Don Chisciote de Sa Mancha – Iscritu e lèghidu in sardu in Ispagna

don chisciotte,lingua sarda,ras,ufitziu limba sarda,andalas,condaghes,giovanni muroni,ichnusa madrid

Don chisciotte, lingua sarda, ras, ufitziu limba sarda, andalas, condaghes, giovanni muroni, ichnusa madrid,


“In unu logu de sa Mancha, chi su nùmene non mi chèrgio ammentare, non est tempus meda chi biviat unu hidalgo de sos de lantza in rastrelliera, iscudu, runtzinu làngiu e lebreri…” cosi inizia nella nostra Limba il capolavoro di Miguel de Cervantes, il secondo libro più tradotto nel mondo.   Il “Don Quijote de la Mancha” è stato letto, per la prima volta, in Limba, nel paese di Esquivias, in Spagna, il 23 Aprile, giorno dedicato alla Festa del libro.   La proposta di partecipare alla lettura la lanció Pietro Mariani, socio fondatore del Circolo Sardo Ichnusa di Madrid, in occasione dell’incontro internazionale sulla lingua sarda “Cada die Limba, Trassas de comunicatzione” che si tenne nel Giugno del 2012 nella capitale spagnola.   Il risultato é stato la lettura, insieme ad altre lingue quali, il cinese, il bulgaro, il finlandese, l’arabo… (tra le 30 culture del mondo che hanno partecipato alla manifestazione), grazie a Monica Sechi, tiesina di nascita, residente da anni a Madrid, che, all’inizio un po`nervosa, ma alla fine totalmente padrona della situazione, ha affascinato il pubblico presente leggendo alcuni passi del testo di Cervantes nella nostra antica lingua.   La giornata dedicata al “Don Quijote”, si è aperta con il ricevimento degli ospiti da parte del sindaco di Esquivias, Elena Fernández de Velasco Hernández, seguita dalle letture, nella chiesa del complesso dell’antico convento dei Cappuccini (abbandonato nel 1820, recuperato dal Comune e destinato attualmente ad usi culturali).    Il paese mancego, situato giusto a metà tra la capitale della regione di Castiglia la Mancha, Toledo (da cui dipende), e Madrid, da anni celebra il rito della lettura dell’opera di Cervantes nelle varie lingue del mondo.   A Esquivias, nel lontano 1584, Miguel de Cervantes Saavedra convolo´a nozze  con Catalina de Palacios, nobile del paese, ed è qui che incominciò ad ispirarsi e quindi  a scrivere il “Don Quijote”, prendendo spunto anche su alcuni personaggi del luogo.   E per l’occasione, ad Aprile di ogni anno, la chiesa dei Cappuccini accoglie gli ospiti che, nella propria lingua, rendono omaggio al Cervantes, confermando e rimarcando l’importanza che tale testo sia espressione accolta nella varietá culturale del mondo.   E, nella sobria struttura dell’antica chiesa, anche questa volta il colore è stato aggiunto dalle pennellate rappresentate dalle bandiere che accompagnano ogni anno ogni rappresentante (anche quest’anno tanti gli Ambasciatori e Ministri che non hanno voluto perdere l’appuntamento), che leggono nella propria lingua, i brani del Quijote, e, tra le bandiere, russa, italiana, cinese, finlandese, maltese… la nostra dei 4 mori ha fatto la sua presenza per la prima volta.   Il “Don Chisciote de Sa Mántzia, é tradotto da Giovanni Muroni, Progetto editoriale, Condaghes (con il contributo della RAS, Ufìtziu de sa Limba Sarda), Collana Àndalas – Sena làcana.

Luciano Cadeddu

DON CHISCIOTE BENIT TRADÚIDU IN LIMBA SARDA

don chisciotte, limba sarda, lingua sarda, condaghes, circolo ichnusa, madrid, gianni garbati, ras, ufìtziu de sa limba sarda


PRO SA BORTA DE UNU, SU DON CHISCIOTE BENIT TRADÚIDU IN LIMBA SARDA
Su 23 de abrile, in su munitzípiu de Esquivias (Toledo), a sas 17 oras, s’at a ténnere, che cada annu, sa letura de su Don Chisciote de Sa Mántzia, s’ópera manna de Miguel de Cervantes, cun sa partitzipatzione de letores divessos de bárias alas de su mundu. Ocanno b’at a éssere, pro sa borta de una, sa Sardigna rapresentada dae s’Assotziatzione Tzírculu Sardu Ichnusa de Madrid, e una sótzia cosa sua, Mónica Sechi, dae Thiesi (nord de Sardigna) l’at a léghere in limba sarda. Sa manifestatzione s’at a abrire a as 16:30 cun un’atóbiu cun sa síndaga de Esquivias, Elena Fernández de Velasco Hernández e cun sos óspites de su comune, e in s’acabu s’ant a iscambiare saludos in sa Domo Museu de Cervantes, cun sa degustatzione de binos de sa Regione de Castíllia Sa Mántzia. Sa tradutzione de Don Chisciote in limba sarda est a cárigu de Giovanni Muroni, a intro de unu progetu editoriale de Condaghes (cun su contributu de sa RAS Ufítziu de sa Limba Sarda), collana Àndalas – sena Làcanas. S’ant a lèghere branos de su capítulu primu. S’isperat chi sa tradutzione e sa publicatzione conseguente ant a lómpere s’annu bennidore.