Lìtera (mai publicada) a sa Nuova Sardegna

Màuru Maxia

Màuru Maxia

Amigas e amigos istimados,

sa chida colada apo imbiadu a La Nuova Sardegna s’ interventu chi bos mando paris cun custa e-mail. La Nuova Sardegna non nd’at tentu contu e antis in custas dies at pubricadu un’àtera intrevista contra a sa limba sarda.

Sos fatos sunt finas tropu craros pro los cummentare.

Saludos a totus.

Mauru Maxia

 

A su Diretore de La Nuova Sardegna.
Dia chèrrere intervènnere intre su dibàtitu subra a sa limba sarda chi s’est tenzende in su giornale pustis de sos parres de Attilio Mastino e Giulio Angioni.
Cando si faeddat de limbas de minoria est semper utilosu a tucare dae sos pensos de Gramsci. Isse osservaiat cun acutesa chi cando si ponet sa chistione de sa limba si ponet una chistione polìtica. Pro cussu paret guasi un’infadu su de faeddare de s’istrumentu, est a nàrrere de sa limba, antis de su finis chi est e restat polìticu.
Chie est a cuntierra pro sa limba est a cuntierra, mancari forsis non si nd’abbidat e totu, pro un’idea de Sardigna prus che pro sa limba e totu. A afrimmare su deretu de impreare sa limba sarda cheret nàrrere a afrimmare su deretu a guvernare s’Isula servèndesi de istrumentos chi, comente sa limba, sunt una parte e bia de s’identidade sarda. Sa limba, cheret naradu, no est che una cara de sa chistione prus manna e arraigada de
sa dipendèntzia de sa Sardigna. Dae custu puntu de vista, su movimentu linguìsticu rapresentat forsis s’elementu prus abbistu de unu movimentu de ideas chi est essidu a pizu in sos annos ’70 de su sèculu coladu e chi dae tando dat a bìdere una crèschida sighida siat comente ispertesa e siat comente nùmeru. Ateras cumponentes de su movimentu, atiradas dae sos valores de fundu de s’identidade sarda, sunt impinniadas,
pro esèmpiu, in s’avaloramentu de sos benes culturales o in sos grupos folklorìsticos chi la faghent gasi rica a sa Sardinnia in fatu de partetzipantes. In custos casos puru si tratat guasi semper de zòvanos.
Dae su movimentu de ideas tucadu unas deghinas de annos como cun sa “iscoberta de sas raighinas” e chi s’est propostu contras a sa globalizatzione nde benit, de seguru, una dimanda de democratzia. Custa dimanda de democratzia in su chi pertocat a sa limba si traduit in una ispinta a opònnere, o a afianzare in fatu de bilinguismu, sa limba de sa traditzione a sa limba ufitziale. Sos chi non cunsiderant custu fenòmenu, ma
finas chie non tenet sas matessi aspiratziones o desizat àteros modellos de guvernu, tendet a si che pònnere in positziones chi medas bias cumparent cunservadoras e carchi borta finas reatzionàrias.
A su movimentu linguìsticu si li depet reconnòschere chi est portadore de una dimanda e de una proposta. E est custa sa novidade chi atirat medas zòvanos chi che sunt semper prus a tesu dae una polìtica tradizionale
chi non si cumprendet prus, sende guvernada dae su desizu de si mantènnere e bia, in totu serrada a su chi est nou e a sos zòvanos.
Chirchende unu modellu bonu pro totus, su movimentu linguìsticu at isperimentadu solussiones chi no est semper chi ant agatadu cuncordu. E est inoghe chi si che tzacant cussos chi de continu chircant de lu ispartighinare finas cun arresonos chi semper de prus ammustrant s’istrumentalidade issoro. Mi relato a totu sas iscumbatas de opònnere s’inglesu a su sardu, comente chi unu che depat catzare a s’àteru antis de istare paris intre de una didàtica moderna impostada subra a su cunfrontu prus de s’iscrusione. Mi
relato finas a s’idea chi bi diat àere cosas de prus importu de su sardu, prus de totu sa chistione de su traballu. Ma a custos non lis benit a conca mancu pro un’iscuta chi finas sa limba e sa cultura sarda  ferint sa possibilidade de traballare a medas zòvanos calificados chi podent agatare un’impreu in s’insinniamentu o in s’avaloramentu de sos benes culturales, finas cussos benes immateriales chi tenent una parte manna in sas traditziones nostras.
In mesu a sos trastos de sos anti-sardu b’est finas chie faeddat de “sardo di plastica” sena ischire chi pròpiu s’italianu est una limba de apostizu chi non currispondet a perunu logu, mancari tenzat unu fundu in su fiorentinu antigu (literàriu), chi oe però est diversu meda dae s’italianu iscritu e faeddadu.
De custos tipos nde at faladu in campu finas pro iscumproare cuddu mètodu de su “divide et impera” ponzende a pare sardòfonos e corsòfonos. Ma mancu cue bi sunt resessidos ca sos gadduresos e tataresos ant cumpresu chi sas tutelas pro sa limba issoro las tenent gràtzias a sa Regione Sarda (L.R. n. 26/1997) mentres sa normativa istatale (L. 482/1999) de su gadduresu e de su cossu mancu nde faeddat.
