Bilinguismu creschet. Die de formatzione pro sos operadores linguìsticos.

bilingualism matters, bilinguismo, lingua sarda, antonella sorace, uviversità edimburgo, regione sardegna, giorgio rusta


Su 26 de Santu Andria de su 2012 in sa biblioteca regionale, s’est fata una die de formatzione cuntipigiada dae sa Prof. Sorace de s’universidade de Edimburgu e dae su Servìtziu limba e cultura sarda de sa Regione Sardigna.

Custa die de formatzione est parte de su progetu bilinguismalism matters (bilinguismu creschet) chi, moende dae s’Universidade de Edimburgu, s’est isparghinende in totu su mundu, e ispricat sos profetos de su bilinguismu in sos pitzinneddos.
Sa biblioteca regionale fiat prena de operadores e de gente interessada a sa letzione da sa Prof. Sorace, passa de setanta persones.
In sa die de formatzione s’est arresonadu de sos profetos de su bilinguismu, cun esèmpios de educatzione linguìstica bilingue de cantu su cherbeddu de unu pitzinneddu bilingue apat prus maneras de imparare prus in presse, e de crèschere prus in presse.
B’at unu muntone de maneras de pensare chi narant chi sos piseddos bilingue diant tènnere dificultades a imparare àteras limbas, e in betze sos istùdios mustrant chi est totu a su revessu: sende su cherbeddu prus allenadu, su pipiu bilingue resessit a àere cussèntzia de prus limbas, e pro isse est prus fàtzile a imparare semper prus limbas.
Sa chistione de su cherbeddu agiuat su piseddu finas in àteras cosas: lis benit prus fàtzile a cambiare cosas chi sunt faghende, e a nde fàghere àteras, e custos profetos si mustrant finas dae cando sos pitzinneddos sunt creaduras de pagos meses.
Sos pitzinnos bilingue non sunt prus abistos de sos monolingue, custu tocat a lu nàrrere, ma est finas beru chi su cherbeddu est prus aprontadu, e allenadu, e custu dipendet dae su de àere imparadu e de connòschere prus limbas, dae minore. Finas cando nos paret chi su pitzinnu non nos cumprendat, si nois li faeddamus in prus limbas issos imparant, ascurtant, e ponent in su magasinu de su cherbeddu issoro..
Sa richesa nostra podet essire dae sa chistione de sa limba nostra: si sos babos e sas mamas diant chèrrere diant pòdere dare a sos piseddos sardos una richesa noa petzi faghende su chi amus semper connotu: est a nàrrere faeddende·lis in sa limba nostra, pro los rèndere prus prontos a sas àteras limbas e a su mundu.
Tocat a sos babos e a sas mamas sardos a lu chèrrere e a lu fàghere.


de Jorgi Rusta


dae http://salimbasarda.net/politica-linguistica/bilinguismu-creschet-die-de-formatzione-pro-sos-operadores-linguisticos/

bilingualism matters, bilinguismo, lingua sarda, antonella sorace, uviversità edimburgo, regione sardegna, giorgio rusta



Bilinguismu creschet. Iscòtzia-Sardigna. Presentatzione de su progetu

  •  




    Alleanza stretta tra due realtà europee importanti per il bilinguismo dei bambini. L’assessorato della Pubblica Istruzione della Regione Autonoma della Sardegna e l’Università di Edimburgo hanno firmato nei giorni scorsi un’intesa per diffondere le conoscenze reciproche in merito all’uso contemporaneo di due lingue durante la prima l’infanzia. Il progetto si chiamà “Bilinguismu Creschet” e sarà presentato ufficialmente martedì 27 novembre 2012 alle ore 10.30, presso i locali della Biblioteca Regionale, in 

