?

Lìtera (mai publicada) a sa Nuova Sardegna

Màuru Maxia

Màuru Maxia

Amigas e amigos istimados,

sa chida colada apo imbiadu a La Nuova Sardegna s’ interventu chi bos mando paris cun custa e-mail. La Nuova Sardegna non nd’at tentu contu e antis in custas dies at pubricadu un’àtera intrevista contra a sa limba sarda.

Sos fatos sunt finas tropu craros pro los cummentare.

Saludos a totus.

Mauru Maxia

 

A su Diretore de La Nuova Sardegna.
Dia chèrrere intervènnere intre su dibàtitu subra a sa limba sarda chi s’est tenzende in su giornale pustis de sos parres de Attilio Mastino e Giulio Angioni.
Cando si faeddat de limbas de minoria est semper utilosu a tucare dae sos pensos de Gramsci. Isse osservaiat cun acutesa chi cando si ponet sa chistione de sa limba si ponet una chistione polìtica. Pro cussu paret guasi un’infadu su de faeddare de s’istrumentu, est a nàrrere de sa limba, antis de su finis chi est e restat polìticu.
Chie est a cuntierra pro sa limba est a cuntierra, mancari forsis non si nd’abbidat e totu, pro un’idea de Sardigna prus che pro sa limba e totu. A afrimmare su deretu de impreare sa limba sarda cheret nàrrere a afrimmare su deretu a guvernare s’Isula servèndesi de istrumentos chi, comente sa limba, sunt una parte e bia de s’identidade sarda. Sa limba, cheret naradu, no est che una cara de sa chistione prus manna e arraigada de
sa dipendèntzia de sa Sardigna. Dae custu puntu de vista, su movimentu linguìsticu rapresentat forsis s’elementu prus abbistu de unu movimentu de ideas chi est essidu a pizu in sos annos ’70 de su sèculu coladu e chi dae tando dat a bìdere una crèschida sighida siat comente ispertesa e siat comente nùmeru. Ateras cumponentes de su movimentu, atiradas dae sos valores de fundu de s’identidade sarda, sunt impinniadas,
pro esèmpiu, in s’avaloramentu de sos benes culturales o in sos grupos folklorìsticos chi la faghent gasi rica a sa Sardinnia in fatu de partetzipantes. In custos casos puru si tratat guasi semper de zòvanos.
Dae su movimentu de ideas tucadu unas deghinas de annos como cun sa “iscoberta de sas raighinas” e chi s’est propostu contras a sa globalizatzione nde benit, de seguru, una dimanda de democratzia. Custa dimanda de democratzia in su chi pertocat a sa limba si traduit in una ispinta a opònnere, o a afianzare in fatu de bilinguismu, sa limba de sa traditzione a sa limba ufitziale. Sos chi non cunsiderant custu fenòmenu, ma
finas chie non tenet sas matessi aspiratziones o desizat àteros modellos de guvernu, tendet a si che pònnere in positziones chi medas bias cumparent cunservadoras e carchi borta finas reatzionàrias.
A su movimentu linguìsticu si li depet reconnòschere chi est portadore de una dimanda e de una proposta. E est custa sa novidade chi atirat medas zòvanos chi che sunt semper prus a tesu dae una polìtica tradizionale
chi non si cumprendet prus, sende guvernada dae su desizu de si mantènnere e bia, in totu serrada a su chi est nou e a sos zòvanos.
Chirchende unu modellu bonu pro totus, su movimentu linguìsticu at isperimentadu solussiones chi no est semper chi ant agatadu cuncordu. E est inoghe chi si che tzacant cussos chi de continu chircant de lu ispartighinare finas cun arresonos chi semper de prus ammustrant s’istrumentalidade issoro. Mi relato a totu sas iscumbatas de opònnere s’inglesu a su sardu, comente chi unu che depat catzare a s’àteru antis de istare paris intre de una didàtica moderna impostada subra a su cunfrontu prus de s’iscrusione. Mi
relato finas a s’idea chi bi diat àere cosas de prus importu de su sardu, prus de totu sa chistione de su traballu. Ma a custos non lis benit a conca mancu pro un’iscuta chi finas sa limba e sa cultura sarda  ferint sa possibilidade de traballare a medas zòvanos calificados chi podent agatare un’impreu in s’insinniamentu o in s’avaloramentu de sos benes culturales, finas cussos benes immateriales chi tenent una parte manna in sas traditziones nostras.
In mesu a sos trastos de sos anti-sardu b’est finas chie faeddat de “sardo di plastica” sena ischire chi pròpiu s’italianu est una limba de apostizu chi non currispondet a perunu logu, mancari tenzat unu fundu in su fiorentinu antigu (literàriu), chi oe però est diversu meda dae s’italianu iscritu e faeddadu.
De custos tipos nde at faladu in campu finas pro iscumproare cuddu mètodu de su “divide et impera” ponzende a pare sardòfonos e corsòfonos. Ma mancu cue bi sunt resessidos ca sos gadduresos e tataresos ant cumpresu chi sas tutelas pro sa limba issoro las tenent gràtzias a sa Regione Sarda (L.R. n. 26/1997) mentres sa normativa istatale (L. 482/1999) de su gadduresu e de su cossu mancu nde faeddat.
