Su paba alleghende in limba sarda

 

papa francesco, limba sarda, mario carboni, sardegna, regione, cagliari


Mat fattu piaghere meda a su intender su Paba alleghende in limba sarda . In buca sua sa limba nostra assumit dignidade universale e fintzas pro paghos minutos su populu in s’animu sou leat corazu e pensata: tando su sardu est limba de importu si b’est su Paba chi nos saludat e carignat in sa limba chi ana chircadu semper de iscantzellare. In domo nostra semus semper a sos titulos de sos giornales in sardu e su testu semper in italianu. Faghet piaghere a intender custas augurios e saludos in limba sarda ca cheret narrere chi calchi cosa de sa batalla pro sa limba resessit a ispuntare dae sutta de sa copertura italianista chi cuguzat sa limba nostra. Sunu rundines chi no faghen veranu. Semus semper in ierru in sas iscolas ca sos pitzinnos nostros sunu desardizados e alfabetizados in italianu, semus in ierru in sa Cresia ca tottu sa liturgia est in italianu, semus in ierru in sas istitutziones e su frittu de sa colonizatzione intrat in sos ossos e in sas intragnas de su populu sardu. Contra de donzi printzipiu de libertade, contra sos pius elementares diritos civiles e umanos, contra sos tratados internatzionales e sa mattessi Costituzione italiana e sas lezes de sa Republica e de sa Regione. Tando a sos saludos de su Paba, chi siat famadu pro sa visita chi at fattu in Sardigna, de su Sindigu de Casteddu e de su Presidente de sa Regione sarda, pro no abarrare che abba frisca, auguramus de essere sighidos dae attos cuncretos pro fagher impreare sa limba sarda in sa Cresia, in su Comunu, in sa Regione, subra e tottu in sas iscolas,comente limba normale, ufitziale e istandardizada, comente est in Catalugna, Euskadi, Malta, Lettonia, Estonia ,Islovenia…e a sos giornales e medias chi an fattu titulos bellos meda in limba sarda, pedimus de fagher articulos, notiziarios, inchiestas, cronaca e ateru in limba sarda ca goi ebbia si torrat a beru sa ” dignidade” comente at nadu su Paba a unu populu intreu, umiliadu dae sa colonizatzione linguistica chi est sa peus chi sufrin sos sardos cundannados a ismentigare sa Natzione propria ca sa limba sarda est cattigada e offesa..