    viale Trieste 137, a Cagliari. Si tratta dell’avvio di una serie di iniziative di promozione e sensibilizzazione della popolazione sui vantaggi del bilinguismo precoce nei bambini. “Bilinguismu creschet” (che significa allo stesso tempo che con il bilinguismo si cresce e cresce l’individuo e la società) è una filiale del progetto “Bilingualism Matters”, iniziativa di successo che in Scozia ha ottenuto moltissimi risultati e che si è estesa poi in Norvegia, in Grecia e ora anche in Italia, prima in Trentino e attualmente in Sardegna. Il progetto sbarca nell’isola dove si spera di incontrare il favore della popolazione e di estirpare molti luoghi comuni sbagliati sull’apprendimento precoce e contemporaneo delle lingue che purtroppo sono particolarmente diffusi. Nell’occasione, oltre alle autorità regionali, sarà presente Antonella Sorace, professore titolare della cattedra di Linguistica Acquisizionale dell’ateneo scozzese, la quale illustrerà, in una conferenza di informazione e formazione, le ultime ricerche e gli ultimi aggiornamenti sul tema. Vista la particolare qualità dell’iniziativa e dell’ospite, si tratta di un’occasione speciale di aggiornamento e/o sensibilizzazione per i docenti e il personale didattico, ma anche di tutti coloro che si occupano di questi temi o che intendono occuparsene. La Direzione Scolastica Regionale appoggia l’iniziativa e infatti ha invitato i docenti dell’area cagliaritana a partecipare. L’ingresso è comunque libero e rappresenta un interessante confronto per qualsiasi genitore. Dalle ricerche dell’Università di Edimburgo emerge che i bambini bilingui o trilingui dalla nascita posseggono tutta una serie di abilità cognitive sorprendenti rispetto agli altri. Sono più portati ai cambi disciplinari, imparano meglio e più in fretta le lingue straniere e, a quanto sembra, da grandi avranno meno problemi con le malattie neuro-degenerative. L’uso precoce di molte lingue favorisce insomma menti creative e dinamiche. I vantaggi del bilinguismo riguardano, ovviamente, anche le lingue minoritarie come il sardo. Anzi, secondo gli studi della professoressa Sorace, parlare la lingua minoritaria in casa agevola l’apprendimento dell’inglese. Durante l’incontro, tutte le informazioni verranno fornite dalla professoressa Sorace in modo piacevole, brillante e molto interessante. Investire nel bilinguismo, o multilinguismo dei bambini (si sostiene infatti che si possano imparare contemporaneamente 4 lingue), rappresenta, insomma, nel mondo di oggi e domani, una risorsa economica per il futuro. Lunedì 26, sempre nella biblioteca di viale Trieste, è prevista una giornata di formazione per gli operatori degli uffici linguistici di tutta l’isola. Martedì pomeriggio, conferenza in alcune scuole cittadine. Le iniziative, nell’arco dei prossimi dodici mesi, verranno estese a tutto il territorio regionale.



Si sos italianos aboghinant contra a sa “pulizia linguistica”

minoranze linguistiche, legge provinciale bolzano, ettore tolomei, pdl, fli, piero giarda, ministero, costituzione, bilinguismo, lingua sarda


Si sos italianos aboghinant ca sos de Boltzano sunt faghende “pulizia linguistica” cheret nàrrere chi carchi cosa non torrat.
In su “Corriere della Sera” b’at un’artìculu chi murrungiat contra a sos tedescos de Boltzano, culpàbiles de àere aprovadu una leghe subra de sa toponomàstica chi at sa punna (custa puru culpàbile!) de cherrerret torrare a dare sos nùmenes in tedescu de logos…tedescos!
Sa cuntierra naschet in su 1923 cando s’”irredentista” Ettore Tolomei, beneditu dae su guvernu de Mussolini, ammanitzat unu Prontuario de nùmenes italianos de montes e de baddes, pro nde bogare sos nùmenes tedescos.
Sa lege provintziale nova naschet imbetzes totu cun un’ànimu diferente: su de dare “a una commissione paritetica composta dai 3 gruppi linguistici (italianu tedescu e ladinu, ndr) il compito di valutare i toponimi di monti, torrenti, malghe e frazioni“. Mancari custa lege siat mirende a su respetu de sas limbas e de sas popolatziones, su presidente de sa Provìntzia de Boltzano, Luis Durnwalder, est istadu acusadu de “pulizia linguistica”: su PDL e su FLI ant agiuntu chi sa lege est «Un grave passo indietro che rischia di portare alla scomparsa di tutti i toponimi della nostra lingua».
Sa chistione est arribada a su Parlamentu e su ministru pro sos Raportos cun su Parlamentu, Piero Giarda, at fatu cumprèndere, faeddende unu pagu in suspu, chi sa lege provintziale non podet fàghere a mancu de si cunfrontare cun su printzìpiu de bilinguismu apostivigadu dae sa Costitutzione. Nos at a tocare a bi l’ammentare, su matessi printzìpiu de sa Costitutzione, a su ministru e a sos partidos italianos, cando amus a faeddare de bilinguismu inoghe, ca paret chi si nde ammentent, si l’agradat a issos…


