LA NUOVA SARDEGNA – Cultura e istruzione : Una legge per la lingua sarda

logo bilingue.jpg

nuovasardegna.jpg

Una legge speciale per salvaguardare la lingua sarda. A proporla per la Finanziaria 2013 con lo stanziamento di almeno un millesimo del bilancio regionale per la tutela della lingua è l’assessore alla Pubblica amministrazione Sergio Milia. Che in una lettera indirizzata al governatore Ugo Cappellacci e a Giorgio La Spisa, titolare regionale alla Programmazione, presenta il pacchetto di norme speciali a difesa della lingua sarda. L’INIZIATIVA L’iniziativa di Milia fa seguito al crescente interesse sul tema rilevato negli ultimi anni e, in particolare, dal confronto serrato con gli operatori linguistici nelle varie conferenze svolte negli ultimi anni a Fonni, Alghero e, recentemente, ad Aggius. IL PIANO TRIENNALE La realizzazione del Piano Triennale della lingua sarda 2011-2013 che procede speditamente ha messo l’accento sull’importanza della questione della lingua regionale sia importante per la sopravvivenza dell’autonomia speciale, ma anche il nodo sugli investimenti in bilancio, realmente insufficienti. Il Consiglio Regionale, lo scorso anno, aveva approvato due distinti ordini del giorno per sensibilizzare la Giunta a dotarsi di risorse finanziarie rilevanti che, in media, negli ultimi anni, si sono aggirate su cifre intorno al milione di euro: «Vi trasmetto la proposta di inserimento in finanziaria di una serie di norme a sostegno del Piano Triennale – si legge nel testo della lettera di Milia -. Le norme proposte sosterrebbero le iniziative di promozione, divulgazione, traduzione e formazione linguistica anche oltre l’annualità 2013». LE RISORSE MANCANTI Milia è ottimista: «Sono certo che con proficuo sforzo e uguale volontà politica le risorse mancanti e aggiuntive, circa 7- 8 milioni di euro su un bilancio medio degli ultimi anni di circa 7 miliardi, possono essere trovate anche con l’aiuto del Consiglio Regionale».


http://www.regione.sardegna.it/j/v/491?s=217776&v=2&c=1489&t=1

Su Sindacadu de sa Natzione Sarda: pro una limba e un’iscola sarda

Su Sindacadu de sa Natzione Sarda, scuola, lingua sarda, limba sarda. legge regionale, consiglio regionale, commissione, irs, psd'az,


Su Sindacadu de sa Natzione Sarda, in una nota a pustis de un’auditzione cun sa de oto commissiones de su Consìgiu Regionale de sa Sardigna, ponet pro iscritu sa rechesta de una lege regionale in pitzu de un’iscola chi punnet a sa promotzione de s’identidade de apartenèntzia a sa comunidade sarda, pro li donare gasi un’unidade de pòpulu.
S’ispera est duncas a cròmpere dae inoghe a pagu tempus a una lege cun unu testu aunidu cunforma a sos tres disegnos de Lege Nr. 228 de su 19 de santandria de su 2010, sa nr. 260 de su 1 de martzu de su 2011 e sa nr. 305 de su 5 de austu de su 2011.
In su documentu de su CSS resurtat de importu mannu pro sa limba sarda su puntu nùmeru duos:
“L’altro pilastro deve essere la valorizzazione del patrimonio storico, culturale e linguistico della Sardegna, riaffermando che la nostra è una civiltà millenaria e che la limba sarda è una vera lingua studiata in tutto il mondo, protetta dalla Legge Reg. le N°26-97, dalla Legge Naz.le N°482 del 15 dicembre 1999 , dalla Convenzione ONU e dalla Carta Europea delle lingue minoritarie in via di recepimento da parte del Parlamento Italiano che aveva escluso scandalosamente dalla menzione, con grandi proteste delle nostre Istituzioni e Comitati pro sa Limba sarda, proprio le lingue sarda e friulana. Notizia di oggi la Commissione competente ha riaperto i termini e la possibilità di presentare emendamenti a detta Carta Europea. Facciamo appello a questa Commissione e alla Giunta Regionale perché agisca tempestivamente a tutela della nostra lingua, che non può essere oggetto puramente economico della Spending Review.”
Sa rechesta de su CSS, posta paris cun sos documentos subra de sa limba sarda (a òrdine de tempus) de IRS e de su PSD’AZ, mustrat chi su bisòngiu de su sardu chi sa sotziedade tenet est intrende semper de prus in su capimentu e in su sentidu de sa polìtica regionale. Una crèschida manna, a pustis de annos de “ismèntigos” malitziosos, de ideas mono-linguìsticas e de polìticos cori-moddes. No est tempus de torrare in palas, ma est tempus de atrivire: chie at atza at parte.