de Mario Carboni

Su Corecom e sa limba sarda

corecom, limba sarda, lingua sarda, mario carboni, la nuova sardegna

corecom, limba sarda, lingua sarda, mario carboni, la nuova sardegna

Al Corecom i contenziosi utenti-gestori telefonici

Il Comitato regionale per le comunicazioni della Regione Sardegna (Corecom) è stato istituito nel 2008 con la legge regionale 11. È organo di consulenza, supporto, garanzia e gestione della Regione per il sistema delle comunicazioni. È anche organo funzionale dell’Agcom, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, dal quale ha ricevuto diverse deleghe (compresa vigilanza sui sondaggi e diritto di rettifica). I componenti: Giorgio Atzori, Mario Carboni, Guido Spano, Roberta Usai, Stefania Versari. di Alessandra Sallemi wCAGLIARI Millecinquecento cittadini sardi avranno giustizia al tavolo di conciliazione che il passaggio di deleghe avvenuto il 22 giugno tra l’Agcom nazionale e il Corecom regionale ha stabilito in materia di contenziosi nel campo della telefonia. Il conciliatore sarà un funzionario regionale nominato a questo scopo dal consiglio regionale con la ratifica del Corecom, comitato regionale per le comunicazioni, istituito nel 2008, le cui competenze in queste settimane si sono allargate anche a ulteriori settori come la tutela dei minori, assieme alle azioni positive per promuovere la lingua sarda nel campo dell’informazione. Da qui a un anno il cittadino si rivolgerà al Corecom che affiderà il dialogo tra utente e gestore telefonico al conciliatore, se l’incontro non andrà a buon fine il contenzioso potrà essere trasmesso all’autorità giudiziaria o all’Agcom, ma dall’anno prossimo il Corecom regionale diventerà organo giudicante per le conciliazioni eventualmente irrisolte. Non si tratterà di un superlavoro: l’80 per cento dei casi di conciliazione arriva a buon fine, nel 2012 ai cittadini sardi sono stati restituiti tra i 500 e i 600mila euro. Ieri il comitato si è riunito per una conferenza stampa tenuta dal presidente Giorgio Atzori dove sono stati illustrati alcuni aspetti che «i cittadini devono conoscere». Il ricorso al Corecom è gratuito, il comitato sta varando ogni azione utile per far sapere al cittadino cosa deve fare se si ritiene leso nei suoi diritti da un gestore telefonico. I mezzi saranno: il sito internet del Corecom, un numero verde, l’Urp della Regione, mentre è in agenda un accordo con l’Anci affinché i Comuni possano erogare informazioni su dove e come avviare la conciliazione. Attraverso videoconferenze si eviterà ai cittadini di dover arrivare fino a Cagliari. Le procedure sono rapide: 7 giorni per dire all’utente se la domanda è stata accolta o meno, entro 30 giorni il tentativo di conciliazione va esperito. Sulla vigilanza per la tutela dei minori ha parlato Roberta Usai, i fronti sono numerosi: in Italia ci sono 8 milioni di nativi digitali che vivono intensamente il rapporto con internet attraverso tablet, telefonini o il pc dei genitori, qui passano immagini violente, razziste, lesive dei diritti delle persone sulle quali bisogna vigilare. Presto le emittenti radiotelevisive saranno convocate dal Corecom per sapere come queste intendono organizzare le classificazioni sulle trasmissioni, che dovranno essere redatte assieme a gruppi di genitori. Questa rete di protezione entrerà in vigore nel prossimo agosto. Mario Carboni ha illustrato l’azione del Corecom a favore della lingua sarda nelle trasmissioni di informazione che ha lo scopo anche di affrontare la crisi delle emittenti in Sardegna. Altrove ci sono esempi: Raitre in Trentino ha chiuso un accordo per aumentare le ore di trasmissione in lingua tedesca, tutele importanti ci sono in Valle d’Aosta. In Sardegna nulla. La Carta europea delle minoranze linguistiche crea l’obbligo di fare informazione in lingua, da vent’anni questa aspetta la ratifica del parlamento italiano, Corecom sta sollecitando il consiglio regionale. 


http://ricerca.gelocal.it/lanuovasardegna/archivio/lanuovasardegna/2013/07/16/NZ_14_01.html?ref=search

Comitadu pro sa limba sarda

limba sarda, Carta europea de sas limbas europeas minoritarias e natzionales, comitadu pro sa limba sarda, mario carboni, elezioni 2013, partiti politici, partiti sardi


Est acabada sa legisladura e su Parlamentu colonialista italianu no at galu ratificadu sa Carta europea de sas limbas europeas minoritarias e natzionales. Sas familias de sos istudiantes sardos no poden galu isseperare s’imparu de sa limba sarda e in sa limba sarda che zente colonizada e chene diritos tziviles e umanos. Azis intesu in sos programmas de sos partidos italianos e a dolumannu fintzas sardos chi si naran indipendentistas custu obiettivu ? Su Comitadu mutit totu sos sardos chi ana una cuscienscia natzionale a gherrare semper pro sa limba sarda ca sinono morit sa Natzione e s’isperu de libertade.


de Mario Carboni

Su Sardu: una limba de su mundu

il passo del gambero sulla lingua sarda ovvero il provincialismo autocolonizzante cagliaritano, mario carboni, comitadu pro sa limba sarda, angelo canu, premio alziator, provincialismo, limba sarda, lingua sarda


Custa domìniga colada, su 4 de santandria de su 2012,  Su Comitadu pro sa Limba Sarda, pro mèdiu de su Presidente Mario Carboni, at imbiadu unu comunicadu de imprenta “Premio Alziator: il passo del gambero sulla lingua sarda ovvero il provincialismo autocolonizzante cagliaritano” pro protestare contra su regulamentu de su Prèmiu Alziator.

Sa protesta punnat a ammentare chi est su provintzialismu de custa genia chi impedit de afrontare sa chistione de sa limba sarda comente una chistione non de su màrghine de s’Itàlia, ma comente una chistione europea, internazionale e mondiale. Est custu s’isetu giustu (o a la nàrrere in manera diferente “sa prospettiva giusta”) de abaidare e bìdere su sardu in sa normalidade sua, duncas non che a una limba de làcana.

Custu su testu: “Su comitadu pro sa limba sarda esprime la sua più viva protesta per l’esclusione e discriminazione della lingua sarda dal premio Alziator 2012.

