Bitti – Il racconto di Pinocchio in limba

jorgi rusta, limba sarda, ufìtziu de sa limba sarda, pinocchio, comune bitti, bitti, ivana bandinu

 

jorgi rusta,limba sarda,ufìtziu de sa limba sarda,pinocchio,comune bitti,bitti,ivana bandinu


BITTI. L’attività parrocchiale Sacro Cuore di Gorofai si è conclusa, a seguito di un interessante percorso didattico, con un lavoro in limba. I ragazzi hanno salutato i genitori e le maestre presentando in lingua sarda la storia di Pinocchio, adattate dalle insegnanti su un copione proposto da s’Ufitziu Limba Sarda della provincia di Nuoro, distretto numero 3. È stato il coronamento di un anno scolastico che ha visto la collaborazione dell’assessorato alla cultura-biblioteca comunale, che per mezzo dell’Uls provinciale, ha svolto un laboratorio didattico di due mesi con incontri settimanali di lettura animata con le storie che venivano narrate ai bambini con l’ausilio di proiezioni. I laboratori sono proseguiti con il lavoro delle maestre che stimolavano la fantasia dei bambini proponendo di disegnare quanto emergeva da racconti. Da questo è nato l’opuscolo Pinguineddu e Atteros contos, curato dall’Uls e fortemente voluto dall’assessore Ivana Bandinu, dove sono riportati i racconti (traduzioni dall’italiano di racconti per bambini) e i disegni dei piccoli alunni dell’asilo. Un lavoro davvero gratificante alla luce dei risultati ottenuti. (b.a.)


dae http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2013/07/13/news/il-racconto-di-pinocchio-in-limba-1.7416420

Bitti – Riapre s’Uffitziu de sa limba nei paesi dell’Alto Nuorese

ufitziu limba sarda, jorgi rusta, la nuova sardegna, bitti, lula, onanì, osidda, orune, limba sarda, lingua sarda


di Bernardo Asproni

BITTI. Nei cinque paesi dell’Alto Nuorese ha ripreso l’attività dell’anno 2013 dello sportello di s’Ufitziu de sa limba sarda della Provincia. L’iniziativa in corso interessa i comuni del mandamento 3 che comprende Bitti (giovedì ore 11-13), Lula (martedì ore 11-13), Onanì (martedì ore 15,30-17,30), Orune (giovedì ore 15-17) e Osidda (giovedì ore 8,30-10,30).

Il progetto del corrente anno dispone, quindi, che l’operatore deve espletare due ore per ogni settimana in ogni comune interessato.

Nella nota informativa si sottolinea che gli orari potrebbero cambiare a secondo il lavoro da svolgere nei comuni. S’Ufitziu seguirà la strada tracciata negli anni scorsi, a disposizione delle amministrazioni e delle scuole.

Intanto a Bitti insieme alla scuola materna Sacro Cuore della parrocchia di Gorofai, i bambini stanno seguendo un laboratorio di lettura in sardo. Si precisa, ulteriormente, che l’operatore è a disposizione per le attività in grado di dare visibilità a sa limba sarda attraverso traduzioni, laboratori didattici, locandine e altro. Referente Jorgi Rusta.

Per informazioni chiamare il 3479241295 oppure via email all’indirizzo jorgi.rusta@gmail.com. (b.a.)


dae http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2013/05/03/news/riapre-s-uffitziu-de-sa-limba-nei-paesi-dell-alto-nuorese-1.6994383

Alunni a lezione con esperti di storia e geografia locale – La Nuova Sardegna

la nuova sardegna, posada, torpè, lodè, bitti, angelo canu, lingua sarda, ufìtziu de sa limba sarda

la nuova sardegna, posada, torpè, lodè, bitti, angelo canu, lingua sarda, ufìtziu de sa limba sarda


di Sergio Secci

POSADA Prosegue con grande entusiasmo il progetto di sensibilizzazione al costituendo parco di Tepilora-Fiume Posada, nelle scuole elementari e medie dei quattro comuni interessati. Legambiente, che collabora con gli enti e le rispettive scuole, ha voluto coinvolgere, oltre a volontari anche studiosi ed esperti della zona che hanno parlato agli alunni dell’importanza straordinaria dell’istituzione del parco che è la base da cui partire per progettare i futuri scenari di sviluppo socio-economico e culturale di quest’area della Sardegna. Ricca di grandi potenzialità, non solo ambientali e paesaggistiche ma anche di monumenti e beni culturali, risalenti a diverse età, dal Neolitico al Nuragico, dall’epoca Romana al Medioevo, in alcuni casi poco valorizzati. Già da alcuni mesi, in alcune classi di Bitti, Torpè, Posada e Lodè, si sono svolte lezioni di educazione ambientale che hanno visto come esperta della materia Marta Battaglia affrontare importanti tematiche a riguardo, mentre riguardo l’etnologia e la lingua sarda è stata la volta di Angelo Canu di s’Ufitziu de sa limba sarda ad esporre e trattare argomenti importanti come la cucina tipica tutto rigorosamente in limba. Per l’archeologia è toccato ad Alberto Pala illustrare le testimonianze archeologiche di Torpè, Posada e Lodè attraverso lezioni supportate da audiovisivi, testi e carte tematiche. Su questo aspetto importante, legato alla Scienza dei Beni Culturali, alcune maestre delle scuole elementari e medie, tra cui Giuliana Capra, Paola Mangia e Pasqualina Carta, hanno lavorato in modo accurato e sensibile con le loro classi, proponendo delle escursioni con gli alunni in alcuni siti importanti come la fonte sacra di Romanzesu a Bitti e il nuraghe quadrilobato di San Pietro a Torpè.


http://ricerca.gelocal.it/lanuovasardegna/archivio/lanuovasardegna/2013/04/24/OL_29_03.html?ref=search

Tziu Pascale – Kelleddu Burrai

limba sarda, lingua sarda, musica sarda, kelleddu, bitti, su

Tziu pascale morinne in su letu

Non bi l’achiat prus, non bi l’achiat prus

Ma l’est bastatu unu litru de Vernaccia, 

como est tranquillu e viva a sa vaccia

 

Lu biet Frantziscu Maria e Pascale

Su binu bonu non faghet mai male

Ma cando est bitu in cumpantzia 

salute bos siat salute.

 

Poi b’est Maria amante distrata

Un amore novu l’at conquistata

Una cupa de binu, s’abratzat e basat

 Si nche la biet dae s’oje a su cras

 

Amore bellu caru tesoro

Intro de die ti juco in su coro

Ma cando tocat s’Ave Maria

Jeo ti lasso pro sa malvasia

 

Cheriat mortu a balla sola

Su c’at ibentatu sa coca cola

Sa bita pro chie juchet chereveddu

 Bi cheret fiascos de binu nieddu

 

Su binu est bellu, est generosu

Faghet allegru su ch’est umbrosu

Biite totu,bumbade meta

Ma datze cara a sa brachetta