de Anzelu Canu

 

dae http://salimbasarda.net/politica-linguistica/su-sindacadu-de-sa-natzione-sarda-pro-una-limba-e-uniscola-sarda/

 

Il delirio anti-LSC dei tre moschettieri

bolognesi.jpg

 

Per bloccare un incentivo che corrisponde al 20% del totale, i tre consiglieri regionali Espa, Bruno e Cuccu sono disposti a far saltare tutto il finanziamento regionale agli sportelli linguistici.

Per bloccare il premio ai comuni che adottano la LSC, si bloccano tutti i finanziamenti.

Questa non è una battaglia per difendere l’autonomia degli enti locali.

Questi semplicemente avrebbero continuato a ricevere i contributi regionali, indipendentemente dalla grafia usata per scrivere il sardo.

Questo sabotaggio è mirato CONTRO la LSC e per raggiungere il loro obiettivo i nostri eroi sono disposti a perdere ‘LATI E CARDAXU”.

Se passasse la linea richiesta dai tre consiglieri, cioè il blocco di procedure amministrative già asseverate in sede di approvazione del Piano Triennale, la conseguenza sarebbe il fermo totale delle integrazioni ai comuni e province per ripianare i tagli statali.

Circa un centinaio di operatori di sportello lingua sarda perderebbero il posto.

Una follia.

Bisognerebbe riscrivere il Piano Triennale, rimandarlo in Commissione e in tutti gli organismi che danno obbligatoriamente il parere. Entro l’anno invece i soldi devono essere spesi altrimenti vanno in economia, ovvero si perdono e verrano destinate ad altre attività non alla lingua.

Lo scorso anno il Movimento Linguistico aveva vinto una grande battaglia portando a casa un milione di euro per sopperire ai tagli del ministero sulla legge 482/99. Ci avevano lavorato tutti i blog di area, i ragazzi della provincia di Nuoro, quelli dell’Istituto Bellieni, quelli de Sa Bertula Antiga in compagnia de Su Comitadu de sa Limba Sarda e con il sostegno degli uffici regionali.

Ovviamente, quando si è trattato di presidiare il Consiglio Regionale, o trattare a muso duro con l’Assessore, Oreste Pili, Perdu Perra, Ivo Murgia, Amos Cardia, Giampaolo Pisu, Stefano Cherchi non erano rintracciabili.

Però su dinai candu arribbat gei ddis praxit….

E la Regione l’ha distribuito a tutti, anche a loro.

Pero issus faint sempri custa gherra contra a su movimentu linguisticu….unu machiori

Quanto ai consiglieri, che hanno il dono dell’ubiquità e riescono a essere dentro e fuori delle commissioni, ad approvare il Piano Triennale, per poi contestarlo, consiglio loro caldamente di farsi visitare da qualcuno che se ne intende di questi fenomeni.