Chie tenet àteros modellos avantzet àteras propostas. Ma niune si podet permìtere de afeare su movimentu linguìsticu faeddende de “mortores de sa limba” o de “mastros malos”. Sas responsabilidades de sa crisi de su sardu, est cosa nòdida, sunt de sa classe polìtica mìope e de s’iscola chi finas oe est discriminende su sardu si est beru chi in tzertos istitutos prus de s’80% de sas famìlias ant pedidu s’insinniamentu de su sardu ma sena resessire a lu tènnere ca nachi non b’at mastros formados.
Si podet e si depet arresonare de totu. Però su determinu non podet èssere cussu de bullare malamente sos portadores de propostas ma cussu de sighire a arresonare chirchende de agatare s’acordu prus largu.
Non si depet ismentigare chi limba italiana s’est formada gràtzias a modellos literàrios antigos e chi li sunt servidos paritzos sèculos pro si pòdere afrimmare comente est oe. Pro resones chi in parte sunt sas matessi, s’istrumentu impreadu dae sa Regione Sarda tenet a riferimentu unu limbazu chi est servidu pro modellos literàrios de giudu finas dae paritzos sèculos. Ma niune at nadu chi custu modellu non si potat mezorare o chi non si potant seberare finas àteros modellos. Duas sunt sas cosa prus de importu:
1) chi totus sigant a faeddare su limbazu issoro pro mantènnere sa richesa de sos faeddos; 2) chi sa limba de riferimentu tenzat unu matessi modellu cuncordadu pro chi servat a unire e no a dispartire, ne prus e ne mancu de su est pro s’italianu. Duncas, su cunfrontu si diat dèpere incaminare subra a custos fatos sena si pèrdere in positziones partizanas.
Bi est chi proponet de impreare s’istrumentu de sa limba italiana pro su fatu chi custa la connoschent totus, mancari su livellu de cumpetèntzia paritzas bortas siat menguante meda. Bi est finas chie proponet s’italianu faeddadu in Sardigna comente modellu, belle chi custu limbazu siat fizu de un’imparu linguìsticu sena cabu chi est portende a s’abbandonu de su sardu e est favoressende un’istrumentu linguìsticu meschinu e de prus pagu impitu de su chi si diat chèrrere remendare. In custa òtiga Angioni nos ammentat chi totus sas limbas sunt destinadas a mòrrere e a èssere mudadas cun àteras. Non b’at duda chi sa realidade siat custa e nde faghet testimonia finas su latinu chi pròpiu in Sardigna che imboleit sa limba de sos Sardos antigos. Ma chie proponet custos cunsideros non tenet in contu chi finas s’italianu est destinadu a iscumpàrrere e sos sinnos de crisi sua sunt semper prus ladinos peri s’intrada sena abbarru de trumadas de paraulas inglesas.
Su retore Mastinu ammentat sa traditzione de s’universidade sua in su chi pertocat a sa limba sarda e portat a bàntidu sa richesa linguìstica de su territòriu de riferimentu. Chissu era veru in l’anni passati, candu insembi a lu saldu in chissa universitai si insignàa e si faiddàani ancora lu gadduresu e alti faeddi.
Ma abà?
S’amparu de sa limba e de sa cultura nostra est una ispressione de desizos democràticos de una parte de su pòpulu, pro su prus zòvanos, chi no atzetat prus modellos, islogans e cumandos calados dae artu peri su monolinguismu de istadu. Sa veridade est chi in sa pròpia minoria antisarda chi s’annidat in sas istàntzias de su podere bi nd’at medas chi sunt contra finas a su bilinguismu. Sunt frunzas veterocolonialistas foras dae su tempus chi non s’abbident chi finas sa Galbani at postu unu cuncursu
chi premiat a cussos chi ischint su “dialetto”.
Sos atacos arrenegados de cussos chi s’isfortzant de mudare su cursu de sas cosas ammustrant sa dificurtade issoro e s’alenu curtzu de chie bidet sa Sardigna cun ideas dipendentistas chi nos ammentant sa “unione perfetta” de su 1847. Un’idea chi paret semper prus dèbbile ca est bida comente unu mantenimentu e bia de su statu quo e ca non proponet nudda de nou. A sustènnere, comente faghet Angioni, chi sas limbas de
minoria siant perdende totue est a non connòschere mancu sa realidade de domo nostra ca tenimus limbazos comente su gadduresu e su tabarkinu chi sunt faeddados dae guasi totu sa populatzione de su logu cun puntas de su 90%.
Chie tenent interesse a cuncordare solussiones (e sa chirca sotziulinguìstica de su 2006 narat chi diant èssere tres cuartos de sos sardos) diat dèpere incaminare sas chistiones in formas de cunfrontu verdaderu e democràticu atzetende sos sèberos prus cundivisos chi nd’ant a essire a pizu.

