Cursu bàsicu de sardu CUBAS

coroso lingua sarda, cubas, Assessoradu a s’istrutzione pùblica, informatzione, ispetàculu e isport, pepe corongiu, lingua sarda, politica linguistica



Cun sa punna de insingiare sos fundamentos de sa limba sarda, s’Assessoradu a s’istrutzione pùblica, informatzione, ispetàculu e isport, organizat unu cursu base de limba sarda de 60 oras chi s’at a fàghere in Casteddu e Tàtari dae su mese de santandria-onniasantu 2013 finas a Martzu de su 2014.

Obietivu generale: lòmpere a unu livellu de base, cunforma a su Cuadru Comune Europeu de referèntzia pro sa connoschèntzia de sas limbas, Livellu base A1 (Cumprendet e impreat espressadas chi s’’impreant a fitianu e fràsias de base chi satisfaghent bisòngios de tipo cuncretu. Ischit presentare issu/a etotu e sos àteros puru, e est a tretu de fàghere preguntas e de respòndere a dimandas particulares a tipu in ue istat, sas persones chi connoschet e sas cosa chi tenet. Interagit a manera simple, semper chi su chi l’est faeddende chistionet a bellu e cun craresa e chèrgiat cullaborare pro si cumprèndere a pare).
Obietivos ispetzìficos: connòschere sa situatzione linguìstica de Sardigna; sebestare e avitare pregiudìtzios e istereòtipos; torrare a sa a normalidade de sa limba e a s’identidade linguìstica; connòschere su sistema linguìsticu sardu su continuum diatòpicu; connòschere s’ortografia e sas normas de referèntzia de su sardu.
Matèrias: Polìtica linguìstica (20 oras): su sardu e sa polìtica linguìstica in Sardigna; Sa normalidade de sa limba sarda; Pregiudìtzios, precuntzetos e istereòtipos de sa limba sarda; Identidade polìtica de Sardigna;
Dialetologia (20 oras): su sistema linguìsticu sardu, su continnum diatòpicu, sa madrighe comuna de su sardu; variedades alloglotas;
Limba faeddada (20 oras): limba faeddada e limba iscrita; Aprendimentu de fràsias simples de arresonada direta, fràsias idiomàticas e collochiales de base, situatzione de impreu de sa limba in domo, in sas butegas, in su tzilleri, in s’istatzione, in albergo, in ristorante, in carrera, in iscola, ufìtzios e àteras situatziones de custu tipu in limba istandard, cunforma a sa faeddada de su logu.
Sede de sos cursos: Casteddu in sa biblioteca regionale; In Tàtari in una sede de definire;
Perìodu: su cursu s’at a fàghere dae santandria/onniasantu 2013 a su mese de abrile 2014.
Frecuèntzia letziones: 4 oras a sa chida partzidas in duas dies, a merie/borta de die pro 15 chidas in totu (4 meses pagu prus o mancu).
Nùmeru de sos chi bi podent leare parte: max. 40 pro sede
Su Servìtziu limba sarda at a individuare 40 cursistas pro Casteddu e 40 pro Tàtari chi tèngiant: 
– residèntzia in Sardigna; 
– edade dae 18 a 55 annos;
S’at a dare prioridade a sos istudiantes universitàrios in matèrias umanìsticas; insignantes de ruolu; insignantes precàrios; giornalistas professionistas e publitzistas; cumponentes de assòtzios culturales. S’ant a privilegiare sos giovanos chi faghent rechesta.

Sa dimanda pro leare parte a su cursu, fata impreende su mòdulu apòsitu, depet lòmpere petzi in posta eletrònica a sos indiritzos pi.limbasarda@regione.sardegna.it (Casteddu) o cbecciu@regione.sardegna.it (Tàtari), intro su 31 de santugaine-ladàmene. 

Pro informatziones est pretzisu a cramare s’Isportellu linguìsticu regionale, o su de Casteddu (070/606.4948 – referente Micheli Ladu; 070/606.5067 – referentes Giusepe Orrù e Giusepe Corronca) o su de Tàtari (079/208.8567 – referentes Istèvene Ruiu e Juvanna Tuffu). 