 

de Roberto Bolognesi

http://bolognesu.wordpress.com/2012/09/22/il-delirio-anti-lsc-dei-tre-moschettieri/

Òrdine de sa die de traballos votadu – Carta Europea (in limba sarda)

 

 

logo bilingue.jpg

 


Cust’òrdine de traballu pro sa die est istadu aprovadu dae su Cussìgiu Regionale in sa setziada de su borta de die de su 2 de austu de su 2012

ConsÌgIU regionale DE SARDIGNA

 

XIV LEGISLADURA

 

 

MOTZIONE  AMADU – SANJUST – BEN AMARA – SECHI – LUNESU – CONTU M. – MELONI M.- ESPA – BIANCAREDDU – BRUNO – COSSA – CUCCA – CUCCU – DEDONI – LOCCI – MANCA – OBINU – RODIN – TOCCO – ZUNCHEDDU –  subra sa formulatzione de un’òrdine de traballu de sa die votadu a su Parlamentu pro garantire livellos adeguados de tutela de sa limba sarda in sea de ratìfica de sa Carta europea de sas limbas regionales o minoritàrias.

SU CONSÌGIU REGIONALE

PREMISSU chi sa Carta europea de sas limbas regionales o minoritàrias, redatzionada in Strasburgu in su 1992, est intrada in vigèntzia, a livellu internatzionale, in 25 paisos/istados, e chi s’Itàlia, mancari chi apat firmadu sa Carta su 27 de trìulas de su 2000, galu no at perfetzionadu sa protzedura pro la ratificare;

ISCUMPROADU chi su Parlamentu est a prope de aprovare su disinnu de lege n. 5118/XVI, chi pertocat a sa ratìfica e a s’esecutu de sa carta Europea de sas limbas regionales o minoritàrias;

PREMISSU chi sa lege 482 de su 1999 “Normas in matèria de tutela de sas minorias linguìsticas istòricas” reconnoschet sa minoria linguìstica sarda e cussa catalana e previdit medidas pretzisas pro sa “tutela de sa limba e de sa cultura de sas populatzione catalanas e de sas chi faeddant su sardu”;

PREMISSU finas chi sa lege regionale n.26 de su 1997 assegurat a sa limba catalana de S’Alighera, a su Tabarchin de sas ìsulas de Sulcis, a su dialetu sassaresu e a cussu gadduresu sa matessi balia dada a sa cultura e a sa limba sarda;

POSTU chi s’obietivu de sa Carta europea est a promòvere e a amparare sas limbas regionales o de minorias arraighinadas in s’istòria e a bardare s’esistèntzia sua pro more de medidas pretzisas leadas dae sos paisos chi faghent parte de s’Unione europea, pighende in cunsideru chi “sa diversidade linguìstica est unu de sas siendas prus mannas de su patrimòniu culturale europeu”;

ISCUMPROADU chi sa Carta proponet medidas pretzisas pro sa bàrdia de sas limbas a fines de assegurare su respetu de su deretu universale reconnotu, e a su cale non si podet renuntziare, de impreare una limba regionale o minoritària siat in sa vida privada chi in pùblicu;

AVALORADU chi s’inditu de sa Carta “respetat sos printzìpios de sa soberania natzionale” e chi duncas cale si siat Istadu est lìberu, ratifichende, de inditare, non petzi sas limbas ogetu de tutela, ma finas sos mèdios de leare pro sa bàrdia issoro e chi custa flessibilidade est a tenore de sa netzessidade de  tènnere in contu sas diversidades mannas chi bi sunt in intro de sos Istados, comente su nùmeru de pessones chi faeddant sa limba e de comente sunt partzidas;

LEADU IN CUNSIDERU chi, finas respetende unos cantos paràmetros piessinnados, sos Istados membros sunt duncas lìberos de seberare intre preferèntzias diferentes “su livellu de amparu” chi  chi si cheret atribuire a sa limba regionale o de minoria in cale si siat àmbitu est a nàrrere insignamentu, informatzione, setore giuditziàriu e amministrativu, servìtzios pùblicos, vida econòmica e sotziale e atividades culturales;

