Oggi Cagliari (h. 17) presentazione opere europee tradotte in sardo

 

logo bilingue.jpg


Assessoradu de s’Istrutzione Pùblica, Benes Culturales, Informatzione, Ispetàculu e Isport 


Diretzione Generale de sos Benes Culturale, Informatzione, Ispetàculu e Isport

Servìtziu Limba e Cultura Sarda

 

 

 

Tradùere pro crèschere – Un progetto traduttivo per aumentare il prestigio del sardo

 

 

Sofocle, Joyce, Kafka, Stevenson e altre opere della grande letteratura europea tradotte in sardo. E’ la nuova iniziativa dell’Assessorato della Pubblica Istruzione della Regione Autonoma della Sardegna per rilanciare la questione dell’idioma isolano che è in grande difficoltà e rischia di scomparire. Secondo gli ultimi rilevamenti sociologici, infatti, mentre quasi il 70 per cento dei sardi dichiara di conoscere la propria lingua, solo il 13 per cento dei bambini la usa normalmente in casa con i propri genitori. Una tendenza che, proiettata nei prossimi decenni, significherà certamente la scomparsa della lingua storica dell’isola. Ciò che porta le famiglie ad abbandonare la lingua degli avi è la percezione diffusa di una mancanza di prestigio sociale e culturale, status che affligge quasi tutte le lingue di minoranza. Per combattere questa credenza, la Regione, nel Piano Triennale della Lingua Sarda, insieme ad altre, ha varato l’iniziativa dal titolo <Tradùere pro crèschere> (Tradurre per crescere). La presentazione ufficiale del progetto è in programma a Cagliari, oggi mercoledì 17 ottobre, alle ore 17.00, presso la sala della Biblioteca Regionale. Si tratta di una misura di sostegno agli editori locali che hanno deciso di investire anche in proprio per pubblicare “versioni” in sardo di grandi autori di romanzi e prosa conosciuti in tutto il mondo.

 

Lo scopo è duplice. Da un altro appunto sollecitare la presa di coscienza da parte della popolazione, e dei lettori, che il sardo può assolutamente misurarsi con forme di scrittura di alto livello e contenuto. Dall’altro, dare un impulso concreto alla produzione letteraria in lingua sarda che, nei due decenni appena trascorsi, ha comunque raggiunto traguardi di buon livello sia per la quantità (oltre 200 romanzi pubblicati) sia per la qualità (alcuni romanzi hanno ottenuto riconoscimenti in premi di alta qualità). Di rimando, si ottengono anche altri risultati non meno importanti. Si crea lavoro nel settore editoriale e professionale linguistico con impegni remunerati per editori, traduttori, editor, correttori di bozze, stampatori, distributori e librai. Dall’altro si forniscono alle scuole materiali didattici letterari di alto livello che possono competere con quelli di altre lingue più riconosciute e legittimate. La scommessa è insomma quella di togliere alla lingua sarda quella patina e immagine di arretratezza e utilizzarla invece per veicolare contenuti contemporanei, universali e accattivanti della moderna cultura occidentale. Presentarla, insomma, agli occhi della popolazione come una lingua “normale”.

 

C’è anche un occhio attento alla tecnologia e alla massima fruizione popolare in questa iniziativa. La Regione infatti non si è limitata a sostenere economicamente le pubblicazioni ma, mentre ha favorito la stampa e la diffusione cartacea dei romanzi, ha acquisito i diritti e ha pubblicato nei suoi siti il formato digitale delle versioni in sardo che può essere quindi scaricato gratuitamente e letto comodamente in casa sul computer oppure anche sul proprio tablet. Per non dire dell’utilizzo scolastico che può essere fatto su altri supporti digitali.

 

Pertanto ora, dopo quattro anni di lavoro (il progetto fu programmato nel 2008 e realizzato a partire dal 2009), con una spesa ridotta a 20 mila euro annue, la lingua sarda “possiede” la prima parte di una biblioteca internazionale di traduzioni di tutto rispetto. Si presenteranno ufficialmentete al pubblico opere di James Joyce, Garcia Marquez, Luis Sepulveda, Goethe, Stevenson, Leopoldo Alas, Mendoza, Von La Roche, De Amicis, Kavafis, Sofocle, Machiavelli, Sibilla Aleramo, Lewis Carrol, Saramago, Unamuno, Coromines e altre.