Non entrando nel merito dei risultati del premio illustrati in una recente manifestazione né sul merito o sulla qualità dei premiati, ai quali su Comitadu pro sa limba sarda esprime i più vivi complimenti, Su comitadu pro sa limba sarda denuncia la discriminazione della lingua sarda, della sua letteratura e dei suoi autori da parte di un ceto intellettuale italocentrico che se a volte si pronuncia in favore della cultura e lingua dei sardi, nella pratica oppone a una sua cittadinanza normale e non subalterna una pratica di rifiuto e emarginazione.

La qualcosa è ancora più grave se si osserva che il regolamento del premio Alziator prevede una sezione speciale riservata a opere in lingua italiana, edite, di autori non italiani originari dei paesi del Mediterraneo, alla quale però possono partecipare anche opere scritte nella lingua madre purché accompagnate dalla traduzione in italiano.

Paradossalmente questa regola esclude autori sardi che si esprimono appunto nella propria lingua madre, cioè in lingua sarda o nelle altre lingue di minoranza parlate e scritte in Sardegna, in quanto pur essendo mediterranei sono cittadini italiani.

Malgrado le buone intenzioni, di organizzatori e sponsor, volte allo sviluppo della cultura e della letteratura, atteggiamenti come questi favoriscono la colonizzazione linguistica e l’autocolonialismo culturale e si oppongono al processo di rinascita della lingua sarda e della sua ufficializzazione e parificazione con la lingua italiana, scopo del Movimento linguistico sardo.

Su comitadu pro sa limba sarda auspica che dal prossimo premio Alziator sia parificata una sezione in lingua sarda e nelle lingue alloglotte parlare e scritte in Sardegna, anche per partecipare al più vasto processo di sovranità dei sardi che trova indispensabile forza nella lotta per la lingua sarda caratteristica principale della Nazione sarda e nel suo diritto all’autodecisione e alla statualità della Sardegna.”


de Angelo Canu

Parlamentari, lingua sarda e ratifica Carta europea delle lingue: Iscuru s’anzone chi isettat latte dae su mariane…

ComitaduProSaLimbaSarda.jpg

 

Su comitadu pro sa limba sarda protesta per il comportamento omissivo di gran parte dei parlamentari sardi nei confronti dei diritti della minoranza linguistica sarda sarda in relazione all’iter di ratifica della Carta europea delle lingue regionali e minoritarie in corso nel Parlamento.

In senso negativo si è recentemente distinto il parlamentare PD Giulio Calvisi che pur essendo relatore nella Commissione V ( impegnata a dare un parere consultivo sulla proposta di ratifica della Carta europea delle lingue regionali o minoritarie così come pervenuta dalla Commissione competente ) nel suo intervento non ha nemmeno citato la lingua sarda, come se il problema non esistesse.

Unico parlamentare sardo componente della Commissione V, pur relatore della proposta di legge, si è dimostrato sordo e muto rispetto alle sollecitazioni di tutta la società sarda affinché venissero proposti i necessari emendamenti per ristabilire i diritti della minoranza linguistica sarda e la sua equiparazione ad altre minoranze linguistiche meglio tutelate benché la lingua sarda sia la seconda lingua per numero di parlanti nella Repubblica dopo la lingua italiana.

Chiedere che i parlamentari sardi si attivino per scongiurare il declassamento della lingua sarda sembra sia stata una pura fantasia che non tiene conto della loro cronica avversione al sardo, anzi la lingua sarda non appare neppure nei loro pensieri, e con questo atteggiamento in maggioranza si sono arruolati fra i nemici della nostra lingua e i fautori della colonizzazione e dell’assimilazione forzata dei nostri bambini, giovani ed adulti alla lingua italiana.

A nulla è servita la campagna iniziata da su Comitadu pro sa limba sarda con la lettera aperta del 19 febbraio al Presidente Napolitano che richiedeva un suo intervento affinché venisse finalmente ratificata la Carta delle lingue regionali e minoritarie.

I parlamentari non hanno ascoltato la successiva denuncia tesa a scongiurare che la ratifica della Carta europea delle lingue regionali o minoritarie si trasformasse da valorizzazione della lingua sarda e sua introduzione nella scuola, nei media e nella giustizia come previsto dagli standard europei stabiliti dal Consiglio d’Europa, in ulteriore penalizzazione e ghettizzazione del sardo come lingua di serie B.