AVERGUADU chi, a pustis de s’esàmene parlamentare, in su testu dispedidu dae sas Cummissiones non sunt garantidos a sa limba sarda, referende·si a sos àmbitos subranumenados, sos livellos prus artos de tutela, gasi comente costat pro sas àteras limbas de minoria che a su tedescu, su frantzesu o s’islovenu, nointames sa traditzione istòrica seculare e su pesu culturale e identitàriu suo fatzant su sardu una limba istòrica, a manera netzessària;

TENTU IN CUNSIDERU chi, in intro de s’istadu italianu, sa limba sarda est, de sas limbas regionales o de minorias sa prus faeddada cun sa populatzione prus manna e cun unu territòriu de mannària de importu, e chi, in prus, respetat a prou sos critèrios de reconnoschimentu chi sunt inditados dae sa Carta, ca est “limba territoriale”, est a nàrrere impreada pro traditzione in una zona geogràfica pretzisa, e presentat fintzas s’elementu de “coerèntzia intre su su territòriu de una limba regionale o de minoria e unu distretu amministrativu” gasi comente s’àurat sa Carta Europea etotu; 

DADU ATU chi sa ratìfica de sa Carta subranumenada, finas si est coladu tempus meda dae cando l’ant adotada in Strasburgu, a printzìpios, pro sa Sardigna podet rapresentare unu passu a dae in antis de significu, cunforma a sa belle che ausèntzia totale de interessu legislativu, ca punnat a ispainare sa difusione de sas limbas gasi naradas de minoria e regionales, inghitzende dae sa fase de sa formatzione pre-iscolàstica finas a livellos de formatzione superiore e de imparu pro sos mannos pro lòmpere a sos setores printzipales sotziales, econòmicos e culturales;

ISCUMBATADU chi, sende ausente una bàrdia adeguada, sa limba sarda arriscat de pèrdere finas sos àmbitos de impreu giai àpidos, e de sufrire una torrada in segus cunforma a su chi est prevìdidu in sa Lege n. 482 de su 1999, leende in cunsideru finas sa sentèntzia reghente de sa Corte de Cassatzione pro su chi atenet s’impreu de sa limba sarda in àmbitu giuditziàriu;

TENTA IN CUNSIDERU sa netzessidade pro sa Regione nostra de sighire in su caminu de su bilinguismu cumpletu chi previdit sa cunditzione de fundamentu de s’impreu de su sardu in iscola e s’insignamentu suo in sos diferentes òrdines iscolàsticos pro su chi atenet a sos programmas ufitziales dae s’iscola materna a s’Universidade;

DADU ATU chi est pròpiu su problema de s’insignamentu atzivu de sa limba sarda in iscola chi dat cuncretesa a s’esigèntzia funguda e cumpartzida de sarvare e ispainare su sardu etotu, si nono, sos subras narados annotos, abarrant paràulas meras e sìncheras de printzìpiu;

AVALORADU s’importu chi diat àere pro sa Sardigna a tènnere mèdios de informatzione in limba regionale e iscumbatadu chi custu diat chèrrere asseguradu gràtzias a su livellu prus mannu de agiudu prevìdidu dae sa Carta est a nàrrere cun sa possibilidade de “istituire a su nessi un’istatzione radiofònica o una rete televisiva in limba de minoria”, gasi comente est istadu signaladu finas dae su CORECOM Sardigna cun nota imbiada a sa Segunda Cummisione cunsiliare sa die de su 18 de làmpadas de su 2012 in sa cale si cumbidat a “printzipiare totu sas initziativas chi bisòngiant a fines de otènnere in Sardigna un’istatzione ràdiu e televisiva e unu giornale in limba sarda, francu sas modificatziones netzessàrias, finas in relata a setores diferentes dae cussu de sos media (…)”;