(Pepe Coròngiu)

CUBAS – Cursu bàsicu de sardu

logo bilingue.jpg

Cagliari, 11 ottobre 2013 – Con l’obiettivo di introdurre ai fondamenti del sardo, l’Assessorato alla Pubblica Istruzione, organizza un corso base di lingua sarda della durata di 60 ore che si terrà nelle sedi di Cagliari e Sassari nel periodo Novembre 2013-Marzo 2014. Il corso è completamente gratuito. L’obiettivo generale è quello di raggiungere un livello di base, secondo il Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle lingue. Livello base A1 – (comprende e usa espressioni di uso quotidiano e frasi basilari tese a soddisfare bisogni di tipo concreto. Gli obiettivi specifici sono quelli di conoscere la situazione linguistica della Sardegna, riconoscere ed evitare pregiudizi e stereotipi, recuperare la normalità della lingua e l’identità linguistica, riconoscere il sistema linguistico sardo e il continuum diatopico, conoscere l’ortografia e le norme di riferimento del sardo.. Materie: Politica linguistica (20 hh): Il sardo e la politica linguistica in Sardegna; La normalità della lingua sarda; Pregiudizi, luoghi comuni e stereotipi della lingua sarda; Identità politica della Sardegna. Dialettologia (20 hh): il sistema linguistico sardo; il continuum diatopico; la matrice comune del sardo; varietà alloglotte. Lingua parlata (20 hh): lingua parlata e lingua scritta; Apprendimento di frasi semplici di conversazione diretta, rudimenti di frasi idiomatiche colloquiali, situazioni base di uso della lingua a casa, in negozio, al bar, stazione, albergo, ristorante, per strada, scuola, uffici e altre situazioni tipo in lingua standard, secondo la parlata locale. Il numero di partecipanti ammissibili sono 40 per ogni sede. Il Servizio lingua sarda individuerà 40 partecipanti per la sede di Cagliari e 40 per la sede di Sassari in possesso dei specifici requisiti. Essere residenti in Sardegna e avere un’età compresa tra i 18 e i 55 anni. Verrà data priorità a studenti universitari in discipline umanistiche, insegnanti di ruolo, insegnanti precari, giornalisti professionisti e pubblicisti, componenti di associazioni culturali. Saranno privilegiati i richiedenti più giovani. La domanda di partecipazione, redatta sul modulo appositamente predisposto, dovrà pervenire esclusivamente via posta elettronica agli indirizzi pi.limbasarda@regione.sardegna.it (sede di Cagliari) o cbecciu@regione.sardegna.it (sede di Sassari), entro il 31 ottobre 2013. Per informazioni contattare lo Sportello linguistico regionale, nella sede di Cagliari (070/606.4948 – referente Michele Ladu; 070/606.5067 – referenti Giuseppe Orrù e Giuseppe Corronca) o nella sede di Sassari (079/208.8567 – referenti Stefano Ruiu e Giovanna Tuffu). (aime)

Saludos corales Dr. Giuseppe Corongiu

 

Diretore Servìtziu Limba e Cultura Sarda Servìtziu Limba e Cultura Sarda Diretzione Generale de sos Benes Culturales, Informatzione, Ispetàculu e Isport Assessoradu de s’Istrutzione Pùblica, Benes Culturales, Informatzione, Ispetàculu e Isport Regione Autònoma de Sardigna

 

Arborada/Viale Trieste 186 09131 Casteddu – Cagliari

Telèfonu 070 6064960; post-el gcorongiu@regione.sardegna.it

FILS e linguistica delle caverne – de Roberto Bolognesi

roberto bolognesi, fils, fols, università cagliari, università sassari, wagner, politica linguistica

Mi hanno raccontato che il il corso FOLS  è andato molto bene.

Mi dicono che le prime due giornate del FOLS siano state di altissimo livello e che l’educazione politico-attivistica- sociologica e giuridica è sempre in primo piano. I docenti sono tutti qualificati e gli allievi contenti. Anche molti di quelli che pendevano dalla labbra dell’università, rispetto alla questione “logudorese-campidanese” si stanno ora ponendo dei seri problemi e si chiedono se non siano stati imbrogliati dall’accademia mangiasoldi per tutti questi anni.

