Comuna de Pasada – Tzitadinàntzia de onore a Mario Zidda

stemma hd.jpg

Sa Comuna de Pasada cuntzedit sa tzitadinàntzia de onore a su dut. Mario Demuru Zidda, chi est istadu sìndigu de Nùgoro pro deghe annos, pro s’impignu in campu Polìticu e Culturale, pro su ligàmine, s’istima e s’atentzione a sa Comunidade e a su territòriu Pasadinu.
Sa tzerimònia s’at a fàghere in Pasada, in sa sala de su consìgiu, su 24 de austu de su 2012.
S’atestadu chi l’at a èssere donadu est istadu fatu in sardu e in italianu dae s’Ufìtziu de sa Limba Sarda de sa Provìntzia de Nùgoro.
 
Pro bìdere s’atestadu:

Cunsertu “Giòvanos pro sa solidariedade” – su 7 de trìulas de su 2012 in Pasada

concerto beneficienza,pro loco posada,turulia,comune posada,posada,castello della fava

 

 

sa pro loco de pasada cun s’agiudu de sa comuna de pasada e de su sòtziu culturale turulia

 

presentat

 

Giòvanos pro sa solidariedade

 

Cunsertu de benefitzèntzia pro sos terremotados

 

ant a sonare su violinu

 

Alba cacchiani – isabella spadaro

 

pasada

 

su 7 de trìulas 2012 in su casteddu de sa fae a sas 21.00

 

 

ANAS contra a sa limba sarda

 

limba sarda, anas, cartellonistica, Posada, pasada, comune posada, roberto tola, segio secci, angelo canu    limba sarda, anas, cartellonistica, Posada, pasada, comune posada, roberto tola, segio secci, angelo canu

Fotos de Sergio Secci

 

Meda bortas s’intendet faeddare de tutela de sas limbas de minoria, ma si bi damus cara bene est prus a paràulas chi non in sa realidade.

Cada die bidimus e/o leghimus atacos a sa limba sarda, a sa dignidade e a s’impreu suo in àmbitu ufitziale, mancari bi siant una Carta Europea de sas Limbas de Minorias, una lege de s’Istadu Italianu (sa 482/99) e una lege regionale (sa 26/97) chi la tutelant.

S’ùrtimu atacu est friscu friscu: s’ANAS, s’ente chi gestit sa retza istradale e autoistradale de s’Italia, at dimandadu, o mègius at cumandadu, a sa Comuna de Pasada de nde bogare sos cartellos istradales in ue b’at iscritu PASADA, ca “i cartelli posti sulle strade statali, recanti indicazioni non in italiano sono fuori norma“.

Pasada (o Thiniscole, Garteddi e gai a sighire) podent èssere iscritos emmo, ma cun una deroga ebbia: “che il cartello venga sostituito con il toponimo del paese scritto su sfondo marrone, come per le indicazioni turistiche

Su sìndigu de Pasada, Roberto Tola, at giai fatu ischire chi sos cartellos in ue sunt ant a istare e chi a bisu suo mustrare, o pensare ebbia, chi su nùmene in sardu siat de paragonare a unu nùmene turìsticu est unu fatu de una gravidade manna.

Custa nota est pro fàghere a manera de dare ischitu a canta prus gente chi atacos a sa limba sarda sunt benende dae medas cugiones, fintzas dae sos chi sunt prus a sa cua. Signale chi sa limba sarda est creschende e chi est dende semper prus anneu a sos inimigos suos…

 

Sa die de sa Sardigna – Pasada su 27 de aprile de su 2012

Locandina Sa die de sa Sardigna 2012 -  PASADA.png

Sa Consulta de

sos Zòvanos de PASADA

 

cun s’azudu

 

de

Sa Comuna de Pasada

e

s’Ufìtziu de sa Limba Sarda

 

 

 

presentat 

 

 

 

Sa die de sa Sardigna

 

 

Cunvegnu istòricu

 

 

 

ant a faeddare

 

 Vittorio Sella

Sa giagarada de sos piemontesos de su 28 aprile de su 1794: una fase de su perìodu rivolutzionàriu in Sardigna

 

Giorgio Rusta

Sa limba in su logu. In sardu si podet! In sardu cherimus?

 

 

Angelo Canu

Istòria de sa limba

 

 

ghiat su cunvegnu 

 

Gianluca Ruju

 

 

 

Pasada

 

su 27 de aprile de su 2012

 

 a sas 18.00 in sa sala de su cussizu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lingua sarda in classe

Casteddu de sa fae.jpg

Posada, lettera della direzione regionale Le famiglie possono chiedere l’insegnamento

 

POSADA. Insegnamento della lingua sarda a scuola: se ne parla da sempre, ma solo ora la notizia entra ufficialmente nella rete. A dare l’input il dirigente della direzione scolastica regionale Enrico Tocco che ha inviato una missiva a tutte le scuole isolane. Le famiglie potranno scegliere per i propri figli la lingua sarda a scuola. Una possibilità di scelta che arriva la prima volta in Sardegna. Tocco, nella sua lettera, invita i dirigenti scolastici del territorio a integrare nei moduli per l’iscrizione all’anno scolastico 2012-13 la frase seguente: «Se il Consiglio di istituto e il Collegio dei docenti lo stabilissero nel Pof, se la scuola avesse le competenze professionali adeguate e la loro disponibilità a operare, richiederebbe per il proprio figlio lo studio del sardo?». Pur lodando l’iniziativa – dice un genitore di Posada, paese che grazie al trentennale premio di poesia e a quello di letteratura ha un particolare amore per la parlata sarda – «la lettera di Tocco giunge tardiva perché le iscrizioni scadono il 20 di questo mese e in tanti hanno già consegnato la domanda in segreteria». Tempi stretti quindi ma la direttrice scolastica Egle Giovannetti dice che si attiverà per favorire la procedura: «Invieremo il questionario alle famiglie degli alunni che frequentano le scuole e in base alle loro risposte inseriremo la divulgazione del sardo nel piano formativo. Da anni comunque la scuola si è attivata con varie iniziative per favorire lo sviluppo e l’insegnamento della lingua

sarda. Sono state fatte ricerche tematiche e ogni anno in collaborazione con il premio di poesia, si bandisce un concorso che interessa gli alunni delle ultime classi elementari e le medie». La decisione passa quindi ai genitori che dovranno accettare o meno l’insegnamento del sardo con personale che ha frequentato appositi corsi ed è quindi preparato in materia. L’insegnamento del sardo trova favorevole (e non poteva essere altrimenti) anche Angelo Canu, dell’ufficio per la lingua sarda: «La circolare inviata ai dirigenti scolastici rappresenta un grosso passo avanti per l’introduzione del sardo nelle scuole. Non vediamo però questo passo come una possibilità o una concessione che viene data ma un diritto che finalmente viene esercitato».

 da “La Nuova Sardegna” 10 febbraio 2012
di Sergio Secci