 

Le traduzioni ammesse al finanziamento devono essere fatte direttamente dalla lingua originale senza doppi passaggi con l’italiano. L’acquisizione dei diritti, ovviamente, è stata finanziata solo per quelle opere il cui autore non sia morto da almeno settant’anni. Alla manifestazione era presente l’assessore regionale Sergio Milia. Dopo l’introduzione di Giuseppe Coròngiu e CristianoBecciu, sono intervenuti gli autori o editori: Antoni Arca, Francesco Cheratzu, Diego Corraine, Pasolo Cossu, G. Gavino Irde, Maria Marongiu, Manuel Mereu, Giuseppe Mocci, Giovanni Muroni, M. Grazia Pichereddu, Maria Antonietta Piga, Fabio Pillonca, Paolo Pillonca, Gianfranco Pinna, Càrminu Pintore, Gonario Sedda, Gian Franca Selis, Anna Cristina Serra, Salvatore Serra.

 

Nell’oltre ottanta per cento delle opere gli editori e i traduttori hanno scelto per la scrittura di rifarsi alle norme ortografiche di riferimento della Regione, ma non è mancato chi ha preferito utilizzare un sardo più vicino a modelli personali, locali o tradizionali.

 

La speranza è che dal confronto vivo con le letterature prestigiose anche la letteratura della minoranza linguistica cresca e si scrolli dosso ogni residuo di folclorismo o di stereotipi da società agro-rurale, pur senza rompere con i valori alti della società tradizionale. E che i traduttori, soprattutto quelli giovani, siano i nuovi scrittori in sardo di domani. Sarà più difficile, per i detrattori in malafede, affermare che il sardo sia un dialetto (cioè una lingua inferiore). Soprattutto dopo questa rivoluzionaria iniezione di vitalità nelle vene pulsanti della scrittura della nostra lingua regionale.

 

 

 

Cordiali saluti

 

 

Dr. Giuseppe Corongiu

Diretore Servìtziu Limba e Cultura Sarda

Dae s’autonomismu a s’indipendentismu: idea crara o oportunismu?

diegu.jpg

A bos l’ammentades chi, deretu a pustis de sa segunda gherra, s’ùnicu partidu regionalista, chi tando si definiat autonomista, fiat su Partidu Sardu? Totu sos partidos chi fiant intrados, tando, a Sardigna, fiant antiautonomistas. B’aiat chertu s’interventu de Togliatti pro cunvertire de repente su PCI in “autonomista”. Gasi etotu aiant fatu sos àteros partidos. Sa “cunversione” fiat istada sa manera pro nche catzare fortza a un’idea chi si fiat ispainada. Sos partidos italianos si fiant apoderados de s’idea de autonomia pro la negare o pro l’indebilitare. E tando totus custos si fiant cambiados in “autonomistas”, finas ca custa visione polìtica regionalista non poniat in duda ne in perìgulu s’unidade de s’istadu italianu. Est craru finas chi su primu resurtadu de custa atzione tàtica de sos partidos italianos fiat istada chi su Partidu Sardu aiat pèrdidu su monopòliu de s’idea e, duncas, fortza. E s’autonomismu si fiat “diluidu” in una pretesa de càmbiu de s’istrutura amministrativa de s’istadu, comente cale si siat regione italiana. Difatis in s’istatutu sardu de su 48 non b’at perunu riferimentu a sa limba sarda comente limba de sos Sardos, sende chi in s’art. 6 de sa Costitutzione de s’istadu italianu de su 1947 fiat giai cunsiderada s’esistèntzia de minorias linguìsticas. De seguru sos polìticos sardos de tando pessaiant chi custu artìculu non fiat pro sa limba sarda e “pro” sos Sardos!

 

Oe, forsis, est capitende su matessi: sos partidos o fortzas polìticas chi timent s’idea natzionalista sarda e unu progetu de liberatzione indipendentista, in càmbiu de lu negare o de lu contrariare in manera aberta comente est capitadu finas a como, si sunt “cunvertende” in “indipendentistas”, macari in sa forma “soveranista” o in àteras formas chi ant a imbentare. Una cunversione bera o una manera de nche catzare fortza a un’idea de repùblica sarda pluriseculare? Pro cumprèndere si lis devimus dare fide, b’at a chèrrere unu programa craru, mìnimu, de prioridades istitutzionales chi càmbiet sa diretzione de custas fortzas: pro prima cosa sa sardizatzione prena organizativa de sas fortzas nàschidas in Roma; s’assuntzione de sa limba sarda comente motore de s’atzione interna e esterna de totu sas fortzas polìticas in Sardigna; sa ufitzializatzione de sa limba sarda in totu sos àmbitos e impreos sotziales e territoriales. A pustis s’at a bìdere chie bìest a beru e chie nono.

 

de Diegu Corràine

 

https://www.facebook.com/diegu.corraine#!/notes/diegu-corr%C3%A0ine/dae-sautonomismu-a-sindipendentismu-idea-crara-o-oportunismu/468546693175978