Esàmenes in sardu, su prèmiu in Ollollai

ollollai, esami lingua sarda, tonino bussu, elisa melis, talana, riccardo laconi, cagliari, marco daga, gavoi, associazione culturale paris,

ollollai,esami lingua sarda,tonino bussu,elisa melis,talana,riccardo laconi,cagliari,marco daga,gavoi,associazione culturale paris

OLLOLAI Un premio simbolico per incoraggiare i ragazzi a sostenere gli esami in sardo. È la proposta dell’associazione culturale Paris, presieduta da Tonino Bussu, da anni sul fronte della valorizzazione della storia, della cultura e della lingua della Sardegna. Bussu, professore di Lettere in pensione, ha deciso di elargire un “premio” a Riccardo Laconi, Elisa Melis e Marco Daga come pure a qualsiasi altro giovane che sostiene gli esami di terza media o di maturità in sardo. Non un premio in denaro, ma uno simbolico: un fine settimana gratis nell’agriturismo Palai, di Ollolai, grazie anche alla disponibilità del suo gestore Michele Chelone Bussu. Riccardo Laconi, di Cagliari, è riuscito a prestare l’esame di terza media in limba. È stato promosso e ha ricevuto i complimenti di moltissime persone che si battono da anni per la difesa dell’identità e per la diffusione del sardo. A Elisa Melis, una ragazza di Talana di 18 anni, che frequentava la quinta classe all’Alberghiero di Tortolì, invece, non è stato permesso di parlare in sardo neppure sulla storia della Sardegna. Anche Marco Daga di Gavoi, invece, è riuscito a diplomarsi all’Alberghiero di Sassari parlando in sardo. «Il caso subito da Elisa Melis – ha commentato Tonino Bussu – è una grave mancanza di rispetto per la nostra lingua e cultura, per la nostra Sardegna. La presidente della commissione esaminatrice che le ha impedito di parlare in sardo vive e opera in aperto contrasto e chiara ostilità dell’ambiente culturale da cui è circondata. Ma ciò che dispiace di più – conclude Bussu – è l’aver frenato, scoraggiato, osteggiato il pio e legittimo desiderio di una giovane che voleva confrontarsi agli esami con la lingua della sua comunità». A maggior ragione dunque l’associazione culturale Paris ha deciso di premiare anche la ragazza ogliastrina, insieme a Laconi e a Daga. «Speriamo che l’anno venturo siano molti di più» chiude Tonino Bussu. (g.m.s.)


http://ricerca.gelocal.it/lanuovasardegna/archivio/lanuovasardegna/2013/07/18/NZ_30_03.html?ref=search



Irbono: presentada de su CD interativu “Su sardu de ogni die”.

Àrthana, Elini, Tortolì, Baunei, Talana, Lotzorai, Triei, Gàiru, irbono, ivan marongiu, istitutu bellieni di sassari, michele , dolores lai


Dae ocannu is pitzinnos de s’Istitutu Cumprensivu de Irbono ant a pòdere imparare su sardu in iscola in manera simple e cun profetu, gràtzias a su CD didàticu “Su sardu de ogni die”, realizadu dae s’Istitutu Camillu Bellieni de Tàtari pro contu de s’Isportellu Subracomunale de Irbono chi s’annu coladu at dirighidu is isportellos linguìsticos de Àrthana, Elini, Tortolì, Baunei, Talana, Lotzorai, Triei, e Gàiru. Su traballu, finantziadu cun fundos de sa lege 482/99 in s’àmbitu de su progetu AERAS 2007, est istadu cuntzepidu pighende comente referèntzia sa realidade linguìstica de is dischentes, est a nàrrere su sardu chi issosintendent e allegant cada die. Pro cada bidda est istada fata un’intervista a una persona chi faghet unu trabalu tìpicu de su logu e chi impreat su sardu pro traballare. Is artisanos ant allegadu de su traballu issoro, de is trastos chi impreant e de comente s’atividade issoro est cambiada dae cando issos aiant incumentzadu a oe. Totu is registratziones sunt istadas postas pro iscritu e acumpangiadas dae unas dimandas de cumprensione de su testu e dae esertzìtzios de grammàtica chi ant a fàghere a manera chi is pitzinnos tèngiant unu cunfrontu deretu intre su sardu allegadu e cussu iscritu e, in su matessi tempus, imparint is règulas ortogràficas fundamentales de su sardu. Su CD, chi at a èssere presentadu in Irbono su 25 de onniasantu in ocasione de sa sagra “Pane e Ògiu”, at a èssere donadu de badas a totu is iscolas de is biddas chi s’annu coladu ant leadu parte a su progetu.


de Ivan Maròngiu