PONENDE IN CONTU chi su disinnu de lege mentovadu n. 5118/XVI, como suta s’esàmene de su Parlamentu, cajonat pedinos mannos ca sìngiat làcanas mannas pro su sardu pròpiu in sos duos setores istratègicos pro promotzionare sa limba sarda, che a s’istrutzione e s’informatzione, ue diat èssere prus achistiadu de ura bona a otènnere una forma de tutela prus assentada e adeguada a sos piessinnos de sa limba regionale;

ISCUMBATADU chi s’elementu identitàriu de sa limba potzat èssere unu sinnu de fortilesa pro defensare sas resones de s’ìsula nostra a fines puru de torrare a pedire sos sègios rapresentativos de sa Sardigna in su Parlamentu europeu, gasi comente acrarit su Parlamentu etotu in su Progetu de relata 2007/2007 (INI) su cale apostìvigat chi “sos Istados membros ant a pòdere istituire distretos ispetziales pro parare fronte a sas esigèntzias de sas comunidades chi faghent parte de sas minorias linguìsticas”;

TORRADA A MENTOVARE sa Resolutzione n. 38, aprovada dae sa II e VIII Cummissione permanente in sa setziada de su 19 de trìulas 2012, subra sa netzessidade de intervènnere pro dare agiudu a livellos adeguados de tutela de sa limba sarda in sea de ratìfica de sa Carta europea de sas limbas regionales o de minoria,

PEDIT A SU PARLAMENTU

  • de pigare in su cunsideru chi li deghet, in sea de ratìfica de sa Carta europea de sas limbas regionales e minoritàrias (disinnu de lege n.5118/XVI), sas istàntzias subra espostas, pro chi a sa limba sarda siant garantidos sos livellos prus artos de bàrdia e promotzione in ogni setore de sa vida econòmica e sotziale, mescamente pro su chi pertocat a s’àmbitu de s’istrutzione e de s’informatzione, a manera de otènnere una tutela prena e atziva, tenta in cunsideru sa balia istòrica, identitària e culturale de su sardu etotu.

 

 

òrdine de traballu pro sa die de su 2 de austu de su 2012 de su Cussìgiu Regionale pro sa limba sarda

 

logo bilingue.jpg

 

Cust’òrdine de traballu pro sa die est istadu aprovadu dae su Cussìgiu Regionale in sa setziada de su borta de die de su 2 de austu de su 2012

 

 

ORDINE DEL GIORNO VOTO AMADU – SANJUST – BEN AMARA – SECHI – LUNESU – CONTU Mariano Ignazio – MELONI Marco – ESPA – BIANCAREDDU – BRUNO – COSSA – CUCCA – CUCCU – DEDONI – LOCCI – MANCA – OBINU – RODIN – TOCCO – ZUNCHEDDU – SANNA Giacomo al Parlamento per garantire adeguati livelli di tutela della lingua sarda in sede di ratifica della Carta europea delle lingue regionali o minoritarie (ai sensi dell’articolo 51 dello Statuto speciale per la Sardegna).

IL CONSIGLIO REGIONALE

a conclusione della discussione della mozione n. 196 (AMADU e più) sulla formulazione di un ordine del giorno voto al Parlamento per garantire adeguati livelli di tutela della lingua sarda in sede di ratifica della Carta europea delle lingue regionali o minoritarie (così come previsto dall’articolo 51 dello Statuto speciale per la Sardegna),

 

PREMESSO che la Carta europea delle lingue regionali o minoritarie, redatta a Strasburgo nel 1992, è entrata in vigore a livello internazionale, a seguito delle cinque ratifiche obbligatorie, il 1° marzo 1998 e attualmente è in vigore in 25 paesi, e che l’Italia, nonostante abbia firmato la Carta il 27 giugno 2000, non ha ancora perfezionato la procedura di ratifica;

 

