ORTZAI – Presentada de su libru IL SARDO UNA LINGUA NORMALE

locandina corongiu

Saludos

Tonino Ladu
Sìndigu de Ortzai

Nde faeddant cun s’autore

Sara Nieddu
Austinu Sanna
Valentina Schirru
Jorgi Rusta

Coordinat

Mariantonietta Piga

Ortzai

sàbadu 15 de martzu 2014 a sas 17.30

àula cunsiliare

iscàrriga sa locandina in pdf

Bilinguismu Creschet – Chenàbura chi benit addòbiu de relatas e coordinamentu

Antonella Sorace, Manuela Mereu, Bilingualism Matters, Bilinguismu Creschet, ASSESSORADU DE S’ISTRUTZIONE PÙBLICA, BENES CULTURALES, INFORMATZIONE, ISPETÀCULU E ISPORT, pepe corongiu, regione sardegna, Maria Antonietta Piga,


ASSESSORADU DE S’ISTRUTZIONE PÙBLICA, BENES CULTURALES, INFORMATZIONE, ISPETÀCULU E ISPORT 
ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT


Diretzione Generale de sos Benes Culturale, Informatzione, Ispetàculu e Isport

Servìtziu Limba e Cultura Sarda

 

 

Amiga, amigu

 

Chenàbura chi benit 22 de martzu a sas chimbe de merie amus a fàghere un’addòbiu de relatas e coordinamentu de sa retze sotziale e istituzionale de Bilinguismu Creschet pro leare cabu e fàghere analizu de sas chistiones chi pertocant sas famìlias bilingues in Sardigna. Sa dot.ssa Manuela Mereu, germanista e anglista, nos at a contare sa partetzipatzione sua a Edinburgu a s’addòbiu internatzionale de totu sas filiales europeas de Bilingualism Matters. Su servìtziu limba sarda at a informare de sas punnas de ocannu e est in programma finas unu collegamentu curtzu cun Antonella Sorace in Skype. Podet partetzipare chie cheret, mesches sas famìlias bilingues chi tenent problemas, pregontas, propostas de fàghere. A incuru de Maria Antonietta Piga b’at a èssere un’animatzione in sardu pro sos pipios chi duncas podent bènnere e non s’ant a orroschère. Acabu a sas 7 de sero.

 

S’addòbiu est in programma chenàbura 22 de martzu 2013, h.17.00, Chatterbox College, arruga de Pola 43, Casteddu

 

In s’ocasione bos indito duas ainas noas de comunicazione, impreadelas pro abarrare in cuntatu cun nois e pro èssere semper informados

 

http://www.bilinguismucreschet.com/

http://www.facebook.com/#!/BilinguismuCreschet

 

 

 

Saludos corales



Pepe Coròngiu

L’UNIONE SARDA – Cultura e istruzione : Il maestro disse a Franti: «Tue l’ochies a mama tua»