Sarà che la formazione degli operatori linguistici l’ha fatta direttamente la Regione con l’ausilio di una dittà specializzata individuata sul mercato con regolare gara d’appalto?

Mi arrivano voci che richiedono di organizzare i FILS, per gli insegnanti di sardo, allo stesso modo, anziché affidarli nuovamente alle università italiane di Sardegna.

Ma come, direte voi, ci stai raccontando che il corso FOLS fa politica linguistica? Che i docenti si schierano a favore dell’unitarietà del sardo e del suo utilizzo ufficiale?

Ma allora non è meglio l’università, che ci garantisce  la sua indipendenza e la neutralità scientifica dei suoi docenti?

La neutralità delle università italiane di Sardegna?

Prendiamo la questione dell’unitarietà del sardo: esistono due posizioni scientifiche.

Forse che l’università italiana le insegna entrambe?

Alle università italiane di Sassari e Cagliari si insegnano soltanto le cose che in proposito hanno scritto Wagner (le più attuali sono del 1951 A.C.) e i suoi seguaci trogloditi.

Le ricerche di Contini e di Bolognesi , che smontano le tesi del Tedesco, vengono sistematicamente ignorate.

Le università italiane di Sardegna, quindi, non sono affatto neutrali.

A parte il fatto che anche nella scienza bisogna scegliere una posizione e l’unica neutralità possibile è quella del metodo impiegato per condurre le proprie ricerche, se fossero neutrali, gli accademici sardi insegnerebbero anche le cose che contraddicono Santu Max e i suoi fedeli.

Ma questa parzialità, evidentemente, è un loro diritto sacrosanto: gli accademici sardi sono dipendenti dello stato italiano e hanno tutto il diritto di farne gli interessi.

Come hanno tutto il diritto di affidare i corsi di formazione per insegnanti a operatori del livello di Mario Puddu e Andrea Deplano.

Liberissimi di farlo!

Così come l’università di Sassari aveva tutto il diritto–nella sua sacrosanta indipendenza–di proporre i corsi di “Botanica vegetale” e “Immoralità della filosofia morale”.

Tutti rigorosamente nella loro lingua nazionale: l’italiano.

Le università italiane di Sardegna hanno tutto il diritto di essere parziali, partigiane, schierate con l’italiano e contro il sardo, schierate con la linguistica delle caverne e contro quella contemporanea.

Ci mancherebbe altro!

Purché non siano i Sardi a pagarle per farlo.

Qui devo dare ragione alle voci che mi sono arrivate: non è giusto pagare con i nostri soldi la propaganda antisarda delle università di Sassari e Cagliari.

Mario Puddu è libero e deve restare libero di continuare la sua campagna contro la LSC.

Ma non può essere la RAS a pagarlo per boicottare la sua proposta di lingua unitaria.

E ita cosa? Corrudos e cullionados!

L’università di Cagliari è liberissima di schierarsi dalla parte dell’oscurantismo antiscientifico di Wagner e dei suoi scherani, ma lo faccia a spese sue.

Vogliono continuare a raccontarci la favole del sardo diviso in due?

Lo facciano pure, ma non è la RAS che deve finanziare la linguistica delle caverne.

Continui pure lo stato italiano a finanziare i deliri sentimentali del Tedesco, visto che è suo interesse continuare a spargere il veleno del sardo diviso in due.

La Regione Autonoma della Sardegna è meglio che organizzi da sé i corsi di formazione per insegnanti del sardo.

Cioè, nei Piani Triennali la Regione afferma un certo concetto della lingua sarda, per cui non può poi affidare la delicatissima formazione degli insegnanti ai nemici di un’idea moderna della lingua: i filologi e i linguisti cagliaritani e turritani. Il risultato sarebbe scontato.

Come ha gestito, infatti, l’università di Cagliari  la formazione degli insegnanti FILS?

Quello del FILS È stato, a giudicare dal dibattito che c’è stato in internet, un risultato sofferto, discutibile, contradditorio, politicamente discutibile.

Sostanzialmente l’errore che ha fatto, e che adesso la Regione deve evitare, è quello  di affidare una cosa delicata come la formazione in politica linguistica, a coloro i quali non fanno linguistica moderna, ma linguistica delle caverne.

