La grafia della lingua sarda, se ne parla in un convegno

limba-sarda

 

OZIERI. Curato con grande impegno dal comitato organizzatore del Premio di poesia Logudoro-Ozieri, ed in primis dal presidente Gavino Contu e dal segretario Francesco Cossu, è in programma per venerdì 14 marzo nella sala conferenze della Fondazione Sanna di Oschiri un importante convegno di approfondimento sul tema “L’immagine oltre la scrittura”.

I noti studiosi, poeti e scrittori in limba Franco Cocco e Cristiano Becciu di Ozieri presenteranno le loro relazioni alle ore 18. Col coordinamento di Roberto Carta saranno illustrati fra l’altro i risultati scaturiti dalle più recenti ricerche sul corretto uso della grafia nella lingua sarda.

Si farà ricorso pure al supporto di mezzi video e sonori per opportunamente commentare e chiarire il modo di scrivere ed il significato di documenti storici e letterari giacenti negli archivi isolani.

Il tutto è rivolto in particolare ai giovani, agli scolari e studenti che devono essere i primi conservatori, trasmettitori ed “amantiosos sinzeros de sa limba nadia”.

Per l’occasione col Premio Logudoro collaborano attivamente la ‘Fondazione Giovanna Sanna’ ed il Comitato Culturale Lugheria di Oschiri.

Nel corso della manifestazione che si terrà a Oschiri è prevista anche la proiezione dello splendido cortometraggio “Sa Reina” realizzato nelle circostanti campagne del Logudoro dall’apprezzato regista oschirese Gianni Langiu.

Il filmato si basa sulla trama dell’omonimo racconto-favola di Sandro Biccai, vincitore della sezione Prosa nella XXXII edizione del Premio Logudoro. Assai intrigante e coinvolgente la sceneggiatura del cortometraggio.

Le voci narranti (sempre in pura lingua sarda) sono degli affermati attori Feliciana Cocco di Tula e Nino Pericu di Oschiri.

Un’occasione ulteriore, quella creata dal Premio Logudoro, per trasmettere l’importanza e il valore inesauribile della lingua sarda alle giovani generazioni.

Gerolamo Squintu

leghe s’artìculu in sa Nuova Sardegna

CUBAS – Cursu bàsicu de sardu

logo bilingue.jpg

Cagliari, 11 ottobre 2013 – Con l’obiettivo di introdurre ai fondamenti del sardo, l’Assessorato alla Pubblica Istruzione, organizza un corso base di lingua sarda della durata di 60 ore che si terrà nelle sedi di Cagliari e Sassari nel periodo Novembre 2013-Marzo 2014. Il corso è completamente gratuito. L’obiettivo generale è quello di raggiungere un livello di base, secondo il Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle lingue. Livello base A1 – (comprende e usa espressioni di uso quotidiano e frasi basilari tese a soddisfare bisogni di tipo concreto. Gli obiettivi specifici sono quelli di conoscere la situazione linguistica della Sardegna, riconoscere ed evitare pregiudizi e stereotipi, recuperare la normalità della lingua e l’identità linguistica, riconoscere il sistema linguistico sardo e il continuum diatopico, conoscere l’ortografia e le norme di riferimento del sardo.. Materie: Politica linguistica (20 hh): Il sardo e la politica linguistica in Sardegna; La normalità della lingua sarda; Pregiudizi, luoghi comuni e stereotipi della lingua sarda; Identità politica della Sardegna. Dialettologia (20 hh): il sistema linguistico sardo; il continuum diatopico; la matrice comune del sardo; varietà alloglotte. Lingua parlata (20 hh): lingua parlata e lingua scritta; Apprendimento di frasi semplici di conversazione diretta, rudimenti di frasi idiomatiche colloquiali, situazioni base di uso della lingua a casa, in negozio, al bar, stazione, albergo, ristorante, per strada, scuola, uffici e altre situazioni tipo in lingua standard, secondo la parlata locale. Il numero di partecipanti ammissibili sono 40 per ogni sede. Il Servizio lingua sarda individuerà 40 partecipanti per la sede di Cagliari e 40 per la sede di Sassari in possesso dei specifici requisiti. Essere residenti in Sardegna e avere un’età compresa tra i 18 e i 55 anni. Verrà data priorità a studenti universitari in discipline umanistiche, insegnanti di ruolo, insegnanti precari, giornalisti professionisti e pubblicisti, componenti di associazioni culturali. Saranno privilegiati i richiedenti più giovani. La domanda di partecipazione, redatta sul modulo appositamente predisposto, dovrà pervenire esclusivamente via posta elettronica agli indirizzi pi.limbasarda@regione.sardegna.it (sede di Cagliari) o cbecciu@regione.sardegna.it (sede di Sassari), entro il 31 ottobre 2013. Per informazioni contattare lo Sportello linguistico regionale, nella sede di Cagliari (070/606.4948 – referente Michele Ladu; 070/606.5067 – referenti Giuseppe Orrù e Giuseppe Corronca) o nella sede di Sassari (079/208.8567 – referenti Stefano Ruiu e Giovanna Tuffu). (aime)

Saludos corales Dr. Giuseppe Corongiu

 

Diretore Servìtziu Limba e Cultura Sarda Servìtziu Limba e Cultura Sarda Diretzione Generale de sos Benes Culturales, Informatzione, Ispetàculu e Isport Assessoradu de s’Istrutzione Pùblica, Benes Culturales, Informatzione, Ispetàculu e Isport Regione Autònoma de Sardigna

