Su paba alleghende in limba sarda

 

papa francesco, limba sarda, mario carboni, sardegna, regione, cagliari


Mat fattu piaghere meda a su intender su Paba alleghende in limba sarda . In buca sua sa limba nostra assumit dignidade universale e fintzas pro paghos minutos su populu in s’animu sou leat corazu e pensata: tando su sardu est limba de importu si b’est su Paba chi nos saludat e carignat in sa limba chi ana chircadu semper de iscantzellare. In domo nostra semus semper a sos titulos de sos giornales in sardu e su testu semper in italianu. Faghet piaghere a intender custas augurios e saludos in limba sarda ca cheret narrere chi calchi cosa de sa batalla pro sa limba resessit a ispuntare dae sutta de sa copertura italianista chi cuguzat sa limba nostra. Sunu rundines chi no faghen veranu. Semus semper in ierru in sas iscolas ca sos pitzinnos nostros sunu desardizados e alfabetizados in italianu, semus in ierru in sa Cresia ca tottu sa liturgia est in italianu, semus in ierru in sas istitutziones e su frittu de sa colonizatzione intrat in sos ossos e in sas intragnas de su populu sardu. Contra de donzi printzipiu de libertade, contra sos pius elementares diritos civiles e umanos, contra sos tratados internatzionales e sa mattessi Costituzione italiana e sas lezes de sa Republica e de sa Regione. Tando a sos saludos de su Paba, chi siat famadu pro sa visita chi at fattu in Sardigna, de su Sindigu de Casteddu e de su Presidente de sa Regione sarda, pro no abarrare che abba frisca, auguramus de essere sighidos dae attos cuncretos pro fagher impreare sa limba sarda in sa Cresia, in su Comunu, in sa Regione, subra e tottu in sas iscolas,comente limba normale, ufitziale e istandardizada, comente est in Catalugna, Euskadi, Malta, Lettonia, Estonia ,Islovenia…e a sos giornales e medias chi an fattu titulos bellos meda in limba sarda, pedimus de fagher articulos, notiziarios, inchiestas, cronaca e ateru in limba sarda ca goi ebbia si torrat a beru sa ” dignidade” comente at nadu su Paba a unu populu intreu, umiliadu dae sa colonizatzione linguistica chi est sa peus chi sufrin sos sardos cundannados a ismentigare sa Natzione propria ca sa limba sarda est cattigada e offesa..


de Mario Carboni

Limba e iscola

mauro maxia, limba e iscola, lingua sarda, scuola,sergio milia, regione

Sa die 24 de gennargiu s’assessore Milia at informadu, cun tonu de suddisfatzione, chi sas famìlias sardas podiant pedire pro sos figios issoro s’insinniamentu de sa limba sarda in s’annu iscolàsticu 2013-14 (mira s’artìculu “Per le famiglie è possibile scegliere l’insegnamento del sardo al momento dell’iscrizione” inhttp://www.regione.sardegna.it/j/v/25?s=219709&v=2&c=220&t=1). Medas famìlias dd’ant pigadu in paraula e, nessi in sas iscolas ue sos dirigentes ant aprontadu sos mòdulos de iscritzione (medas no ant fatu mancu cussu) ant pedidu s’insinniamentu de su sardu pro sos figios chi in s’annu imbeniente ant a fàghere sa prima classe de sas iscolas maternas, primàrias e medias.