Mauru Maxia
istudiosu de limbas de minoria

 

 

 

 

 

Al Direttore de La Nuova Sardegna
Egregio Direttore,
vorrei intervenire nella discussione sulla lingua sarda apertasi sul giornale a seguito delle
opinioni espresse da Attilio Mastino e Giulio Angioni. Le sarei grato se potesse pubblicare il seguente
intervento.
Quando si parla di lingue minoritarie è sempre utile partire dal pensiero di Gramsci, che osservava
acutamente che quando si pone il problema della lingua si pone un problema politico. Perciò appare un po’
stucchevole parlare dello strumento, cioè della lingua, piuttosto che del fine che è e resta politico. Chi si batte
per la lingua si batte, anche quando non ne ha piena contezza, per un’idea di Sardegna più che per la lingua
in sé. Affermare il diritto a usare la lingua sarda equivale ad affermare il diritto a governare l’Isola
servendosi di strumenti che, come la lingua, sono una parte costitutiva dell’identità sarda. La lingua, in
effetti, non è che una faccia della più vasta e articolata questione rappresentata dalla dipendenza della
Sardegna. Da questo punto di vista, il movimento linguistico rappresenta forse la componente più avvertita di
un più vasto flusso di idee che ha origine negli anni ’70 del secolo scorso e che da allora mostra una continua
crescita sia in termini di consapevolezza sia in termini numerici. Altre componenti del movimento, attratte
dai valori fondanti dell’identità sarda, sono impegnate, per esempio, nella valorizzazione dei beni culturali
oppure nei gruppi folkloristici che rendono la Sardegna così ricca in termini di partecipazione. In tutti questi
casi si tratta quasi sempre di giovani.
Dal movimento di idee partito alcune decine di anni fa dalla “riscoperta delle radici” e caratterizzatosi come
opposizione alla globalizzazione viene, in effetti, una richiesta di democrazia, che sul piano linguistico si
traduce in una spinta ad opporre, o anche ad affiancare in termini di bilinguismo, la lingua tradizionale alla
lingua ufficiale. Chi non considera questo fenomeno, ma anche chi non condivide le stesse aspirazioni
oppure propugna altri modelli di governo, è portato a schierarsi su posizioni che spesso appaiono
conservatrici, talvolta perfino reazionarie.
Al movimento linguistico non si può non riconoscere di essere portatore di una istanza e di una proposta. Ed
è questa la novità che attrae un numero crescente di giovani sempre più lontani da una politica tradizionale
che appare incomprensibile, governata come è da meccanismi di pura autoconservazione, chiusa rispetto al
nuovo e ai giovani. Alla ricerca di un modello valido per tutti il movimento linguistico ha sperimentato
soluzioni che non sempre trovano un accordo unanime. Ed è qui che hanno buon gioco quelli che da sempre
puntano a dividerlo anche con argomentazioni che mostrano sempre più chiaramente una strumentalità di
fondo. Mi riferisco ai reiterati tentativi di opporre l’inglese al sardo, come se l’uno dovesse escludere l’altro
anziché integrarsi opportunamente nell’ambito di una moderna didattica improntata al confronto piuttosto
che all’esclusione. Mi riferisco anche all’idea che ci sarebbero cose più importanti del sardo, in modo
particolare la questione dell’occupazione. Ma costoro non sono neanche sfiorati dall’idea che anche la lingua
e la cultura sarda rappresentano occasioni di lavoro per una platea di giovani qualificati che possono trovare
un’occupazione nell’insegnamento o nella valorizzazione dei beni culturali, compresi quelli immateriali che
tanta parte hanno nella tradizione isolana.
Nell’armamentario degli oppositori della lingua sarda non manca chi parla di “sardo di plastica” ignorando
che proprio l’italiano è una lingua artificiale che non corrisponde ad alcuna località pur avendo alla base
l’antico fiorentino, che oggi è però molto diverso dall’italiano scritto e parlato.
Altri sono scesi in campo per attuare la vecchia tattica del divide et impera al fine di suscitare frizioni tra
sardofoni e corsofoni. Ma senza ottenere risultati perché i galluresi e sassaresi hanno mangiato la foglia,
sapendo bene che le uniche tutele per la loro lingua vengono dalla Regione Sardegna, mentre la legge statale
(la 482/1999) ignora del tutto il gallurese e il corso.
Chi ha altri modelli avanzi altre proposte. Ma nessuno può permettersi di criminalizzare il movimento