È ora che le università italiane di Sardegna si paghino da sé la propria propaganda antiscientifica e antisarda.

 

de Roberto Bolognesi

 

dae http://bolognesu.wordpress.com/2013/01/31/fils-e-linguistica-delle-caverne/#comments

Corongiu alla riscossa – de Roberto Bolognesi

roberto bolognesi,pepe corongiu,lingua sarda,politica linguistica


Corongiu è tornato.

 Balla!

Giuseppe Corongiu è di nuovo in sella come direttore del servizio lingua della Regione. E si vede.

 Si vede dal numero delle iniziative subito messe in campo.

 E dalle reazioni dei nemici della lingua che da subito hanno ricominciato il lavoro di disturbo e di sfiancamento:  interrogazioni, polemiche, attacchi.

Insomma le solite cose che abbiamo visto in questi anni .

 Però come sempre, come da copione, le polemiche alla fine non pagano mai. Si spengono laddove nascono, per inerzia.

 In realtà, invece, la politica del Movimento Linguistico va avanti e guadagna terreno li proprio li dove sembrava più debole.

 Il ceto dirigente sardo, la classe giornalistico-editoriale egemone sta sdoganando l’idea di sardo che in questi anni noi abbiamo portato  avanti.

 E’ bastato vedere come si è trasformata in un successo mediatico la presentazione dei capolavori della letteratura mondiale tradotti in sardo.

 Una presenza televisiva e giornalistica importante che ha zittito disturbatori, nuovi e antichi avversari e i dubbiosi di sempre.

 Probabilmente, siamo alla vigilia di una svolta.

 In ogni caso tira un’aria nuova e si vede anche dal numero di visite a questo blog e a quello di Biolchini, dopo il suo forte pronunciamento.

Mai come adesso, questo animale strano di cui facciamo parte, il Movimento Linguistico, è vicino ad imporre, se non l’egemonia, almeno  la sua esistenza necessaria alla società culturale sarda, quella ancora ferma alla lezione di Grazia Deledda e Wagner.

 Basta poco, ma ci sono voluti anni di lavoro per arrivare a questo punto.

 Del resto il Movimento Linguistico è un animale strano: è ancora abbastanza antagonista e underground, ma ha anche una sua propaggine  istituzionale e  legittimata dalla politica regionale.

Come Corongiu appunto.

Ha un suo seguito popolare, ma anche segmenti economici di un certo rilievo nell’ambito delle piccole case editoriali e delle società, fondazioni e associazioni che gestiscono le risorse della politica linguistica.

 Politicamente si avvale di organismi ficcanti quali Su Comitadu de sa Limba Sarda e contatti trasversali in molti partiti. Sta riallacciando i nodi con un mondo sardista-indipendentista che negli anni scorsi si era sfilato dalla questione.

 E’ forse ora però di sferrare l’attacco finale.

 La società sarda è pronta a cogliere la centralità e la novità della questione linguistica.

Il declino dell’Italia, gli attacchi grossolani a lingua e autonomia, stanno rafforzando la (ri)presa di coscienza identitaria.

 Manca poco. Ma Corongiu, e gli altri leader del Movimento Linguistico, devono avere più coraggio, devono osare. Devono buttare il cuore oltre l’ostacolo.

 A mio parere le cose da fare sono queste:

 1)      Trovare una soluzione alla questione accademica: gli universitari sardi sono irrecuperabili.

2) Il Movimento Linguistico deve cercare delle alternative alla loro linea di conservazione culturale e deve avere una politica più decisa sui finanziamenti. Sono necessari almeno dieci milioni di euro all’anno per una politica linguistica almeno decente.

3)      Confermare la scelta di una lingua scritta unitaria, ma favorire un processo di meridionalizzazione più marcato e  il miglioramento della norma.

4)      Creare egemonia nella società sarda ribaltando i paradigmi della percezione della lingua nell’isola.

5)      Portare i disturbatori a una scelta: o rientrano nei binari di un normale confronto o rassegnarsi alla marginalizzazione.

6)      Se possibile non rompere con i portatori delle idee del mondo tradizionale e i vecchi leader del ML. Abbiamo bisogno anche di loro.