de Anzelu Canu


dae: http://salimbasarda.net/politica-linguistica/si-sos-italianos-aboghinant-contra-sa-pulizia-linguistica/


“Bilinguismu Creschet”: Casteddu, su 27 de santandria de su 2012

Bilinguismu Creschet, regione sardegna, bilinguismo, lingua sarda, limba sarda, antonella sorace, giuseppe corongiu

Assessoradu de s’istrutzione Pùblica, Benes Culturales, Informatzione,
Ispetàculu e Isport
Assessorato dela Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione,
Spettacolo e Sport

Diretzione Generale de sos Benes Culturale, Informatzione, Ispetàculu e
Isport

Servìtziu Limba e Cultura Sarda

La presente per informare che il giorno martedì 27 novembre 2012 alle ore
10.30, presso i locali della Biblioteca Regionale, in viale Trieste 137, a
Cagliari, sarà presentato il progetto

“Bilinguismu Creschet”. Si tratta di una serie di iniziative di promozione e
sensibilizzazione della popolazione sui vantaggi del bilinguismo precoce nei
bambini promossa dalla Regione Autonoma della Sardegna in collaborazione con
l’Università di Edimburgo. “Bilinguismu creschet” è una filiale del progetto
“Bilingualism Matters”, iniziativa di successo che in Scozia ha ottenuto
moltissimi risultati e che si è estesa poi in Norvegia, in Grecia e, in
Italia, in Trentino. Ora sbarca anche in Sardegna dove si spera di
incontrare il favore della popolazione e di estirpare molti luoghi comuni
sbagliati sull’apprendimento precoce delle lingue che purtroppo sono
particolarmente diffusi. Nell’occasione, oltre alle autorità regionali, sarà
presente Antonella Sorace, professore titolare della cattedra di Linguistica
Acquisizionale dell’ateneo scozzese, la quale illustrerà, in una conferenza
di informazione e formazione, le ultime ricerche e gli ultimi aggiornamenti
sul tema. Vista la particolare qualità dell’iniziativa e dell’ospite, si
tratta di un’occasione speciale di aggiornamento e/o sensibilizzazione per
i docenti e il personale didattico, ma anche di tutti coloro che si occupano
di questi temi o che intendono occuparsene. Oltre che un’interessante
confronto per qualsiasi genitore. Dalle ricerche dell’Università di
Edimburgo emerge che i bambini bilingui o trilingui dalla nascita posseggono
tutta una serie di abilità cognitive sorprendenti rispetto agli altri. Sono
più portati ai cambi disciplinari, imparano meglio e più in fretta le lingue
straniere e, a quanto sembra, da grandi avranno meno problemi con le
malattie neuro-degenerative. L’uso di precoce molte lingue favorisce insomma
menti creative e dinamiche. I vantaggi del bilinguismo riguardano,
ovviamente, anche le lingue minoritarie come il sardo. Tutte le informazioni
verranno fornite dalla professoressa Sorace in modo piacevole, brillante e
molto interessante. Investire nel bilinguismo, o multilinguismo dei bambini,
rappresenta, insomma, nel mondo di oggi e domani, una risorsa economica per
il futuro.

La S.V. è invitata a partecipare

Dr. Giuseppe Corongiu

Servìtziu Limba e Cultura Sarda

Diretzione Generale de sos Benes Culturales, Informatzione, Ispetàculu e
Isport Assessoradu de s’Istrutzione Pùblica, Benes Culturales,
Informatzione, Ispetàculu e Isport

Regione Autònoma de Sardigna

Viale Trieste 186

09131 Casteddu – Cagliari