CONSTATATO che il Parlamento è in procinto di approvare il disegno di legge n. 5118/XVI, concernente la ratifica ed esecuzione della Carta europea delle lingue regionali o minoritarie;

 

PREMESSO che:

      la legge n. 482 del 1999 (Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche) riconosce la minoranza linguistica sarda e quella catalana e prevede specifiche misure per “la tutela della lingua e della cultura delle popolazioni catalane e di quelle parlanti il sardo”;

      altresì la legge regionale n. 26 del 1997 assicura alla lingua catalana di Alghero, al tabarchino delle isole del Sulcis, al dialetto sassarese e a quello gallurese la medesima valenza attribuita alla cultura e alla lingua sarda;

 

POSTO che l’obiettivo della Carta europea è quello di promuovere e proteggere le lingue regionali o minoritarie storicamente radicate e di preservarne l’esistenza attraverso misure specifiche da parte dei paesi membri dell’Unione europea nella considerazione del fatto che “la diversità linguistica costituisce uno degli elementi più preziosi del patrimonio culturale europeo”;

 

CONSTATATO che la Carta propone misure specifiche per la salvaguardia delle lingue al fine di assicurare il rispetto del diritto universalmente riconosciuto e irrinunciabile di utilizzare una lingua regionale o minoritaria tanto nella vita privata che in quella pubblica;

 

VALUTATO che l’impostazione della Carta “rispetta i principi della sovranità nazionale” e che quindi ciascuno stato è libero, in fase di ratifica, di individuare non solo le lingue oggetto di tutela, ma anche le misure da adottare per la loro salvaguardia, e che tale flessibilità è funzionale alla necessità di tenere conto delle grandi diversità esistenti nelle situazioni reali interne ai vari stati, tra cui il numero di persone che parlano le lingue e il loro grado di frammentazione;

 

CONSIDERATO che pur nel rispetto di alcuni parametri precisi, gli stati membri sono quindi liberi di scegliere tra le diverse opzioni proposte “il grado di protezione” che si vuole attribuire alla singola lingua regionale o minoritaria nei diversi ambiti quali insegnamento, informazione, settore giudiziario e amministrativo, servizi pubblici, vita economica e sociale e attività culturali;

 

VERIFICATO che, a seguito dell’esame parlamentare, nel testo esitato dalle Commissioni non vengono garantiti alla lingua sarda, con riferimento ai suddetti ambiti, i massimi livelli di tutela, come invece avviene per altre lingue regionali o minoritarie come il tedesco, il francese o lo sloveno, nonostante la tradizione storica secolare e il peso culturale e identitario della stessa qualifichino il sardo necessariamente come lingua storica;

 

TENUTO CONTO che, nell’ambito dello Stato italiano, la lingua sarda è tra le lingue regionali o minoritarie quella parlata dalla popolazione più numerosa e con una vasta portata territoriale e che inoltre rispecchia perfettamente i criteri di riconoscimento individuati dalla Carta in quanto “lingua territoriale”, ossia tradizionalmente utilizzata in un’area geografica determinata e presenta inoltre l’elemento della “coerenza tra il territorio di una lingua regionale o minoritaria e un’appropriata circoscrizione amministrativa” auspicato dalla stessa Carta europea;

 

DATO ATTO che la ratifica della predetta Carta, seppure a notevole distanza temporale dall’originaria adozione a Strasburgo, può rappresentare per la Sardegna un significativo passo in avanti, rispetto alla pressoché totale mancanza di interesse legislativo, in quanto si prefigge di estendere la diffusione delle lingue cosiddette minoritarie e regionali a partire dall’ambito della formazione pre‑scolastica sino ai livelli di formazione superiore e di educazione per gli adulti e da lì nei principali settori sociali, economici e culturali;

 