linguistico parlando di “assassini della lingua” o di “cattivi maestri”. Le responsabilità della crisi del sardo,
come è noto, sono da addebitare in massima parte alla miopia della nostra classe politica e a una scuola che
ancora oggi discrimina il sardo se è vero che quest’anno in certi istituti oltre l’80% delle famiglie ha richiesto
l’insegnamento del sardo ma non riesce ad ottenerlo per mancanza di personale formato.
Si può e si deve discutere di tutto. La soluzione, però, non è quella di etichettare negativamente i portatori di
proposte quanto quella di continuare a discutere alla ricerca del maggior numero di consensi. Non si deve
dimenticare che la lingua italiana si è formata su antichi modelli letterari e le sono occorsi parecchi secoli per
affermarsi nelle forme attuali. Per ragioni in parte analoghe lo strumento adottato dalla Regione Sardegna si
basa su una varietà che ha espresso dei validi modelli letterari lungo l’arco di almeno tre secoli. Ma nessuno
ha detto che questo modello non possa essere perfezionato o che non si possano scegliere altri modelli. Due
sono, comunque, gli aspetti di maggiore rilievo della questione: 1) che ciascuno continui a parlare e
trasmettere la propria parlata locale conservando l’odierna ricchezza in termini di varietà linguistiche ; 2) che
la lingua di riferimento abbia un modello comune e condiviso, in modo da favorire l’unione e non la
frammentazione, né più né meno di quanto avviene per l’italiano. Il confronto, quindi, dovrebbe focalizzarsi
su questi aspetti e rifuggire da posizioni partigiane.
Vi è chi propone di usare lo strumento rappresentato dalla lingua italiana per il fatto che essa ormai è usata
da tutti, sebbene con livelli di competenza spesso del tutto insufficienti. Addirittura vi è chi parla di assumere
a modello l’italiano regionale di Sardegna, una lingua figlia di un’educazione linguistica scellerata che sta
determinando l’abbandono del sardo a favore di uno strumento linguistico povero e ancor meno valido di
quello che si vorrebbe sostituire. E in questa ottica Angioni richiama l’idea che tutte le lingue sono destinate
a morire e a essere sostituite. Non vi è dubbio che questa sia una realtà ineluttabile, del resto testimoniata
anche dalla scomparsa del latino che proprio in Sardegna sostituì la lingua dei Sardi antichi. Chi propone
questa riflessione, però, non considera che anche l’italiano è destinato a scomparire e i segni del suo declino
appaiono sempre più chiari attraverso il massiccio e incontrastato acquisto di termini inglesi.
Il rettore Mastino si sofferma sulla ricchezza linguistica del territorio di riferimento e ricorda la tradizione
della sua università riguardo all’insegnamento della lingua sarda. Questo era vero in un passato non lontano,
quando insieme al sardo si insegnava e si parlavano anche il gallurese e altre varietà. Ma adesso?
La difesa della propria lingua e della propria cultura è una manifestazione di aspirazioni democratiche di una
parte della popolazione, in gran parte giovanile, che non accetta più modelli, slogan e direttive calati dall’alto
attraverso il monolinguismo di stato. La verità è che nella stessa minoranza antisardo che si annida nei salotti
buoni vi è una parte che è contraria persino al bilinguismo. Sono frange veterocolonialiste ormai
anacronistiche che non s’accorgono che è in atto un new deal culturale e che persino la Galbani ha bandito
un concorso nazionale che premia chi sa parlare in “dialetto”.
Gli attacchi virulenti contro chi lavora per cambiare una situazione anacronistica mostrano una debolezza di
fondo e il fiato corto di chi basa la propria visione della Sardegna su una idea dipendentista che ricorda la
celebre “unione perfetta” del 1847. Una idea che appare sempre più debole perché è percepita come semplice
conservazione dello statu quo e che non propone nulla di realmente innovativo. Sostenere, come fa Angioni,
che le lingue minoritarie stiano arretrando ovunque equivale a una conoscenza superficiale della
complessiva realtà di casa nostra dove il gallurese e il tabarkino sono parlati da quasi tutta la popolazione di
riferimento, raggiungendo picchi del 90%.
Chi è realmente interessato a trovare soluzioni (e l’inchiesta sociolinguistica del 2006 dice che lo sarebbero
circa tre sardi su quattro) dovrebbe incanalare il dibattito su forme di reale confronto democratico accettando
le scelte maggiormente condivise che ne scaturiscono.