A niente è servita la lettera dell’Assessore regionale alla cultura Giorgio Milia inviata a tutti i parlamentari sardi perché vigilassero e si unissero in favore della lingua sarda e presentassero argomentazioni, proposte ed emendamenti finalizzati ad equiparare la lingua sarda alle lingue dell’arco alpino ( francese, Tedesco, Sloveno e Ladino ) considerate nell’ipotesi di ratifica lingue di serie A rispetto alla sarda di serie B( e alla friulana e franco provenzale ) in aperto contrasto con la Costituzione italiana :

Art. 3

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

Art. 6

La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche.

Nessun ascolto è stato dato alla lettera inviata ai parlamentari dal CoReCom-Sardegna Comitato regionale per le comunicazioni, con suggerimenti “…affinché, durante l’iter parlamentare del disegno di legge di ratifica si possano intraprendere tutte le iniziative necessarie, in particolare attraverso degli emendamenti nel senso proposto affinché con la ratifica della Carta europea delle lingue – almeno per quanto di nostra competenza – possa essere possibile creare in Sardegna una stazione radio e televisiva e un giornale in lingua sarda, fatte salve le ulteriori modifiche necessarie anche in relazione a settori diversi da quello dei media che esulano dalla sfera di competenza del Corecom ma che, per amore di democrazia ci preme di sottolineare.”

E risultata acqua fresca per gli onorevoli sardi a Roma la mobilitazione del Consiglio regionale che con voto unanime, compreso quello della Presidente, ha approvato l’ordine del giorno voto n. 87 del 2 agosto 2012 indirizzato al Parlamento per garantire adeguati livelli di tutela della lingua sarda in sede di ratifica della Carta europea delle lingue regionali o minoritarie (così come previsto dall’articolo 51 dello Statuto sardo).

Eppure i parlamentari sardi erano sensibilizzati dal dibattito e le proteste per i declassamenti della lingua sarda attuati in questi mesi con una discutibilissima sentenza della Cassazione che stabiliva essere la lingua sarda non una lingua ma un “dialetto” e dal Governo Monti con l’eliminazione, nella “spending review”, della lingua sarda come parametro ( da 600 a 400 alunni ) utilizzabile in Sardegna in quanto riferito ad una minoranza linguistica ) per calcolare gli accorpamenti e l’occupazione nelle scuole della Sardegna.

Invece con la Spending Review l’articolo 14-spese del personale, comma 16, correggeva la legge di stabilizzazione finanziaria 15 luglio 2011, n.111 precisando che “ per aree geografiche caratterizzate da specificità linguistica si intendono quelle nelle quali siano presenti minoranze di lingua madre straniera.

In questo modo, introducendo il vago concetto di “lingua straniera” in sostituzione all’elenco delle lingue storiche ( comprendenti il sardo ) previsto nella legge 15 dicembre 1999, n. 482 “Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche” .la lingua sarda veniva declassata riguardo al Tedesco, Francese, Sloveno e paradossalmente rispetto al catalano d’Alghero.

Malgrado la solitaria testimonianza dell’On. Palomba e dei pochissimi parlamentari sardi firmatari della sua mozione, presentata in sede di votazione della Spending Review che, riguardo alla possibilità dei sardi di poter utilizzare il conteggio più favorevole per gli accorpamenti, chiedeva il ripristino dei nostri diritti come minoranza linguistica, continua il boicottaggio della lingua sarda da parte della maggioranza degli altri parlamentari.

 

Su comitadu pro sa limba sarda esprime tutta la sua riprovazione e sconcerto per l’atteggiamento omissivo e antisardo del On. Calvisi che coinvolge non solo il singolo parlamentare ma l’intero suo gruppo politico e l’insieme della maggioranza dei parlamentari sardi di diversi schieramenti , che comunque si spera che in sede di votazione della ratifica in aula, anche se in extremis, operino affinché la proposta di ratifica venga modificata in meglio e i parlamentari isolani, in minoranza in un Parlamento colonialista, se non la sostanza riscattino almeno il loro onore di sardi tradito sino ad ora con i loro comportamenti.

….Iscuru s’anzone chi isettat latte dae su mariane…

 

 

 

DOCUMENTAZIONE

SEDE CONSULTIVA

Commissione (V) Bilancio, tesoro e programmazione

  Giovedì 13 settembre 2012. — Presidenza del vicepresidente Giuseppe Francesco Maria MARINELLO. — Interviene il sottosegretario di Stato per l’economia e le finanze Gianfranco Polillo.

  La seduta comincia alle 13.40.

