Lingua Sarda all’Università di Cagliari. Cosa se ne sa? – de Michele Pinna

lingua sarda,università cagliari,michele pinna,assessorato cultura,sovrintendenza scolastica regionale

 

 

I fervori della campagna elettorale non mi pare che stiano dedicando molto spazio ai temi posti al centro della discussione dal movimento linguistico sardo. Eppure sono temi importanti. Una nota positiva va registrata a favore dell’Assessorato alla cultura che ha fatto si che la sovrintendenza scolastica regionale inviasse nelle scuole primarie di primo e secondo grado dell’isola la modulistica necessaria affinché le scuole offrano alle famiglie, al momento delle nuove iscrizioni scolastiche, l’opzione dell’insegnamento del sardo. Non è l’arrivo è solo l’inizio del percorso ma è un buon percorso.

Parallelamente a questo si pone il problema degli insegnanti e della loro formazione. Va da se che un’offerta formativa da parte delle scuole che prevedesse l’insegnamento curricolare della lingua e della cultura sarda a scuola avrebbe bisogno d’insegnanti in grado di farlo.

Sapevamo che l’Università di Cagliari aveva avviato lo scorso anno un corso di formazione per insegnanti, con fondi regionali, ma poi non si è saputo più nulla. Ci risulta che sta per essere avviata la seconda annualità. Di Sassari invece, non si sa proprio nulla. Credo, anzi, che le cifre destinate all’Ateneo turritano siano andate in perento, poiché i corsi non sono mai stati avviati. Ripeto, non se ne sa nulla di nulla.

Scrivo questo perché qualche giorno fa mi è capitato d’incontrare un gruppo di giovani insegnanti precari che avevano frequentato lo scorso anno a Cagliari i corsi di formazione promossi da quella Università e li ho sentiti molto delusi e frustrati. La cosa che hanno lamentato è che i docenti a parte qualcuno, non conoscevano il sardo né lo usavano nelle lezioni, mentre si ostinavano a fare distinguo accademici sul sardo logudorese e su quello campidanese. Tra l’altro i frequentanti lamentavano il fatto che il corso è attivato principalmente per gli insegnanti di ruolo, mentre i precari vi sarebbero ammessi come uditori in caso rimanessero dei posti liberi.

Non entro nel merito né dei docenti che hanno insegnato nei corsi, né dei contenuti che hanno veicolato. La questione che intendo porre è politica. Chiedo di sapere se – a fronte di cifre consistenti spese per formare docenti in grado d’insegnare il sardo a scuola con il metodo del sardo usato come lingua veicolare e quindi come lingua non solo da studiare ma anche come lingua per insegnare, – quanto si fa all’Università è incisivo ed efficace rispetto allo scopo. Il piano triennale è chiaro ed i vincoli che esso pone lo sono altrettanto. Sarà opportuno, credo, iniziare a fare qualche verifica per decidere se continuare nella strada intrapresa o cambiare indirizzo.

 

MICHELE PINNA

 dae http://www.sardusblog.it/?p=257

Sa limba furada: Paràulas de Gràssia

Sa limba furada: Paràulas de Gràssia, mariantonietta piga, michele pinna, uls, ufìtziu de sa limba sarda, istituto bellieni di sassari, giorgio rusta


Dominica 18 de Santu Andria, S’ufìtziu de sa Limba Sarda de sa Provìntzia de Nùgoro at presentadu, in sa Crèsia de Nostra Sennora de sa Soledade, Paràulas de Gràssia: unu reading literàriu, intramesadu dae sos càntigos de sa Cunfraria de Santa Rughe de Nùgoro, bogadu dae unu sèberu de su romanzu de Gràssia Deledda: Sa Crèsia de sa Soledade.
Mariantonietta Piga, diretora de s’ULS de sa Provìntzia de Nùgoro, at espressadu a ite a custa faina l’ant postu custu nùmene, gioghende in su significu de sa paràula gràssia, e de su chi cheret nàrrere pro sa religione cristiana, e su nùmene de s’iscritora famada nugoresa.
Micheli Pinna,diretore scientìficu de s’Istitutu Bellieni , faghende un introduida at naradu chi: “Sos cuntzetos e sos sentidos chi sunt intro sas paràulas de Gràssia Deledda sunt totu sardos, ma issa no at tentu sa manera, e forsis sa boluntade de iscrìere in sardu, su mundu chi cheriat espressare Gràssia Deledda, non si podet cumprèndere sena sa limba sarda, e difatis cun sas bortaduras fatas in Sardu, e ammento pro totu sa de Serafinu Spiggia, paret belle de nch’èssere prus intro de sos romanzos, intro de sos logos, intro de su tempus: forsis sunt finas megiorados.” 
A pustis sos operadores de sos Servìtzios Linguìsticos territoriales ant lèghidu, cada unu in sa variedade sua, su cantu chi at bortadu. 
Totu sa gente chi b’est suprida, at pòidu lèghere sas bortaduras in sa norma de referèntzia, e ascurtare, e cumprèndere chi cadaunu la leget a sa manera sua, che a cada limba de su mundu, che a una limba NORMALE.
E est sa matessi limba chi nc’ant furadu a Gràssia Deledda, chi pro contare sos logos, su tempus, sas costumàntzias suas, at dèpidu iscrìere in una limba chi non rendet onore a su mundu suo.
Paràulas de Gràssia est sa de duas bias chi si faghet, sa prima borta s’ULS l’at fatu in Orosei in sa Crèsia de su Remediu.