Mauro Maxia
studioso di lingue minoritarie

Limba e iscola

mauro maxia, limba e iscola, lingua sarda, scuola,sergio milia, regione

Sa die 24 de gennargiu s’assessore Milia at informadu, cun tonu de suddisfatzione, chi sas famìlias sardas podiant pedire pro sos figios issoro s’insinniamentu de sa limba sarda in s’annu iscolàsticu 2013-14 (mira s’artìculu “Per le famiglie è possibile scegliere l’insegnamento del sardo al momento dell’iscrizione” inhttp://www.regione.sardegna.it/j/v/25?s=219709&v=2&c=220&t=1). Medas famìlias dd’ant pigadu in paraula e, nessi in sas iscolas ue sos dirigentes ant aprontadu sos mòdulos de iscritzione (medas no ant fatu mancu cussu) ant pedidu s’insinniamentu de su sardu pro sos figios chi in s’annu imbeniente ant a fàghere sa prima classe de sas iscolas maternas, primàrias e medias.

In certas iscolas (Pèrfugas, Tzaramonte, Erula, Laerru, Martis e àteras) sas famìlias chi ant pedidu s’insinniamentu de su sardu sunt resurtadas prus meda de 80%. E como? E como cussas famìlias sunt isetende chi dae su mese de cabidanni a sos figios issoro in iscola ddis insinnient finas su sardu. Ma a dolu mannu paret chi custu disigiu apat de isetare unu disigiu. Difatis, paret chi sa Regione Sardegna no apat istantziadu su dinare necessàriu pro custu tipu de insinniamentu. Solu in pagas iscolas e bia su sardu at a èssere insinniadu dae pagos mastros de ruolu chi connoschent sa limba sarda e chi, cun ispìritu de missioneris, ant a insinniare finas su sardu paris cun s’italianu e sas àteras materias curriculares. Ma in sas iscolas (e sunt casi totus) ue non ddue at mastros capaces o giai formados, s’insinniamentu de su sardu at a isetare solu unu disigiu. A su chi paret sa Regione at istantziadu carchi cosighedda solu pro sighire in cuddos progeteddos isperimentales de custos ùrtimos annos (pagas oras de letzione in duos meses e in pagas iscolas), est a nàrrere nudda ite fàghere cun s’insinniamentu curriculare de una limba. Pro s’insinniamentu de su sardu e de sas àteras variedades de Sardigna ddue cherent istantziamentos gasi comente cale si siat àtera limba. 

Tando, duas preguntas e bia: sas leges chi prevident custu tipu de insinniamentu ant a sighire a isetare lìtera morta comente in sos ùrtimos bìndighi annos? E s’annùnciu fatu in gennargiu fut solu un’annùnciu? Ca, si est gai, diat èssere istadu megius a pònnere bene in craru chi sas famìlias tenent solu su deretu… de pedire.

 

Mauru Maxia

Istudiosu de limbas minorizadas

Iscritziones e Limba Sarda – de Mauru Maxia

iscrizione scolastica, lingua sarda, mauro maxia, enrico tocco, sardegna, modulo iscrizione, legge 482/99, iscrizione on line


Dae oe sas famìlias podent fàghere s’iscritzione on line de sos iscolanos chi intrant in sa prima classe de sas iscolas primàrgias e mèdias. Enrico Tocco, su diretore generale de s’ufìtziu regionale iscolàsticu pro sa Sardigna, at imbiadu una lìtera a sos dirigentes iscolàsticos pro adatare su mòdulu de iscritzione cun s’optzione de s’insinniamentu de sa limba sarda (si s’iscola tenet mastros a manera de l’insinniare o si disponet de dinari pro leare mastros foranos). Como non restat àteru de fàghere de avisare sas famìlias chi podent pedire s’insinniamentu de su sardu ca pro sa prima borta, a pustis de medas annos, sas autoridades iscolàsticas sunt pongende in pràtica su chi previdet sa lege 482/99.  

 

Mauru Maxia

Su sardu in s’iscola – Iscritziones 2013-14

Mauro Maxia


Pro s’insinniamentu de su sardu in sas iscolas custu momentu est de importu mannu. Pròpiu in custas dies sos dirigentes iscolàsticos sunt amaniende sos mòdulos de iscritzione pro s’annu iscolàsticu 2013-14 (sas iscritziones si podent imbiare on line custu mese e finas a su 28 de freargiu). Diat bastare chi sas familias, pro pedire s’insinniamentu de su sardu, agatent in su mòdulu una optzione pro su sardu chi sos dirigentes podent agiùnghere si chie tenet interesse e podere de iniziativa (Assessoradu Regionale P.I., comunes, famìlias ecc.) bi lis at a nàrrere. Est finas fàtzile a cumprèndere chi, si sas familias non pedint s’insinniamentu de sa limba, sas iscolas non s’ant a ativare e sa Regione no at a pònnere dinari. In sos annos colados est andada gasi. Si mancu como chie podet non faghet nudda, puru in su 2013-14 at a èssere sa matessi cosa de sos annos colados e s’at a pèrdere un’àteru annu faeddende a su bentu de s’importu chi tenet s’insinniamentu de sa limba in iscola.

Non perdemus custu momentu.

Mauru Maxia

Mauro Maxia versus Fiorenzo Toso, ultimo dei tanti nemici della lingua sarda

mauro maxia


Soltanto ieri ho notato sulla rete Internet un articolo di Fiorenzo Toso (Attualità e destino delle eteroglossie in Sardegna) apparso diversi mesi fa su una rivista specialistica (Bollettino di Studi Sardi, IV- 2011) e, forse per questo motivo, poco nota e ancor meno diffusa tra i non addetti ai lavori. Purtroppo ho scorto con un certo ritardo questo articolo in cui, tra l’altro, si propongono letture del mio pensiero in cui non mi riconosco. Mi chiedevo, a questo proposito, se non sia preferibile, su determinati argomenti di interesse più vasto rispetto a quello dei soli specialisti, pubblicare su riviste che possano raggiungere una più larga platea di lettori, specie su un tema stimolante come può essere quello delle eteroglossie presenti nella nostra isola.