 

Ratifica ed esecuzione della Carta europea delle lingue regionali o minoritarie, fatta a Strasburgo il 5 novembre 1992.

Nuovo testo C. 5118 Governo e abb.

(Parere alla III Commissione).

(Esame e rinvio).

  Giulio CALVISI (PD), relatore, fa presente che il disegno di legge autorizza la ratifica e l’esecuzione della Carta europea delle lingue regionali o minoritarie, fatta a Strasburgo il 5 novembre 1992 e che il provvedimento non è corredato di relazione tecnica. Con riferimento agli articoli 3 e 4 del disegno di legge di ratifica, volti a disciplinare l’ambito di applicazione e programmazione radiotelevisiva, fa presente che andrebbe chiarito se, in corrispondenza dell’ampliamento del contenuto del contratto di servizio, possa determinarsi un incremento dell’onere di servizio a carico dello Stato, tenuto conto anche dell’inserimento di ulteriori due lingue a seguito delle modifiche introdotte nel corso dell’esame in Commissione. Con riferimento alle disposizioni della Carta europea delle lingue regionali e minoritarie, recanti misure a favore dell’uso delle lingue regionali o minoritarie nella vita pubblica, evidenzia che le disposizioni contenute nella Carta, applicabili alle lingue regionali e/o minoritarie secondo le specifiche contenute nell’Allegato, assicurando determinate forme di tutela alle lingue suddette, implicano una serie di adempimenti ed incombenze a carico di determinate amministrazioni pubbliche, specialmente laddove vengano previste attività di traduzione ed interpretariato. Pertanto, nonostante quanto affermato dalla relazione illustrativa circa la riconducibilità della nuova disciplina alle misure già previste dalla vigente normativa, in assenza di una relazione tecnica occorrerebbe acquisire dati ed elementi volti a suffragare la predetta ipotesi di neutralità finanziaria. Fa presente, in particolare, che tali elementi appaiono necessari al fine di escludere che a fronte delle modifiche introdotte dalla Commissione di merito nel corso dell’esame in sede referente – che ha determinato l’inserimento di ulteriori due lingue minoritarie – si determinino aggravi di spesa per le amministrazioni interessate all’applicazione delle disposizioni di cui all’Allegato al provvedimento in esame. A tale riguardo rileva, in particolare, che la garanzia di un’educazione scolastica in lingua, prevista dall’articolo 8 della parte III della Carta, appare suscettibile di determinare effetti finanziari, difficilmente quantificabili in assenza di dati e parametri valutativi. In ogni caso, una verifica della congruità delle risorse disponibili a legislazione vigente Pag. 28si rende necessaria anche alla luce di quanto asserito dalla relazione illustrativa in merito alla necessità «che eventuali ulteriori riconoscimenti a favore di altre minoranze linguistiche, effettuati dopo la ratifica della medesima Carta, dovranno trovare copertura attraverso provvedimenti ad hoc». Con riferimento, infine, al comitato di esperti di cui all’articolo 17, andrebbe chiarito se dalla partecipazione a tale comitato di un membro italiano possano derivare oneri relativi a compensi ovvero a spese di missione, di viaggio e di soggiorno.

Il sottosegretario Gianfranco POLILLO, premettendo che le attività relative alla tutela delle minoranze linguistiche contemplate nella legge n. 482 del 1999 sono effettuate utilizzando le risorse a ciò destinate dalla predetta legge, rileva la necessità di richiedere una relazione tecnica nella quale si dia conto della eventuale invarianza finanziaria della estensione della tutela prevista dalla Carta europea alle minoranze Rom e Sinti, non ricomprese nella disciplina di cui alla legge n. 482 del 1992. Quanto alla richiesta di chiarimenti sugli oneri eventualmente derivanti con riferimento al comitato di esperti di cui all’articolo 17, conferma che tale disposizione non determina oneri aggiuntivi per la finanza pubblica essendo i relativi oneri a carico del bilancio del Segretariato generale del Consiglio d’Europa.

  Giulio CALVISI (PD), relatore, alla luce delle osservazioni del sottosegretario, propone di rappresentare, come avvenuto anche in altre circostanze, le rilevate criticità relative ai riflessi finanziari dell’estensione della tutela alle minoranze Rom e Sinti, alla Commissione di merito per un ulteriore approfondimento.

  Giuseppe Francesco Maria MARINELLO, presidente, accedendo la Commissione alla proposta del relatore, rinvia il seguito dell’esame del provvedimento ad altra seduta.

 

de Mario Carboni