Istitutu Camillu Bellieni de Tàtari – CURSOS IN CABUDANNI

istituto bellieni, limba sarda, corsi, sassari


Salude! Bos ammentamus chi in Cabudanni ant a comintzare sos cursos de s’Istitutu. CURSOS DE LIMBA SARDA (livellu base A1, elementare A2, pre-intermèdiu B1) dae Lunis 16 de Cabudanni a sas 6 de sero CURSU DE ISTÒRIA SARDA dae Martis 17 de Cabudanni a sas 6 de sero CURSU DE INFORMÀTICA dae Mèrcuris 4 de Cabudanni a sas 6 de sero BENIDE A BOS ISCRÌERE IN S’ISTITUTU “CAMILLO BELLIENI”, CARRERA MADDALENA, 35 IN TÀTARI O CRAMADE A SU NÙMERU NOSTRU 079/230268 lunis, mèrcuris, chenàbura dae sas 10:30 a sa 1 de mangianu martis, gioja dae sas 5:30 a sas 7 de sero

pro nde ischire de prus: http://www.istituto-bellieni.it/

Sassari, studente dell’Alberghiero si diploma parlando in sardo

sassari, marco daga, gavoi, istituto alberghiero di sassari, discussione tesi, diploma, lingua sarda


di Vannalisa Manca

SASSARI. Ha studiato nel settore della ristorazione perché gli piace stare in sala a contatto con i clienti a tavola; parla il francese, mastica bene l’inglese, ma la lingua che Marco Daga apprezza di più è quella materna, il sardo. La sua lingua che ha portato anche a scuola. Marco Daga, ha vent’anni, è nuorese di Gavoi, si è appena diplomato all’Ipsar, l’Istituto alberghiero di Sassari, dove è stato convittore per cinque anni.

Sa lavorare come cameriere di sala, ma non nasconde di voler provare a lavorare in cucina, almeno per qualche stagione. Tutte caratteristiche che il giovane studente si è portato dentro anche durante la discussione della tesina in occasione dell’esame di maturità. Una “semplice” discussione che è diventata una piacevole esposizione in sardo. Sì, Marco Daga ha voluto illustrare nella sua lingua madre un prodotto tipico di Gavoi: “Su coccone cun fozza”, un pane d’accompagnamento che fa venire voglia di gustarlo solo a sentire la descrizione della ricetta. «Ci ho pensato un attimo e mi è venuta l’idea di presentare non solo una normale tesina scritta e commentata, ma ho voluto aggiungere l’elaborazione di una ricetta che ho imparato da mia nonna e da mia madre: su coccone cun fozza, il pane con foglia di cavolo – dice Marco -. La ricetta va bene, mi sono detto, ma una ricetta sarda non può che essere descritta in sardo. Così, ingredienti e descrizione in sardo, con la traduzione italianaper i docenti che non conoscevano la nostra lingua».

I professori non se l’aspettavano e lo hanno ascoltato come rapiti. In realtà, Marco avrebbe voluto portare davanti alla commissione tutti gli ingredienti e fare il pane là davanti a tutti e poi farne apprezzare il profumo e la fragranza. «Ma purtroppo non era tecnicamente possibile, su coccone va preparato e consumato appena fatto, altrimenti non ha lo stesso sapore» afferma lo studente, che ha affidato quindi soltanto alla sua esposizione la capacità di sollecitare gli appetiti. C’è riuscito, la commissione si è fatta piacevolmente conquistare. Su coccone cun fozza, è un pane confezionato con foglie di cavolo dalle grandi venature. Si mescola semola di grano duro con farina sarda, si fa un impasto aggiungendo un po’ di acqua tiepida e patate lesse e grattugiate. Si lavora a mano ben bene, si aspetta che l’impasto lieviti e lo si distende sopra una grande foglia di cavolo, inumidita con acqua tiepida. Informare e a metà cottura staccare “sa fozza” così che “su coccone” ne abbia impresse le venature che aiuteranno a rendere croccante il pane.

Marco Daga ha ricevuto i complimenti della commissione, che ha assistito a un esame un po’ fuori dalla normalità. Un successo che si è aggiunto alla gioia della buona votazione: 75 su cento.