Non entro nel merito dei perché, a livello generale, la situazione linguistica della Sardegna sia quella che possiamo osservare in questo momento storico e non sia un’altra che avrebbe potuto essere. Si tratta di una questione che non si può liquidare in poche battute e per la quale occorrerebbero studi specifici e riflessioni appropriate. Toso propone una sua lettura del fenomeno. Personalmente penso di avere dimostrato attraverso diversi libri che l’immagine di una Sardegna statica e stereotipata risponda più a una visione di tipo romantico che alla realtà. La Sardegna, su un piano storico oggettivo, è sempre stata una terra aperta agli influssi esterni e questo aspetto vale anche per il discorso propriamente linguistico, come dimostra la presenza di alloglossie ed eteroglossie in numero persino superiore rispetto ad altre regioni dello stato italiano che, pure, non rappresentano delle isole come nel nostro caso.

Diverso è il caso costituito dall’arretratezza di certi quadri subregionali, il quale andrà spiegato con altri strumenti di indagine. Riguardo a questo fenomeno sono solito proporre una similitudine costituita dal muschio che qui da noi trasforma in massi apparentemente millenari persino le pietre cavate da pochi anni. Non so se questa immagine sia appropriata, però è un fatto che persino un archeologo scambiò per un manufatto “nuragico” una mangiatoia che qualcuno aveva scavato in un masso di trachite solo una trentina di anni prima. In effetti e ad onor del vero, quella mangiatoia, sistemata in un luogo ombroso e ammantata di muschi e licheni, collocata come è tuttora a breve distanza da un nuraghe, avrebbe potuto ingannare chiunque.

Sulla permeabilità linguistica della Sardegna vorrei fare notare che solo per un caso, forse, la nostra isola non ha fatto in tempo ad assorbire un influsso provenzale o forse francese che si sarebbe potuto verificare se, diversamente da come sono andate le cose, Guglielmo III di Narbona non avesse rinunciato al regno che aveva ereditato in Sardegna, lasciando campo libero al dominio e all’influsso linguistico catalano, e successivamente a quello castigliano, che oggi possiamo osservare. Quindi si deve parlare di una Sardegna aperta, che ha sempre accolto un po’ tutti ed è forse per questo che è generalmente definita terra ospitale e che ha sviluppato un forse senso di tolleranza e accettazione anche verso le espressioni linguistiche di gruppi umani che vi si sono stanziati, non sempre con intenzioni fraterne, provenienti da ciascuno dei quattro punti cardinali.

Vorrei entrare, invece, nel merito di alcune valutazioni che Toso fa sulle varietà sardocorse. Nel parlare del gallurese e del sassarese egli dà quasi per scontate certe acquisizioni (Op. cit. p. 124, nota 7) che, tuttavia, soltanto da poco sono maturate o, addirittura, sono ancora in corso di consolidamento grazie a una serie di studi condotti durante gli ultimi quindici anni attraverso ricerche che non si sono limitate al piano linguistico, ma hanno toccato anche quello propriamente onomastico oltre che quello storico e culturale. Si tratta di ricerche che Toso, pur non citandole in questa occasione, conosce bene avendole ricordate spesso nelle sue opere. Ad esempio, se oggi le opinioni sulla genesi del sassarese espresse da Antonio Sanna soltanto una trentina di anni fa (e ancor prima da Max Leopold Wagner) si possono considerare largamente superate è perché non da molti anni sono usciti dei lavori che hanno dimostrato come al linguista bonorvese e al Wagner siano sfuggiti diversi elementi essenziali per un più corretto inquadramento della complessiva questione (cfr. da ultimo M. Maxia, Studi sardo-corsi. Dialettologia e storia della lingua tra le due isole, Olbia, Taphros 2008, pp. 54-63).

Anche nel caso di Castelsardo bisognerebbe prestare maggiore attenzione al fatto che l’etnia corsa, pur essendosi rafforzata agli inizi dell’età moderna, fin dal 1321 era maggioritaria rispetto agli elementi sardo e ligure (M. Maxia, I Corsi in Sardegna, Edizioni Della Torre 2006, pp. 125-132 e Studi sardo-corsi cit., p. 91). Si tratta di un aspetto che non può andare disgiunto dal discorso propriamente linguistico.

Dal punto di vista sincronico per le sue considerazioni Toso si appoggia largamente sui risultati di una ormai nota ricerca sociolinguistica del 2006 che sul piano interpretativo è all’origine di non poche polemiche (cfr., a cura di A. Oppo e Altri, Le lingue dei sardi. Una ricerca sociolinguistica, Cagliari 2006). Il linguista ligure, da parte sua, giudica “puntuali” i dati della ricerca in questione. In realtà, ci troviamo di fronte a un lavoro con diverse lacune che ne inficiano, almeno in parte, le conclusioni e che, purtroppo, risulta inattendibile proprio in relazione alle eteroglossie, con particolare riguardo al gallurese e al sassarese (cfr. M. Maxia, Sos ispecialistas istùdien: sa limba est de chie la faeddat, in “Làcanas”, IX, n. 53,VI 2011). Sulla situazione del sassarese, Toso avrebbe potuto consultare i dati emersi da una più aggiornata inchiesta sociolinguistica presentata alla Conferenza annuale della lingua sarda del 2008 e i cui risultati sono disponibili da un paio d’anni (cfr. M. Maxia, La situazione sociolinguistica della Sardegna settentrionale, in Sa Diversidade de sas Limbas in Europa, Itàlia e Sardigna, Regione Autònoma de Sardigna, Bilartzi 2010, pp. 73-75).