Chie tenet àteros modellos avantzet àteras propostas. Ma niune si podet permìtere de afeare su movimentu linguìsticu faeddende de “mortores de sa limba” o de “mastros malos”. Sas responsabilidades de sa crisi de su sardu, est cosa nòdida, sunt de sa classe polìtica mìope e de s’iscola chi finas oe est discriminende su sardu si est beru chi in tzertos istitutos prus de s’80% de sas famìlias ant pedidu s’insinniamentu de su sardu ma sena resessire a lu tènnere ca nachi non b’at mastros formados.
Si podet e si depet arresonare de totu. Però su determinu non podet èssere cussu de bullare malamente sos portadores de propostas ma cussu de sighire a arresonare chirchende de agatare s’acordu prus largu.
Non si depet ismentigare chi limba italiana s’est formada gràtzias a modellos literàrios antigos e chi li sunt servidos paritzos sèculos pro si pòdere afrimmare comente est oe. Pro resones chi in parte sunt sas matessi, s’istrumentu impreadu dae sa Regione Sarda tenet a riferimentu unu limbazu chi est servidu pro modellos literàrios de giudu finas dae paritzos sèculos. Ma niune at nadu chi custu modellu non si potat mezorare o chi non si potant seberare finas àteros modellos. Duas sunt sas cosa prus de importu:
1) chi totus sigant a faeddare su limbazu issoro pro mantènnere sa richesa de sos faeddos; 2) chi sa limba de riferimentu tenzat unu matessi modellu cuncordadu pro chi servat a unire e no a dispartire, ne prus e ne mancu de su est pro s’italianu. Duncas, su cunfrontu si diat dèpere incaminare subra a custos fatos sena si pèrdere in positziones partizanas.
Bi est chi proponet de impreare s’istrumentu de sa limba italiana pro su fatu chi custa la connoschent totus, mancari su livellu de cumpetèntzia paritzas bortas siat menguante meda. Bi est finas chie proponet s’italianu faeddadu in Sardigna comente modellu, belle chi custu limbazu siat fizu de un’imparu linguìsticu sena cabu chi est portende a s’abbandonu de su sardu e est favoressende un’istrumentu linguìsticu meschinu e de prus pagu impitu de su chi si diat chèrrere remendare. In custa òtiga Angioni nos ammentat chi totus sas limbas sunt destinadas a mòrrere e a èssere mudadas cun àteras. Non b’at duda chi sa realidade siat custa e nde faghet testimonia finas su latinu chi pròpiu in Sardigna che imboleit sa limba de sos Sardos antigos. Ma chie proponet custos cunsideros non tenet in contu chi finas s’italianu est destinadu a iscumpàrrere e sos sinnos de crisi sua sunt semper prus ladinos peri s’intrada sena abbarru de trumadas de paraulas inglesas.
Su retore Mastinu ammentat sa traditzione de s’universidade sua in su chi pertocat a sa limba sarda e portat a bàntidu sa richesa linguìstica de su territòriu de riferimentu. Chissu era veru in l’anni passati, candu insembi a lu saldu in chissa universitai si insignàa e si faiddàani ancora lu gadduresu e alti faeddi.
Ma abà?
S’amparu de sa limba e de sa cultura nostra est una ispressione de desizos democràticos de una parte de su pòpulu, pro su prus zòvanos, chi no atzetat prus modellos, islogans e cumandos calados dae artu peri su monolinguismu de istadu. Sa veridade est chi in sa pròpia minoria antisarda chi s’annidat in sas istàntzias de su podere bi nd’at medas chi sunt contra finas a su bilinguismu. Sunt frunzas veterocolonialistas foras dae su tempus chi non s’abbident chi finas sa Galbani at postu unu cuncursu
chi premiat a cussos chi ischint su “dialetto”.
Sos atacos arrenegados de cussos chi s’isfortzant de mudare su cursu de sas cosas ammustrant sa dificurtade issoro e s’alenu curtzu de chie bidet sa Sardigna cun ideas dipendentistas chi nos ammentant sa “unione perfetta” de su 1847. Un’idea chi paret semper prus dèbbile ca est bida comente unu mantenimentu e bia de su statu quo e ca non proponet nudda de nou. A sustènnere, comente faghet Angioni, chi sas limbas de
minoria siant perdende totue est a non connòschere mancu sa realidade de domo nostra ca tenimus limbazos comente su gadduresu e su tabarkinu chi sunt faeddados dae guasi totu sa populatzione de su logu cun puntas de su 90%.
Chie tenent interesse a cuncordare solussiones (e sa chirca sotziulinguìstica de su 2006 narat chi diant èssere tres cuartos de sos sardos) diat dèpere incaminare sas chistiones in formas de cunfrontu verdaderu e democràticu atzetende sos sèberos prus cundivisos chi nd’ant a essire a pizu.