«Sono contento dell’esame in sardo – dice Marco Daga -. Ho capito di aver colpito i commissari. Ne vado orgoglioso. Il sardo è la mia lingua e mi piace parlarla e scriverla. Anche a scuola e da convittore, ho sempre avuto modo di chiacchierare in sardo. Ci sono altri compagni che si esprimono in sardo: un modo per sentirci sempre legati alla nostra terra». E in attesa di fare una stagione in cucina, Marco sta già lavorando nel ristorante dell’Hotel Cala Ginepro, poco oltre Sos Alinos, nel territorio di Orosei.

Orgoglioso anche il dirigente scolastico dell’Ipsar, Roberto Cesaraccio: «L’Alberghiero è una scuola che si apre a tutte le etnie e culture anche extracomunitarie – afferma – ma il sardo è la nostra lingua e siamo ben contenti se riusciamo a stimolare i ragazzi nello studio e nella parlata locale. Nell’istituto ci sono insegnanti come Clara Farina che certamente riescono a coinvolgere molto bene gli studenti su un tema tanto caro alla Sardegna».

 

http://lanuovasardegna.gelocal.it/sassari/cronaca/2013/07/16/news/sassari-studente-dell-alberghiero-si-diploma-parlando-in-sardo-1.7429499

Manifestamus pro sa limba nostra

locandina 13 de nadale.jpg


13/12/12 MANIFESTAMUS PRO SA LIMBA NOSTRA!
Sa “Carta Europea de sas Limbas Regionales e de Minoria” est unu tratadu internatzionale de su 1992 chi s’istadu italianu no at mai ratificadu e como est faghende una lege in Parlamentu pro lu ratificare. Su guvernu italianu, bidu chi podet seberare cale livellu de tutela pònnere, cheret discriminare sos sardos in custu puru, comente at semper fatu in cada cosa. 
Difatis, sunt faghende un’ischirriadura chene motivu, ponende a sa limba sarda sa tutela prus bass

a e a su tedescu, frantzesu e islovenu sa tutela prus arta.
Su sardu est sa segunda limba prus faeddada in sa Repùblica Italiana, a pustis de s’italianu, cun prus de unu millione de pessones chi lu faeddant e sos sardos devent aere su diritu de l’impreare cantu e prus de s’italianu, in totu sa vida pùblica de Sardigna comintzende dae sas iscolas, sos ufìtzios pùblicos e sos mèdia.
Pro custu cherimus chi in sa ratìfica de sa Carta siant garantidos: s’imparu fintzas in sardu in totu sas iscolas e in sas universidades sardas (artìculu 8 paràgrafu 1, ai, bii, cii, dii, eii, fii, g); su diritu de fàghere una dimanda e retzire una risposta in sardu in sos servìtzios pùblicos ammaniados dae sas autoridades amministrativas o dae àteras pessones chi traballant pro contu de cuddas (artìculu 10 paràgrafu 3, b); una televisione, una ràdiu e unu giornale chi essat cada die totu in limba sarda (artìculu 11 paràgrafu 1, ai, bi, ci, d, ei, fi, g). Pro su chi pertocat sa formatzione de sos insegnantes, cherimus chi su Parlamentu Italianu, (in prus de pònnere sa faina de tutela art. 8 par. 1, g) si movat abberu pro garantire s’istitutzione de Cursos de Làurea pro formare sos mastros e sos professores de limba sarda, si est netzessàriu fintzas dende una deroga a sas normas subra de s’istitutzione de sos cursos de làurea novos chi at postu sa Riforma de s’Universidade.
Pensamus chi custas sunt sas cosas prus de importu pro pesare una polìtica linguìstica noa in Sardigna, ca ponende su sardu in iscola, in sos ufìtzios pùblicos e in sos mèdia si diat dare una prospetiva de agatare unu traballu a giòvanos sardos meda e custa diat èssere sa menzus manera pro lis faghere torrare a impreare e a istudiare sa limba nostra.

Bos mutimus a manifestare pro custa initziativa e in totu sas àteras chi su pòpulu sardu at a organizare, pro difendere sos diritos nostros dae cust’àtera picada in giru contr’a sos sardos!

SIT-IN, GIÒVIA SU 6 DE NADALE
a sas 10 de manzanu, in pratza de s’Universidade, Tàtari 

Pro nos cuntatare:
In facebook: Assòtziu de istudentes – Su Majolu 
e-mail: sumajolu@yahoo.com – telefono: 3299694001