In certas iscolas (Pèrfugas, Tzaramonte, Erula, Laerru, Martis e àteras) sas famìlias chi ant pedidu s’insinniamentu de su sardu sunt resurtadas prus meda de 80%. E como? E como cussas famìlias sunt isetende chi dae su mese de cabidanni a sos figios issoro in iscola ddis insinnient finas su sardu. Ma a dolu mannu paret chi custu disigiu apat de isetare unu disigiu. Difatis, paret chi sa Regione Sardegna no apat istantziadu su dinare necessàriu pro custu tipu de insinniamentu. Solu in pagas iscolas e bia su sardu at a èssere insinniadu dae pagos mastros de ruolu chi connoschent sa limba sarda e chi, cun ispìritu de missioneris, ant a insinniare finas su sardu paris cun s’italianu e sas àteras materias curriculares. Ma in sas iscolas (e sunt casi totus) ue non ddue at mastros capaces o giai formados, s’insinniamentu de su sardu at a isetare solu unu disigiu. A su chi paret sa Regione at istantziadu carchi cosighedda solu pro sighire in cuddos progeteddos isperimentales de custos ùrtimos annos (pagas oras de letzione in duos meses e in pagas iscolas), est a nàrrere nudda ite fàghere cun s’insinniamentu curriculare de una limba. Pro s’insinniamentu de su sardu e de sas àteras variedades de Sardigna ddue cherent istantziamentos gasi comente cale si siat àtera limba. 

Tando, duas preguntas e bia: sas leges chi prevident custu tipu de insinniamentu ant a sighire a isetare lìtera morta comente in sos ùrtimos bìndighi annos? E s’annùnciu fatu in gennargiu fut solu un’annùnciu? Ca, si est gai, diat èssere istadu megius a pònnere bene in craru chi sas famìlias tenent solu su deretu… de pedire.

 

Mauru Maxia

Istudiosu de limbas minorizadas

Posada, le famiglie potranno scegliere il sardo a scuola – La Nuova Sardegna

img015.jpg

nuovasardegna.jpg


Sarà la grande novità nel mondo scolastico, dal prossimo anno le famiglie potranno scegliere se far insegnare il sardo ai loro figli. Grazie all’intesa raggiunta tra Regione e direzione scolastica regionale, si è arrivati all’inserimento dell’opzione per l’insegnamento della lingua sarda nei moduli di pre-iscrizione per il prossimo l’anno scolastico. Si sono quindi raggiunte le condizioni per mettere in pratica la legge del 1999 che dà ufficialità e prestigio alla lingua sarda e che si sta introducendo negli uffici pubblici, e nelle scuole.

«In questa vasta opera di politica linguistica rientra il discorso del sardo a scuola – dice Angelo Canu dell’ufficio per la lingua sarda – Il passo fatto è storico perché per la prima volta il sardo può entrare a scuola in forma ufficiale grazie alla volontà e al lavoro di Regione e direzione regionale scolastica».

«Senza cadere in facili entusiasmi è utile sottolineare – continua Canu – che questo non rappresenta un punto di arrivo ma di partenza. Il lavoro duro sarà quello di informare e convincere le persone sui vantaggi che il bilinguismo comporta, cognitivi in primis, ma anche sociali, culturali ed economici». Non a caso la Regione, con la collaborazione dell’Università di Edimburgo e di Antonella Sorace, sta predisponendo una serie di iniziative su tutto il territorio regionale, dal titolo “Bilinguismu creschet”, atte a informare genitori, operatori, insegnanti, sugli effetti positivi del plurilinguismo nei bambini e negli adulti.

«È anche vero che gli effetti si potranno valutare in un arco di tempo medio lungo ma già da ora si hanno buoni auspici – dice ancora Canu – Ad avvicinare i bambini alla lingua dei propri genitori, contribuiscono anche iniziative come quella dedicata alle manifestazioni per ” Sa die ‘e sa Sardigna”. Le scolaresche di Torpè è Lode, sono infatti state selezionate per allestire due differenti rappresentazioni in limba. Sono sicuramente tipologie di interventi differenti, importanti entrambe, ma che si muovono su livelli diversi. Manifestazioni come Sa die de sa Sardigna hanno lo scopo di promuovere argomenti specifici, mentre il sardo a scuola – conclude Angelo Canu – si posiziona in un livello più esplicito di tutela e di promozione di una lingua minoritaria all’interno di un vasto processo di normalizzazione della lingua stessa.

 

Sergio Secci