Mauru Maxia
istudiosu de limbas de minoria

 

 

 

 

 

Al Direttore de La Nuova Sardegna
Egregio Direttore,
vorrei intervenire nella discussione sulla lingua sarda apertasi sul giornale a seguito delle
opinioni espresse da Attilio Mastino e Giulio Angioni. Le sarei grato se potesse pubblicare il seguente
intervento.
Quando si parla di lingue minoritarie è sempre utile partire dal pensiero di Gramsci, che osservava
acutamente che quando si pone il problema della lingua si pone un problema politico. Perciò appare un po’
stucchevole parlare dello strumento, cioè della lingua, piuttosto che del fine che è e resta politico. Chi si batte
per la lingua si batte, anche quando non ne ha piena contezza, per un’idea di Sardegna più che per la lingua
in sé. Affermare il diritto a usare la lingua sarda equivale ad affermare il diritto a governare l’Isola
servendosi di strumenti che, come la lingua, sono una parte costitutiva dell’identità sarda. La lingua, in
effetti, non è che una faccia della più vasta e articolata questione rappresentata dalla dipendenza della
Sardegna. Da questo punto di vista, il movimento linguistico rappresenta forse la componente più avvertita di
un più vasto flusso di idee che ha origine negli anni ’70 del secolo scorso e che da allora mostra una continua
crescita sia in termini di consapevolezza sia in termini numerici. Altre componenti del movimento, attratte
dai valori fondanti dell’identità sarda, sono impegnate, per esempio, nella valorizzazione dei beni culturali
oppure nei gruppi folkloristici che rendono la Sardegna così ricca in termini di partecipazione. In tutti questi
casi si tratta quasi sempre di giovani.
Dal movimento di idee partito alcune decine di anni fa dalla “riscoperta delle radici” e caratterizzatosi come
opposizione alla globalizzazione viene, in effetti, una richiesta di democrazia, che sul piano linguistico si
traduce in una spinta ad opporre, o anche ad affiancare in termini di bilinguismo, la lingua tradizionale alla
lingua ufficiale. Chi non considera questo fenomeno, ma anche chi non condivide le stesse aspirazioni
oppure propugna altri modelli di governo, è portato a schierarsi su posizioni che spesso appaiono
conservatrici, talvolta perfino reazionarie.
Al movimento linguistico non si può non riconoscere di essere portatore di una istanza e di una proposta. Ed
è questa la novità che attrae un numero crescente di giovani sempre più lontani da una politica tradizionale
che appare incomprensibile, governata come è da meccanismi di pura autoconservazione, chiusa rispetto al
nuovo e ai giovani. Alla ricerca di un modello valido per tutti il movimento linguistico ha sperimentato
soluzioni che non sempre trovano un accordo unanime. Ed è qui che hanno buon gioco quelli che da sempre
puntano a dividerlo anche con argomentazioni che mostrano sempre più chiaramente una strumentalità di
fondo. Mi riferisco ai reiterati tentativi di opporre l’inglese al sardo, come se l’uno dovesse escludere l’altro
anziché integrarsi opportunamente nell’ambito di una moderna didattica improntata al confronto piuttosto
che all’esclusione. Mi riferisco anche all’idea che ci sarebbero cose più importanti del sardo, in modo
particolare la questione dell’occupazione. Ma costoro non sono neanche sfiorati dall’idea che anche la lingua
e la cultura sarda rappresentano occasioni di lavoro per una platea di giovani qualificati che possono trovare
un’occupazione nell’insegnamento o nella valorizzazione dei beni culturali, compresi quelli immateriali che
tanta parte hanno nella tradizione isolana.
Nell’armamentario degli oppositori della lingua sarda non manca chi parla di “sardo di plastica” ignorando
che proprio l’italiano è una lingua artificiale che non corrisponde ad alcuna località pur avendo alla base
l’antico fiorentino, che oggi è però molto diverso dall’italiano scritto e parlato.
Altri sono scesi in campo per attuare la vecchia tattica del divide et impera al fine di suscitare frizioni tra
sardofoni e corsofoni. Ma senza ottenere risultati perché i galluresi e sassaresi hanno mangiato la foglia,
sapendo bene che le uniche tutele per la loro lingua vengono dalla Regione Sardegna, mentre la legge statale
(la 482/1999) ignora del tutto il gallurese e il corso.
Chi ha altri modelli avanzi altre proposte. Ma nessuno può permettersi di criminalizzare il movimento
linguistico parlando di “assassini della lingua” o di “cattivi maestri”. Le responsabilità della crisi del sardo,
