Lodè, giornata di celebrazione per “Sa die” – La Nuova Sardegna

Angelo canu, Vittorio Sella, Giacomo Floris,Graziano Spanu, Gianna Mereu, Sa rivoluzione sarda-dae sa modernidade a s’atualidade, La Nuova Sardegna, bernardo asproni,

Angelo canu, Vittorio Sella, Giacomo Floris,Graziano Spanu, Gianna Mereu, Sa rivoluzione sarda-dae sa modernidade a s’atualidade, La Nuova Sardegna, bernardo asproni,

“Sa rivoluzione sarda-dae sa modernidade a s’atualidade” è il progetto finanziato dalla Regione nell’ambito de “Sa die de sa Sardigna”. Il Comune sta organizzando per mercoledì prossimo una giornata dedicata a questo evento della storia sarda che riporta all’insurrezione popolare del 28 aprile 1794 ovvero i cosiddetti “Vespri sardi” (e l’immediata levata di scudi di Alghero e Sassari) con i quali vennero cacciati da Cagliari i piemontesi e il vice-re Balbiano in seguito al rifiuto del governo torinese di soddisfare le richieste dell’isola. Il programma prevede in mattinata, a partire dalle 10, in collaborazione con la scuola di Lodè, l’insegnante Gianna Mereu, e con s’Ufitziu de sa limba sarda, una rappresentazione teatrale degli avvenimenti dei giorni della rivoluzione sarda scritta da Angelo Canu con il contributo di Jorgi Rusta che ha scritto “Sas batorinas”. Nel pomeriggio, invece, con inizio alle 16, nella sala consiliare si terrà un convegno storico.

Introdurrà i lavori il sindaco Graziano Spanu, mentre le relazioni saranno svolte dai cultori di storia Vittorio Sella e Giacomo Floris, che analizzeranno gli eventi del 1794 e l’insegnamento da trarne ai nostri giorni, e da Angelo Canu a cui spetterà il compito, da esperto della materia, di spiegare l’importanza della lingua sarda nella storia della Sardegna, ieri e oggi. Insomma una giornata all’insegna della “sardità” e dei suoi valori più genuini, a 360 gradi. (b.a.)

http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2013/04/19/news/lode-giornata-di-celebrazione-per-sa-die-1.6915128

Lodè: Sa Rivolutzione Sarda dae sa modernidade a s’atualidade

lodè, sa die de sa sardigna, regione sardegna, lingua sarda, angelo canu, vittorio sella, gianna mereu, giacomo floris, graziano spanu,


Lodè, su 24 de abrile de su 2013

 Su progetu, fatu cun sa partetzipatzione de sa Regione Autònoma de Sardigna, L.R. 44/93 “Sa die de sa Sardigna” est ammanitzadu dae sa Comuna de Lodè paris cun s’Ufìtziu de sa Limba Sarda e sas iscolas de Lodè.

A pustis de duos meses de letziones de istòria in limba sarda su progetu at a agabbare su 24 de abrile.

Su programma:

A sas 10.00

sos pitzinnos de sa V classe de s’iscola primària ant a presentare                   “Sa die de sa giagarada”

 

A sas 16.00

in sala consiliare Cunvegnu istòricu e linguìsticu

Ant a faeddare:     Angelo Canu    Giacomo Floris     Vittorio Sella

 

Saludos de su sìndigu Graziano Spanu

 

 

Torpè e Lodè – Sa die de sa Sardigna, finanziati i progetti

 

sa die de sa sardigna,la nuova sardegna,sergio secci,lodè,torpè,limba sarda,lingua sarda,gianna mereu,angelo canu,giacomo floris,scuola

nuovasardegna.jpg

Sono due i progetti finanziati in Baronia dalla Regione per Sa die de sa Sardigna. Coinvolte le scuole di Lodè e Torpè con l’obiettivo di far conoscere la storia locale e il suo intreccio con quella studiata. A Lodè il progetto è stato ideato come un percorso storico, politico e linguistico all’interno del quale verranno evidenziati i forti legami tra i valori della rivoluzione sarda e dello Statuto del 1948, per mostrare come quegli stessi valori possano rivelarsi ancora oggi validi come guida. La mattina, ci sarà la rappresentazione teatrale in sardo della quinta classe della scuola primaria curata dalla maestra Gianna Mereu e ufficio per la lingua sarda con gli eventi del 28 aprile 1794. Nel pomeriggio spazio al convegno che affronterà i molteplici aspetti che riguardano “Sa Die” in ottica di una nuova autonomia: lingua, cultura, politica e storia. A Torpè ci sarà invece una mostra documentale con antichi reperti che vanno dal IV al XIX secolo e un convegno. Si parte dalla storiografia locale per arrivare ad affrontare tematiche più generali relative alla storia della Sardegna e dell’Europa in generale.

Una giornata che vuole ridestare la memoria storica con documenti che evidenziano quando Torpè si trovò a combattere prima a favore della casa d’Arborea e poi le illegalità del potere feudale. I documenti più antichi arrivano dall’archivio della Corona d’Aragona (mentre quelli dell’età moderna dall’archivio di Stato di Cagliari). La lezione di storia sarà di Giacomo Floris ricercatore dell’Università di Barcellona.

Sarà poi la volta di Angelo Canu, che illustrerà l’importanza della lingua sarda nella Sardegna medioevale e moderna. A conclusione i ragazzi delle scuole elementari, declameranno diverse opere poetiche in sardo, che hanno come oggetto il tema autonomistico.

di Sergio Secci

 

http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2013/01/04/news/sa-die-de-sa-sardigna-finanziati-i-progetti-1.6295825