Iscritziones e Limba Sarda – de Mauru Maxia

iscrizione scolastica, lingua sarda, mauro maxia, enrico tocco, sardegna, modulo iscrizione, legge 482/99, iscrizione on line


Dae oe sas famìlias podent fàghere s’iscritzione on line de sos iscolanos chi intrant in sa prima classe de sas iscolas primàrgias e mèdias. Enrico Tocco, su diretore generale de s’ufìtziu regionale iscolàsticu pro sa Sardigna, at imbiadu una lìtera a sos dirigentes iscolàsticos pro adatare su mòdulu de iscritzione cun s’optzione de s’insinniamentu de sa limba sarda (si s’iscola tenet mastros a manera de l’insinniare o si disponet de dinari pro leare mastros foranos). Como non restat àteru de fàghere de avisare sas famìlias chi podent pedire s’insinniamentu de su sardu ca pro sa prima borta, a pustis de medas annos, sas autoridades iscolàsticas sunt pongende in pràtica su chi previdet sa lege 482/99.  

 

Mauru Maxia

Spending review. Pes (Pd), maggiore tutela per la lingua sarda

caterina pes.jpg

“È molto positivo che il governo abbia accolto il nostro ordine del giorno per rivedere l’art. 14 del decreto sulla spending review che nega la specificità linguistica della lingua sarda. Adesso vigileremo perchè all’impegno del governo corrisponda una affettiva tutela della specificità della lingua sarda come previsto dalla legge 482 del 1999”. Lo dice Caterina Pes, deputata del Pd in commissione Cultura.

 

“La 482 – prosegue Pes – riconosce e tutela le lingue minoritarie presenti in Italia, tra cui il sardo, nella piena attuazione dell’art. 6 della Costituzione, e in essa non si fa alcuna distinzione tra le minoranze di lingua madre straniera e le altre. Vorrei ricordare che la diversità socioculturale rappresenta per il nostro Paese una ricchezza da non disperdere e uno dei pilastri della costruzione democratica dell’Europa, tanto da essere riconosciuto nell’art. 22 della ‘Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea’. Questo provvedimento colpisce ulteriormente la specialità regionale la cui esistenza è, tra l’altro, legata proprio alla presenza di particolarità storica e linguistica. Oltre a negare il valore della specialità, così facendo si rischia di ridurre ancora di più la presenza delle autonomie scolastiche nell’isola, in una terra ormai allo stremo e dove la scuola deve essere semmai garantita dallo Stato, a maggior ragione dove lo spopolamento è un destino segnato”.

 

Roma, 7 agosto 2012

Un ginecologo firma i primi referti in limba sarda

Lucio Zirattu: «Ho deciso di fare qualcosa di concreto per applicare la legge sul bilinguismo» Melo cotogno.JPG

Lucio Zirattu: «Ho deciso di fare qualcosa di concreto per applicare la legge sul bilinguismo»

 

SASSARI. Quando il ginecologo le informa di essere arrivate alla fine de “su primu de sos tre meses de raidesa”, le future mamme – come vuole la tradizione dopo i primi tre mesi di gravidanza – danno la notizia del prossimo lieto evento ad amici e parenti. Anche i futuri papà leggono commossi il certificato di Lucio Zirattu, 48 anni, di Ossi, “dutore ispetzializadu in ostretricia e zinecoluzia”. Sono già quaranta, annuncia orgoglioso il dottore, che hanno ricevuto dalle sue mani un referto medico compilato in italiano e in sardo. «Lo faccio da un mese e sono il primo in Sardegna – spiega il medico, mostrando copia del modulo –. Ho deciso di applicare la legge 482/99 e di fare qualcosa che tuteli il bilinguismo anche nella pratica. Le pazienti sono contente, anche se qualcuna non conosce il sardo. I colleghi invece si dividono: quelli sardi si complimentano, i “continentali” invece sono un po’ sconcertati».

Ma tant’è: il dottore-dutore va avanti per la sua strada, convinto di avere imboccato quella giusta. «Del resto – chiosa – in Alto Adige i referti sono rigorosamente scritti in italiano e in tedesco». Se la traduzione dall’italiano al tedesco dei termini ginecologici è semplice, il dottor Zirattu ammette di avere fatto un po’ di fatica quando ha cercato la corrispondenza sarda di numerosi termini anatomici. Così si è rivolto a un suo grande amico: l’ittirese Giampiero “Zampa” Marras, convinto indipendentista, perennemente vestito con abito etnico e “berritta” d’ordinanza. Zampa ha messo a disposizione del ginecologo le sue fino ad ora misconosciute competenze lessical-ostetrico-ginecologiche. I primi referti sardo-italiano, spiega Lucio Zirattu, riguardano i moduli di refertazione ecografica nel primo trimestre di gravidanza-raidesa. «Ma sto preparando altri moduli» annuncia il ginecologo.

Il lavoro fino ad ora non è stato semplice perché, spiega il dottore, di certi termini si è persa la memoria. «Il fatto – è la sua convinzione – è che i professori che hanno insegnato ostetricia e ginecologia nelle università sarde erano quali tutti italiani e non si esprimevano in sardo». Con docenti autoctoni gli specializzandi avrebbero imparato nelle aule universitarie che utero in sardo si dice “uteru”, vagina si traduce “sa natura ’e sa femina” (da non confondere con sa natura ’e sos homines, di competenza dell’urologo ndr). E al primo ritardo (amenorrea in italiano, sa mancantzia de règulas in sardo) le donne sarebbero andate di corsa dal ginecologo che avrebbe rilevato la presenza o l’assenza nell’uteru di un embrione (brione-fetu), l’atividade de su coro (attività cardiaca) e l’amnionitzidade (amniocità) per stabilire la diedatadura acurafica currispondhemte a sa mancantzia de regulas (in altre parole la datazione ecografica corrispondente all’epoca di amenorrea).

