Pedronamì terra

Occ’annu a fin’e istadi abarrada chentz’e messai

u moi de terra de ki innoi mai prusu ada a torrai

appu nau de serrai senna a babbu ca ddu deppia fai

de sa di su cantu e is caboisi non mi podit prus xidai

ancora intendu aintru cussa boxi tzerriai

de febi e sangui in conca chi no accabat et artziai

sa lua chi tottu adi biu siguru nu ada a contai

su cantu e un’omi cuau po no si fai acciappai

e ittè chi fai de s’ommi ua bestia

candu u omini nascidi me in dd’ua famiglia onesta

doppu chi unu bividi ua vida scetti po traballai

e bini unu cummenti e issu ca s’iddu oidi furai

Adi minacciau de mi bocciri babbu e pobidda

tzerriada ca unu mottu no podiat chistionai

e in mui cummenti faisi a no di onai arraxoni

sa bruvura adi cantau po ddu imprassai

 

Rit

Pedronami terra

fischia u tiru e balla in noi

e in su sattu su fosillu sighit a cantai / terra sa bruvura poi contai /

ua cruxi in ceu ndi lassa quattrusu in noi

terra sa giustizia ti fai scioberai

de mi morri aicci o de mi morri in presoi

terra fischia u tiru e balla in noi e in su sattu u omi sighit a baddai

 

S’ierru esti arribendu

arrui s’uttima folla

passada u’attra istadi me in su xeu u’attra cerchiolla

m’arregodada ca su fosilli m’adi scioberau

esti arruta u’attra guardia e ancora non m’anti cassau

s’uttima cosa chi m’a tzerriau babbu me in s’enna

spara fillu spara fintz’a candu tei mau frimma

cun su bentu contrasa su fragu arriba prima

de chi ti oidi mottu e me in sa motti adi postu ua firma

candu asa smitti e sparai

ad arrui su frori de sa mendua asuba e tui

su nomi du ada abarrai

de bidda in bidda cantadoris anta a contai

ca fiasta piccioccheddu ma

adi fattu su chi esti giustu candu in dommu tua furanta

e su fosilli cantada

sa terra badda asutta e u’omi chi no si strantaxada

 

Rit

 

ma deu m’intendu sempri prusu assou seu cuau

de u’annu e prusu incappa dusu mancu m’arregodu prusu

e d’ogna otta chi deu intendu u sonu

spara

d’ogna otta chi biu cosa movvi pesa e

spara

ki c’adi u omi oppuru c’a sriboisi

spara

ca nu appa a bivvi mai cummenti ua bestia accapiada

nu appa a bi sa famiglia ma ua cosa è sigura

in dommu mia no mucca prusu mancu ua preghiera

intendu boxisi de is guardiasa tzerriai

prusu de xinquanta funti accanta de arribai

cust’otta teinti is caisi po no mi lassai fui

e seu tremendu ca sa mendua esti in frori po mei

e po s’arrubiu ki deu appu ghettau pedronami terra ca deu no dia scioberau

e su fosilli po dus annus at cantau in mui esti accanta de mei de su frori esti tudau

 

 

Traduzione

Quest’anno verso la fine dell’estate resta senza mietere

un pezzo di terra di chi qua non tornerà mai più

ho detto: “chiudi la porta padre perchè lo devo fare”

e dal giorno il canto del gallo non può più svegliarmi

dentro di me sento ancora quella voce urlare

il nervoso e il sangue che non smette di pulsare in testa

la luna ha visto tutto ma di sicuro non racconterà

il canto di un uomo nascosto per non farsi prendere,

cosa può trasformare un uomo in un animale

quando un uomo nasce in una famiglia onesta

quando vive una vita lavorando e vede un altro uomo che vuole rubargli tutto

ha minacciato di uccidere mio padre e mia moglie

ha detto che un uomo morto non può parlare

e ora come puoi non dargli ragione

ora che la polvere da sparo canta per abbracciarlo

Perdonami Terra

Fischia una fucilita di pallettoni / e nella campagna il fucile continua a cantare

Terra la polvere da sparo può raccontare

una croce in cielo ne lascia quattro qui

Terra la giustizia ti fa scegliere

di morire in questo modo o di morire in prigione

terra fischia una fucilata di pallettoni e nella campagna un uomo continua a ballare

L’inverno sta arrivando, cade l’ultima foglia

passa un’altra estate e nel cielo un altro arcobaleno

mi ricorda che il fucile mi ha scelto

è caduta un’altra guardia e ancora non mi hanno preso

l’ultima cosa che mi urlò mio padre sulla porta

:” spara figlio spara fino a quando la mano non ti tradirà,

con il vento contro sentirai l’odore di chi ha firmato per la tua morte

ma nella morte ha già messo la sua firma,

quando smetterai di sparare

cadranno i fiori del mandorlo sul tuo corpo

il tuo nome volerà da un paese all’altro

is cantadoris racconteranno che eri solo un ragazzo ma

hai fatto la cosa giusta che si fa quando rubano in casa tua

e il fucile canta,

la terra balla sotto un uomo che mai più si alzerà”.

Ma mi sento sempre più solo,

sono nascosto da un anno e più forse due, neanche mi ricordo

e ogni volta che sento un suono

Spara!

ogni vola che vedo qualcosa muoversi mi alzo e

Spara!

se c’è un uomo oppure ci sono cinghiali

Spara!

non vivrò mai come un animale legato

non vedrò mai una famiglia ma sono sicuro

che in casa mia non entrerà neanche una preghiera

sento le urla delle guardie

sono più di cinquanta e stanno per arrivare

questa volta arrivano con i cani per non farmi scappare

sto tremando, il mandorlo sta fiorendo per me

per il sangue che ho versato perdonami terra, non l’ho scelto io

il fucile ha cantato per due anni e ora è qui vicino sepolto dai fiori

 

 

Lyrics by C.Concu ak Randagiu sardu