Nùgoro – Presentada de “Il Sardo – Una lingua normale”

Il sardo lingua normale

Il sardo lingua normale

‘Il sardo una lingua normale’ at a èssere presentadu in Nùgoro chenàbura su 24 de ghennàrgiu chi benit a sas 17.30 in su Consòrtziu Universitàriu.

Aberint sas Lùghidas de Lucido Sottile Tiziana Troja e Michela Sale Musio leghende a manera issoro carchi cantu

de su libru.

Isterret: Roberto Deriu.

Nd’arresonat cun s’autore Maria Antonietta Piga.

Nde Faeddant: Efisio Arbau, Bobore Bussa, Stefano Coinu, Giovanni Colli, Bustianu Cumpostu.

Tancat: Diegu Corraine.

BILINGUISMU: UNU MODELLU CULTURALE E UN’ISTILE DE VIDA.

istituto bellieni sassari, michele pinna, daniela masia, mariantonietta piga, bilinguismo, bilinguismu creschet


Est cun pragheremannu chi bos damus a ischire chi su 24 e 25 de Santu Gaine b’ant a èssere in sa Provìntzia de Tàtari 4 abbojos subra su bilinguismu, difatis a congruida de sas atividades de su progetu “Bilinguismu: unu modellu culturale e un’istile de vida. Lèghere, iscrìere, iscurtare, faeddare, fàghere in sardu e in italianu” chi ant a èssere indiritzadas a sos pitzinnos de s’Iscola de s’infàntzia e ant a previdire s’interessamentu de sos insignantes, de sos babbos e de sas mamas, s’at a pòdere partetzipare a sas riuniones informativas e de cunfrontu chi s’ant a fàghere in Bono, Nulvi, Ùsini e Biddanoa Monteleone.

Sas atividades prevìdidas, finantziadas dae sa Regione Autònoma de sa Sardigna, Assessoradu a sa Cultura e P.I., Servìtziu Limba e Cultura Sarda, s’ant a pònnere in òpera in sas 35 comunas de sa Provìntzia de Tàtari (Biddanoa Monteleone, Bonolva, Cossoine, Mara, S’Ulumedu, Pàdria, Putumajore, Potufigari, Romana, Monteleone, Semèstene, Piaghe,Carzeghe, Ossi, Uri, Ùsini, Bono, Anela, Urtei, Su Burgu, Esporlatu, Bottidda, Illorai, Nulvi, Bultzi, Laerru, Martis, Sènnaru, Boruta, Àldara, Itireddu, Mores, Nughedu, Patada e Tula) e in prus in Tiesi, Turalva, Cherèmule, Giave chi faghent parte de s’isportellu subracomunale de Boruta coordinadu dae s’Is.Be.

A sas riuniones de Santu Gaine at a leare parte in prus de su prof. Micheli Pinna, sa dut. Daniela Masia e sa dut. Maria Antonietta Piga, finas Antonella Sorace, professora de Linguìstica Acuisitzionale de s’Universidade de Edimburgu, fundadora de BILINGUALISM MATTERS,movimentu de informatzione subra de su bilinguismu, in ue sa filiale sua Sarda, una de sas deghe chi bi sunt in su mundu, fundada in su mese de santandria de su 2012, est denumenadaBILINGUISMU CRESCHET.

Custa initziativa, de importàntzia Europea, at acollocare sa Sardigna, sas amministratziones e sas iscolas interessadas in mesu a un’isperimentatzione de importu mannu, chi at comente mira printzipale cussa de dare informatziones craras, giustas e fundadas a manera iscientìfica pro cantu pertocat sos benefìtzios culturales e de connoschèntzia de su BILINGUISMU pro chie lu pràticat: famìlias, insignantes, educadores, populatziones.

Sos espertos chi b’ant a traballare, cun esperièntzia cumproada in su campu linguìsticu, faghent parte de su grupu didàticu de s’Istitutu Bellieni chi est s’ideadore de su progetu. Sa coordinatzione issoro at a èssere a incuru de su Diretore iscientìficu prof. Micheli Pinna chi at a pònnere a disponimentu sas cumpentèntzias suas: linguìsticas, psicològicas, pedagògicas e demo-etno-antropològicas.

Ant a èssere promòvidas finas initziativas de informatzione e promotzione in sas bibliotecas comunales e/o in sa ludotecas indiritzadas a sos babbos e a sas mamas e a sos pitzinnos de ogni edade.

