Onanì – Cala il sipario sul progetto “Colores de libertade”

onanì, limba sarda, ufìtziu limba sarda, jorgi rusta, sa die de sa sardigna, mamone

onanì, limba sarda, ufìtziu limba sarda, jorgi rusta, sa die de sa sardigna, mamone

Oggi, alle 18,30 cala il sipario su “Colores de libertade”, il laboratorio in limba di storia e cultura sarda, organizzato dall’amministrazione comunale per ricordare sa die de sa Sardigna. All’iniziativa, tenutasi presso la biblioteca di via Roma, hanno partecipato i minori compresi nella fascia di età 9-14 anni, interessati alle lezioni di storia svolte da Jorgi Rusta, responsabile de s’ufitziu de limba sarda, e dallo studioso Bachis Piras che hanno raccontato “a modu issoro sa die” in base a un specifico progetto sull’argomento variamente articolato. E loro due terranno, oggi, le relazioni in merito ai contenuti intriganti dell’iniziativa. Il laboratorio ha ruotato, infatti, sui valori dell’autonomia e con l’insurrezione popolare del 28 aprile 1794 ovvero i cosiddetti “Vespri Sardi” con i quali si allontanarono da Cagliari i piemontesi e il vice re Balbiano.

A questo tema di macrostoria si è aggiunto un laboratorio di pittura e un altro di microstoria, di valenza locale, comunque di grande importanza in una realtà soprattutto a economia pastorale, quale è stato alla fine del 800 la “destinazione” di una grossa fetta di “su sartu” comunale di Onanì, oltre 2300 ettari, per realizzare “sa galera de Mamone”. (b.a.)


http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2013/05/10/news/cala-il-sipario-sul-progetto-colores-de-libertade-1.7039346

Bitti – Riapre s’Uffitziu de sa limba nei paesi dell’Alto Nuorese

ufitziu limba sarda, jorgi rusta, la nuova sardegna, bitti, lula, onanì, osidda, orune, limba sarda, lingua sarda


di Bernardo Asproni

BITTI. Nei cinque paesi dell’Alto Nuorese ha ripreso l’attività dell’anno 2013 dello sportello di s’Ufitziu de sa limba sarda della Provincia. L’iniziativa in corso interessa i comuni del mandamento 3 che comprende Bitti (giovedì ore 11-13), Lula (martedì ore 11-13), Onanì (martedì ore 15,30-17,30), Orune (giovedì ore 15-17) e Osidda (giovedì ore 8,30-10,30).

Il progetto del corrente anno dispone, quindi, che l’operatore deve espletare due ore per ogni settimana in ogni comune interessato.

Nella nota informativa si sottolinea che gli orari potrebbero cambiare a secondo il lavoro da svolgere nei comuni. S’Ufitziu seguirà la strada tracciata negli anni scorsi, a disposizione delle amministrazioni e delle scuole.

Intanto a Bitti insieme alla scuola materna Sacro Cuore della parrocchia di Gorofai, i bambini stanno seguendo un laboratorio di lettura in sardo. Si precisa, ulteriormente, che l’operatore è a disposizione per le attività in grado di dare visibilità a sa limba sarda attraverso traduzioni, laboratori didattici, locandine e altro. Referente Jorgi Rusta.

Per informazioni chiamare il 3479241295 oppure via email all’indirizzo jorgi.rusta@gmail.com. (b.a.)


dae http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2013/05/03/news/riapre-s-uffitziu-de-sa-limba-nei-paesi-dell-alto-nuorese-1.6994383

Per “Sa die de sa Sardigna” un laboratorio di storia – La Nuova Sardegna

Logo ULS grande.jpg


“Colores de libertade” (colori di libertà) è il titolo di un laboratorio di storia e cultura sarda, rigorosamente in limba sarda, pro Sa die de sa Sardigna 2013. Il decollo è previsto per venerdì 12 alle 15,30 presso la biblioteca comunale di via Roma. L’iniziativa del comune, che ha ottenuto un finanziamento dalla Regione, è rivolta ai minori compresi nella fascia di età 9-14 anni. Lo comunicano il responsabile de s’ufitziu de limba sarda Jorgi Rusta e lo studioso Bachis Piras che hanno presentato uno specifico progetto sull’argomento variamente articolato. Il laboratorio ruoterà, infatti, sui valori dell’autonomia e “cun su chi est cumbinatu in s’abrile del 1794”, l’insurrezione popolare del 28 aprile 1794 ovvero i cosidetti “Vespri Sardi” con i quali si allontanarono da Cagliari i piemontesi e il viceRe Balbiano in seguito al rifiuto del governo torinese di soddisfare le richieste dell’isola. Incoraggiate da questa vicenda cagliaritana, fexero altrettanto le popolazioni di Alghero e Sassari. (b.a.)

http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2013/04/10/news/per-sa-die-de-sa-sardigna-un-laboratorio-di-storia-1.6861387