Orgoglioso di avere colmato questa grave lacuna, il dottor Zirattu ammette con modestia di non essere stato il primo ad avere l’idea di tradurre in sardo i termini ostetrico-ginecologici. Prima di lui, nel 1827, aveva provveduto il ginecologo cagliaritano Efisio Nonnis con le “Brevis lezionis de ostetricia po usi de is llevadoras de su regnu”. Il manualetto si rivelò utilissimo per le levatrici campidanesi del regno sardo-piemontese ed è stato ripubblicato dalla tipografia “3T” di Cagliari «in segno di omaggio per le antiche e sempre vive tradizioni culturali della loro terra». In fondo, è lo stesso scopo di Lucio Zirattu.

Chissà se il ginecologo bilinguista e Zampa Marras hanno cercato anche la traduzione del mitico “punto G” che anima da sempre i dibattiti planetari sulle zone erogene. Se non l’hanno fatto è perché non si tratta di un termine scientifico, ma forse la traduzione è possibile. In Logudoro è facile sentire intercalare con la parola “bodale” (il “coso”). Il dibattito è aperto.

 

da La Nuova Sardegna : http://lanuovasardegna.gelocal.it/sassari/cronaca/2012/07/19/news/un-ginecologo-firma-i-primi-referti-in-limba-1.5426597?fb_ref=s%3DshowShareBarUI%3Ap%3Dfacebook-like&fb_source=timeline

Sondàgiu in s’iscola de Pasada

sondaggio posada.jpg

Dae su 9 de freàrgiu s’iscola de Pasada est dende unu follu uve si dimandat a sos babos e a sas mamas si diant chèrrere pro sos fìgios s’istùdiu de su sardu in sas iscolas. Pro como est una cosa bona, ma non tocat de nos ismentigare chi sa limba sarda est amparada dae una lege de su parlamentu italianu chi est sa 482 de su 1999. Pro pònnere a craru ite narat subra s’iscola, tocat de lèghere s’articulu 4. Date cara mescamente a sos commas 1 e a su de 5: su sardu in s’iscola no est unu piaghere chi nos sunt faghende, ma unu deretu chi nos sunt negande e chi non semus dimandende!!!

 

Artìculu 4, lege 482/99

1. In sas iscolas maternas de sas comunas istabilidas in s’artìculu 3, s’educatzione linguìstica disponet, paris cun s’impreu de sa limba italiana, finzas s’impreu de sa limba de sa minoria pro atuare sas atividades educativas. In sas iscolas elementares e in sas iscolas segundàrias de primu gradu est istabilidu fintzas s’impreu de sa limba de sa minoria comente istrumentu de imparu.

 

2. Sas istitutziones iscolàsticas elementares e segundàrias de primu gradu, cuforma a su chi disponet s’artìculu 3, coma 1, de custa lege, impreande in s’esertzìtziu de s’autonomia organizativa e didàtica istabilida in s’artìculu 21, comas 8 e 9, de sa lege de su 15 de martzu de su 1997, n. 59, in intro de s’oràriu curriculare cumplessivu definidu in àmbitu natzionale e in su rispetu de totu sos òbrigos de servìtziu de sos mastros istabilidos dae sos cuntratos colletivos, pro assegurare s’aprendimentu de sa limba de sa minoria, delìberant, fintzas in base a su chi pedint sos mazores de sos alunnos, sas modalidades de imparu de sa limba e de sas traditziones culturales de sas comunidades locales, istabilende.nde sos tempos e sas metodologias, e fintzas detzidende sos critèrios de valutatzione de sos alunnos e sas maneras de impreu de mastros cualificados.

3. Sas mantessi istitutziones iscolàsticas istabilidas in su coma 2, cuforma a s’artìculu 21, coma 10, de sa lege de su 15 de martzu de su 1997, n. 59, siat a sa sola, siat paris cun àteras podent fàghere ammànnios de s’oferta formativa in favore de sos mannos. Operende in autonomia de istùdiu, isperimentatzione e isvilupu, comente narat su giai numenadu artìculu 21, coma 10, sas istitutziones iscolàsticas adotant, fintzas in formas assotziadas, initziativas in s’àmbitu de s’istùdiu de sas limbas e de sas traditziones culturales de sos chi faghent parte de una minoria linguìstica reconnota, cuforma a sos artìculos 2 e 3 de custa lege e si proponent atividades de formatzione e atualizatzione de sos mastros adetos a sas mantessi disciplinas. Cun custa finalidade sas istitutziones iscolàsticas podent istipulare cunventziones, cuforma a s’artìculu 21, coma 12, de sa giai numenada lege n. 59, de su 1997.

4. Sas initziativas istabilidas dae sos comas 2 e 3 sunt fatas dae sas mantessi istitutziones iscolàsticas servinde.si de sas risorsas umanas a disponimentu, de sos fundos finantziàrios atribuidos cuforma a s’artìculu 21, coma 5, de sa giai numenada lege de su 15 de martzu de su 1997, n. 59, e fintzas de sas risorsas, de annanta, reperìbiles cun cunventziones, istabilinde intre sas prioridades dispostas dae su mantessi coma 5, cussas dispostas dae custa lege. In sa partzimenta de sas risorsas istabilidas in su coma 5 de s’artìculu 21 de sa lege n. 59 de su 1997, si tenent in contu sas prioridades de annanta dispostas in custu coma.

5. A s’ora de sa preiscritzione sos mazores comùnicant a s’istitutzione iscolàstica interessada si cherent atzetare pro sos fizos issoro s’imparu de sa limba de sa minoria.