unione sarda.jpg

Una lingua arcaica, una lingua povera di vocaboli e incatenata alla quotidianità agropastorale, una lingua ferma. Anzi: un dialetto. Sono ancora in molti ad attaccare il sardo. E se da qualche tempo sono in molti anche a difenderlo, purtroppo tendono a farlo in italiano. Suonava quindi opportuno che fossero tutti in sardo gli interventi che mercoledì pomeriggio, alla Biblioteca regionale di viale Trieste a Cagliari, si sono susseguiti per presentare le prime opere di letteratura europea tradotte in limba in quattro anni di alleanza fra la Regione sarda e alcune case editrici isolane come Aipsa e Alfa. Un’operazione profondamente politica. Ottant’anni fa tradurre Goethe in sardo poteva avvicinare un nostro giovane corregionale alla letteratura europea. Farlo oggi, con il più grande scrittore tedesco disponibile in molte ottime edizioni italiane su carta e su ebook, vuol dire usare Goethe per riavvicinare il lettore al sardo. E anche per altre due operazioni, in realtà. In primo luogo per dare prestigio alla limba. Come spiegava Giuseppe Corongiu, direttore del servizio Lingua e Cultura sarda della Regione, tradurre Joyce significa dimostrare che il sardo, con il suo vocabolario amplissimo e le sue capacità espressive, è completamente in grado di restituire ogni sfumatura dell’alta narrativa: se non ci riusciamo è colpa nostra, non del logudorese o del campidanese. Il secondo vantaggio del bortare autori come Saramago e Stevenson è più creativo ed espressamente linguistico che politico. «Il traduttore non può rassegnarsi a lasciare una spazio bianco se trova un termine problematico – spiegava Diego Corraine, nella sua doppia veste di editore di Papiros e traduttore di García Márquez (“Nemos iscriet a su coronellu”), Saramago (“Su contu se s’ìsula disconnota”) e Sepúlveda (“Istòria de unu cau marinu e de su gatu chi l’at imparadu a bolare”) – e quindi deve forgiare un’espressione consona». E se a tratti serve uno sforzo demiurgico, in altri casi la lingua madre si rivela più agevole dell’italiano per rendere un concetto. Parola di Manuela Mereu, che per Condaghes si è confrontata col tedesco prezioso di Goethe (inutile dirlo, le traduzioni sono tutte dalla lingua originale, non attraverso la versione italiana) e si è resa conto che rispetto a “i dolori” in realtà “die Leiden” avevano in equivalente sardo più pregnante: per questo il Werther diventa “Sos patimentos de unu giòvanu”. Difficile poi non trovare un retrogusto beffardo nell’operazione firmata da Maria Antonietta Piga per Grafica del Parteolla con la sua versione del “Coro” di De Amicis: un libro nato come capitolo pop della narrazione sull’Italia unita che però, tradotto, rende giustizia alla potenza del sardo in fatto di metafore ed espressioni figurate. Ed è, in fondo, come se ogni autore europeo battesse con intensità e materiali differenti sulla campana della limba, traendone sonorità, timbri inaspettati ma autentici. Vale per la solennità dell’“Antigone” – tradotta da Paolo Pillonca per Domus de Janas, che invece a Gonario Sedda ha chiesto di confrontarsi col “Principe” di Machiavelli – come per la stralunata levità di Lewis Carrol (Manuela Mereu firma per Condaghes “A s’atera ala de s’ispigru, e su chi Alisedda b’at agatadu”). In questo quadriennio di lavoro, sostenuto dalla Regione con 20 mila euro annui in cambio della disponibilità delle traduzioni su sardegnacultura.it, ha preso forma questa biblioteca minima ma determinante: un primo passo per dimostrare – come diceva Stefano Coinu, capo di gabinetto dell’assessore regionale alla Cultura Sergio Milia – che «il sardo è una lingua non soltanto per la vita di tutti i giorni, ma per tutto. Ora facciamola diventare per tutti»

 

da http://www.regione.sardegna.it/j/v/491?s=210280&v=2&c=1489&t=1

Tradùere pro crèschere – Sas fotos

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Tradùere pro crèschere

Oggi Cagliari (h. 17) presentazione opere europee tradotte in sardo

 

logo bilingue.jpg


Assessoradu de s’Istrutzione Pùblica, Benes Culturales, Informatzione, Ispetàculu e Isport 


Diretzione Generale de sos Benes Culturale, Informatzione, Ispetàculu e Isport

Servìtziu Limba e Cultura Sarda

 

 

 

Tradùere pro crèschere – Un progetto traduttivo per aumentare il prestigio del sardo

 

 

Sofocle, Joyce, Kafka, Stevenson e altre opere della grande letteratura europea tradotte in sardo. E’ la nuova iniziativa dell’Assessorato della Pubblica Istruzione della Regione Autonoma della Sardegna per rilanciare la questione dell’idioma isolano che è in grande difficoltà e rischia di scomparire. Secondo gli ultimi rilevamenti sociologici, infatti, mentre quasi il 70 per cento dei sardi dichiara di conoscere la propria lingua, solo il 13 per cento dei bambini la usa normalmente in casa con i propri genitori. Una tendenza che, proiettata nei prossimi decenni, significherà certamente la scomparsa della lingua storica dell’isola. Ciò che porta le famiglie ad abbandonare la lingua degli avi è la percezione diffusa di una mancanza di prestigio sociale e culturale, status che affligge quasi tutte le lingue di minoranza. Per combattere questa credenza, la Regione, nel Piano Triennale della Lingua Sarda, insieme ad altre, ha varato l’iniziativa dal titolo <Tradùere pro crèschere> (Tradurre per crescere). La presentazione ufficiale del progetto è in programma a Cagliari, oggi mercoledì 17 ottobre, alle ore 17.00, presso la sala della Biblioteca Regionale. Si tratta di una misura di sostegno agli editori locali che hanno deciso di investire anche in proprio per pubblicare “versioni” in sardo di grandi autori di romanzi e prosa conosciuti in tutto il mondo.