 

Arborada/Viale Trieste 186 09131 Casteddu – Cagliari

Telèfonu 070 6064960; post-el gcorongiu@regione.sardegna.it

SA FORMATZIONE LINGUISTICA E S’IMPREU DE SA LIMBA SARDA IN S’AMMINISTRATZIONE PUBBLICA E IN S’ISCOLA. UTILIDADE, METODOS, ISTRATEGIAS IN RETZA

Aristanis.JPG

Aristanis2.JPG

 

Sa Provìntzia de Aristanis
Setore Promotzione de su Territòriu
Ufìtziu de sa Limba e de sa Cultura Sarda

bos cumbidat a partetzipare a sa die de formatzione:

SA FORMATZIONE LINGUISTICA E S’IMPREU DE SA LIMBA SARDA IN
S’AMMINISTRATZIONE PUBBLICA E IN S’ISCOLA.
UTILIDADE, METODOS, ISTRATEGIAS IN RETZA

Martis su 18 de nadale dae sas 3 a sas 6 de merie
in sa sala de su Consìgiu de sa Provìntzia, carrera Enrico Carboni s.
n. in
Aristanis

Ant a interbènnere sos maistros de Dischente, sos tutores de su cursu
on-line,
operadores de isportellu e amministradores.

Ant a èssere presentes s’assessore a sa Cultura de sa Provìntzia
Serafino
Corrias, sa dirigente de su Setore Promotzione de su Territòriu dot.
ssa
Anna Paola Iacuzzi, su diretore de su Servìtziu Limba e Cultura Sarda
de sa
Regione dot. Giuseppe Corongiu e dot. Cristiano Becciu, funtzionàriu
de su Servìtziu
Limba e Cultura Sarda de sa Regione

Pro informatziones:
Servizio «Pubblica Istruzione, Cultura, BB.CC»
Responsabile Giorgio Zago – tel. 0783/3683.218
e-mail: giorgio.zago@provincia.or.it
Ufficio della Lingua e della Cultura Sarda
dott. Salvatore Cubeddu, dott.ssa Marinella Marras
e-mail: ufitziu@dischente.or.it
www.provincia.or.it,
www.dischente.or.i <http://www.dischente.or.it>

*Provìntzia de Aristanis <http://www.provincia.or.it/>*
*Assessoradu a sa Cultura*
*Setore Promotzione de su
Territòriu<http://www.provincia.or.
it/Struttura/SettoriUffici/PromozioneTerritorio/>
*
*Servìtziu Cultura<http://www.provincia.or.
it/Struttura/SettoriUffici/PromozioneTerritorio/PubblicaIstruzioneBeniCulturali/index.
html>
*
*Ufìtziu de sa Limba e de sa Cultura
Sarda<http://www.provincia.or.it/CanaliTematici/UfitziuLimbaSarda/>
*
*tel. 0783/3683.1, fax. **0783/3683.206*

Barùmini: Movimentu e Polìtica Linguìstica in Sardigna.

Pepe Corongiu, Cristiano Becciu, Barùmini: su Movimentu Linguìsticu s’adobiat pro arresonare, 17 novembre 2012, Mariantonietta Piga, Michele Pinna, Giuseppe Orrù, Antonio Ignazio Garau,


Sàpadu a mangianu, su 17 de su mese de santandria, s’Assòtziu Sa Bertula Antiga at ammanitzadu in Barùmini (Tzentru Culturale “Giuanni Lilliu”, carrera de su Nuraxi) un’adòbiu de importu pro totu su Movimentu Linguìsticu.

Su Movimentu Linguìsticu, mescamente in custos ùrtimos deghe annos, at sighidu una polìtica linguìstica de profetu, ma su caminu pro su sardu est galu longu. Tocat de cumprèndere su chi de bonu s’est fatu, ma fintzas in ue s’est faddidu, su chi b’at de fàghere gasi comente s’ite b’at de megiorare. De custu e de àteras cosas s’at a faeddare a pustis de sas relatas de Pepe Corongiu, Cristiano Becciu, Mariantonietta Piga, Michele Pinna, Giuseppe Orrù e Antonio Ignazio Garau, Sàpadu at a èssere duncas s’ocasione pro mustrare custos traballos ma fintzas pro si cunfrontare totus cantos: operatores linguìsticos, maistros, poetas, cantadores, amministradores, amantiosos e totus sos chi tenent a coro sa limba sarda.
Pepe Corongiu, su Diretore de su Servìtziu Limba e Cultura Sarda credet chi custu adòbiu serbit “pro nos bìdere e arresonare de su chi amus fatu, de su chi semus faghende e de su chi tocat a fàghere ognunu pro sa funtzione sua e pro su chi podet fàghere.”.
In pitzu de sos Servìtzios Linguìsticos Territoriales narat chi “S’esperièntzia de is ufìtzios linguìsticos est cussa chi nos at dadu de prus in custos annos, finas si no est istada sena pecos. Tocat de cumprèndere ite si podet fàghere mègius finas pro essire dae s’ùnica belle bia polìticu-istitutzionale chi amus sighidu, a manera preferentziale, dae is Annos Setanta a oe.”
S’invitu a s’adòbiu est abertu a totus cantos, dachi at a èssere una manera de connòschere sa situatzione de su sardu e de sa polìtica linguìstica in dies de oe.