Tra altre considerazioni Toso afferma che “il sardo sta perdendo terreno nello stesso centro urbano di Olbia”. Sarebbe interessante conoscere le fonti da cui Toso trae questa convinzione. Il caso di Olbia, per il vero, è uno di quelli che fanno scuola e andrebbe monitorato con grande attenzione poiché mostra una resistenza del sardo così marcata da rappresentare una controtendenza rispetto a un quadro generale che lo vede in regresso. Nel caso in questione la resistenza del sardo sembrerebbe da attribuire proprio alla presenza del gallurese e alle sue dinamiche di autoconservazione che, oltre che essere degne di studi approfonditi, sono diventate patrimonio anche della componente sardofona di questa città che, giova ribadirlo, risulta maggioritaria rispetto all’elemento corsofono durante un arco di tempo che, sulla base dei dati reperiti, si può fare risalire fino al Trecento (cfr. Maxia, I Corsi in Sardegna cit., pp. 149-150). Di questo fenomeno, che si può osservare anche a Perfugas e lungo la linea di contatto tra Padru e Budoni, ho riferito in una pubblicazione (M. Maxia, Lingua Limba Linga. Indagine sull’uso dei codici linguistici in tre comuni della Sardegna settentrionale, Cagliari, Condaghes 2006, p. 32, nota 28) che, pur citata da Toso nel suo articolo, è stata fraintesa dal momento che egli attribuisce alla mia ricerca la constatazione di un regresso della sardofonia in località in cui si verifica il contatto tra le due varietà. In realtà dalla mia ricerca emerge il contrario. Infatti, nel caso di Perfugas – cioè di una comunità in cui il sardo e il gallurese sono usati dalla popolazione, rispettivamente, urbana e rurale – anche nella popolazione giovanile si osserva una tenuta del sardo più marcata rispetto, per esempio, al non lontano centro di Laerru dove, viceversa, non vi è contatto tra la locale parlata logudorese e il gallurese e non vi è neppure (nell’anno scolastico 2000-01, n.d.a.) alcun ragazzo che usi il sardo come prima lingua. Su questo aspetto si vedano anche i risultati esposti in La situazione sociolinguistica della Sardegna settentrionale cit., pp. 70-71 che Toso non ha preso in esame.

Dunque, in sincronia il gallurese sembra rappresentare, curiosamente, un fattore di tenuta del sardo nelle località in cui si verifica il contatto tra le due varietà linguistiche anche se, in tempi dilatati, il primo tenderebbe a prevalere sul secondo. D’altra parte l’isola linguistica logudorese di Luras costituisce, sempre in sincronia, un esempio eloquente del fenomeno. Ma credo anche di avere dato prova, attraverso una serie di dati storici, che in passato si sono verificati dei casi in cui il gallurese ha ceduto di fronte al logudorese, per esempio a Osilo, Nulvi e Ozieri (I Corsi in Sardegna cit, pp. 197-204; 207-216). Si deve riconoscere, allora, che accanto a una certa tendenza di carattere generale esistono casi di resistenza di diverso grado e, addirittura, casi di recupero del logudorese in contesti urbani e periurbani di Sassari che, almeno in teoria, spetterebbero al dominio corsofono. Vi sono persino dei casi, per esempio a Perfugas, che vedono il ritorno all’uso del sardo nella generazione compresa tra i 20 e i 35 anni che, pure, è stata quasi interamente educata in italiano. Di questo fenomeno inedito ho già riferito in La situazione sociolinguistica della Sardegna settentrionale cit. e mi riprometto di analizzarlo con strumenti scientifici che diano esattamente conto delle relative motivazioni e dei profili quantitativi anche al fine di misurarne l’incidenza sulla complessiva utenza locale.

Toso si mostra poco attento quando, definendomi “sostenitore nell’ambiente della militanza linguistica sarda” mi attribuisce la “singolare ipotesi di una ‘tutela’ del gallurese da praticarsi attraverso la negazione del suo carattere alloglotto…valorizzando tutto ciò che lo accomuna al sardo”. Lo studioso ligure dovrebbe sapere che, oltre a sostenere le ragioni del sardo, sono anche tra i maggiori sostenitori delle ragioni delle varietà di origine corsa (cfr. La situazione sociolinguistica della Sardegna settentrionale cit., p. 77) come, del resto, dimostrano decine di libri e saggi pubblicati su questo argomento in circa venti anni di studio. Si tratta di semplice coerenza con le mie origini che, oltre che sarde, sono anche corse. Se vigesse il sistema matrilineare il mio cognome sarebbe Cossu, per l’appunto.