Semus de su pàrrere chi, interbènnere in su territòriu potzat favorèssere sa crèschida de una cussèntzia bilìngue isparghinada in ue totu sa limba nostra naturale est impreada comente limba primàrgia, movende dae sos faeddos familiares e impreados a fitianu, subra sos cales fundare sos protzessos de formatzione e de imparu linguìsticu culturale.

 

Sas responsàbiles de su progetu in su territòriu ant a esser:

Maria Corrias (Bono, Anela, Ultei, Su Burgu, Esporlatu, Bottidda, Illorai, Nughedu S.Nicolò, Patada e Tula)

Annamaria Tavera (Piaghe,Carzeghe, Ossi, Uri, Ùsini, Àldara, Mores, Bonolva, Cossoine, Putumajore, Semèstene)

Maria Antonietta Fois (Nulvi, Bultzi, Laerru, Martis e Sènnaru)

Maria Leonarda Correddu (Biddanoa Monteleone, Potuvigari, Monteleone, Mara, S’Ulumedu, Pàdria e Romana)

Adriana Cocco (Boruta, Itireddu, Cherèmule)

Daniela Masia (Giave, Tiesi,Turalva).

 

Comintzade a bos organizare, bos isetamus in medas!

 

Bos ammentamus finas chi in su peristante de su seminàriu sos pitzinnos ant a pòdere fàghere carchi atividade cun sos operadores a incuru de su grupu didàticu de s’Istitutu de Istùdios e Chircas “Camillo Bellieni”.

Su servìtziu si cramat: “Si moves sa LIMBA sa LIMBA ti movet” .

I nuovi percorsi dell’Archivio di Stato partono dalla limba

la nuova sardegna, lingua sarda, archivio di stato, angela orani, nuoro, 482/99, mariantonietta piga, gianfranca selis,

 

la nuova sardegna,lingua sarda,archivio di stato,angela orani,nuoro,48299,mariantonietta piga,gianfranca selis


NUORO. L’Archivio di Stato di Nuoro inaugura il suo nuovo sportello linguistico. E lo fa celebrando la donna e la lingua sarda, e annunciando un anno ricco di novità. È stata la stessa direttrice Angela Orani, nei giorni scorsi, in occasione della presentazione dell’evento “Féminas in Coro. Le figure femminili in Cuore di Edmondo De Amicis”, a spiegare le potenzialità del connubio tra Archivio e lingua sarda. «È nostra intenzione – ha confermato – sviluppare nuovi percorsi di collaborazione con le operatrici dello sportello, magari attingendo dalle numerose storie, grandi e piccole, custodite in questo posto». La direttrice dell’Archivio di Stato ha ricordato che il nuovo servizio, attivo da una settimana, è stato reso possibile da un finanziamento del Ministero in base alla legge 482/99, che tutela le minoranze linguistiche, ed è unico in Sardegna. E la sfida lanciata dalla dottoressa Orani, alle operatrici linguistiche Mariantonietta Piga e Gianfranca Selis, sembra davvero entusiasmante. «Basti pensare – ha confermato Orani – al solo Seicento: per buona parte di questo periodo storico, infatti, si è scritto in sardo. C’è un patrimonio di documenti ufficiali, per lo più atti notarili e processuali, scritti in lingua sarda». Anche Mariantonietta Piga, autrice della traduzione in sardo del classico Cuore di De Amicis, si è soffermata sul ruolo che uno sportello linguistico può giocare in un ente pubblico, quale è l’Archivo di Stato. «Si tratta di un’opportunità anche per noi “addetti ai lavori”, che insistiamo molto sull’importanza dell’uso del sardo nella pubblica amministrazione, e non più solo come lingua dell’oralità, da relegare all’ambito strettamente familiare». A maggior ragione in uno scrigno come l’Archivio di Stato, dove il sardo di tantissimi documenti custoditi ha già il carattere dell’ufficialità. Ma non mancherà la possibilità di coinvolgere i bambini, attraverso laboratori appositi, e altre iniziative saranno proposte, di volta in volta, alla cittadinanza, come già accaduto, in diverse occasioni, in passato. Piga ha offerto alcuni spunti di riflessione sul famoso libro Cuore: le figure femminili, marginali e decisamente tristi, il loro ruolo di educatrici in una scuola che, in quel periodo storico, aveva il solo obiettivo di “costruire gli italiani”, e legata a quest’ultimo aspetto la questione della lingua, centrale nel periodo post-unitario e, con le dovute differenze, simile al percorso di unificazione di uno standard scritto per la Sardegna. E, curiosamente, l’esito della traduzione in sardo sembra asciugare il Cuore di De Amicis da quel surplus di melassa che, ad alcuni, non è mai andato a genio».