come è noto, sono da addebitare in massima parte alla miopia della nostra classe politica e a una scuola che
ancora oggi discrimina il sardo se è vero che quest’anno in certi istituti oltre l’80% delle famiglie ha richiesto
l’insegnamento del sardo ma non riesce ad ottenerlo per mancanza di personale formato.
Si può e si deve discutere di tutto. La soluzione, però, non è quella di etichettare negativamente i portatori di
proposte quanto quella di continuare a discutere alla ricerca del maggior numero di consensi. Non si deve
dimenticare che la lingua italiana si è formata su antichi modelli letterari e le sono occorsi parecchi secoli per
affermarsi nelle forme attuali. Per ragioni in parte analoghe lo strumento adottato dalla Regione Sardegna si
basa su una varietà che ha espresso dei validi modelli letterari lungo l’arco di almeno tre secoli. Ma nessuno
ha detto che questo modello non possa essere perfezionato o che non si possano scegliere altri modelli. Due
sono, comunque, gli aspetti di maggiore rilievo della questione: 1) che ciascuno continui a parlare e
trasmettere la propria parlata locale conservando l’odierna ricchezza in termini di varietà linguistiche ; 2) che
la lingua di riferimento abbia un modello comune e condiviso, in modo da favorire l’unione e non la
frammentazione, né più né meno di quanto avviene per l’italiano. Il confronto, quindi, dovrebbe focalizzarsi
su questi aspetti e rifuggire da posizioni partigiane.
Vi è chi propone di usare lo strumento rappresentato dalla lingua italiana per il fatto che essa ormai è usata
da tutti, sebbene con livelli di competenza spesso del tutto insufficienti. Addirittura vi è chi parla di assumere
a modello l’italiano regionale di Sardegna, una lingua figlia di un’educazione linguistica scellerata che sta
determinando l’abbandono del sardo a favore di uno strumento linguistico povero e ancor meno valido di
quello che si vorrebbe sostituire. E in questa ottica Angioni richiama l’idea che tutte le lingue sono destinate
a morire e a essere sostituite. Non vi è dubbio che questa sia una realtà ineluttabile, del resto testimoniata
anche dalla scomparsa del latino che proprio in Sardegna sostituì la lingua dei Sardi antichi. Chi propone
questa riflessione, però, non considera che anche l’italiano è destinato a scomparire e i segni del suo declino
appaiono sempre più chiari attraverso il massiccio e incontrastato acquisto di termini inglesi.
Il rettore Mastino si sofferma sulla ricchezza linguistica del territorio di riferimento e ricorda la tradizione
della sua università riguardo all’insegnamento della lingua sarda. Questo era vero in un passato non lontano,
quando insieme al sardo si insegnava e si parlavano anche il gallurese e altre varietà. Ma adesso?
La difesa della propria lingua e della propria cultura è una manifestazione di aspirazioni democratiche di una
parte della popolazione, in gran parte giovanile, che non accetta più modelli, slogan e direttive calati dall’alto
attraverso il monolinguismo di stato. La verità è che nella stessa minoranza antisardo che si annida nei salotti
buoni vi è una parte che è contraria persino al bilinguismo. Sono frange veterocolonialiste ormai
anacronistiche che non s’accorgono che è in atto un new deal culturale e che persino la Galbani ha bandito
un concorso nazionale che premia chi sa parlare in “dialetto”.
Gli attacchi virulenti contro chi lavora per cambiare una situazione anacronistica mostrano una debolezza di
fondo e il fiato corto di chi basa la propria visione della Sardegna su una idea dipendentista che ricorda la
celebre “unione perfetta” del 1847. Una idea che appare sempre più debole perché è percepita come semplice
conservazione dello statu quo e che non propone nulla di realmente innovativo. Sostenere, come fa Angioni,
che le lingue minoritarie stiano arretrando ovunque equivale a una conoscenza superficiale della
complessiva realtà di casa nostra dove il gallurese e il tabarkino sono parlati da quasi tutta la popolazione di
riferimento, raggiungendo picchi del 90%.
Chi è realmente interessato a trovare soluzioni (e l’inchiesta sociolinguistica del 2006 dice che lo sarebbero
circa tre sardi su quattro) dovrebbe incanalare il dibattito su forme di reale confronto democratico accettando
le scelte maggiormente condivise che ne scaturiscono.

Mauro Maxia
studioso di lingue minoritarie