Lo spirito, stavolta realmente di militante, che Toso sfoggia nella difesa del tabarchino (varietà che apprezzo molto e che addito come esempio virtuoso ai sardofoni) gli fa sfuggire che nell’occasione da lui citata si stava semplicemente parlando di come accedere alle risorse della legge 482 e che a nessuno è stato mai chiesto di rinnegare alcunché. Ai galluresi – e lo so per certo perché si tratta di una posizione espressa pubblicamente dalla Consulta Gallurese in occasione di un convegno tenutosi ad Arzachena il 25 novembre 2011 e al quale ho partecipato come relatore invitato dalla medesima Consulta – interessa, ancora prima dell’insegnamento della loro varietà linguistica a scuola, avere accesso ai fondi della legge in questione.

Una soluzione, ricordata proprio da Toso e che non è stata certo scoperta da me, è quella stessa che sta alla base del saggio compromesso che ha ispirato la legge regionale n. 26 del 1997. Naturalmente un elementare principio democratico prevede che, accanto ai diritti delle minoranze, siano riconosciuti quelli delle maggioranze. Pure di questo ho parlato con schiettezza, oltre che nei miei libri, anche attraverso interventi sulla stampa quotidiana nei quali ho criticato gli atteggiamenti sciovinisti e prevaricatori di qualche rappresentante delle minoranze in questione. È vero che la nostra normativa regionale in materia linguistica è perfettibile – io stesso ho fornito dei pareri alle autorità galluresi che si sono incaricate di chiederne una parziale revisione – ma non si può certo disconoscerne i pregi, tanto che in molti le riconoscono un impianto normativo più avanzato ed efficace della normativa statale intervenuta due anni dopo. Non a caso questa legge tutela anche le piccole comunità ligurofone di Carloforte e Calasetta secondo lo spirito di coloro che l’hanno promossa, tra i quali, forse immodestamente, mi considero anch’io per il fatto che, pur essendo allora piuttosto giovane, contribuii alla diffusione delle idee e alla raccolta delle firme che sostennero la prima proposta di legge di iniziativa popolare presentata oltre trenta anni fa. Vorrei ricordare anche che tra i politici firmatari della legge che infine ne è scaturita (l.r. n. 26/1997) è proprio un mio compaesano corsofono sensibile all’argomento (il prof. Luca Deiana, n.d.a.). Per una corretta interpretazione del mio pensiero e per una oggettiva valutazione del mio contributo alla complessiva questione si dovrebbe evitare di isolare singole frasi dal discorso generale. A questo scopo sarebbe sufficiente leggere il sunto che si trova nella 4^ di copertina dei miei Studi sardo-corsi, cit.

Lo studioso ligure, infine, si sofferma sulla possibilità che, essendo il corso una lingua “opportunamente tutelata in Francia” le varietà sardocorse potrebbero essere valorizzate “attraverso l’attivazione di canali di collaborazione transfrontaliera con la Corsica”. Intanto bisogna vedere quale sia il livello di effettiva tutela offerto dalla Francia, dal momento che non sono molti in Corsica ad essere soddisfatti del tipo di insegnamento praticato nelle scuole (cfr. J. Chiorboli, Corse et Sardaigne : Les langues non plus ne s’arrêtent pas aux frontières, in http://www.corsenetinfos.fr/in-lingua-corsa/). In ogni caso, si tratta di una soluzione che è ben presente a chi si occupa della questione; infatti non manco mai di ricordare ai corsofoni, magari con un tono un po’ scherzoso, che il loro idioma, dato che è parlato in due diversi stati (Francia e Italia), potrebbe ambire addirittura allo status di lingua internazionale. Di questa opzione si è discusso anche nella seduta della Commissione Cultura della Provincia di Olbia-Tempio tenutasi a Olbia il 26 gennaio 2012, alla quale fui invitato come esperto. Occorre dire, tuttavia, che a chi conosce i meccanismi della politica italiana non sfuggono le oggettive difficoltà che si frapporrebbero nel percorrere questa seconda via. Che il corso sia tutelato in Francia è nelle cose, trattandosi realmente di un gruppo linguistico minoritario in quella situazione. Ma lo stato italiano, per il solo fatto che è uno degli stati più accentratori in tema di politica linguistica, assai difficilmente potrebbe riconoscere lo status di minoranza linguistica al corso e, di riflesso, al gallurese. Così facendo dovrebbe riconoscere le stesse tutele a tutta una serie di prestigiose lingue regionali storiche (siciliano, veneto, piemontese, romanesco, napoletano ecc.) la cui valorizzazione potrebbe arrivare a mettere in dubbio la supremazia dell’italiano, aprendo la stura a una serie di rivendicazioni mai sopite (mi riferisco specialmente alle Venezie) che potrebbero mettere in discussione la tenuta della stessa istituzione statuale.

Si tratta, come si vede, di argomenti complessi e delicati che, come avvertii già quattro anni fa (cfr. La situazione sociolinguistica della Sardegna settentrionale cit., p. 77) richiedono un approccio meditato e pacato al quale tutte le parti coinvolte nella discussione dovrebbero offrire il proprio contributo evitando forzature e fughe in avanti, anzi cercando di individuare con spirito costruttivo le soluzioni più adatte e tenendo d’occhio sia le situazioni generali sia i contesti specifici.

 

Mauro Maxia