 

Lo scopo è duplice. Da un altro appunto sollecitare la presa di coscienza da parte della popolazione, e dei lettori, che il sardo può assolutamente misurarsi con forme di scrittura di alto livello e contenuto. Dall’altro, dare un impulso concreto alla produzione letteraria in lingua sarda che, nei due decenni appena trascorsi, ha comunque raggiunto traguardi di buon livello sia per la quantità (oltre 200 romanzi pubblicati) sia per la qualità (alcuni romanzi hanno ottenuto riconoscimenti in premi di alta qualità). Di rimando, si ottengono anche altri risultati non meno importanti. Si crea lavoro nel settore editoriale e professionale linguistico con impegni remunerati per editori, traduttori, editor, correttori di bozze, stampatori, distributori e librai. Dall’altro si forniscono alle scuole materiali didattici letterari di alto livello che possono competere con quelli di altre lingue più riconosciute e legittimate. La scommessa è insomma quella di togliere alla lingua sarda quella patina e immagine di arretratezza e utilizzarla invece per veicolare contenuti contemporanei, universali e accattivanti della moderna cultura occidentale. Presentarla, insomma, agli occhi della popolazione come una lingua “normale”.

 

C’è anche un occhio attento alla tecnologia e alla massima fruizione popolare in questa iniziativa. La Regione infatti non si è limitata a sostenere economicamente le pubblicazioni ma, mentre ha favorito la stampa e la diffusione cartacea dei romanzi, ha acquisito i diritti e ha pubblicato nei suoi siti il formato digitale delle versioni in sardo che può essere quindi scaricato gratuitamente e letto comodamente in casa sul computer oppure anche sul proprio tablet. Per non dire dell’utilizzo scolastico che può essere fatto su altri supporti digitali.

 

Pertanto ora, dopo quattro anni di lavoro (il progetto fu programmato nel 2008 e realizzato a partire dal 2009), con una spesa ridotta a 20 mila euro annue, la lingua sarda “possiede” la prima parte di una biblioteca internazionale di traduzioni di tutto rispetto. Si presenteranno ufficialmentete al pubblico opere di James Joyce, Garcia Marquez, Luis Sepulveda, Goethe, Stevenson, Leopoldo Alas, Mendoza, Von La Roche, De Amicis, Kavafis, Sofocle, Machiavelli, Sibilla Aleramo, Lewis Carrol, Saramago, Unamuno, Coromines e altre.

 

Le traduzioni ammesse al finanziamento devono essere fatte direttamente dalla lingua originale senza doppi passaggi con l’italiano. L’acquisizione dei diritti, ovviamente, è stata finanziata solo per quelle opere il cui autore non sia morto da almeno settant’anni. Alla manifestazione era presente l’assessore regionale Sergio Milia. Dopo l’introduzione di Giuseppe Coròngiu e CristianoBecciu, sono intervenuti gli autori o editori: Antoni Arca, Francesco Cheratzu, Diego Corraine, Pasolo Cossu, G. Gavino Irde, Maria Marongiu, Manuel Mereu, Giuseppe Mocci, Giovanni Muroni, M. Grazia Pichereddu, Maria Antonietta Piga, Fabio Pillonca, Paolo Pillonca, Gianfranco Pinna, Càrminu Pintore, Gonario Sedda, Gian Franca Selis, Anna Cristina Serra, Salvatore Serra.

 

Nell’oltre ottanta per cento delle opere gli editori e i traduttori hanno scelto per la scrittura di rifarsi alle norme ortografiche di riferimento della Regione, ma non è mancato chi ha preferito utilizzare un sardo più vicino a modelli personali, locali o tradizionali.

 

La speranza è che dal confronto vivo con le letterature prestigiose anche la letteratura della minoranza linguistica cresca e si scrolli dosso ogni residuo di folclorismo o di stereotipi da società agro-rurale, pur senza rompere con i valori alti della società tradizionale. E che i traduttori, soprattutto quelli giovani, siano i nuovi scrittori in sardo di domani. Sarà più difficile, per i detrattori in malafede, affermare che il sardo sia un dialetto (cioè una lingua inferiore). Soprattutto dopo questa rivoluzionaria iniezione di vitalità nelle vene pulsanti della scrittura della nostra lingua regionale.

 

 

 

Cordiali saluti

 

 

Dr. Giuseppe Corongiu

Diretore Servìtziu Limba e Cultura Sarda