RITENUTO che, in mancanza di un’adeguata salvaguardia, la lingua sarda rischia di perdere anche ambiti di utilizzo già praticati e di subire un arretramento rispetto alle misure previste dalla legge n. 482 del 1999, alla luce anche della recentissima sentenza della Corte di cassazione sull’utilizzo della lingua sarda in ambito giudiziario;

 

CONSIDERATA la necessità per la nostra Regione di perseguire la strada del bilinguismo completo che prevede come condizione fondamentale l’utilizzo del sardo nella scuola e il suo insegnamento nei vari ordini scolastici nell’ambito dei programmi ufficiali, dalla scuola materna fino all’università;

 

DATO ATTO che è proprio il problema dell’effettivo insegnamento nella scuola della lingua sarda a dare concretezza alla profonda e condivisa esigenza di preservare e diffondere la stessa, restando altrimenti mere enunciazioni di principio le suddette osservazioni;

 

VALUTATA l’importanza che avrebbe per la Sardegna disporre di mezzi di informazione nella lingua regionale e ritenuto che ciò andrebbe assicurato attraverso il massimo livello di sostegno previsto dalla Carta ossia con la possibilità di “istituire almeno una stazione radiofonica o una rete televisiva nella lingua minoritaria”, come segnalato anche dal CORECOM Sardegna con nota inviata alla Seconda Commissione consiliare in data 18 giugno 2012, nella quale si invita a “intraprendere tutte le iniziative necessarie al fine di creare in Sardegna una stazione radio e televisiva e un giornale in lingua sarda, fatte salve le ulteriori modifiche necessarie anche in relazione a settori diversi da quello dei media (…)”;

 

TENUTO CONTO che il citato disegno di legge n. 5118/XVI attualmente all’esame del Parlamento desta notevoli preoccupazioni in quanto contiene delle forti limitazioni per il sardo proprio in due settori strategici per la promozione della lingua sarda quali l’istruzione e l’informazione, laddove sarebbe più congruo e auspicabile un assetto di tutela più stringente e adeguato alle caratteristiche dell’idioma regionale;

 

RITENUTO che l’elemento identitario della lingua possa costituire un punto di forza per far valere le ragioni della nostra Isola anche ai fini della rivendicazione dei seggi rappresentativi della Sardegna nel Parlamento europeo, come ribadito dallo stesso Parlamento europeo nel progetto di relazione 2007/2207 (INI) che dispone che “gli Stati membri potranno istituire circoscrizioni speciali per venire incontro alle esigenze delle comunità appartenenti alle minoranze linguistiche”;

 

RICHIAMATA la risoluzione n. 38, approvata dalle Commissioni permanenti Seconda e Ottava nella seduta del 19 luglio 2012, sulla necessità di intervenire a sostegno di adeguati livelli di tutela della lingua sarda in sede di ratifica della Carta europea delle lingue regionali o minoritarie,

chiede al Parlamento

di prendere nella dovuta considerazione, in sede di ratifica della Carta europea delle lingue regionali e minoritarie (disegno di legge n. 5118/XVI), le istanze sopra rappresentate affinché la lingua sarda possa vedere garantiti i massimi livelli di salvaguardia e promozione in ogni settore della vita economica e sociale, con particolare riguardo all’ambito dell’istruzione e dell’informazione, in modo tale da consentire una sua piena ed effettiva tutela, tenuto conto del valore storico, identitario e culturale della stessa.

Cagliari, 24 luglio 2012

f.to  Amadu, Sanjust, Ben Amara, Sechi, Lunesu, Mariano Ignazio Contu, Marco Meloni, Espa, Biancareddu, Bruno, Cossa, Cucca, Cuccu, Dedoni, Locci, Manca, Obinu, Rodin, Tocco, Zuncheddu, Giacomo Sanna

 

 

 

 

 

 

 

Il presente ordine del giorno è stato approvato dal Consiglio regionale nella seduta pomeridiana del 2 agosto 2011.

IL SEGRETARIO GENERALE
– Dott.ssa Mariangela Sedda –