 Da La Nuova Sardegna del 22/03/2013

di Sebastiano Deledda

Fèminas in Coro

fèminas  in coro, mariantonietta piga, coro, cuore, lingua sarda, archivio di stato, nuoro

S’Archìviu de Istadu de Nùgoro aberit sas ghennas a sa limba sarda.

Da custu mese e finas a nadale, in s’Archìviu de Istadu de Nùgoro est istadu ativadu s’isportellu linguìsticu, finantziadu dae sa lege 482/99 “Normas in matèria de tutela de sas minorias linguìsticas  istòricas”.

Ùnicu in Sardigna, s’Isportellu at a traballare pro promòvere e valorizare s’impreu de sa limba sarda, interessende istitutziones e iscolas in atividades chi punnant a iscòbèrrere sos documentos de importu mannu chistidos in s’Archìviu de su cabu de logu barbaritzinu, e peri cun sa retza de sos Servìtzios Linguìsticos presentes in su territòriu regionale, a manera de sighire s’andala de una polìtica linguìstica cumpartzida.

Sas atividades de s’Isportellu de s’Archìviu de Istadu ant a incumentzare mèrcuris, su 13 de Martzu a sas chimbe de borta de die cun “Fèminas in Coro”; in ocasione de sas manifestatziones  de s’oto de martzu. s’at a presentare su libru Coro, de Edmondo De Amicis, bortadu in sardu dae Mariantonietta Piga. Ant a intervènnere sa tradutora matessi e sa diretora de s’Archìviu dut.ssa Angela Orani e s’ant a lèghere branos de su libru in sardu chi faeddant de sos pessonàgios feminiles.

 

de Gianfranca Selis

Sa limba viaggia a bordo dei pullman dell’Atp – La Nuova Sardegna

nuoro, lingua sarda, limba sarda, atp, ufìtziu de sa limba sarda, roberto deriu, mariantonietta piga


NUORO La lingua sarda passa anche attraverso i giri cittadini degli autobus dell’Atp. Due mezzi Mercedes sono da oggi tappezzati con lo slogan “A fizu tuo pesalu in sardu” (alleva tuo figlio con la lingua sarda); altro messaggio è “Sos pitzinnos bilingues sunt prus abbistos!”, per mettere in rilievo le maggiori capacità intellettive di chi oltre alla lingua ufficiale parla anche quella della propria terra di nascita. L’iniziativa è frutto di un accordo tra l’Ufficio della limba della Provincia e l’azienda dei trasporti. Ieri la presentazione; per la parte istituzionale il presidente Roberto Deriu, che ha chiarito di aver tenuto per sè l’assessorato per la promozione del sardo; con lui Mariantonietta Piga, che dell’Ufficio è la responsabile. Le sue considerazioni: «Il nostro obiettivo è di promuovere la lingua nella famiglia, dopo gli interventi mirati soprattutto all’ambito scolastico; è appurato che ci sono dei vantaggi psico-cognitivi legati al bilinguismo, che aiuta anche nell’apprendimento di altri idiomi. L’Atp è intervenuta alla “prima” del nuovo progetto con il presidente Paolo Piras e il direttore Michelangelo Mariani; entrambi persuasi dell’importanza della collaborazione, tra l’altro già in atto con la scrittura bilingue di biglietti e tessere dei posteggi. La presentazione dell’iniziativa è stata l’occasione per parlare di Lsc (Lingua sarda comune) e dell’attività dell’Ufficio nell’ambito del progetto della Regione “Bilinguismu creschet”, che ha come partner l’università di Edimburgo in Scozia. Ancora Piga: «Sulla Lsc oggi c’è una maggiore consapevolezza, soprattutto sul fatto che la lingua ha bisogno anche di una versione scritta e che questa non può non essere condivisa». (f.p.)


dae http://www.rassegnanuoro.it/rassegna_leggi.asp?ID=109857