Oggi sarà presentato il libro su Papa Bergoglio

 

OROTELLI. Oggi, alle 14.30, nel centro di aggregazione sociale del Comune, si terrà un incontro con Diego Corraine che presenterà ai ragazzi delle scuole secondarie di 1° grado, agli insegnanti e ai loro genitori, il libro “Jorge, s’amigu nostru. Contos de sa vida de Papa Frantziscu”. La presentazione del libro è curata dall’assessorato alla Cultura del comune, diretto da Maria Antonietta Santoni, e da Angelo Canu, operatore dello sportello s’Ufìtziu de sa limba sarda della provincia di Nuoro, che farà anche da moderatore del dibattito.

 

Il libro è la traduzione in sardo della  prima biografia ufficiale illustrata per ragazzi di papa Francesco, uscita in Italia per le edizioni San Paolo in occasione del 77° compleanno di Bergoglio, il 17 dicembre scorso: il primo compleanno da papa. Un albo cartonato di grande formato, 48 pagine in tutto, scritto da Jeanne Perego, con disegni di Giovanni Manna, diventato subito un caso internazionale. (f.s.)

 

papa

Leghe s’artìculu in sa Nuova

Il Papa ai vescovi: sì alla messa in sardo

papa

SASSARI. Il desiderio è ormai diventato un sentimento comune, popolare: la celebrazione della santa messa nella parlata locale. Se ne discute da tempo all’interno della Chiesa sarda, e ora i tempi sembrano maturi. Proprio oggi l’argomento sarà all’attenzione dei vescovi della Conferenza episcopale sarda, ma già anche il Papa è rimasto affascinato da quel vento gentile arrivato dalla Sardegna.

Adesso sarà la delegazione degli emigrati sardi a esprimere più profondamente questo appello. Domani mattina, infatti, il Pontefice riceverà i delegati della Fasi, la Federazione delle associazioni sarde in Italia. A San Pietro. Un incontro che avviene a pochi giorni dal convegno organizzato il 15-16 novembre a Oristano dal circolo culturale “Su Nuraghe” di Biella sul tema: “Pregare in sardo dentro e fuori dall’isola”.

In quell’occasione il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato di Sua Santità, ha scritto una lettera al vescovo metropolita di Oristano, monsignor Ignazio Sanna, nella quale si legge che «Papa Francesco rivolge il suo cordiale e beneaugurante saluto, esprimendo vivo apprezzamento per la lodevole iniziativa volta a riflettere sui valori tradizionali della cultura sarda».

«Ci siamo mossi confortati dalla consapevolezza che il Papa, per esperienza sua e dei familiari, conosce la situazione di chi si trova in terra straniera in mezzo a parlanti un’altra lingua per loro “non materna”», dice Battista Saiu, originario di Pozzomaggiore, presidente del circolo di Biella, che ha ringraziato il Segretario di Stato.

Da parte del Santo Padre non ci sarebbero preclusioni ad acconsentire che possa essere celebrata la liturgia in sardo, ma il problema concreto è fare testi decorosi in limba.

La Conferenza episcopale sarda ha istituito due commissioni ad hoc per i testi, i canti e le preghiere, e per la traduzione di testi biblici. Intanto, il circolo di Biella sta inviando alle 622 parrocchie sarde e a tutti i Comuni della Sardegna il testo de “Sa Santa Missa” di Antoni Manca del 1895, un momento in cui la messa in quasi tutta l’isola veniva celebrata nelle parlate locali. Si descrive il rito, tramandando così l’uso della messa in sardo e donandole autorità e una sua specifica autonomia.

 

artìculu leadu dae sa Nuova Sardegna

Su paba alleghende in limba sarda

 

papa francesco, limba sarda, mario carboni, sardegna, regione, cagliari


Mat fattu piaghere meda a su intender su Paba alleghende in limba sarda . In buca sua sa limba nostra assumit dignidade universale e fintzas pro paghos minutos su populu in s’animu sou leat corazu e pensata: tando su sardu est limba de importu si b’est su Paba chi nos saludat e carignat in sa limba chi ana chircadu semper de iscantzellare. In domo nostra semus semper a sos titulos de sos giornales in sardu e su testu semper in italianu. Faghet piaghere a intender custas augurios e saludos in limba sarda ca cheret narrere chi calchi cosa de sa batalla pro sa limba resessit a ispuntare dae sutta de sa copertura italianista chi cuguzat sa limba nostra. Sunu rundines chi no faghen veranu. Semus semper in ierru in sas iscolas ca sos pitzinnos nostros sunu desardizados e alfabetizados in italianu, semus in ierru in sa Cresia ca tottu sa liturgia est in italianu, semus in ierru in sas istitutziones e su frittu de sa colonizatzione intrat in sos ossos e in sas intragnas de su populu sardu. Contra de donzi printzipiu de libertade, contra sos pius elementares diritos civiles e umanos, contra sos tratados internatzionales e sa mattessi Costituzione italiana e sas lezes de sa Republica e de sa Regione. Tando a sos saludos de su Paba, chi siat famadu pro sa visita chi at fattu in Sardigna, de su Sindigu de Casteddu e de su Presidente de sa Regione sarda, pro no abarrare che abba frisca, auguramus de essere sighidos dae attos cuncretos pro fagher impreare sa limba sarda in sa Cresia, in su Comunu, in sa Regione, subra e tottu in sas iscolas,comente limba normale, ufitziale e istandardizada, comente est in Catalugna, Euskadi, Malta, Lettonia, Estonia ,Islovenia…e a sos giornales e medias chi an fattu titulos bellos meda in limba sarda, pedimus de fagher articulos, notiziarios, inchiestas, cronaca e ateru in limba sarda ca goi ebbia si torrat a beru sa ” dignidade” comente at nadu su Paba a unu populu intreu, umiliadu dae sa colonizatzione linguistica chi est sa peus chi sufrin sos sardos cundannados a ismentigare sa Natzione propria ca sa limba sarda est cattigada e offesa..


de Mario Carboni

JORGE, S’AMIGU NOSTRU / Contos de sa vida de Papa Frantziscu / ed. Papiros

libri, sardo, lingua sarda, papa francesco, jeanne perego


Sa chida ch’intrat at a èssere imprentadu custu libru chi contat sa vida de su Papa.

S’autora de s’istòria est Jeanne Perego, s’autore de sas figuras Giovanni Manna.

Est una novidade mundiale, publicada, pro como in 8 limbas: tedescu, inglesu, italianu, norvegesu, portughesu, SARDU, islovenu, ispagnolu.

S’editzione sarda est de sas editziones Papiros, s’italiana de sas editziones San Paolo.