7)      Creare un legame politico più solido con la rinascita sardistico-neoindipendentista.

 Bisogna fare pressione e lobbying perché nel prossimo bilancio regionale la lingua abbia almeno dieci milioni di euro di finanziamento invece dell’attuale milioncino.  Bisogna organizzare una manifestazione a Cagliari sotto il Consiglio Regionale. Entro la fine dell’anno, prima che sia approvato il bilancio.

Bisogna creare un Istituto per la Lingua Sarda indipendente e finanziato dalla Regione che sopperisca all’incompetenza degli accademici sardi e alla loro adesione al nazionalismo italiano linguistico.  

Bisogna diventare più credibili per la politica regionale mainstream.

Bisogna continuare a occupare spazi mediatici e istituzionali.

 Bisogna cominciare a fare una politica linguistica “normale” non simbolica come finora è stata. Metà del lavoro è stato realizzato. La percezione popolare e sociale nei confronti della lingua è cambiata. E’ un successo, un successo di noi tutti e anche di Corongiu. Ma resta da fare l’altra metà del lavoro: fermare il declino della lingua parlata e rivitalizzarla. Per questo c’è bisogno di soldi, molti soldi.

 C’è molto da fare ancora. E non vorrei essere nei panni di Corongiu.


de Roberto Bolognesi

http://bolognesu.wordpress.com/2012/10/21/corongiu-alla-riscossa/

Cunsideros a pustis de su viàgiu in Bartzellona

 

IMG_1898.JPG

In antis de comintzare pòngio tres ligòngios de sitos catalànos chi faeddant de sa presèntzia de sos istudiantes de su Cursu FILS in sos logos ue faghent sa polìtica linguìstica catalana.
 
 
 
 
Cunsideru su de unu – B’at prus interessu subra sa limba sarda in terra catalana chi no in Sardigna matessi. Petzi pro èsseremus istados istràngiados in terra angena pro bìdere comente faghent polìtica linguìstica b’at essidu tres artìculos, in sa revista VilaWeb e in sos sitos de su TERMCAT e de su CPNL (Consorcì per la Normalització Lingüística). In Sardigna…
 
Cunsideru su de duos – Amus imparadu prus in duas dies de bìsita a sos logos de sa polìtica linguìstica catalana chi no in bator meses de cursu FILS, fatu sena perunu inditu beru de polìtica linguìstica e chi antzis at postu trepoju in sos cursistas.
 
Cunsideru su de tres – Amus bistu comente sos catalanos ant bortadu in su giru de trint’annos una limba de minoria belle che morta, in una limba forte, ùnica e cumpetitiva cun sa limba de majoria.
 
Cunsideru su de bator – Nos ant fatu bìdere chi in Catalogna onni polìticu non podet fàghere a mancu de faeddare in catalanu de “catalanidade”: cando amus a bìdere sos polìticos sardos faeddare in sardu de “sardidade”? Non diat èssere malu de pensare de fàghere istudiare fintzas sos polìticos pro bìderent ite faghent in àteras natziones…
 
Cunsideru su de chimbe – Nos ant faeddatu de “normalizatzione” e “normativizatzione” de sa limba, isprichende.nos comente ant fatu a colare in subra de sos localismos, de sos folklorismos e de sas chistiones maccas de  “ma inoghe namus/iscriimus gosi”! Pitzinnos, a nos la catzamus sa musca e gherramus totus paris?
 
Cunsideru su de ses – Chistione de s’iscola: mescamente sos mastros chi sunt bènnidos a Bartzellona diant comintzare una “revolutzione” in sas iscolas issoro, impreende su sardu che a s’italianu e mustrende a collegas, pitzinnos e babos e mamas chi in sardu si podet nè in prus nè in mancu che a sas àteras limbas. E ammentare chi connòschere su sardu est ischire una limba in prus non minimare sas àteras.
 
Cunsideru su de sete – Custa esperièntzia at datu prus fortza a sas isperas e a sos sentidos meos: sa de sa limba est una batalla longa e difitzile, ma a bisu meu amus totus sos mèdios (meda de mancu cunfrontu a sos catalanos, ma bi los amus) pro la bìnghere…