De Jorgi Rusta

dae: http://salimbasarda.net/politica-linguistica/sa-limba-furada-paraulas-de-grassia/

Paràulas de Gràssia, Nùgoro – Sos testos bortados in sardu

impaginazione paràulas de gràssiaurtima.jpg

impaginazione paràulas de gràssiaurtima2.jpg

impaginazione paràulas de gràssiaurtima3.jpg

impaginazione paràulas de gràssiaurtima4.jpg

impaginazione paràulas de gràssiaurtima5.jpg

impaginazione paràulas de gràssiaurtima6.jpg

impaginazione paràulas de gràssiaurtima7.jpg

impaginazione paràulas de gràssiaurtima8.jpg

impaginazione paràulas de gràssiaurtima9.jpg

impaginazione paràulas de gràssiaurtima10.jpg

impaginazione paràulas de gràssiaurtima11.jpg

impaginazione paràulas de gràssiaurtima12.jpg

Pro iscarrigare su libriteddu in pdf: paràulas de gràssia nùgoro.pdf

Barùmini: Movimentu e Polìtica Linguìstica in Sardigna.

Pepe Corongiu, Cristiano Becciu, Barùmini: su Movimentu Linguìsticu s’adobiat pro arresonare, 17 novembre 2012, Mariantonietta Piga, Michele Pinna, Giuseppe Orrù, Antonio Ignazio Garau,


Sàpadu a mangianu, su 17 de su mese de santandria, s’Assòtziu Sa Bertula Antiga at ammanitzadu in Barùmini (Tzentru Culturale “Giuanni Lilliu”, carrera de su Nuraxi) un’adòbiu de importu pro totu su Movimentu Linguìsticu.

Su Movimentu Linguìsticu, mescamente in custos ùrtimos deghe annos, at sighidu una polìtica linguìstica de profetu, ma su caminu pro su sardu est galu longu. Tocat de cumprèndere su chi de bonu s’est fatu, ma fintzas in ue s’est faddidu, su chi b’at de fàghere gasi comente s’ite b’at de megiorare. De custu e de àteras cosas s’at a faeddare a pustis de sas relatas de Pepe Corongiu, Cristiano Becciu, Mariantonietta Piga, Michele Pinna, Giuseppe Orrù e Antonio Ignazio Garau, Sàpadu at a èssere duncas s’ocasione pro mustrare custos traballos ma fintzas pro si cunfrontare totus cantos: operatores linguìsticos, maistros, poetas, cantadores, amministradores, amantiosos e totus sos chi tenent a coro sa limba sarda.
Pepe Corongiu, su Diretore de su Servìtziu Limba e Cultura Sarda credet chi custu adòbiu serbit “pro nos bìdere e arresonare de su chi amus fatu, de su chi semus faghende e de su chi tocat a fàghere ognunu pro sa funtzione sua e pro su chi podet fàghere.”.
In pitzu de sos Servìtzios Linguìsticos Territoriales narat chi “S’esperièntzia de is ufìtzios linguìsticos est cussa chi nos at dadu de prus in custos annos, finas si no est istada sena pecos. Tocat de cumprèndere ite si podet fàghere mègius finas pro essire dae s’ùnica belle bia polìticu-istitutzionale chi amus sighidu, a manera preferentziale, dae is Annos Setanta a oe.”
S’invitu a s’adòbiu est abertu a totus cantos, dachi at a èssere una manera de connòschere sa situatzione de su sardu e de sa polìtica linguìstica in dies de oe.